venerdì , 17 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Umorismo >> I ‘veri’ standard (pagina 2)

I ‘veri’ standard

Il “vero” Standard del… Fox Terrier

di VALERIA ROSSI ASPETTO GENERALE Quello di un Fox terrier. Insomma, quell’aspetto che fino a pochi anni fa faceva esclamare “Guarda, un Fox terrier!” di fronte  ad Airedale, Irish, Welsh, Lakeland e praticamente a tutti i terrier mondo (esclusi forse quelli di tipo bull), perché l’unico che si conosceva era appunto il Fox. Adesso invece senti esclamare: “Guarda che ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Bull Terrier

di VALERIA ROSSI – Avevo promesso da molto tempo questo “vero standard” a diversi amici appassionati la razza. La storia di Bruto/Raùl, con la sua tragica fine, mi ha però impedito per mesi di cimentarmi nella sua stesura, perché è difficile scrivere uno  standard umoristico se ti viene da piangere ogni volta che lo cominci. Oggi ho deciso di provarci, ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del…Terranova

di VALERIA ROSSI – Un tempo “cane di” Terranova, oggi è diventato “Terranova” e basta anche per l’FCI. Intanto “cane di” non ce lo metteva mai nessuno. In realtà “cane di” non ce lo mette mai nessuno per nessunissima razza: eppure molti nomi ufficiali continuano a riportare “cane di”, o “cane da”. Il che, in alcuni casi, è comprensibile. Tipo: ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Pastore belga Malinois (con un pizzico delle altre varietà)

di VALERIA ROSSI –  PREMESSA: Tanto per cominciare, ricordiamo che i pastori belgi sono quattro. Sì, proprio quattro varietà, e non tre come pensano in molti (comprese persone non completamente digiune di cinofilia): oltre al Groenendael (la cui pronuncia reale – sentita da un’amica belga – somiglia a uno dei versi che fa la Bisturi quando dorme: una roba tipo ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Pechinese

di VALERIA ROSSI – PREMESSA: Quando qualche lettore mi chiede il “vero Standard” di una razza, a volte giustifico il fatto di non averlo ancora scritto sostenendo che la razza magari è rara e/o che non la conosco abbastanza bene per poterci scherzare sopra: quindi rimando, di solito, all’articolo più “serio” che ormai esiste per quasi tutte le razze, almeno ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Bloodhound

di VALERIA ROSSI – ASPETTO GENERALE – Esagerato. Perché è “fatto a segugio” (col nasone, gli orecchioni, i piedoni:  insomma, la classica fisionomia di un segugio)… però all’ennesima potenza. E’  tanto, tanto, ma tanto cane. Stranamente le foto non gli rendono giustizia, perché tutti quelli che lo vedono dal vivo per la prima volta esclamano immancabilmente: “Uhhhhh… ma come è ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard dello… Shar Pei

di VALERIA ROSSI – ASPETTO GENERALE – Embe’: rugoso! Non sempre e non tanto come vorrebbero indicare le due foto sicuramente più viste e più diffuse sul web (che mettiamo subito in apertura, così non ci pensiamo più): però rugoso, sì. Parecchio rugoso, anche se certi eccessi sono stati raggiunti solo dai cani americani, mentre quelli cinesi (la razza è ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Lagotto romagnolo

di VALERIA ROSSI – ASPETTO GENERALE –  “Cane di taglia da medio a piccola, ben proporzionato, potentemente costruito, di apparenza rustica, con un fitto mantello ricciuto di tessitura lanosa”. Così recita lo Standard. Per la Sciuramaria, l’aspetto generale è “checcariiiiinooooooooooo!“. E il Lagotto guarda la Sciuramaria col fumetto che dice:”Tu invece sei proprio una cozza”. No, perché in effetti lui ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del… Mastino napoletano

di VALERIA ROSSI – ASPETTO GENERALE:  “Cane di grande mole“, dice lo Standard. MADDAI? Chi l’avrebbe mai detto. Certo che, se mai c’è stato un eufemismo cinofilo, è proprio questo. In realtà il mastino napoletano non è semplicemente “di grande mole”: è iiiiimmmmmmmaaaaaneeeeeeeee! Tanta, ma tanta, ma tanta roba (una settantina di chili, per intenderci). Soprattutto è immane la testa ...

Leggi tutto »

Il VERO Standard del…Chow Chow

di VALERIA ROSSI – ASPETTO GENERALE: leonino, dice lo Standard. Per la precisione, dice così: “attivo, compatto, raccolto e soprattutto ben proporzionato, dall’aspetto leonino, fiero, dal portamento altero”. Mah. Sarà. Secondo le Sciuremarie, però, l’aspetto generale è quello di un orsetto, mica di un leone. E non di un “orso-orso”: proprio di un orsacchiotto di peluche, il classico “Teddy bear”. ...

Leggi tutto »

Condividi con un amico