Abbiamo una nuova ospite di “Qualcosa è andato storto”. Ricordiamo che in questi appuntamenti vi proponiamo le schede di cani che hanno bisogno di una famiglia, ma che a causa di qualche difettuccio (qualcosa che, appunto, non va secondo il canonico “verso giusto”), non hanno ancora trovato casa.
Degli “ospiti” della rubrica ha già trovato casa Fiona, sono invece ancora in cerca di una casa Botolo, Tobia e Mimì: beh, che aspettate a dar loro una sistemazione?

Oggi invece vi presentiamo Naki, nata in una cucciolata indesiderata (a quanto pare, MOLTO indesiderata, dato che i padroni della mamma hanno pensato bene di abbandonarla quando era in procinto di sfornare).

Giovanissima (ha un annetto), dolcissima, nerissima; a parte per un po’ di bianco sul petto, ma non diteglielo, lei non lo sa e poi ci rimane male, perché preferisce le tinte unite.

È dotata di una megaintelligenza, una megasimpatia, una megabellezza e, per concludere in bellezza, di un megaesofago. Insomma, è tutto in proporzione, quindi non vi lamentate. Che cos’è il megaesofago? È una patologia congenita che la trasforma in una madamina nobilissima: quando è l’ora della pappa, infatti, la signorina si piazza con le regali zampette anteriori su una sedia e va imboccata col cucchiaino.

Una vera nobilcagna insomma, come si evince anche dalle pose da pascià in foto. Come ogni nobile ha ricevuto un’educazione impeccabile, per cui convive benissimo con cani, gatti, bambini e barbabietole da zucchero. Vaccinata, sterilizzata e microchippata, naturalmente: i cani di un certo retaggio ricevono il servizio completo, dopotutto.

Naki accetta adozioni solo da esseri umani, astenersi alieni, perditempo e brugole del 6. Per informazioni contattate:

Francesca 329-4092406 (si accettano anche segnali di fumo o in codice morse)
Associazione Anima Randagia
[email protected]

Oh, e poi mi raccomando, la faccenda delle macchie bianche sul petto non deve uscire da qui.