giovedì 26 Novembre 2020

A ciascuno il proprio mestiere

Dello stesso autore...

Cani… e polli: prime esperienze

Da proprietaria di Border Collie, da tempo mi sentivo in dovere di fornire alla mia Destiny del bestiame da radunare. Sfortunatamente, non...

Puppy class: le grandi fraintese

Uno dei maggiori fraintendimenti che riguardano le puppy class, per quella che è la mia esperienza, è causato dalla sua traduzione italiana:...

Border Collie: cane per tutti o cane per nessuno?

Come molte altre persone che bazzicano il settore della cinofilia ho spesso occasione di leggere/sentire le opinioni della gente; nello specifico, da...

Ho un marito cacasotto

Quando ho letto quali baggianate ha scritto Davide martedì scorso, ho deciso di scrivere il mio contro-articolo perchè ritengo importante precisare che...
Fabiana Buoncuore
Fabiana Buoncuore è la sciurallevatrice per eccellenza. Nasce a Carmagnola da suo padre e sua madre (ma più da sua madre) il 17/09/1987, da allora il 17 settembre è anche noto come "San Morbidino". Appassionata di tutte le razze canine e indicativamente di tutti gli animali esistenti sul pianeta, ha una particolare predilezione per il rottweiler, che ha le sue stesse esigenze primarie: mangiare, dormire, muovere poco le chiappe. Collabora ormai da alcuni anni con "Ti presento il cane" con le sue storie di vita vissuta tra allevamento e morbidinosità.

Ho fatto una scelta, con i cani: forse troppo “comoda”, forse rischiosa.
Ho deciso di non interessarmi di medicina veterinaria. A parte le basi-basi di primo soccorso e le fesserie, voglio tenermi lontana da ogni tentazione di autodiagnosi e di iniziativa.
Perché? Perché non è il mio ambito.
Perché non basta leggere su libri ed internet la teoria: un medico veterinario ha studiato, sì; ma soprattutto ha fatto pratica con decine di animali ogni giorno per poter fare il proprio lavoro.
Dopodiché ha iniziato a lavorare, e ha continuato a vedere decine di animali ogni giorno. E se qualcuno mi fa domande su un problema di salute, rispondo “vai dal veterinario”; addirittura, do la stessa risposta sui problemi comportamentali se può esserci anche solo la lontana possibilità che siano causati da un problema di salute.

Proprio recentemente, ad esempio, una cucciolona di american bully, il cui proprietario si è rivolto a me per un problema di aggressività idiopatica, è risultata affetta da un danno cerebrale congenito (a voi le conclusioni sulla scelta di “razze” che non sono davvero razze e pertanto non vengono davvero selezionate ma soltanto riprodotte); alcuni educatori avrebbero magari lavorato mesi sul problema, senza scoprire mai che in realtà sarebbe stato da sottoporre ad un medico.
Il discorso vale anche quando il problema di salute è invece palese: non ho affatto apprezzato quando, anni fa, mi è capitato di incontrare nei centri cinofili l’addestratore che decideva di preparare per il mio cane la tabella alimentare, o che gli vedeva l’occhio asciutto e mi prescriveva due o tre farmaci come fossero stati snacks (inutile specificare che, per quanto fossi principiante, non ho mai ascoltato questi consigli).

Allo stesso tempo, però, non ho apprezzato nemmeno quando altre figure professionali della cinofilia hanno preteso di dare dritte da allevatori ed educatori.
A partire proprio da alcuni veterinari che, davanti al cliente che chiede di che razza sia il proprio cane, anziché rispondere semplicemente “se non lo sai e non hai nessun documento, allora non è di razza”, si lanciano in fantasiose ipotesi che spesso non ci pigliano nemmeno alla lontana; potrà sembrare un intervento poco dannoso, ma non fa che alimentare la già diffusissima confusione tra razza e simil-razza (con conseguenti stupide faide tra adottanti ed acquirenti, che invece di accorgersi di avere in comune l’amore per i cani si scannano perché hanno semplicemente fatto scelte diverse).
I veterinari, poi, sempre loro, sono quelli che suggeriscono assurde soluzioni educative a causa delle quali poi il proprietario medio si presenta dall’educatore, il quale si mette le mani nei capelli, se li ha.
Prendo con le pinze, ma non mi stupirei se fosse vero, le testimonianze che ho sentito sul veterinario che avrebbe sentenziato che la cagna DEVE fare almeno una cucciolata, o che può tranquillamente riprodursi anche se ha dieci anni (anche se potrebbero essere fantasiosi racconti inventati dal proprietario per giustificare le proprie fesserie).

Diverso è il caso dei veterinari comportamentalisti: sono obbligata a scrivere che loro sono figure preparate e professionali e che ci si può rivolgere a loro in caso di problemi comportamentali, perché sulla carta così dovrebbe essere.
Sfortunatamente mi sono state riferite tante “diagnosi” con conseguenti “terapie” che mi hanno fatto accapponare la pelle, sulle quali non concordo e per le quali avrei proposto percorsi molto diversi (addirittura, in alcune circostanze, ho osservato situazioni in cui chi si è rivolto all’educatore ha risolto problemi che il comportamentalista aveva solo grossolanamente tamponato); per questo motivo sono piuttosto prevenuta su questa figura professionale, anche se poi ovviamente i “pasticcioni” probabilmente sono soltanto una minoranza, e come un po’ in tutti gli ambiti chi è davvero bravo non fa notizia quanto chi combina guai.

Un’altra insospettabile figura che ho visto dispensare consigli a sproposito, anche se in pochissimi casi, è il toelettatore.
Attenzione: tantissimi toelettatori sono ANCHE educatori, per cui ben vengano i loro consigli! A me, però, sono capitate due esperienze simili: cane che tirava al guinzaglio in entrambi i casi.
A uno era stato messo il collare a scorrimento, all’altro l’easy walk. Ovviamente, il primo tirava lo stesso, il secondo tirava “di meno”, ma appena si provava a cambiare strumenti ricominciava.
In entrambi i casi il toelettatore aveva proposto lo strumento come soluzione definitiva al problema, senza spiegare “come, quando e perché”: a detta sua, sarebbe bastato far indossare il nuovo strumento al cane, e voilà.

Insomma, il proprietario medio può incappare talvolta nel professionista che si lancia a coprire anche le aree professionali di altri cinofili, ma non sempre con reale preparazione a riguardo.
Cosa possiamo fare per evitare le cattive sorprese? Semplicemente, rivolgerci alla persona giusta.
Se andiamo dal veterinario per il vaccino, non approfittiamone per chiedere cosa fare se il cane ulula alla luna; se andiamo al centro cinofilo per il corso base, non approfittiamone per chiedere cosa dovremmo dare da mangiare al cane. Ogni dubbio che abbiamo, esponiamolo sempre alla persona specializzata nel campo: ridurremo al minimo i rischi di brutte sorprese.

Nella stessa categoria...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Soccorso sportivo in acqua unito a livello nazionale: forse ci riproviamo, insieme allo CSEN

Il 16 gennaio del 2012 scrissi un articolo dove mi chiedevo se essere un ente riconosciuto dal CONI, fosse un valore aggiunto...

Webinar “Il gioco è una cosa seria”, disponibile il replay

Giovedì 12 Novembre si è svolto il webinar Il gioco è una cosa seria.Anche in quest'occasione è stata nostra gradita ospite Federica...

Vivere con una bambina (molto) cinofila

Tre anni. Sono solo tre anni che Giada è con noi.Sono già tre anni che Giada è con noi.Non so se quest'anno,...

I meccanismi d’azione degli Interventi Assistiti dal cane applicati all’autismo – Seconda parte

Nella prima parte di questo articolo abbiamo visto i motivi per cui ci si avvale del cane e iniziato a vedere su...

I meccanismi d’azione degli Interventi Assistiti dal cane applicati all’autismo – Prima parte

Per quanto riguarda i disturbi dello spettro autistico, gli IAA non sono un tipo di terapia invasiva ed esclusiva, ma si inseriscono...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico