Allenamento cani in acqua

di CLAUDIO CAZZANIGA – Il Team Italia non si ferma mai. Fedeli alla promessa che ci siamo fatti, almeno una volta al mese dobbiamo vederci.
Per questo, Sabato 21 dicembre abbiamo fatto una sessione di allenamento a Marina di Pisa.
È fatica mantenere le promesse. Lo scrive uno che per arrivare a Pisa ci mette quasi quattro ore e finito l’allenamento torna a casa e non conta le spese per benzina autostrada, pranzo.

Onde da libeccio a Marina di Pisa

Ma se ci crediamo, se vogliamo crescere, se vogliamo ottenere dei risultati… qualche sacrificio va fatto. Alle 10 quasi precise ci siamo ritrovati sul lungomare.
La temperatura era gradevole, non faceva freddo ma c’era davvero tanto vento. Spero che le foto che ci ha fatto Romina Cataldi rendano l’idea.

Onde a Marina di PIsa

Presenti Marco Zaccagni con Doc il suo Labrador e Jach il suo meticcio, Pierpaolo Martinengo con il suo Terranova Bart (arrivati dal Piemonte) ed io e la Mave. Con noi anche Alberto Pasquetti come figurante.

Alberto Pasquetti
Alberto Pasquetti

Qui voglio spendere due parole. Alberto è senza dubbio il miglior figurante che abbiamo in Italia. Ma, avendo fatto anche qualche gara all’estero, mi sento di dire che è sicuramente tra i primi in Europa. Ha tecnica, visione di insieme, sensibilità di approccio al cane non indifferenti. Nel 2019 ci siamo trovati ai selettivi francesi insieme. Questo suo percorso, seppur da osservatore, ha accresciuto molto la sua capacità di analisi e, a mio giudizio, ha giovato tanto alla sua crescita. E ne sono molto contento.
È grazie a persone come Alberto, che si è fatto un’ora di macchina solo per aiutare noi che questo sport, questo Team può crescere.
Perché lo ricordo: Alberto non è un conduttore, lui ci aiuta come figurante. Quindi da parte di tutti…. GRAZIE.

Allenamento del Teram Italia di lavoro in acqua

Il libeccio ha spazzato la spiaggia di Marina di Pisa per tutta la mattina e noi ci siamo ben adattati.
Non potendo calare in acqua i gommoni abbiamo lavorato con una ciambella ed un giubbetto di salvataggio. Prese al polso, doppio figurante, apporti di ciambella e giubbotti, in alcuni casi con il lascia a distanza non proprio facilissimo con il vento ed il rumore delle onde… la mattina è davvero volata.

Allenamento del Team Italia di lavoro in acqua

Abbiamo lavorato sempre in sicurezza, senza mai rischiare l’incolumità ne dei figuranti nè dei cani; oltre ad Alberto anche io e Marco siamo stati in acqua, dando la possibilità ai cani di avere affogati sempre diversi.
Si è tenuto il timing della finale europea: il cane non esegue i suoi quattro esercizi e poi lascia spazio al successivo, ma tutti i cani fanno un esercizio. Terminato il primo esercizio tutto i cani eseguono il secondo… e così via fino al termine.
Per cui anche in fase di training abbiamo lavorato così. Un paio di esercizi e poi spazio ad un altro cane.

Allenamento del Teram Italia di lavoro in acqua

Direi che è stata una proficua giornata di lavoro. I cani hanno spinto molto ed hanno lavorato davvero in condizioni difficili. Si migliora di sessione in sessione e siamo molto fiduciosi.
Alla fine con i miei compagni di allenamento e le loro Signore ci siamo concessi un grande terzo tempo. Che poi è il collante più importante di una squadra.
Come sempre prendo la scusa di raccontarvi un semplice allenamento in acqua per mantenere il focus sulla disciplina ma, soprattutto, per invitare gli appassionati ad unirsi a noi.
Non importa il livello del vostro cane, dobbiamo creare un concetto di squadra che vada oltre la prossima scadenza di settembre 2020, dobbiamo già pensare a settembre 2021, 2022.
Io stesso lo scorso anno mi sono allenato ben sapendo che per me il 2019 fosse tabù. Venite a vedere, chiedete info, dateci una mano, entrate nel gruppo. facciamo squadra, lavoriamo tutti insieme.
Vi ricordo che tutte le info sul Team Italia le trovate sulla pagina Facebook European waterwork team Italia.
Colgo infine l’occasione per farvi i miei più sinceri auguri di buon anno!