di VALERIA RAPEZZI – Stare dal veterinario può essere una situazione difficile da gestire. Il nostro animale potrebbe avere ricordi poco piacevoli collegati a questo ambiente, e inoltre avverte i feromoni rilasciati dagli animali che sono passati prima di lui, o che sono presenti assieme a lui in sala d’attesa.
Gli spazi possono essere stretti, e un cane agitato può diventare più reattivo. Vediamo assieme alcuni strumenti, utilizzabili sia dal proprietario che dal veterinario stesso, per aiutare il cane ad essere più sereno e collaborativo durante l’attesa e la visita.
Il metodo Tellington TTouch riconosce un legame inestricabile tra postura, sistema nervoso e comportamento. Quando i proprietari utilizzano il TTouch a casa e anche il veterinario lo utilizza in clinica, le risposte di stress controproducente sono ridotte al minimo e aumenta la fiducia.
“Il TTouch ci consente di trattare i pazienti senza creare stress iatrogeno”, afferma il dott. Tom Beckett. “Questa gestione riduce effettivamente lo stress esistente anziché aggiungere più stress. L’animale, così liberato dallo stress, può rispondere adeguatamente al personale, ai proprietari, all’ambiente domestico e alle malattie – può partecipare pienamente alla propria guarigione”.

I TTouches possono essere utilizzati su qualsiasi animale indipendentemente dall’età o dalla specie.
Anche gli animali che non cercano naturalmente il contatto umano (come rettili, conigli, gatti selvatici o animali selvatici) si calmano più rapidamente quando viene applicato TTouch. Quando il contatto diretto con la mano è vissuto come minaccia da un animale, il TTouch può essere fatto usando strumenti, quali piume o pennelli lunghi per dipingere e calmare l’animale prima di maneggiarlo. I TTouches possono essere utilizzati per aiutare sia la valutazione che il trattamento e per aiutare un animale a riprendersi più rapidamente da sedazione, lesioni e chirurgia.
Il TTouch può ridurre la necessità di farmaci di contenimento chimici per le procedure minori, in quanto l’animale sarà più rilassato, calmo e collaborativo. In questi casi, ad esempio, possiamo usare una Thundershirt, un bendaggio e/o il lavoro sulle orecchie. Questi strumenti, come già visto, aiutano il cane a rilassarsi e possono diminuire la necessità di farmaci o contenimento fisico più invasivo.

Oltre a offrire modi diversi per avvicinarsi, iniziare il contatto e gestire l’animale, il Tellington TTouch può essere utilizzato per situazioni specifiche come la preparazione dell’animale da manipolare intorno al collo prima di eseguire il microchip, l’iniezione e il prelievo di sangue, ad esempio eseguendo dei TTouches del procione, del Leopardo nebuloso e sdraiato attorno alla zona dell’iniezione prima e/o dopo l’intervento del medico.
Anche in sala d’attesa possiamo usare alcune tecniche appartenenti al TTouch per aiutare il nostro cane a rimanere più tranquillo e non infastidire al contempo gli altri animali presenti.
Possiamo utilizzare il guinzaglio bilanciato, facendolo semplicemente passare davanti al petto del nostro cane e dandogli così una sensazione differente del proprio corpo, togliendo pressione dal collare e contenendolo delicatamente dal petto.
Se il cane è di taglia piccola e/o tende ad arretrare quando indossa il guinzaglio bilanciato, possiamo utilizzare il guinzaglio bilanciato più, facendo passare il guinzaglio dietro la zampa anteriore più distante da noi, sotto al petto tra le 2 zampe anteriori e infine lateralmente al collo, dal nostro lato, come si vede nella foto sotto.

Il metodo Tellington TTouch offre una vasta gamma di modi per promuovere il rilassamento, ridurre lo stress e rendere i trattamenti veterinari più piacevoli.
I proprietari possono utilizzare alcune di queste tecniche a casa, a vantaggio dei loro singoli animali, per rendere meno stressanti le terapie da effettuare a domicilio. Ciò consente agli animali la libertà di rilassarsi e di continuare il profondo processo di guarigione che è iniziato con le cure prestate dal veterinario.

Articolo precedenteLe De Pascaline – Insegnando si impara (qualcosa)
Articolo successivoUn CAE1 molto speciale ai Due Olmi
Laurea in Allevamento e Benessere Animale, conseguita nel 2007 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano. Ho approfondito l'argomento "alimentazione naturale", dedicandomi nello specifico all'alimentazione BARF negli ultimi 6 anni. Come istruttore cinofilo sono convinta che l'alimentazione abbia un grosso peso sul benessere e sul comportamento dei nostri cani. Un altro modo che utilizzo per lavorare per il benessere dei cani che seguo, è il TTouch. Sono diventata Practitioner 1 nel 2011 e nel 2016 ho conseguito la qualifica di Practitioner 2. Applico il TTouch in ambito di educazione, riabilitazione comportamentale e disabilità.

Potrebbero interessarti anche...