domenica 17 Ottobre 2021

Come eravamo: Cane di San Bernardo e Samoiedo

Dello stesso autore...

Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

Quanto è cambiato il San Bernardo dagli anni ’30 ad oggi?
In fotografia non sembrerebbe poi molto…ma solo perché in fotografia non si vedono pesi e misure.
Ecco cosa diceva lo Standard nel 1936:
ALTEZZA E PESO: da un minimo di 70 cm per i maschi, da un minimo di 65 cm per le femmine. Il peso raggiunge gli 80 kg, minimo 50 kg. circa.
Ve lo immaginate, oggi, un San Bernardo pesante 50 kg? Sarebbe lo zimbello di tutti gli espositori.
Neppure i cani dell’Est, che pure sono regolarmente sotto peso e sotto taglia, riescono ad essere così piccoli!
Oggi i maschi adulti sono tutti alti almeno 80-85 cm. al garrese, ma spesso raggiungono i 90 cm.
Il peso va dai 70 ai 90 kg…ma sono tutt’altro che rari i soggetti che superano il quintale.
Sono diventati più belli? Forse solo più impressionanti, visto che in fotografia, appunto, non si notano grandi differenze.
In compenso c’è il serio dubbio che stiano diventando sempre meno sani (displasia dell’anca, torsione di stomaco e altre gravi patologie aumentano proporzionalmente alla taglia del cane) e che, in fondo in fondo, i cani di oggi siano sempre meno proponibili come cani da neve…tant’è vero che al San Bernardo vengono spesso preferiti soggetti meno specializzati, ma più facili da gestire e “manovrare”.
In questo modo si finirà per togliere di mano alla razza la sua stessa ragione di esistere…solo in nome di un’esasperazione estetica che sinceramente non ci sentiamo di condividere.

CANE DI SAN BERNARDO – 1936


SAN BERNARDO OGGI – Anton v. Hihen Howen, per gentile concessione dell’AISB

Se i San Bernardo degli anni ’30, almeno in fotografia, non sembrano poi così lontani da quelli attuali, qui viene invece da chiedersi che c’entrino con il Samoiedo quelle specie di lupacchiotti spelacchiati della prima foto.
Ebbene, nel 1936 quelli erano soggetti di altissima qualità (guardate un po’ il nome dell’allevatrice…).
L’abisso di differenza tra i cani di ieri e di oggi riguarda soprattutto due punti:
a) il pelo, visto che in selezione se ne è curata la lunghezza e si è cercato di arrivare al bianco “che si può bianco non si può” (ricordiamo che i primi Samoiedo importati dal Grande Nord erano di diversi colori, nero compreso!)
b) la lunghezza della canna nasale, che oggi è considerevolmente ridotta perché dei due tipi originari (il “tipo orso”, con la faccia più rotonda, appunto “da orsacchiotto”, e il “tipo lupo”, di cui vediamo un esempio molto evidente nella foto storica) il primo si è decisamente accaparrato i gusti del pubblico.

Entrambe le “modifiche” dal tipo iniziale, pur essendo decisamente notevoli, non hanno rovinato nulla: certo, se non è difficile immaginare i “lupacchiotti” del ’36 attaccati a una slitta, vien da sorridere all’idea di imbragare i cani di oggi.
Eppure, per quanto riguarda la salute della razza, arricchire il pelo e accorciare le canne nasali fino ai limiti odierni non ha comportato alcuna conseguenza negativa: i cani sono ancora perfettamente efficienti e diversi Samoiedo, quando e se hanno modo di essere testati, mostrano ancora una buona attitudine al lavoro che gli allevatori, se amano davvero la loro razza, dovrebbero badare a non perdere.
Fino a pochi anni fa il Samoiedo sembrava minacciato da un grosso rischio: l’eccessivo accorciamento delle gambe, legato soprattutto ad alcune importazioni dall’Inghilterra.
Un cane “pelone” può trainare, un cane con la canna nasale dei “tipo orso” è perfettamente in grado di respirare…ma un cane “senza gambe” non potrebbe mai essere un cane da slitta.
Fortunatamente, però, gli allevatori sembrano essersi accorti che la strada era pericolosa, e oggi restano solo pochi esemplari di “peluchoni” a gamba corta, mentre sono sempre più numerosi i cani sufficientemente slanciati da poter essere considerati a tutti gli effetti “cani da slitta”…anche se oggi sono soprattutto soggetti da compagnia e da show.

SAMOIEDO
1936 – soggetti dell’allevamento “del Sestriere”di Donna Virgilia Agnelli

OGGI – Sky, prop. Paola Belluzzi

Nella stessa categoria...

1 commento

  1. Molto belli questi articoli del prima e dopo. Mi piace molto vedere le foto storiche, anche se in alcuni casi è triste vedere come la mano dell’uomo abbia cambiato un qualcosa che era già perfetto.
    Un articolo simile sul Malamute :)?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

136,683FansMi piace
549FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Ti presento il cane
Condividi con un amico