di CLAUDIO CAZZANIGA – Lo scorso weekend è stato ancora, per fortuna, un bel weekend di lavoro in acqua. Siamo stai ospiti del gruppo di lavoro “Orsi del Tirreno” a Pisa, esattamente presso il lago Le Tamerici a Coltano.
Il sabato si sono svolte le prove di lavoro valevoli per il circuito CSEN, la domenica quelle riconosciute dal Club Italiano del Terranova.Io ho partecipato solo la domenica.
Devo dire che al primo impatto il campo gara in acqua non mi è piaciuto molto.
Un laghetto molto piccolo, con una partenza abbastanza difficoltosa e con la riva opposta molto vicina.
Invece via via che ho studiato la situazione, ammetto di essermi ricreduto e di aver trovato il posto molto interessante. Intanto come detto lago stretto.
Per cui nella prova di nuoto si andava a vedere i cani bravi a seguire il gommone rispetto a chi andava cercando la riva più vicina. L’entrata difficoltosa ha aggiunto esperienza al nostro bagaglio di situazioni che andiamo cercando e che stiamo a poco a poco mettendo insieme… Ottimo.

Dopo la sgroppata di km fatti la scorsa settimana per andare in Francia, ammetto di avere avuto il pensiero di non fare questa gara. Poi al solito il sabato sera ci siamo messi in macchina e ci siamo presentati molto grintosi ai nastri di partenza. Alla fine è risultata la scelta migliore.
Perfetta l’organizzazione. Base di lavoro, un agriturismo. Segreteria, controllo veterinario ben definiti sotto due gazebo. Due campi di lavoro a terra, due campi di lavoro in acqua, ampissimo parcheggio, tanto spazio per fare sgambare i cani. E ancora, veterinario in loco e per tutta la durata della gara è stata presente un ambulanza.
Un bar ristorante per colazioni e pranzi a prezzi davvero modici e servizi igienici sulla spiaggia.
Anche a livello materiali non mancava nulla. Gommoni, cime, manichini… Insomma, BRAVI!

C’erano, ed è una bella notizia, quasi 40 binomi. E io ne sono veramente contento. Il Cit attua questa politica: i Terranova concorrono per una classifica, tutti gli altri cani vengono inclusi in un altra classifica denominata “altre razze”. Oltre ai Terranova, presenti golden, labrador e la nostra Chesapeake.
Devo dire che si è visto lavorare bene molti binomi.
Quattro i giudici di gara. A coppie Fausto Grazzini con Giorgio Seppia e Giancarlo Buttignol con Marcello Mura. Sono tutti nomi storici e attivi da molti anni nel mondo del lavoro in acqua… Qualcuno lo vedo spesso, qualcun altro come ad esempio Giancarlo era da molti anni che non lo incontravo, ma cordialità rispetto e cortesia non sono mai venute meno.
C’erano molti gruppi presenti. Dal Veneto, Piemonte, Toscana, Lombardia e forse me ne perdo qualcuno… Scusatemi.
Superba la giornata di sole. Caldo, lago piattissimo.
Solo verso il tardo pomeriggio il sole ha portato il suo riflesso sulla superficie del acqua dando il là a quel effetto specchio che tanto odiamo… Sfida nella sfida.
È stata lunga. Da prima tutti i lavori a terra. Poi si è passato all acqua.
Si è partiti intorno alle 9 e si è andati con passo spedito fino alle premiazioni delle 19.
Tutto è andato per il meglio.

Tanti, potete immaginare, gli amici presenti. È stata una bella rimpatriata di faccie da lavoro in acqua… come spettatori sono arrivati sul campo gara anche i miei compagni di allenamento Luana Fantini e Toni Fidanza, Marco Zaccagni responsabile della SIT, il responsabile nazionale della SAT Giorgio Pettini è quello dello CSEN Alessandro Zannini.
Noi ci siamo presentati per il terzo grado. Dopo aver raggiunto il terzo SAT e francese abbiamo provato anche questo.
Nella categoria “altre razze” abbiamo gareggiato in quattro…. Credo. Per noi i giudici sono stati Mura e Buttignol. Solita suddivisione della prova. Terra, nuoto ed esercizi.
A terra un percorso con vari cambi di direzione tutto senza guinzaglio ed un richiamo.
La prova di nuoto della durata di 8 minuti.
In acqua, riporto di un gommone partendo da gommone; riporto di gommone partendo da riva; apporto di remo da riva a gommone e riporto di figurante inanimato per il polso partendo da gommone.
Per noi un piccolo errore nell’apporto del remo: a due-tre metri dal gommone la Mave si è girata a guardarmi e poi ha concluso l’esercizio.
Ma nel complesso direi che ha fatto un buon lavoro. 98,25/100 eccellente da molta soddisfazione.
Più brava di noi però è stata Gabriella Ongaro (gruppo SAUCS Costa Maremmana) con la sua Arrya , hanno totalizzato 99,25/100 con una gran gara. Complimenti!
Per noi quindi secondo gradino del podio.
In gara anche il mio figliolo adottivo, Lucio Scarabino che con la sua Mia ha partecipato alle gare sia del sabato che della domenica.
Per lui primi gradi. Percorso a terra con guinzaglio. Nuoto solo la domenica ed esercizi di riporto da terra e da gommone in tutte e due le competizioni.
Nonostante sia alle prime gare si impegna… E con il tempo migliora.
Per loro nello CSEN terzo posto con 94,5 molto buono. Nel Cit secondo posto eccellente con 98,25. Bravi.

Scrivo volentieri due parole anche su Sara Di Giovanni. Fa parte del gruppo SIT (Scuola Italiana Terranova) di Calci.
Io e Lei il prossimo anno saremo a rappresentare l’Italia alle selezioni per la Coupe de France 2020 (oggi lo chiamano Championnat de France en eau douce), il prossimo anno selezioni e finale nel 2020.
Non ci stiamo simpaticissimi, io e Sara. Lo sappiamo entrambi. Non c’è mai stato nulla di negativo tra noi… ma diciamo che la scintilla non è mai scoccata. Nulla di male, e soprattutto il rispetto non è mai mancato.
Ma Sara è stata brava. Davvero. E quando una persona lavora bene sento il dovere di scriverlo. Sara ha partecipato al quarto grado “altre razze” con la sua golden Uffa e ha ottenuto 797/800 punti… In pratica perfetta.
Non solo: ha portato in gara anche un cane non suo, un Labrador nero di nome Doc e ha chiuso con 782/800.
Complimenti davvero. Ci divertiremo in Francia!

Bella giornata, non c’è che dire.
Ultima nota… Sempre per la serie “ve lo dico prima”, prossimi appuntamenti con l’acqua:
28 ottobre golfo di Baratti brevetti CSEN, organizza SAUCS Costa Maremmana, per info www.csencinofilia.it
17/18 novembre Marina di Pisa brevetti e coppa sociale del circuito CIT, organizza il GLAP di Pisa, per info [email protected]
Un grosso ringraziamento va a Lucio Scarabino per le foto che illustrano questo articolo.

Potrebbero interessarti anche...