mercoledì 21 Ottobre 2020

Il naso del cane funziona (anche) da rilevatore di calore

Dello stesso autore...

Perchè questa immagine NON denigra i meticci (e perchè qualcuno pensa lo faccia)

Sta avendo molte condivisioni nelle ultime ore un'immagine sul tema "allevatore vs cagnaro". Solo che quasi di pari passo con le condivisioni...

Esistono anche educaddestristruttori neofiti?

Ormai da qualche anno i corsi per educatori-addestratori-istruttori-inserirefiguraapiacere sono una realtà conosciuta non solo a chi bazzica un po' l'ambiente cinofilo, ma...

Affidare il cane a pensioni o dog sitter: CHE ANSIA!

di DAVIDE BELTRAME - Visto il periodo potenzialmente vacanziero, anche se quest'anno nonostante l'ottimistico oroscopo di Paolo Fox probabilmente molte famiglie resteranno...

Come tentare di far uccidere un bambino da un cane buonissimo 4 (il ritorno)

Passano gli anni, ma - purtroppo - continua a essere una costante vedere video di situazioni rischiose (a volte molto rischiose) con...
Davide Beltramehttp://www.tipresentoilcane.com
Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.

di DAVIDE BELTRAME – Come se già non ci sentissimo abbastanza schiappe per l’impietoso confronto tra il nostro olfatto e quello del cane cane, è di questi giorni la notizia di uno studio condotto in collaborazione tra l’università di Lund (Svezia) e l’unviersità Eötvös Loránd di Budapest (Ungheria), che evidenzierebbe come i cani siano in grad, proprio tramite il naso di rilevare piccole radiazioni termiche, e di conseguenza rilevare il calore.
Ovviamente, farlo tramite il naso vuol dire che questo rilevamento può avvenire anche a distanza!

Confronto tra l’olfatto umano e quello canino, tratto dal webinar “I sensi del cane

Lo spunto è nato sia perchè il tartufo (anche detto rinario) del cane è una zona molto innervata, sia perchè sebbene in moltissimi mammiferi la zona del tartufo sia priva di peli e umida, nei cani e in altri carnivori è più fredda rispetto ad altre specie, in particolare nel cane tende ad essere inferiore alla temperatura ambiente, quando possibile: tra i 30 e i 15 gradi ambientali, la temperatura del tartufo è di 5 gradi inferiore alla temperature ambiente.
I 15 gradi sono appunto il punto di rottura di questo andamento, perchè a quella temperatura anche il tartufo è circa allo stesso livello, mentre a una temperatura ambiente di 0 gradi il tartufo ha una temperatura di circa 8 gradi (questi valori sono stati misurati in uno studio del 2017).

Termografia effettuata ad una temperatura ambiente di 27 gradi centigradi, si possono notare la lingua calda, e il tartufo freddo.

Solitamente la pelle fredda non è efficiente a livello sensoriale… tranne che per quanto riguarda le radiazioni infrarosse!
Considerate queste caratteristiche, e partendo dal fatto che ad esempio alcuni serpenti si basano esclusivamente sul calore corporeo della preda per attaccare e che hanno dimostrato una maggior precisione quando il loro rinario era freddo, i ricercatori si sono chiesti se anche per il cane valesse un meccanismo simile.
Sono quindi stati eseguiti due test: nel primo, tre cani (Kevin, Delfi e Charlie) sono stati addestrati a indicare tra due oggetti quello più caldo, nel secondo 13 cani sono stati sottoposti a una risonanza magnetica per verificare se ci fosse una diversa attività cerebrale in presenza di un oggetto caldo e di uno neutro.

Nel primo test, tutti e 3 i cani hanno avuto un’alta percentuale di successo nell’identificare . da una distanza di circa 1 metro e 60 – quale fosse l’oggetto più caldo, nello specifico:
– Kevin, 32 identificazioni su 40 prove (80%)
– Delfi, 44 identificazioni su 65 prove (68%)
– Charlie, 68 identificazioni su 89 prove (76%)
Ovviamente, chi conduceva il cane non sapeva quale fosse l’oggetto caldo in modo da non poterne influenzare la scelta.

Nel secondo test, è stato notato che quando era presente l’oggetto caldo si attivava particolarmente un’area della corteccia somatosensoriale sinistra, collegata proprio agli stimoli provenienti dal naso. Non vi erano invece particolari variazioni dell’attività cerebrale quando era presente l’oggetto neutro.
Questi due test dimostrano come, anche senza l’ausilio degli altri sensi, il cane sia in grado di distinguere l’oggetto più caldo: tuttavia ci sono alcuni aspetti da approfondire, per esempio capire se effettivamente questa capacità sia utile per la caccia dato che per questo scopo il cane dovrebbe riuscire a rilevare la differenza di calore anche da lunga distanza: saranno insomma necessari ulteriori approfondimenti.
Di seguito il video riassuntivo dello studio, mentre a questo link è disponibile il PDF dello studio.

Nella stessa categoria...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Origine e storia degli IAA: le tappe principali

Da sempre l'uomo nel corso della storia è stato affiancato dalla presenza degli animali: oltre ad essere importanti forme di sostentamento, utili...

Webinar “Dinamiche di branco”, disponibile il replay

Giovedì 15 Ottobre si è svolto il webinar Dinamiche di branco, dove per la prima volta infatti abbiamo avuto ben 3 conduttori...

Webinar “L’etogramma del cane”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 1 Ottobre si è svolto quello a tema L'etogramma del cane.L'etogramma...

“Patentino per cani speciali”: anche il programma sembra molto “speciale”…

Per prima cosa, un applauso. Sono serio, davvero!E' opera di genio puro e merita sperticate lodi riuscire a barcamenarsi nell'era del politically...

Perché portare il cane in asilo

di DANIELE TRAININI - Qualche settimana fa Davide e Fabiana hanno scritto in rapida successione gli articoli "Affidare il cane a pensioni...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico