di MANUELA RIBOLDI – Ero volontaria in un canile da diversi anni quando arrivò una specie di pastore tedesco dalle orecchie lunghe e diritte. La chiamammo Havana. Giocare con Havana era divertentissimo: aggrediva l’acqua che usciva dal tubo di gomma quando pulivamo il suo box, abbaiava con insistenza per chiedere che le si lanciasse la pallina, mentre la sua coda spazzava l’aria trasmettendoti un’allegria travolgente che ti ripagava per esserti alzata presto la mattina di una giornata di inverno buia e gelida. Io mi divertivo tantissimo con Havana. Nonostante ciò, gli anni passavano e nessuno la chiedeva in adozione.
Invecchiò.
Manteneva la voglia di giocare e agitava sempre la codona, ma le sue zampe non la sostenevano più come un tempo.
Come purtroppo spesso accade, c’era nell’aria una rassegnazione all’ineluttabilità delle cose. E’ vecchia, va così.
Non era certo il primo cane che vedevo invecchiare in canile. Ma lei era ancora così vitale e allegra. E io mi ero così rotta di vedere i cani invecchiare in modo triste.
Con un altro volontario, mi misi alla ricerca di qualche cosa che potesse aiutarla. Avevo visto in giro qualche cane con il carrellino, ma erano tempi in cui il suddetto canile aveva molte emergenze da fronteggiare e certe cose sembravano fantascienza e io campavo con un contratto a progetto. Ma Havana mi scodinzolava e voleva giocare con la pallina.
“Ok, cucciola, ti regalo un carrellino” le dissi.
Iniziammo le ricerche su Internet. In Italia, trovai poco o niente.
Mi imbattei però in un blog che trattava proprio di cani disabili e che riportava i riferimenti a siti Americani zeppi di ausilii specifici per cani (e anche altri animali ) anziani e disabili. Mi si aprì un mondo. Perché in Italia eravamo così indietro? Quante volte, negli anni di volontariato, avevo accompagnato persone che cercavano un cane da adottare perché avevano da poco fatto sopprimere il loro, che era diventato vecchio e non si reggeva più sulle zampe? Tante, tante da aver perso il conto. E invece quei cani avrebbero potuto continuare a vivere. E pure bene.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

La cosa che più mi piacque di quei negozi online americani furono le immagini. Non il cane paralitico-poverino-quanto sei sfigato. Cani in spiaggia, cani nel bosco, cani FELICI. Tanti avevano orgogliosi la pallina in bocca. E le rotelle sotto il sedere.
Ormai non era più solo Havana. Ormai li volevo aiutare tutti.
Insomma, avevo sempre un contratto a progetto e non li potevo aiutare tutti: però potevo aiutare i loro padroni a gestirli meglio e a non rassegnarsi alla punturina. L’idea piacque pure alla Regione Lombardia, che finanziò in parte la nascita del mio e-commerce.
Il mio store online dedicato agli animali anziani e disabili.

Negli anni, parlando con padroni, volontari e anche veterinari, ci siamo accorti che la volontà di aiutare questi animali, naturalmente, non manca. Ma c’è una profonda mancanza di conoscenze circa la gamma di prodotti reperibili per aiutarli.
Ringrazio quindi “Ti presento il cane” che mi offre questo spazio per passare in rassegna le soluzioni a quelli che sono i problemi più comuni che abbiamo affrontato in questi anni.
Premessa, valida sempre: fatevi aiutare da un veterinario. Sentite sempre prima il suo parere.
Rivolgetevi anche ai centri di fisioterapia veterinaria che ormai si trovano in tutte le principali città. Se il cane non si alza, spesso è perché ha dolore, non perché è paralizzato.

Cominciamo dalla prima cosa che viene in mente a tutti. Se dici “animale disabile”, tre persone su quattro pensano al cane col carrellino (il quarto pensa che tu sia fuori di testa).
Come quando dici, “persona disabile” a quattro su quattro viene in mente l’immagine dell’omino sulla sedia a rotelle.
Ecco, il parallelo carrellino uguale sedia a rotelle non è valido. Non sempre.
Una persona usa la sedia a rotelle quando proprio non riesce a camminare. Le gambe non si muovono perché c’è una paralisi, o non reggono per più di quattro passi per vari problemi. Se però ho solo bisogno di un appoggio mono o bilaterale, userò un bastone, una stampella , un deambulatore.

Ecco, un carrellino si può, e  in molti casi si deve, pensare come  un bastone.
Molti attendono che il cane proprio non si muova più, prima di acquistare un carrellino, con il risultato che il poverino ha già perso tutto il tono muscolare. Quando avrà il suo carrellino, per esempio per sorreggere le zampe posteriori, farà fatica ad usarlo perché anche le anteriori si saranno indebolite.
Avrà anche già perso un po’ di entusiasmo nei confronti della vita.
Se sapete che il vostro cane soffre di una malattia degenerativa o se sta diventando anziano e fatica a reggersi, aiutatelo al più presto con un bastone. Cioè, con un carrellino.
Se il cane deve fare della riabilitazione per brevi periodi, si può anche in questi casi usare un carrellino, spesso fornito direttamente dal centro di fisioterapia.

Dove lo trovate? Come lo scegliete?
Ci sono in giro molti carrellini artigianali. Fatti con buona volontà da volontari. Di solito, costano poco. Il lavoro di queste persone è ammirevole e alcuni lo fanno da tanto tempo. Molti invece improvvisano, perché “tanto è un cane”.
Spesso il concetto è: faccio un’impalcatura e ci attacco due rotelle. Un po’ come dire: ho bisogno della sedia a rotelle; prendo la sedia del mio soggiorno, rubo le rotelle al carrello del supermercato ed è fatta.
Pensate sempre che il cane, sul carrellino, ci dovrà stare un sacco di tempo. Dovrà stare comodo, altrimenti non sarà così felice di usarlo e potrà avere dei problemi. I carrellini che si trovano in commercio sui siti specializzati (pochi in Italia, molti all’estero, soprattutto in USA) sono già pensati e perfezionati, di solito con la collaborazione di veterinari esperti.

Quale che sia la vostra scelta, tenete presente alcune caratteristiche irrinunciabili:
–  La postura: il carrellino DEVE garantire una postura e movimenti fisiologici e la possibilità di urinare e defecare. Si vedono carrellini che costringono a tenere le zampe sollevate all’indietro in modo esagerato, oppure che impediscono i movimenti della testa verso l’alto, oppure ancora che lo costringono a posizioni sedute del tutto innaturali etc.
Statene alla larga. E, dopo l’acquisto, fate sempre valutare dal vostro veterinario le regolazioni che avete fatto. Il carrellino deve garantire la maggiore libertà di movimento possibile, non deve essere una costrizione né forzare in posizioni innaturali.
–   I materiali. La struttura deve essere robusta, ma leggera. Il peso, se il carrellino è ben pensato, viene scaricato a terra e non grava sul cane. Ma quando ci sono asperità del terreno, gradini , dislivelli, etc, il peso può scaricarsi sulle articolazioni e sulla colonna, quindi è bene che sia ridotto al minimo. Considerate anche che, quando il cane non lo usa, potreste doverlo spostare, maneggiare, sollevare voi. Tutto ciò non deve andare a scapito della robustezza, soprattutto se deve sorreggere animali molto pesanti o … molto vivaci!
–  Le ruote. No alle ruote rigide e piene, per favore. Non è un carrello del supermercato. Provate voi ad andare in bicicletta con ruote pesanti, rigide e che non ammortizzano. Diventa l’ottava fatica di Ercole, vi distruggete le articolazioni e fate pure un sacco di rumore, se la superficie non è quella liscia di un pavimento.
–  I sistemi di aggancio. Le imbragature e le pettorine che sostengono il cane devono essere robuste ma morbide. Molto morbide. NON devono interferire con la circolazione. Abrasioni e, nei casi peggiori, piaghe sono sempre un rischio. Eventuali cuciture devono essere dello spessore minimo indispensabile. Tubi di metallo ripiegati e imbottiti alla buona non sono un buon sistema.
–  La sicurezza. Assicuratevi che il costruttore abbia provveduto a renderlo irribaltabile sia in senso longitudinale sia trasversale. Cioè, il cane non deve ribaltarsi all’indietro se sta superando un dislivello, né sul fianco se decide di affrontare una curva stretta a velocità supersonica.

Una scelta che potreste ritrovarvi a dover fare è tra carrellini su misura, a taglie o regolabili.
Come per un vestito, naturalmente su misura è meglio. Ricordate, il cane ci passerà molto tempo. E sarà molto più comodo se il carrellino sarà stato fatto proprio per lui e non per un altro cane, anche se magari i due si assomigliano.
Svantaggi: se è per un rifugio, diventa magari complicato usarlo per più cani; dovete armarvi di pazienza e prendere le misure con una certa precisione, magari in due se il cane è pesante e ha difficoltà a rimanere in piedi da solo.

Alcuni negozi offrono carrellini di diverse taglie. Pronti per l’acquisto, sono ovviamente una discreta soluzione per cani “standard”. Di solito, se avete un bastardino dalle forme buffe oppure esigenze particolari, non sono personalizzabili.
Una buona via di mezzo è offerta dai carrellini totalmente regolabili. Si tratta di kit da assemblare, con elementi di varie lunghezze e larghezze, ruote più o meno alte e manuali di istruzioni piuttosto lunghi.
Sono un’ottima soluzione per i canili, ad esempio. Richiedono una buona manualità e tendono ad essere un po’ meno stabili, proprio perché costituiti da più elementi tenuti insieme da viti e incastri che tendono inevitabilmente ad avere gioco tra loro. Ciò non significa che siano strutturalmente inadeguati, ma è una naturale conseguenza del sistema di aggancio a scatto delle varie parti.
Senza entrare nel dettaglio, i carrellini esistono per cani paraplegici e tetraplegici ed esistono per animali diversi dai cani. Anche gatti (quando ne hanno voglia loro, si sa come sono fatti), conigli, cavie, capre, possono utilizzare i carrellini.

Molti si (e mi) chiedono: e se compro il carrellino e poi il mio cane, gatto, ratto non lo accetta?
Risposta: se avete un cane, potete stare tranquilli. Ho venduto qualche centinaio di carrellini e mi è capitato solo una volta che un cane (era una bella pastorona tedesca) non ne volesse sapere.
A meno che non si tratti di un cane molto pauroso, vedrete che non ci saranno problemi.
Naturalmente, dovete aspettarvi qualche perplessità iniziale. Di solito li vedrete muoversi all’indietro invece che in avanti, oppure incastrarsi da qualche parte perché non hanno coscienza dei nuovi ingombri.
E’ importante che non vi spaventiate, che non trasmettiate ansia al cane e che gli diate tempo. Premiate i primi passi in avanti. Non forzatelo a rimanere con il carrellino troppo a lungo se notate che si stanca, soprattutto nei primi tempi.
Per i gatti non è possibile fare un discorso generale, data la loro indole. Ogni gatto è un caso speciale e il proprietario è la sola persona che può fare previsioni. Un gatto sicuro di sé e abituato a farsi manipolare è un buon candidato, mentre i mici più diffidenti potrebbero avere qualche problema o spaventarsi.

I conigli, pur essendo anatomicamente molto diversi da cani e gatti, possono trarre indubbio giovamento da un carrellino. Sono purtroppo frequenti i casi di conigli paralizzati in seguito a cadute accidentali, anche se non sempre imprevedibili. Approfitto per ricordare che, per quanto tenero e morbido e irresistibile, un coniglio non andrebbe mai sollevato da terra per prenderlo in braccio. Potrebbe scambiarvi per un temibile predatore piombato dall’alto, spaventarsi a morte, divincolarsi per liberarsi e cadere rovinosamente a terra. Un coniglio paralizzato, o con difficoltà di movimento, tende a rimanere sdraiato e ciò, alla lunga, può procurargli difficoltà nel recuperare i cecotrofi indispensabili per la propria alimentazione. Il carrellino lo aiuterà a muoversi e anche a mantenere posture corrette. I cecotrofi vengono lasciati al suolo e il coniglio, voltandosi, potrà recuperarli.
Ricordate poi che il vostro animale dovrà essere tenuto sotto controllo, mentre indossa il carrellino. Scordatevi di mettere il carrellino al cane, mollarlo in giardino e andare al lavoro tranquilli.

Infine, un consiglio – esortazione: tunnizzate i vostri carrellini!
Rendeteli colorati, personalizzateli con targhe, adesivi, decorazioni e tutto quanto vi viene in mente per renderli ALLEGRI. L’animale disabile non deve fare pena quando lo portate in passeggiata. Odio quando sento i passanti dire “poooooveriiiiiiiinooooooooooo”.
Non è un “poverino”. Lo avete aiutato a vivere meglio. Lo avete tenuto con voi quando probabilmente i cuggini della situazione vi avevano suggerito di sopprimerlo. Andatene fieri.

Havana ebbe il suo carrellino. Poté continuare, finché ne ebbe voglia, a giocare e passeggiare nel prato. Purtroppo non fu mai adottata, ma con la sua esperienza fece da apripista per altri cani dello stesso canile a cui, in seguito, furono donati dei carrellini.

Articolo precedenteIl canile preso sul serio: intervista a Luca Spennacchio
Articolo successivoGenealogia di canidi e umani

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

13 Commenti

  1. buongiorno avrei necessita di qualche info per acquistare o noleggiare un carrellino per una rottweiller alla quale e’ stata appena amputata una zampa anteriore. lei non vuole proprio provarci a camminare da sola. l’intervento e’ stato fatto lunedi scorso.
    grazie

  2. Ciao a tutti,
    ho un gatto di due anni e mezzo paralizzato nella parte posteriore.
    Volevo provare a comprargli un carrellino, ma online se ne trovano solo per cani, e i gatti sono molto più “scivolosi” dei cani.

    Avete un qualche consiglio ?

    Grazie,
    Roberto

  3. @Roberto: solitamente, molti tipi di carrellini (quelli più leggeri) si possono tranquillamente adattare anche ai gatti. Il problema semmai può essere: il gatto si adatterà al carrello? Diversamente dal cane, che di solito accetta il carrellino senza problemi particolari, per un gatto non si può essere altrettanto sicuri e bisogna provare. In particolare, per quella che è la mia esperienza, possono essere infastiditi dalle pettorine di aggancio anteriori, che probabilemnte danno loro un senso di costrizione. Qui : http://www.stuff.co.nz/national/4038687/Blacky-the-cat-gets-his-wheels puoi vedere, come esempio, un micione ai suoi primi approcci con un carrellino.
    E’ importante che sia il più leggero e silenzioso possibile, deve quasi “sparire” per non infastidire. Tanti auguri per il tuo felino!

  4. Ciao, ho letto questa testimonianza con molto interesse…sei stata determinata nel trovare una soluzione per Havana, un vero gesto d’amore! Scrivo per chiedere un consiglio…è per un pastore tedesco piuttosto grosso che fa sempre più fatica ad alzarsi…nonostante abbia ancora molta voglia di giocare e correre! E’ possibile avere le “istruzioni”, diciamo il progetto, del carrello per poterlo realizzare in casa? Una curiosità…quando il cane è solo, può sedersi e sdraiarsi se indossa il carrellino o ha bisogno dell’ausilio umano? Ringrazio chiunque possa darmi una mano

  5. Ho lettoil tuo racconto:e sono convintissimo che tcane abbia fatto bene.Ancne io ho tto cosi , ho un meticcio bellissimo (cpastore tedesco /golden retrive) ha soltanto 7 annied ha una midlopatia degenerativa contratta ad aprile. Dopo un mese di fisioterapia senza nessun ritardo nelladegenerazione della malattia abbiamo deciso di fargli fare il carrellino .
    Si è proposta la fisioterapista per farcelo fare su misura. Il cane si è subito adattato anchese il carrdllino a mio avviso non andava e non va bene.La struttura e leggera in alluminio, ma i bracci non stanno in posizione orizzontale per cui a mio avviso non scaricano sulle ruote ma sul dorso davanti distorcendo le fibbie di giuntura con difficoltà anche allo sganciamento.Che problemi potrebbe portare al cane
    Ha le ruote piccole, e quindi non da stabilità, il cane è grande irruento e gioioso , sempre con la voglja di giocare, ma non puo esssre lasciato andare da solo perché si rovescia .Le ruote sono anche piene.
    Mi pare che dopo aver letto il tuo articolo, proprio non vada bene niente:sto ponendo le mie ragioni ma mi pare di trovare le risposte che vorrei .Avrei bisogno di un giudizio tecnico per supportare le mie deduzioni da profano
    Un saluto Roberto

  6. Buongiorno, vorrei avere informazioni per quanto riguarda un carrellino per un simil lupetto di 18 kg. Vorrei sapere la vostra disponibilità e i prezzi.

  7. CERCASI MOLTO URGENTEMENTE CARELLO IN REGALO X CANE ROTTWEILER ANZIANA DI 12 ANNI, NON SI REGGE PIù IN PIEDI.. UN AIUTO AIUTO AIUTO SI STA LASCIANDO ANDARE!
    GRAZIE!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here