lunedì 26 Ottobre 2020

Livelli di lavoro in acqua per i soci SNAT99

Dello stesso autore...

Livelli di lavoro in acqua per i soci SNAT99

Mi piace. Mi piace davvero tantissimo andare in gara. L'adrenalina del giorno prima, il viaggio. L'arrivo, il riscaldamento il contatto con il...

Settembre e ottobre ricchi di attività per il lavoro in acqua

Continuano le mie giornate di stage in acqua. In attesa delle prossime gare - ve ne parlo più avanti - Vi racconto...

Seconda giornata di lavoro in acqua con il Centro Cinofilo Dogzilla ASD

Anche la seconda giornata di lavoro in acqua organizzata dal Centro Cinofilo Dogzilla a.s.d. è andata in archivio.Diciamocelo pure… è andata oltre...

Finalmente siamo ripartiti

Finalmente iniziamo a lasciarci alle spalle questo periodo difficile. Il virus non è sconfitto, è solo l’inizio di quello che speriamo sia...

Mi piace. Mi piace davvero tantissimo andare in gara. L’adrenalina del giorno prima, il viaggio. L’arrivo, il riscaldamento il contatto con il giudice, i figuranti. Impostare gli esercizio. La gente.
Finalmente domenica scorsa, a quasi un anno esatto dall’ultima gara, certe emozioni sono ritornate a farsi sentire.
Gran bella sensazione, sì!!! Erano le quindici, minuto più minuto meno…

Ma andiamo all’inizio di questa domenica di lavoro in acqua.
4,45 A.M.. Suona la sveglia in quel di Barzana, stretta cintura della città di Bergamo… La sveglia suona e suona presto; ci mettiamo in marcia. Non tantissimi i km da percorrere, 270. Direzione Ponzano Veneto provincia di Treviso. Gare di lavoro in acqua valevole per il circuito SAT (Società Amatori Terranova), prima sessione di lavoro post Covid-19.
La macchina va da sola: una strada non conosciuta… di più! Oltre alla Mavi mi accompagna la mia fidanzata, Claudia. Non capita spesso che riesca a seguirmi, per mille motivi, ma domenica è con me ed io ne sono molto contento. Il viaggio scorre in un baleno, tra chiacchiere e risate arriviamo al campo di lavoro. Siamo ospiti del gruppo di lavoro S.Na.T.99 (Soccorso Nautico Terranova) guidato dall’amico Renato Penzo.

Renato Penzo

Come ho già scritto più volte, questo è davvero più che un gruppo, è una famiglia. Un’ospitalità fuori dal normale.
Una location molto bella, una cava dismessa a loro uso. Alle otto, al mio arrivo, era tutto pronto. Segreteria attiva; zona triage per emergenza Covid-19 attiva; veterinaria già al lavoro; gommoni in acqua e zona di lavoro a terra pronta.
Dovevo salire in Veneto solo per ri-disputare il brevetto di quarto grado, già ottenuto lo scorso anno ma con un risultato che non mi aveva soddisfatto. Di più… avevo voglia di gara, tanta voglia. Poi nei giorni precedenti la giudice designata, Sara di Giovanni, ha avuto un problema ed allora sono stato chiamato a giudicare primi, secondi e terzi livelli. La mia gara l’ha poi giudicata Renato.

Per il gruppo guidato da Penzo il lavoro era iniziato il giorno precedente, avendo ospitato i brevetti di lavoro riconosciuti dal CIT, club italiano del Terranova.
Subito subito un grazie GRANDE COSI’ a tre persone.
Luca Ferrato, pilota del gommone che si è preso per tutto il giorno freddo e vento senza poter mai scendere dal mezzo. È stato molto bravo soprattutto quando è montato forte il vento e per un lungo frangente ci ha messo in difficoltà. Ha mantenuto sempre i cani in sicurezza durante il nuoto ed è stato il mio “GPS umano” nel tenere le distanze corrette da riva durante lo svolgimento degli esercizi. Grazie.

Luca Ferrato

Simonetta Garbin e Marino Dall’Armi.
I due figuranti ufficiali Sat designati per i brevetti. In acqua per lunghi tratti della giornata, lavorando molto bene e adoperandosi in tutti i modi nel mettere i cani nelle migliori condizioni per eseguire gli esercizi. Anche loro hanno patito un po’ quando il vento si è fatto freddo ed intenso, ma non hanno mollato di un centimetro. Grazie.

Giornata che era data da molti siti meteo di cattivo tempo. Tanto che il venerdì ho deciso di non portare con me il mio Tom, perché ero quasi certo di condannarlo a stare in auto tutto il giorno. Invece ad attenderci abbiamo trovato il sole.
Non caldissimo, ma abbastanza per non farci raffreddare. Come detto, più o meno a metà del lavoro è montato un fortissimo vento. Abbiamo deciso insieme all’organizzazione che non vi era alcun rischio né per i cani né per i membri dello staff, pilota e figuranti. Per cui le prove, sentiti anche i concorrenti, sono proseguite.
Presenti 5 primi gradi, 3 secondi e 3 terzi… e noi per il quarto.
Solite e note le razze. Terranova, labrador, golden e la nostra chesapeake.
Inizio di giornata con un breve briefing dove ho spiegato come volevo veder eseguire gli esercizi.
Lavoro a terra per tutti i gradi e poi siamo passati all’acqua.

Il lavoro a terra è stato mediamente carente. È purtroppo una parte dei brevetti che viene molto, troppo, lasciata indietro… ma alla fine finisce sempre per inficiare notevolmente il risultato finale. Condotte con il guinzaglio difficoltose, posizioni base con comandi più e più volte ripetuti. Bisogna che ci si metta a lavorare meglio. Ora poi che arriva la stagione fredda e molti gruppi non riescono più ad allenarsi in acqua… il lavoro a terra va curato!

La parte in acqua mi è piaciuta di più. Alla fine qualcuno non c’è l’ha fatta a portare a casa la prova, ma nel limite del possibile a fine gara ho cercato di spiegare il perché di certi voti ed il come, magari, cercare di correggerli.
La stoffa nei cani l’ho vista… ora è il momento di vedere i sarti!
Il tempo è volato. Si sono fatte più o meno le 15.

Poi come detto… è stata la nostra volta.
Per noi niente lavoro a terra: il quarto grado SAT non lo prevede.
Giudice per me è la Mave, Renato Penzo, mentre il team in acqua è rimasto invariato.
Primo esercizio nuoto per venti minuti. La Mave è partita molto bene, buon tuffo e nuoto tranquillo. Poi su un lato, il gommone vira di tanto in tanto, si è piazzata a una quindicina di metri di distanza. Non ho ritenuto di richiamarla al gommone, non “scappava” verso riva, anche se la distanza assunta… non mi ha entusiasmato. Poi ad ulteriore cambio di direzione si è rimessa nella posizione corretta. Magari questione di corrente, vento… 18/20 il voto assegnatoci.

Secondo esercizio riporto di un figurante posto a 40 metri dalla riva tramite ciambella. Partenza fuori dall’acqua, ciambella posta e non lanciata e senza l’utilizzo del cordino di supporto. Forse era un pochino corta la cima. C’è stato un aggiustamento della cima cammin facendo, vorrei dire “solito”… il figurante mi ha confermato che le sbatticchiava la ciambella sul muso causa vento e corrente… ma insomma la Mave ad essere onesti un’aggiustatina non se la fa mai mancare. 19/20 il voto.

Terzo esercizio apporto di un pezzo di cima da riva al gommone posto a 40 metri. Qui il figurante recupera la cima e il cane, senza mai lasciare la cima, traina il natante a riva. Direi bene anche qui. Cima posta con cane appena in acqua, partenza sicura. Poi la Mave si è girata una volta verso riva durante l’apporto, io non ho rafforzato nessun comando ed è andata spedita fino alla fine dell’esercizio. 19/20 il punteggio.

Quarto esercizio. Recupero di figurante, simulante svenimento, posto su materassino con presa al polso. Qui ho lavorato molto sull’attenzione, sulla voglia di… prendere, sapendo che alla Mave spesso capita di “litigare” con il polso se non lo prende come dice Lei. Lavoro ben eseguito, 20/20 il punteggio.

Penultimo esercizio il riporto di surfista posto su una plancia. Una volta arrivata al figurante la Mave ha preso la parte di cima lanciata in acqua dal figurante. Poi ha lasciato ed ha preso, senza aiuto, la parte che ancora il figurante teneva in mano. Ottimo il traino, 19/20 il punteggio.

Ultimo esercizio l’apporto del salvagente a figurante simulante annegamento, ma partendo da gommone. Stessa la ciambella utilizzata nel secondo esercizio e, ipotizzo io, stesso problemino di assestamento in fase di apporto.
Perfetto il giro ed il rientro al gommone. Anche qui 19/20.

Totale alla mano fanno 114 punti su 120. Molto soddisfatto, visto che lo scorso anno, qui, abbiamo chiuso con 94/120, ma non solo. È stato un anno senza gare. Pochi allenamenti, molto spesso da solo. Voleva essere un allenamento fuori porta questo ma alla fine, anche se non c’era nulla di che in palio ha prevalso davvero la sensazione di stare bene nel fare qualcosa che davvero mi appaga, mi soddisfa, mi rende felice.
Rinnovo i complimenti a tutto il gruppo S.Na.T.99 sia per l’impegno profuso, per la passione che ci mettono sempre e per questa incredibile ospitalità che trasmettono.
Un grazie alla mia Mave, alla fine è sempre causa o merito suo… se vivo certe emozioni.
Le foto sono di Claudia Tarantola e snat99.
Se siete curiosi di vedere com’è andata la giornata, sulla pagina snat99 ci sono più di 400 foto!

Nella stessa categoria...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Diretta gratuita: “Rapporto: che cos’è e come si costruisce”

Dopo la grande partecipazione alla diretta del 14 Ottobre, che pur essendo stata dedicata solo agli iscritti al nostro gruppo Facebook e...

Coppa Oliver 2020: com’è andata

Tra Sabato e domenica scorsi, si è conclusa la stagione di lavoro in acqua in Italia. Un immenso GRAZIE a tutti quelli...

Origine e storia degli IAA: le tappe principali

Da sempre l'uomo nel corso della storia è stato affiancato dalla presenza degli animali: oltre ad essere importanti forme di sostentamento, utili...

Webinar “Dinamiche di branco”, disponibile il replay

Giovedì 15 Ottobre si è svolto il webinar Dinamiche di branco, dove per la prima volta infatti abbiamo avuto ben 3 conduttori...

Webinar “L’etogramma del cane”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 1 Ottobre si è svolto quello a tema L'etogramma del cane.L'etogramma...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
559FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Tra...
00 Giorni
00 Ore
00 Min
00 Sec
Expired
Si terrà il webinar "La gestione delle risorse"
Scopri di più!

Condividi con un amico