di VALERIA RAPEZZI – I cuccioli in brevissimo tempo crescono fino a diventare cani adulti ed è nostro dovere dare loro un buon inizio di vita, per quello che possiamo. Il Tellington TTouch® può essere estremamente utile per allevare un cane adulto che si adatti bene alle diverse situazioni della vita.
Usando una combinazione di manipolazioni sul corpo e il lavoro a terra, il TTouch® mira a migliorare l’equilibrio fisico dell’animale, che come abbiamo già visto è collegato strettamente all’equilibrio mentale ed emotivo.

Un cucciolo ha bisogno di fare molte esperienze positive sia per aumentare la consapevolezza del proprio corpo, che cambia di forma e dimensione molto velocemente, sia per creare un rapporto di fiducia con gli umani in genere e con chi si prende cura di lui in particolare.
Lavorare sul contatto in modo rispettoso e piacevole, attraverso il TTouch®, è un ottimo modo per abituare fin da subito il nostro cucciolo a farsi controllare ogni parte del corpo, comprese quelle più critiche (orecchie. bocca, zampe, coda…).
Inoltre, attraverso il lavoro sul corpo con TTouches e bendaggi e il lavoro a terra, il cucciolo aumenterà la consapevolezza del proprio corpo, che è in continua evoluzione a causa della crescita, sia la propria coordinazione in movimento.
Lo aiuteremo a rispondere a domande quali: “quanto sono grosso oggi?”, “come posso superare questo ostacolo?”, “come posso affrontare esperienze nuove?” oppure “sarà fastidiosa questa manipolazione?”

Proprio come i bambini, i cuccioli hanno poca idea di cosa il mondo si aspetti da loro e come comportarsi, i cuccioli “cattivi” spesso mostrano segni di preoccupazione o ansia o magari reagiscono semplicemente al dolore o al disagio fisico. Questi comportamenti sono reattivi e istintivi; la natura governa il modo in cui ogni animale risponderà alla situazione.
Usando TTouch® è possibile portare gli animali in uno stato di consapevolezza in cui pensano piuttosto che reagire in modo istintivo.

Come accennato poco sopra, i cuccioli sono anche in viaggio alla scoperta di sé, se si considera per quanto tempo un bambino umano deve imparare come coordinare le parti del suo corpo, è incredibile che un cucciolo possa fare tutto ciò in un lasso di tempo così ridotto. Non c’è da meravigliarsi quindi che, durante questo processo, alcune parti del corpo rimangano dimenticate, portando a cuccioli piuttosto maldestri! Con l’uso del lavoro sul corpo del TTouch® possiamo dare un feedback al sistema nervoso per consentire all’animale di raggiungere una postura e una mente molto più equilibrate sin dal primo giorno.

Lavoro sull’Orecchio
Facendo scivolare l’orecchio tra le dita, nella sua direzione naturale (verso l’alto per cani con orecchie erette o orizzontalmente per cani con orecchie cadenti) e accarezzando delicatamente dalla base alla punta, coprendo ogni parte dell’orecchio si può aiutare a calmare un cucciolo eccitabile o nervoso.
È molto importante non tenere il cucciolo bloccato in qualsiasi momento, poiché dovrebbe sempre avere l’opportunità di muoversi se lo desidera.

Lavoro sulla Bocca
Molti cuccioli vocalizzano o leccano molto e la maggior parte passerà attraverso una fase di masticazione. L’utilizzo smodato della bocca è spesso legato a risposte emotive, come ad esempio la paura o l’ansia. Il lavoro sulla bocca implica la realizzazione di piccoli movimenti circolari, molto leggeri, all’esterno della bocca del cane, rispettando i tempi del cucciolo e con molta pazieza e delicatezza, si può arrivare a compiere i movimenti circolari sulla parte interna della bocca del cucciolo (le dita potrebbero dover essere inumidite con un po’ d’acqua prima).
Questo aiuta a calmare il comportamento ansioso ed emotivo che si vede comunemente nei cuccioli appena arrivati in un nuovo ambiente. Il lavoro sulla bocca aiuta anche a ridurre l’irritazione provocata durante la dentizione, riducendo il desiderio del cucciolo di masticare ogni cosa.

Lavoro sulla Coda
Dato che i cuccioli devono conoscere i loro corpi in un tempo relativamente breve, spesso non sono ancora sicuri di dove iniziano e dove finiscono! Usando il lavoro sulla coda possiamo dare a un cucciolo informazioni su dove si trova nello spazio, non solo aiutando il cucciolo ad equilibrarsi ma aiutando a prevenire la goffaggine così comune nei cani adolescenti.

Il lavoro sulla coda coinvolge il movimento molto delicato di ogni vertebra dalla base alla punta. E’ veramente fondamentale sottolineare quanto siano leggeri e lenti questi movimenti, poiché la coda è molto delicata. La coda può anche essere delicatamente mossa in movimenti circolari alla base. Lo scopo non è vedere quanto possa essere spostata la coda, ma dare gentilmente al corpo le informazioni su dove si trova la coda e su cosa fa!

Lavoro a terra
Il lavoro a terra è molto utile per iniziare a presentare al cucciolo nuovi oggetti e nuove superfici. Questo lo aiuterà a imparare ad affrontare in serenità le novità e i piccoli ostacoli che incontrerà nella vita.
E’ anche molto importante per aiutare il cucciolo a coordinare il proprio corpo in movimento e a mantenere una postura in equilibrio anche durante gli spostamenti.
Affrontando questo tipo di attrezzi al guinzaglio, migliora la comunicazione e la fiducia con il conduttore ed è anche un ottimo strumento per lavorare sulla conduzione al guinzaglio.

Articolo precedenteWebinar “Problemi comportamentali: dominanza e aggressività sociale”, disponibile il replay
Articolo successivoCSEN Italian Open Dogdance 2018: i risultati
Laurea in Allevamento e Benessere Animale, conseguita nel 2007 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano. Ho approfondito l'argomento "alimentazione naturale", dedicandomi nello specifico all'alimentazione BARF negli ultimi 6 anni. Come istruttore cinofilo sono convinta che l'alimentazione abbia un grosso peso sul benessere e sul comportamento dei nostri cani. Un altro modo che utilizzo per lavorare per il benessere dei cani che seguo, è il TTouch. Sono diventata Practitioner 1 nel 2011 e nel 2016 ho conseguito la qualifica di Practitioner 2. Applico il TTouch in ambito di educazione, riabilitazione comportamentale e disabilità.

Potrebbero interessarti anche...