mercoledì , 28 giugno 2017
Home >> Educazione >> Addestramento >> Come insegnare lo slalom tra le gambe

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Come insegnare lo slalom tra le gambe

di FABIANA BUONCUORE – Tra gli esercizi più semplici ma di effetto che possiamo insegnare al nostro cane c’è sicuramente lo slalom tra le nostre gambe. L’insegnamento di questo gioco è alla portata di pressoché tutti i cani in buona salute, purché siamo stati in grado di costruire opportunamente il “luring”, ovvero “guidare” il cane tramite bocconcino: ne abbiamo parlato più dettagliatamente in questo articolo.

L’unica accortezza che dobbiamo avere, soprattutto con i cani anziani o dal tronco lungo, è di far loro eseguire un po’ di riscaldamento muscolare; basta qualche minuto di condotta al passo, con numerose svolte strette a destra e sinistra, per sciogliere i fianchi.
Cominciamo!

Step 1 

La prima cosa che deve imparare il cane è il movimento base, ovvero il passaggio sotto le nostre gambe: portiamone dunque una in avanti, pronunciamo il comando che avremo scelto (io, ad esempio, uso “sotto”) ed invitiamolo, tramite luring, a passarvi attraverso. Il trucco è non lasciare il bocconcino finché il cane non è uscito completamente dal tunnel, altrimenti imparerà a fermarvisi sotto ed aspettare lì il premio. Per abituare il cane a fare la curva per tornare da noi (dato che poi dovrà passare sotto l’altra gamba), cominciamo fin da ora a farlo tornare davanti a noi dopo il passaggio.

Step 2

Quando il cane eseguirà facilmente il primo passaggio, cominciamo ad introdurne due di fila, in modo che si abitui alla concatenazione dei due movimenti alternati, da un lato e dall’altro. Per farlo, inizialmente cambiamo di mano il bocconcino, in modo che il cane continui a seguirlo anche sotto l’altra gamba, e concludiamo come al solito. Non dimentichiamo di pronunciare il comando prima di iniziare il movimento del corpo.

Step 3

Da qui in poi, è tutta questione di costanza e pazienza! Dobbiamo ripetere, ripetere e ancora ripetere. NON nell’arco di una sola sessione di lavoro, sia chiaro! Gli esercizi devono sempre durare pochi minuti, e piuttosto essere ripetuti in diversi momenti della giornata, altrimenti il cane si stanca mentalmente e non si diverte più! Man mano che ripetiamo la sequenza, cominciamo a levare il bocconcino da davanti al naso del cane. Se fin qui avremo avuto tempismo nel pronunciare sempre lo stesso comando un attimo prima di guidare il cane, questo avrà già capito il significato di quel suono, e comincerà ad anticiparci infilandosi sotto la gamba appena lo sente, senza più bisogno di seguire il bocconcino. Adesso spetta a noi trasformare il luring in un semplice gesto della mano che dia l’indicazione al cane, e un po’ per volta sarà sempre meno evidente (se siamo bravi possiamo arrivare a toglierlo del tutto e limitarci al comando vocale).

Nel filmato potete vedere Tonino che apprende le basi e, dopo qualche giorno, lo stesso esercizio che inizia a non essere più troppo “meccanico”, perché persino un broccolone come lui ha iniziato ad eseguire il gioco senza più essere accompagnato.

Pur con qualche “imprevisto”, noi siamo riusciti ad insegnarlo a un cane che possiede il cervello della Pimpa; provate anche voi a casa e fateci sapere se ci siete riusciti!

 

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Fabiana Buoncuore

Fabiana Buoncuore è la sciurallevatrice per eccellenza. Nasce a Carmagnola da suo padre e sua madre (ma più da sua madre) il 17/09/1987, da allora il 17 settembre è anche noto come "San Morbidino". Appassionata di tutte le razze canine e indicativamente di tutti gli animali esistenti sul pianeta, ha una particolare predilezione per il rottweiler, che ha le sue stesse esigenze primarie: mangiare, dormire, muovere poco le chiappe. Collabora ormai da alcuni anni con "Ti presento il cane" con le sue storie di vita vissuta tra allevamento e morbidinosità.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico