sabato , 23 settembre 2017
Home >> Razze >> Iceberg è libera!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Iceberg è libera!

di FRANCESCA M. BRUNELLO – Sono contentissima di poter scrivere queste parole. Sono giorni che mi friggo l’orecchio al telefono a furia di chiamare a destra e a manca per saperne di più, giorni in cui sono stata con il fiato sospeso, come molti di voi del resto. Ora finalmente possiamo dirlo: Iceberg è salva e tornerà in Italia assieme al suo proprietario Giuseppe!

Riassumo brevemente la vicenda per chi se la fosse persa: iceberg, femmina adulta di dogo argentino, si trova a Copenaghen con il suo proprietario Giuseppe, trasferitosi lì per trovare lavoro. Qualche giorno fa, è scattata una zuffa  – in cui nessuno si è fatto male – al parco (o per strada) tra lei e un altro cane.
È stata segnalata alle autorità, che l’hanno posta sotto sequestro e dopo averne accertato la razza, condannata all’eutanasia.

Il dogo argentino infatti, rientra tra le razze vietate dalle BSL danesi. Delle BSL (Breed-Specific Legislation) avevamo parlato qui http://www.tipresentoilcane.com/2017/01/31/bsl-legge-ammazza-pitbull/
Per uno strano caso, al suo arrivo in aeroporto (con tutti i documenti in regola) nessuno ai controlli l’aveva fermata.

È stato bellissimo vedere come praticamente tutta Italia si sia messa in moto per salvarla.
Dalla Brambilla alla presidente dell’ENPA Carla Rocchi, perfino la cantante Noemi ha partecipato alle riunioni con l’ambasciata danese.
Perfino la petizione su change.org ha fatto rumore. (Di solito le petizioni online riscuotono molto successo tra gli utenti, ma nella vita reale lasciano un po’ il tempo che trovano).
Se ci muovessimo con così tanto trasporto anche su temi come le perreras spagnole, lo sfruttamento dei levrieri e in generale le BSL, cambieremmo il mondo cinofilo in un paio di giorni, ma d’altra parte per fomentare così tutto il nostro paese forse ci vuole una miccia che ci ferisce l’orgoglio.

Intanto questa vittoria ce la godiamo, al resto del mondo pensiamo domani.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico