mercoledì , 18 ottobre 2017
Ultime novità
Home >> Discussioni >> “Rischia l’amputazione dell’alluce perchè infettata dalla pipì del cane”, il bel giornalismo all’italiana

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


“Rischia l’amputazione dell’alluce perchè infettata dalla pipì del cane”, il bel giornalismo all’italiana

di DAVIDE BELTRAME – Pochi mesi fa è uscito il film di Maccio Capatonda “Omicidio all’italiana”, che ironizzava in particolare sulla morbosità di mass media e turisti verso le località protagoniste di episodi di cronaca nera. E su un punto si conferma particolarmente centrato, ovvero l’informazione mediatica fatta alla carlona e che bada all’audience e non alla verità.
Non bastassero le numerose dimostrazioni che ne abbiamo ogni giorno, possiamo parlare se non proprio di bufala, sicuramente di disinformazione e allarmismo per quel che riguarda la notizia che sta girando molto sui social in queste ore, quella per cui una bambina inglese avrebbe rischiato l’amputazione dell’alluce perchè camminando a piedi nudi sulla spiaggia avrebbe contratto un’infezione a causa della pipì di un cane.

La “notizia” è già stata riportata da BlitzQuotidiano, Leggo, DirettaNews (noto sito di bufale, peraltro) e molti altri siti, basta cercare in Google News con “amputazione alluce” o chiavi simili.
Praticamente tutti pongono fin dal titolo l’accento sulla questione “pipì del cane”.
Da Leggo vengono anche citati i “giornali inglesi che parlano della notizia”, quasi a dare più autorità alla cosa… peccato che i giornali che ne han parlato siano il Sun (non esattamente considerato il miglior giornale inglese…), il Daily Mail e Metro. Anch’essi ponendo fin dal titolo la questione sulla pipì del cane (valutate voi se pensare “mal comune mezzo gaudio” vedendo che anche gli inglesi non si risparmino coi titoli allarmistici o se pensare che non sia una gran consolazione).
E indovinate un po’? In realtà è la solita informazione acchiappaclick, perchè non è assolutamente sicuro che la causa sia stata quella.
E lo dicono gli stessi giornali che invece lo danno per assunto nel titolo!

Basta perdere 2 minuti a leggere ad esempio sul Daily Mail la dinamica per capire che dare per assunta la pipì del cane come causa è, per citare il buon Fantozzi, una cagata pazzesca.
Ecco infatti come la madre racconta l’accaduto, in particolare il giorno in cui probabilmente la bambina ha contratto l’infezione:

Aria was playing away in and out of the water. She had no shoes on, she was having an absolute ball. We were there at the beach for the afternoon and left about four o’clock. She had sand everywhere, it was in her eye lashes and everywhere so when we got home I gave her a bath. When I picked her up I could feel her body was on fire, even though she was just out of the bath, I could tell it wasn’t right. Her lips had started going a bit blue and she was moaning and started crying. This was about two hours after we got back from the beach. She was feverish and lethargic. I just thought she was coming down with a cold. I called NHS 24 for advice but they said I was doing all the right things. Then on the Thursday (three days later) I noticed her limping. I lifted her up to see there was a bruise on her foot, then I noticed her wee toe was a bit red.

Traducendo alla buona e in breve: la bambina stava giocando dentro e fuori dall’acqua, a piedi nudi. Madre e figlia erano in spiaggia nel pomeriggio e se ne sono andati alle 4 del pomeriggio, dato che la bambina aveva sabbia ovunque la mamma ha deciso di farle il bagno. Quando l’ha presa in braccio si è accorta che il corpo era molto caldo, le labbra della bambina stavano diventando un po’ violacee e ha iniziato a lamentarsi e piangere, il tutto circa due ore dopo il ritorno dalla spiaggia. Pensando a un semplice raffreddore ha aspettato, ma 3 giorni dopo la bambina si è lamentata di nuovo, quindi controllandone il corpo ha notato un livido sul piede e che l’alluce era un po’ arrossato.

Portata al pronto soccorso inizialmente le sono stati dati degli antibiotici, ma nei giorni successivi la questione è peggiorata e l’alluce si era notevolmente gonfiato.
Alla fine la bimba è stata portata in ospedale, dove i medici hanno deciso di operare, rimuovendo della pelle per rimuovere la sostanza che stava causando l’infezione. E qui veniamo al punto clou: cosa ha causato l’infezione? NON SI SA. Di nuovo le parole della mamma:

“They were asking me all sorts of crazy questions like had she been into contact with any chemicals or anything. They weren’t 100 per cent sure what the infection was. When we saw the main doctor he thought about the beach. He said anything could be in the sand. It could have been a bite, chemicals or even dog urine, that’s got through a tiny cut. Something had got into it that’s poisonous.”

Ovvero, i dottori hanno fatto domande su eventuali contatti con sostanze chimiche o altro, non erano sicuri al 100% della causa delll’infezione. Quando la mamma ha menzionato il pomeriggio in spiaggia, il dottore ha ipotizzato che l’infezione fosse avvenuta lì, ma poteva essere stato “un morso, sostanze chimiche o persino la pipì di un cane, entrati attraverso un piccolo taglio”.
Capite? Nemmeno i dottori hanno stabilito con certezza l’origine dell’infezione, il fatto stesso che sia avvenuta in spiaggia è un’ipotesi, ovviamente molto fondata perchè pienamente compatibile coi tempi dell’infezione e col manifestarsi dei primi disagi della bambina, ma di fatto le uniche certezze sono che si trattasse di un’infezione contratta dalla bambina per il contatto con qualcosa di estraneo. Contando che la bambina aveva giocato dentro e fuori dall’acqua la causa è impossibile da stabilire. Eppure tutti i titoli parlano di “pipì del cane”!

La bambina fortunatamente ora si è ripresa e sta meglio, la conclusione del pezzo sia sul Sun che sul Daily Mail parla di come la mamma con la sua storia “voglia aumentare la consapevolzza dei rischi di giocare a piedi nudi all’aperto”. Anche al Sun la mamma ha dichiarato di sentirsi colpevole per aver fatto giocare la figlia a piedi nudi in spiaggia, ha citato anche il fatto che magari chi porta il cane in spiaggia non immagina che la pipì del cane possa portare conseguenze di questo tipo…ma nulla più. Nemmeno la madre – ovviamente – è sicura che la causa sia quella e infatti non ha colpevolizzato nessuno, al massimo ha invitato a fare più attenzione.
Ma ad esempio su Leggo tutta la parte della dinamica e dei dubbi dei medici è stata tralasciata,

La notizia è stata però presentata in modo ben diverso, per fortuna in questo caso è talmente inverosimile e presentata solo “per ipotesi” che anche i commenti la reputano ben poco credibile e sono più i “ma che state dicendo” che i commenti cinofobi & simili (ma qualcuno che ha commentato dicendo che vorrebbe vietare l’accesso ai cani ovunque e comunque s’è manifestato, non siate troppo ottimisti).

Per l’ennesima volta, abbiamo la dimostrazione di quanto siano attendibili certe notizie e soprattutto certe fonti. E ricordiamoci che è la stessa attendibilità che riguarda poi anche le “razze pericolose”, i “cani killer” e compagnia cantante. Perchè a questa notizia non sta credendo quasi nessuno, ma sappiamo bene che purtroppo non è sempre così.

 

 

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Davide Beltrame

Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico