domenica , 23 luglio 2017
Home >> Discussioni >> Cane morde bambino: tragedia sfiorata in Sardegna. Anzi, no.

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Cane morde bambino: tragedia sfiorata in Sardegna. Anzi, no.

di DAVIDE BELTRAME – Che il giornalismo in Italia non brilli quando si tratta di parlare di cani, ormai purtroppo lo sappiamo fin troppo bene. In questo caso però siamo di fronte a una vera e propria figura da cioccolatai. Parliamo di quanto avvenuto al porto di Arbatax, dove un labrador (e come sempre prendiamo molto con le pinze l’identificazione della razza fatta dai giornalisti) avrebbe morso al voloto un bambino di 18 mesi.
Sottolineamo avrebbe, e dopo vedremo il perchè…ma intanto per riportare l’episodio ci affidiamo alle parole di alcuni dei giornali che hanno parlato della vicenda.

Inizio col mostrarvi alcuni dei titoli utilizzati:

Diverse testate non hanno riportato la razza del cane nel titolo, visto che non si trattava di uno dei soliti e noti “cani brutti e cattivi”, e ovviamente visto quanto identificano solitamente le razze con precisione i giornalisti, ribadiamo che anche l’eventualità che si tratti effettivamente di un labrador sia tutta da verificare.
Passando invece alla descrizione dei fatti, ecco come li raccontano due delle testate che hanno trattato l’episodio.

Fanpage.it : “Un tranquillo pomeriggio si è trasformato in pochi attimi in un incubo per una famiglia sarda dell’Ogliastra, in Sardegna, composta da padre, madre e figlioletto di 18 mesi. Mentre stavano camminando lungo il porto di  Arbatax, frazione del comune di Tortolì, in provincia di Nuoro, un cane infatti ha improvvisamente attaccato il bambino di un anno e mezzo mordendolo con violenza alla testa e al volto prima che gli adulti potessero intervenire per evitare il peggio.
[…] Il bimbo, figlio di un pescatore la cui imbarcazione è ormeggiata proprio al porto di Arbatax, è stato subito soccorso dai presenti e condotto nell’ambulatorio della guardia medica di Tortolì. Vista la sua situazione, sul posto è stata fatta intervenire un’ambulanza del 118 che ha provveduto a trasportare d’urgenza il piccolo al più attrezzato ospedale di Lanusei dove è stato ricoverato e sottoposto immediatamente ad un delicato intervento chirurgico per ricucire le ferite. Il bimbo avrebbe riportato gravi lesioni al volto e alla testa e ferite in altri punti del corpo ma non sarebbe in pericolo di vita.”

QuaLaZampa.news: “Il fatto è accaduto nel porto Arbatax quando il bimbo, che passeggiava con la mamma e la nonna sulla banchina è stato azzannato dal cane, una femmina di 7 anni di età e di grossa taglia, priva di guinzaglio e museruola.
Immediati i soccorsi e il trasporto con un’ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale civile di Lanusei, ove i medici gli hanno diagnosticato una “piccola ferita di circa 1,5 centimetri a livello frontale, una ferita lacero contusa dell’arcata sopraccigliare destra di circa 5 centimetri di lunghezza, escoriazioni sulla regione frontale“. Il bambino è stato medicato. In seguito agli accertamenti i carabinieri di Tortolì hanno denunciato il proprietario del cane.”

Inutile soffermarsi sulle diverse incongruenze: già solo da queste due notizie potete vedere parlare una volta di papà, mamma e bambino e in un altro caso di mamma e nonna.
Nel primo articolo si parla di gravi lesioni al voloto e alla testa e ferite in altri punti del corpo, mentre nel secondo caso si parla di un paio di ferite e qualche escoriazione.
L’età del labrador in alcuni giornali è di 7 anni, in altri è di 3 anni e in altri semplicemente non viene riportata, qualche giornale è riuscito a infilarci la solita frase ad effetto “di grossa taglia”.
Le foto come sempre non riguardano il cane protagonista dell’episodio, anche se a differenza del solito molti articoli sono corredati da foto generiche e non da cani a denti sguainati.
Solo FanPage.it  è riuscito a esprimersi al meglio corredando l’articolo con questa foto, su cui ogni commento è superfluo (soprattutto per quanto concerne l’attendibilità sul “labrador”)…

Insomma, niente di nuovo sotto il sole, verrebbe da pensare. Tutte cose a cui siamo abituati quando siti e giornali parlano di morsi di cani ai bambini: nessuna o poche informazioni sulla dinamica, molte imprecisioni, dettagli più o meno splatter a seconda della testata. Ovviamente nella “solita routine” rientrano anche i commenti cinofobi sparsi qua e la.

Invece, una novità rispetto al solito c’è: ed è che NON CI SAREBBE STATO NESSUN MORSO.

L’ASSL di Tortoli ha infatti diffuso la seguente nota:

In merito al ferimento di un bambino a Tortolì nel quale è stato coinvolto un cane di razza Labrador, la Direzione ASSL invita intende tranquillizzare i cittadini evitando allarmismi ingiustificati, precisando che, in base alle verifiche fatte dai Servizi veterinari competenti, non si è trattato di un’aggressione, ma di un incidente a bordo di un imbarcazione ferma al molo, nella quale erano presenti più persone: il cane voltandosi ha urtato involontariamente il piccolo con il muso, ferendolo in maniera lieve al volto. A questo proposito si fa presente che sono state avviate tutte le procedure di legge compresa una verifica comportamentale dell’animale da cui è emerso che si tratta di un cane docile, non pericoloso e adeguatamente seguito dai proprietari. In base alla normativa nazionale sulle lesioni provocate da animali domestici si è provveduto all’isolamento del labrador per dieci giorni anche se, alla luce di quanto affermato dai testimoni presenti, non c’è stato alcun morso.

La smentita al momento è più difficile da trovare in quanto più recente, e cercando “Arbatax cane” o “Arbatax Labrador” su Google appare ancora tra gli ultimi risultati…ma intanto, fortunatamente, questa volta c’è.
Gli stessi testimoni che secondo l’ASSL affermano che non sia stato nessun morso, misteriosamente secondo alcuni degli articoli erano intervenuti per soccorrere il bambino e portarlo velocemente al pronto soccorso per scongiugare il pericolo di vita.
Poi, certo, per un bambino così piccolo anche una semplice “musata” avrà sicuramente fatto male, ma la stessa ASSL parla di ferite lievi, non certo di tragedie sfiorate o bambini sfigurati.

L’unica boiata colossale che personalmente trovo in tutta la vicenda è che ora il cane, per un semplice piccolo incidente, si troverà a passare 10 giorni in isolamento.
Su questo sì, che ci sarebbe da incavolarsi e fare commenti poco carini.

In conclusione: un banalissimo incidente in cui un cane ha semplicemente urtato un bambino è diventato un’aggressione di cui hanno parlato diversi siti, ognuno ricamandoci più o meno sopra a modo suo.
Questo pur trattandosi di un (presunto) labrador, che fa comunque meno “audience” dei soliti cani cattivi.
Infatti in questo caso la smentita dell’ASSL è arrivata ed è stata pubblicata…in quanti altri casi invece i giornali non hanno mai più parlato della vicenda dopo il consueto primo articolo allarmistico/splatter? Pensiamo davvero che in tutti quei casi sia andata come raccontato dai giornali (che spesso, come del resto anche in questo caso, danno ricostruzioni diverse di uno stesso fatto) ?

Dopo questa (ennesima) figuraccia, vogliamo capirlo che quando leggiamo di “razze pericolose”, “cani killer”, “aggressioni fatali”, “bambini sfigurati” e quant’altro, in moltissimi casi ci stiamo affidando agli stessi autori che hanno preso questa cantonata buttandosi al volo sulla notizia del “cane che ha morso il bambino” senza fare una minima verifica?
Spero che questa cantonata faccia riflettere qualcuno di quelli sempre pronti a lanciarsi all’attacco a botte di “sterilizziamo tutti i cani brutti e cattivi” ad ogni articolo cinofobo.
Spererei anche che insegni a qualche giornalista a non lanciarsi in resoconti fantasiosi quando parla di cani.
Ma il fatto che ormai da decenni tanto gli articoli quanto i commenti cinofobi siano sempre vivi e vegeti e in gran forma, mi fa pensare che entrambe le speranze siano purtroppo molto vane.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Davide Beltrame

Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico