di VALERIA ROSSI –  Una prima carrellata dei più comuni errori alimentari commessi in assoluta buona fede, seguendo i consigli degli “espertoni che sanno tutto sui cani”, l’abbiamo vista in questo articolo. Ma fossero tutti  lì…
Oggi vediamo un’altra piccola serie di dicerie e di “vox populi” diffusissime (pur non essendo assolutamente “vox dei”, ma piuttosto “vox cuggini”).

leccamuroIl mio cane lecca (o rosicchia) i muri: avrà bisogno di calcio!

Il cane, solitamente, lecca i muri perché si diverte a leccare i muri.
Può farlo perché è stressato, perché non sa come passare il tempo o semplicemente perché ci ha provato una volta e gli è piaciuto il gusto dell’intonaco: ma è ben difficile che lo faccia per sopperire ad una carenza di minerali, e in ogni caso non sarà quasi mai il dannato calcio a mancargli.
Al giorno d’oggi, con gli ottimi mangimi industriali di cui disponiamo, è praticamente impossibile che si verifichi una carenza di calcio: ma anche un’alimentazione casalinga appena appena corretta, che non sia composta di sola carne (l’unico modo per indurre una carenza di calcio è scambiare il cane per un gatto, rifilandogli un’alimentazione esclusivamente carnea) riesce a soddisfare il fabbisogno di un cane adulto.
Ai cuccioli e ai cuccioloni in accrescimento ne serve un po’ di più, è vero: ma non si deve MAI dare calcio aggiuntivo in base alla semplice osservazione di fenomeni come leccare i muri, mangiare le feci, rosicchiare i piedi dei mobili.
Ho sentito un “cuggino” consigliare calcio (anziché un po’ di educazione!) a un cucciolone di sei mesi che rubava e distruggeva le scarpe di tutta la famiglia. Ora, qualcuno sa spiegarmi quanto calcio contenga un paio di scarpe? Per quale fantasioso motivo un cane che “sente” di essere carente di minerali – ammesso e non concesso che i cani abbiano tutta questa capacità autodiagnostica, che personalmente non ho mai rilevato – dovrebbe mangiare scarpe anziché formaggio? Forse per via del profumo dei piedi del padrone?

calcioScherzi a parte, ricordate che il calcio in eccesso è pericolosissimo: le integrazioni vitaminiche e minerali vanno fatte solo in caso di comprovata carenza, perché non è affatto vero che “tanto… male non possono fargli”.
Un eccesso di calcio può portare deformazioni e deviazioni delle ossa… ovvero, provoca proprio quello che a volte ci si illude d prevenire e/o curare!
Se avete il dubbio che il vostro cane abbia bisogno di calcio (timore quasi sempre infondato, se usate un’alimentazione di qualità: e se non la usate… cambiate subito!), fate fare gli adeguati accertamenti dal vostro veterinario e fatevi prescrivere da lui, se davvero servono, i prodotti idonei.
Ah…ricordate anche che fare solo il rapporto calcio-fosforo non serve quasi mai a nulla (a questa “cugginata” ho creduto io stessa per molto tempo!), perché in caso di leggere patologie carenziali il rapporto resta comunque piuttosto stabile.

yogurt_biancoIl mio cane sta assumendo antibiotici, quindi gli do lo yogurt perché contiene fermenti lattici

Qui le “cugginate” sono due, o meglio, una e mezza.
E’ vero, infatti, che lo yogurt contiene fermenti lattici: ma se il cane non è abituato fin da cucciolo ad assumere latte e latticini, il suo organismo avrà smesso di produrre lattasi, ovvero gli enzimi che si occupano della digestione del latte e dei suoi derivati. In questo caso, se non si utilizza “vero” yogurt (nel quale il lattosio viene demolito proprio dai fermenti lattici), ma yogurt “da supermercato”… si beccherà come minimo una bella scarica diarroica, che sicuramente non è il massimo quando il cane è già malato (se non fosse malato, perché prenderebbe gli antibiotici?) e quindi debilitato.
Se dovete dare fermenti lattici al vostro amico, fateveli prescrivere dal veterinario: i fermenti esistono sotto forma di farmaci sicuramente più efficaci e con meno effetti collaterali dello yogurt (a meno che non troviate quello più puro).
Inoltre (seconda “cugginata”)… è perfettamente inutile darglieli durante il periodo di assunzione degli antibiotici: è vero che questi ultimi danneggiano la flora intestinale, ma è anche vero che continuerebbero a far fuori, precisi come cecchini, anche la nuova flora stimolata dai fermenti.
Quindi prima finite la cura antibiotica e poi date i fermenti lattici, per riparare ai danni senza causarne altri.

cane grassoIl mio cane è fisiologicamente grasso: mangia pochissimo, poverino! E’ proprio così di natura!

Ehm… spiacente di dovervelo dire, ma i cani “fisiologicamente grassi” non esistono. Possono esistere cani “patologicamente” grassi, per esempio a causa di disfunzioni ormonali: ma non c’è al mondo un solo cane “grasso di natura”.
Ci sono cani genericamente sovralimentati e cani che mangiano troppo in rapporto all’esercizio fisico quasi nullo che svolgono.
In entrambi i casi, stiamo minando la loro salute; e il fatto che lo facciamo per troppo amore non migliora le cose.
Se il cane è sovrappeso – o addirittura obeso – dobbiamo ridurre la sua razione, aumentare l’esercizio fisico o meglio ancora rivolgerci al veterinario, che ci prescriverà una dieta adeguata.
Oggi esistono in commercio alimenti dietetici già pronti, che non ci costringono neppure a usare il bilancino per la preparazione della pappa: non ci sono scuse che tengano!
Il cane grasso è un cane dalla vita più breve ed è maggiormente soggetto a patologie: se gli vogliamo davvero bene, farlo dimagrire dev’essere un’assoluta priorità tra i nostri doveri di bravi e affezionati proprietari.

sale2Al mio cane non metto il sale nella pappa perché gli fa male

Il sale in eccesso fa male anche agli umani: ma non per questo mangiamo insipido e insapore!
Se prepariamo la pappa in casa, l’aggiunta di sale in quantità moderata (insomma, quella che serve a dare sapore e non a trasformare il nostro cane in un capra) è assolutamente lecita.

Il mio cane mangia la cacca: ha sicuramente una carenza di minerali

Se si tratta del cane del signore della “cugginata” precedente, probabilmente è vero! Il poveretto cerca di trovare altrove qualcosa di saporito, visto che la sua pappa è una schifezza insipida!
In ogni altro caso, la risposta più corretta solitamente è che il cane mangia la cacca perché gli piace, e non perché abbia carenze di alcun tipo. La coprofagia si elimina con una corretta educazione, e con la somministrazione di appositi prodotti (se mangia le proprie deiezioni, per esempio, c’è in commercio un preparato, che si chiama “Forbid”, capace di rendergliele sgradevoli e di fargli quindi perdere questo vizio); non passa quasi mai somministrando integrazioni alimentari, perché la carenza di minerali non è quasi mai il motivo scatenante.
Purtroppo al cane piace davvero il sapore della cacca, cosi come gli piace quello della carne marcia e di tutte quelle che dal nostro punto di vista sono schifezze; ma dal suo no. Sicuramente anche il nostro cane pensa “bleah! Ma come fa!” quando ci vede mangiare un limone. Però è anche vero che noi, dopo aver mangiato un limone, difficilmente gli lecchiamo la faccia!

mangia_erbaIl cane DEVE mangiare erba regolarmente

Ma perché?
Forse noi DOBBIAMO prendere regolarmente la purga?
L’erba – come tutte le fibre, peraltro – aiuta il cane ad aumentare la motilità intestinale, quindi lui la mangia soprattutto quando si sente “imbarazzato”.
Non è che debba far parte della sua normale alimentazione: è un cane, non  una pecora!
Anzi… se mangia molta erba, probabilmente ha mal di pancia e sarebbe meglio portarlo dal veterinario (spesso i cani mangiano quantità industriali di erba quando hanno parassiti intestinali).

Articolo precedenteShopping pre-adozione (al canile, ma non solo!)
Articolo successivoIl caso dei cani corso di Cagliari

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

19 Commenti

  1. Il mio cane adora la cacca di gatto. Quando l’ho riferito al mio veterinario mi ha detto che poteva essere una carenza alimentare di sali e di dargli 1 o 2 banane al giorno per risolvere. Ovviamene non l’ho fatto, perché un cane che mangia 90 g di cibo secco al giorno come posso aggiungergli 2 banane? Come minimo mi diventa stitico.
    Menomale che esiste internet dove ho letto che è un problema comune a tanti ed è solo perché la cacca di gatto è gustosissima.
    Ho in parte risolto con un NO!!!! ogni volta che ci prova (o che io almeno lo vedo).
    “Sui gusti non si discute” disse quello che si ciucciava il calzino….

    • E hai fatto benissimo. Mi hanno detto che per i cani, la cacca del gatto, è equiparabile ad un “bonbon”…Quindi… 😉

  2. Il mio cane si mangiava la sua cacca e quella degli altri cani e dei gatti e anche quella degli uccelli da cucciolo, oltre a quella degli umani, ora mangia solo quella degli umani…naturalmente perchè è mooolto più saporita…Inoltre ha l’IBD, che tende a far leccare e mordicchiare ai cani qualsiasi cosa, per fortuna lui si limita solo a mordicchiare qualcosa ogni tanto

  3. Questa dei muri me la sono bevuta ben benino io… Dalla persona da cui la mia cana l’ho presa… Per cui dare gli integratori al cane era assolutissimamente necessario, come la carne cruda nonché il niente sale assolutissimamente…. Meno male che io so malfidata…

  4. mi allaccio al discorso “coprofagia” perché avrei una domanda…ma voi lo avete provato il Forbid? Vi ha funzionato davvero? Io ne ho usati a barattoli, ma la mia bella schifosona continua a mangiarsi la cacca (che fa in casa…ma questo è un altro discorso 🙁 ) regolarmente 🙁

    • Come quasi tutti i prodotti, con qualche cane funziona e con altri assolutamente no. Io per esempio ho avuto un caso di “sì” e uno di “no” (ovviamente dopo il primo caso risolto ho consigliato il Forbid a raffica…per poi scoprire che ad alcuni cani non fa né caldo nè freddo 🙁 ).

  5. spesso i cani mangiano quantità industriali di erba quando hanno parassiti intestinali

    I miei cani mangiano l’erba, soprattutto la mattina, che è fresca e bagnata; non mi sono mai posta problemi perchè pensavo che, oltre alla motilità, loro la mangiassero perchè “buona”, essendo appunto fresca e bagnata.

    • Massì… non è che mangiare erba significhi in automatico “avere parassiti”. Possono anche mangiarla per “diletto”. E’ abbastanza vero il contrario, e cioè avere parassiti=mangiare erba con più voracità del solito”: ma queste cose non vanno mai prese come dogmi. Sono statisticamente rilevanti, ma non è che valgano sempre e comunque!

      • ecco no infatti perche’ il mio la mattina l’erba fresca e bagnata di rugiada se la sbafa con volutta’ da morto di fame!! 😉 Di pomeriggio invece, dove la mattina bruca, cerca le lucertole

    • Idem, la mia bulletta in primavera si trasforma in capra: erba fresca e rugiadosa: yummm, tisana!
      In compenso produce lattasi a iosa, non ha mai smesso di bere latte o mangiare yogurt, perchè ha la fissa di fare colazione con me, perciò ogni giorno (o quasi) le metto tre cucchiai di latte o di yogurt in un piattino e se lo lecca a sbaffo come un gattino.
      In somma, è un cane, ma non sa di esserlo. Altro che parassiti intestinali, ha crisi d’identità di specie 😉

  6. non sono daccordo sullo yogurt… che essendo predigerito dai fermenti lattici non contiene più lattosio e non da fastidio.
    il mio (fu) cane con 2 cc di latte “correva in bagno” ma con lo yogurt nessun problema…
    idem per gli umani intolleranti al lattosio o non più abituati a assumere latte…

    e per l’erba.. beh… avrò delle pecore, 2 o 3 dei miei cani regolarmente mangiano un bel po d’erbetta tutti i giorni… solo un certo tipo ma la mangiano di gusto… devo spiegare loro che sono cani da pastori, cani da pecore non pecore…

  7. Solo una precisazione sulla coprofagia. Il mio cane mangiava le sue feci a causa di un’insufficienza pancreatica che non gli permette di digerire gli alimenti ingeriti e nelle feci c’erano resti interi di cibo. Dopo la diagnosi e la cura a base di enzimi, (il problema purtroppo è irreversibile, perchè non si guarisce) abbiamo eliminato il problema.

  8. questa mi era sfuggita e mi sento “in dovere” di fare una precisazione.
    Io faccio yogurth (e non solo) per lavoro e:
    non causa diarrea in quanto nel 99% dei casi è il lattosio che non viene assimilato creando problemi intestinali ma nello yogurth il lattosio (uno zucchero) viene degradato dai fermenti lattici (batteri) che producono come “scarto” acido lattico, che per noi è utilissimo in quanto abbassando il ph favorisce una più lunga conservazione e mette al riparo da numerosi patogeni ph sensibili.
    Anche il mio gatto che è “delicato” di intestino mangia senza problemi lo yog.
    Altro discorso sono gli yog classici da super con aggiunta di zuccheri, conservanti, coloranti e quant’altro.
    Il vero yog e dato da latte e farmenti lattici. Punto.

    • Micaela, è verissimo (l’aveva già puntualizzato qualcun altro, se non sbaglio)… ma la gente normalmente non cerca il VERO yogurt, ma utilizza quello da supermercato…che di cagotto ne fa venire eccome! Mo’ l’ho specificato anche nell’articolo, ma il vero yogurt la Sciuramaria non sa neppure che esista 🙁 !

      • Certo, non era una critica ma solo una precisazione.
        Molte persone non sanno in realtà quello che mangiano, al di là degli ingredienti in etichetta.
        Quando spiego a qualcuno che lo yogurth si può fare tranquillamente in casa senza comprare costosi e futuristici attrezzi ma solo i fermenti in farmacia rimane basito!

  9. Il mio mangiava la cacca egli altri cani da cucciolissimo (direi massimo fino a 4 mesi) ma ora si limita ad odorala. Non ha mai mangiato la sua. Credo che se avesse accesso alla lettiera forse mangerebbe quella dei mici. Sicuramente ci si rotolerebbe dentro. A proposito (off topic), perché i cani si rotolano in cose disgustose (tipo conigli morti o zucca marcia)?

  10. Il Forbid rende sgradevole la propria cacca ma nn quella degli altri. Per cui se il cane è coprofago…non abbiamo prodotto alcun risultato. 🙁

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.