wikidog.1di VALERIA ROSSI – Sempre più allibita dalla piega che sta prendendo la cinofilia (ma forse dovrei dire “l’animalismo”), sempre più perplessa di fronte a certe reazioni.
D.it, un format di Repubblica dedicato alle famiglie, ha pensato bene di pubblicare una serie di articoli dedicati al cane di casa, chiedendo tra l’altro la consulenza dell’ENCI (cosa che rappresenta già uno sforzo di serietà, visto che fin troppo spesso queste serie si affidano al primo redattore che non ha niente da fare, con la massima consulenza del veterinario sotto casa): e pochi giorni ha pubblicato il primo pezzo, sul tema “quanto costa mantenere un cane”.
Gli articoli sono molto succinti e quindi, per forza di cose, stanno sul medio-generico, senza andare a specificare, per esempio, che un San Bernardo costa tot e un Chihuahua costa un tot leggermente diverso… però, leggendo le varie voci, direi che come “costi medi” ci siamo abbastanza: forse qualche voce è un filino alta, ma il risultato finale (che è stato conteggiato intorno ai 100 euro al mese) non mi pare che si allontani poi troppo dalla realtà.
Letto l’articolo e guardato il video, mi aspettavo che qualcuno commentasse “ma no, io spendo meno”, qualcun altro (magari l’umano del San Bernardo) “eh, MAGARI bastassero cento euro!”…e più o meno pensavo che potesse essere tutto lì.
Invece no: svariati commenti attaccano a testa bassa l’articolo sostenendo che faccia “terrorismo” (sic!) contro le adozioni. E si sprecano pure gli insulti al giornalista.
Ecco qualche esempio a caso:

“Al giornalista che ha lanciato questo squallido articolo segnalo, in particolare, che la carta del giornale è molto utile per raccogliere i bisognini del cane. Perchè i giornali, oggi, sono utili solo a questo. E si faccia un cane!”

“Ma cos’è terrorismo ??? io bho… sono allibita.. invece di promuovere l’adozione e far circolare informazioni sul vantaggio dell’ avere un cane qui si tende a fare una lista della spesa… delle spese…ma pensate che un cane siano solo soldi che escono dal borsellino?”

“Ma stiamo scherzando? Questo è un articolo che, proprio in questo periodo di profonda crisi, sembra fatto apposta contro l’adozione dei cani.”

“Con questo state suggerendo di non prendere cani? avere un animale in casa è una gioia e non deve essere considerata una spesa!”

Se stiamo scherzando me lo chiedo anch’io, sinceramente.
Ma cos’avrebbero dovuto fare, ‘sti poveri giornalisti? Invitare tutti a prendersi un cane senza preoccuparsi dei costi, perché ci pensa la Divina Provvidenza?
Così, almeno, appena una famiglia si accorge che mantenere il cane costa (proprio perché siamo in tempo di crisi), lo sbatte in mezzo a una strada?
Mantenere un cane E’ una spesa: forse ci si può fare con meno di cento euro al mese se ci si limita a dargli la pappa una volta al giorno, se lo si lava in casa e se il cane sta sempre in perfetta salute… ma comunque un paio di euro al giorno partono anche se ci si accontenta di un mangime di qualità medio-bassa, o se si sceglie un’alimentazione casalinga non esageratemente raffinata.
Ma basta un piccolo incidente al parchetto, o una qualsiasi malattia, perchè le spese lievitino: se poi la malattia è più seria, o se si deve affrontare un intervento chirurgico, il limite è il cielo.
A me non sembra affatto “terroristico” mettere in conto una media di 100 euro al mese: anzi, aggiungerei “cento euro al mese se non succede mai niente di serio”.
Inoltre, se posso fare anch’io un appunto all’articolo, gli rimprovero di non aver minimamente citato l’educazione del cucciolo e/o l’addestramento dell’adulto: io ne avrei sicuramente parlato, sottolineandone l’importanza almeno per chi non è già un esperto cinofilo, visto che una delle vere risposte serie anti-abbandono non è certo far pensare alla gente che i cani si mantengano da soli e/o non si ammalino mai, ma semmai far capire l’importanza di una buona educazione e ricordare che questa deve cominciare prima possibile, con l’aiuto di un esperto qualora non si sappia da che parte cominciare (e non lo sa, purtroppo, il 90% delle famiglie).
I cani non finiscono in canile perché qualcuno scrive che mantenerli ha un costo: finiscono in canile quando la loro gestione diventa un peso…e questo può accadere per diversi motivi, ma due tra i più frequenti ci sono proprio i costi e l’incapacità di far fronte a problemi caratteriali o comportamentali.
Posso sbroccare per l’ennesima volta di fronte a certi atteggiamenti? Ma sì che posso: e quindi lo urlo proprio:

ACCIDENTI AL BUONISMO E ALL’ ANIMALISMO  FANATICO!

 

Perché fa più danni questo di tutti i maltrattatori e gli abbandonatori di cani messi assieme.
Responsabilizzare le persone prima che prendano un cane ad occhi chiusi e senza ragionare sull’impegno che questo comporta sarebbe “terrorismo”?!? Sarebbe “disincentivare le adozioni”?!?
Ma fatemelo dire, perché mi viene dal cuore: siete veramente pazzi!
O forse ci tenete davvero a non vedere mai più la fine del randagismo, dei canili e di tutte le mangerie ad essi collegati.
Io mi auguro solo che chi ha scritto commenti di quel tenore l’abbia fatto in buona fede e non perché si tratti di persone che, appunto, sul randagismo ci marciano e ci mangiano.Perché il dubbio, sinceramente, viene.

Articolo precedenteCani alla catena: proviamo a parlarne senza estremismi?
Articolo successivoMielopatia degenerativa: l’assurdità della negazione

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

138 Commenti

  1. prima di prendere un cane ho aspettato tanto: e prima di prenderlo ho dovuto acquistare una macchina (il cane sul motorino non ci va!), dopo averlo preso ho speso in veterinario, educatore, cuccia, collare e via dicendo..per l’alimentazione compro il macinato dal macellaio e costa un bel pò..il cane è impegno energetico, emotivo…ma anche monetario! parlarne non è fare terrorismo, è dire le cose come stanno e permettere alle persone di fare una scelta ponderata e non solo entusiastica..

  2. Come proprietaria di cani condivido il calcolo, pur generico. Più o meno è quello che spendo io, anche se dirotto più sull’alimentazione che sulla toeletta, di cui mi occupo personalmente. Ho 10 cani che vivono in casa, quindi la voce ferie e dog sitter è inesistente nella mia contabilità… in compenso le vaccinazioni non consuete (bordatella in primis) e le spese per expo e affini abbondano.
    Come allevatrice devo dire che i costi interessano, eccome. Ho dovuto inserire nel mio sito, appena prima dell’indirizzo mail, l’indicazione che non rispondo a chi mi chiede “Quanto costa.” un cucciolo. Ok, è una cosa importante da sapere, non lo nego, ma non certo l’unica! E moltissimi vogliono sapere, dopo il salasso iniziale, a quanto ammontano le spese per l’ordinaria “manutenzione”. La sensibilità c’è, forse più fra chi si avvicina al cane di razza “doc” rispetto a chi lo compra “per fare il regalo per la comunione del bambino che ce lo chiede da tanto tempo e i suoi amichetti ce l’hanno tutti, ma guardi che è solo per compagnia del bambino”.

    • Ecco io questa cosa non la capisco.. O meglio capisco che ricevere 20 mail al giorno con la domanda “quanto costano i cuccioli?” sia seccante e mi rendo conto che sentirsi chiedere SOLO QUESTO può far seriamente dubitare della serietà del potenziale cliente, però il prezzo d’acquisto iniziale è una variabile importante (non l’unica mi rendo conto ma una delle poche che può essere valutata via mail o al telefono) e penso che indicando chiaramente sul sito i prezzi vi risparmiereste un bel pò di arrabbiature.

      Quando cercavo il mio cane ho selezionato un pò di allevatori che sembravano convincermi ed ho iniziato a mandare mail chiedendo un pò di info generali tra cui (ebbene si) il prezzo.
      Spesso mi sono sentita dire “il prezzo lo do solo telefonicamente” e il mio primo pensiero sinceramente è stato che non volessero metterlo per iscritto per ragioni.. diciamo così.. fiscali.
      Mi son sembrati molto più seri quelli che mi hanno risposto. “In effetti abbiamo una femmina che sarà pronta entro il .. Se vuoi possiamo fissare una visita in allevamento per conoscerci. Il prezzo ammonta a XXX più IVA”.

      Peraltro alla fine ho scelto il più caro tra gli allevamenti che ho contattato perchè è stato quello che mi ha dato più fiducia.

      Non sempre è questione di prezzo.

  3. Dovrebbe l’Enpa in primo piano a pubblicare i costi per mantenere un animale, e seconda si dovrebbe mettere la Brambilla che si mobilità a destra e a manca per gli animali!
    Quante volte mi trovo a parlare di queste cose con conoscenti che dopo avergli elencato tutte le spese fisse e buttato lì a naso qualcosa a sorpresa mi guardano sgranando gli occhi…..per non parlare di chi diceva ma tu sei matta a spendere quei soldi per il mangine X io invece con pochi euro al super mi sono comprato 10 kg tutto fiero del risparmio…peccato che una settimana dopo tutto quello che ha risparmiato nel tempo l’ha speso dal veterinario per curare una bella forma di gastroenterite, è corso a prendere il mangime X a testa bassa e coda fra le gambe…..
    Mi piace questo articolo…mi piace che qualcuno abbia pensato a scrivere un “prezzario” , un peccato è quella gente che ha commentato in quel modo….

  4. Eccomi qui! da ex-umana di un san bernardo (purtroppo) anche un pò sfigato, posso confermare: magari cento euro al mese! Parvovirosi: 5 giorni di ricovero 800 euro.(avevo il cane da una settimana) Il cane zoppica: lastre e controlastre in sedazione 400 euro.e vabbè, che la clinica ci marcia non poco, ma che faccio, non lo curo? Il cane mangia 600 gr di crocche al giorno, costo del sacco da 15 chili 45 euro. sono cose che si DEVONO sapere e mettere in conto quando ti porti il cane a casa…se non avessi avuto quei soldi il cane sarebbe morto a due mesi…

  5. L’articolo l’ho letto quando e’ stato pubblicato e non mi ha entusiasmato (ad esempio, che ci voleva ad informarsi sul fatto che il microchip e’ gratis via ASP veterinaria?), ma da sempre lotto per spiegare ai potenziali adottanti della struttura in cui sono volontario che il costo di un cane non e’ limitato solo al cibo ma anche ad una serie di spese mediche PERIODICHE, perche’ molti, siccome i nostri cani li vacciniamo, vengono con l’idea “ok, il vaccino e’ fatto, sono a posto per la vita”. Poi non significa che una persona poco abbiente non possa tenere un cane dignitosamente, ovvio.

    • Dopo essermi informata a dovere, ho deciso di dare il meglio ai miei cani, in fatto di mangime e dunque non prendo cibo da supermercato, discount o altro. Faccio tutte le dovute visite-vaccinazioni. Perchè ai miei cani voglio bene, tanto bene però come dici tu anche una persona poco abbiente è in grado di tenere dignitosamente un cane. Non dimentichiamoci che per TANTE persone sole, anziane, un cane è l’unico conforto, l’unico modo per amare ed essere amati quando sono stati dimenticati da tutti ma queste persone non sempre si possono permettere queste (indicative ) 100 € !

      • ma si, Katina, sono daccordo, ci vuole misura, non e’ che devi comprare per forza il superpremium (anche perche’ molte volte i super premium hanno tante proteine, e non tutti i cani fanno cosi’ tanto sport), se compri una media fascia dignitosa e magari integri con qualcosa preparato da te (non scarti), allora va bene. Se il cane non ha la cuccia superbella va bene lo stesso. Io vedo una signora che non ha il guinzaglio, ha una corda legata attorno al collo del cane a mo’ di cappio, ma il cane non tira quindi va bene lo stesso. Se non usi il sacchettino alla moda ma un foglio di giornale per raccogliere la cacca va pure bene. Non transigo invece sulle spese mediche, cosa che molti non prendono neanche in considerazione di dover sostenere, cosi’ niente vaccini, niente antiparassitari, niente sterilizzazioni o controlli per evitare problemi.

        • Non si dovrebbe transigere neppure su un corso di educazione/ri-educazione (se è il caso) o addestramento. Pappa e cure mediche sono sufficienti ma non necessarie.

  6. Tempo fa (non ricordo più qual era l’articolo che stavo commentando) OSAI azzardare una spesa approssimativa di circa 150 euro al mese (comprendevo anche la spesa annuale del campo di addestramento)… fui crocifissa in sala mensa alla Fantozzi!! Chi mi accusò di nutrire il cane a filetto (eh..capita… i ritagli magari..), chi mi diede della pazza perchè con 6/7/9/2000 cani che aveva ne spendeva la metà…chi di voler fare i conti in tasca agli altri e simpatiche amenità del genere. Qualcuno però convenì con me…
    Ora leggo che i 100 euro/mese sono la norma… Ho ragione o no ad aver attrezzato (da anni) la famosa riva del fiume con sdraio e ombrellone ???

    ps
    Di sdraio ne ho più d’una…per chi vuole, avanti che c’è posto…

          • Pop-coooorn,
            lupiiiiiini,
            pistacchiiiii,
            zemi de sucaaaaaa
            😀
            Me lo ricordo il tuo commento, quante polemiche scatenò. Però sai mai, QUALCOSA è cambiato, e il business in riva al fiume va per la maggiore 😉

        • io il cane non ce l’ho (ancora….), e nemmeno mi interessa sapere quanto mi costerà (il cane). Mi interessa invece moltissimo sapere a quali spese andrò incontro, perchè fra attrezzatura, addestramento, pappe e visite i soldini sarano sicuramente parecchi. E quelli li paghi per almeno un decennio. Come comprare l’auto senza preoccuparsi di bollo e assicurazione (ah, già, mancava L’ASSICURAZIONE!!!!!)
          Quindi i salatini li porto io, e anche qualche crocchetta “primo prezzo” da lanciare a chi vediamo passare… 😉

          • Bene bene… la “famiglia del fiume” si allarga… Sto disponendo un gazebo…

            Tornando ai costi, come ho sentito in radio tempo fa: “non è la pipa che costa; è il tabacco!”

    • Per il prosecco non è MAI nè troppo presto nè troppo tardi…. E’ sempre l’ora giusta e…se fa caldo è quello che ci vuole per rinfrescare un pò, se fa freddo… un bicchierino di vinello si sa che scalda il cuore e lo spirito…

      AVVINAZZATI CANEMUNITI UNIAMOCI!!!

      • AVVINAZZATI CANEMUNITI?!?!?! allora non posso esimermi, se mi permettete verrei anche io, porterei un po’ di affettati, pane e grissini… scusate, ma là per là non ho tempo di fare la quiche 😉

        • vedo che il gruppo si allarga… 🙂 ma non siamo certo troppi per una polentata con del buon barolo! poi in riva al fiume ha il suo perchè 😉
          (p.s. non ditelo a Valeria, ma un pezzetto di spuntatura ai cani glielo allunghiamo da sotto il tavolo…)

          • (ecco magari al mio no… perchè sai com’è quando hai a che fare 40 kg di ignoranza, in presenza di spezzatino all’ombra della tovaglia il Pedro fa come i grillini in trattativa: preso dalla trance agonistica rovescia il tavolo e tante care cose 😛 )

          • …Allora chiederemo a Pedro (facendo la faccia da padrone Enpa….)di allungarci LUI un pezzetto di qualcosa…
            al limite ci rimane la polenta… Ah no… ho paura che ‘nun ce lasceno manco quella!!!’

  7. Secondo me Valeria sono in buona fede… ormai è lo spirito dei tempi: la verità non conta più nulla, si deve dire solo quello che aiuta a raggiungere obiettivi ritenuti “buoni”. Questa gente vuole ammollarti un cane a qualunque costo, convinta che dopo sono fatti tuoi. Poi sui siti delle adozioni è pieno di appelli, che grondano lacrime e punti esclamativi, di cani riportati in canile da umani crudeli, a cui soprattutto si erano guardati bene dallo spiegare cosa comporta l’adozione di un cane in generale e di quel cane in particolare.
    Se un sacco di sciuremarie sono convinte che un cane sia una sorta di affettuoso trudino la colpa non è solo loro…

      • Sciuramaria è un cecchino!
        Concordo sulla buona fede di animalisti fanatici, che tristezza, mi rifiuto di credere che siano in tanti a pensare ad un proprio profitto sulla pellaccia di poveri trovatelli

    • @sciuramaria ha ragione, sono tanti i cani che tornano al canile dopo un mese dall’adozione se non prima. Ma c’è anche chi ci specula, purtroppo 🙁

  8. Si salvi chi può… per una volta che qualcuno spiega che prendersi cura di un animale ha dei costi “importanti” (non solo a livello di tempo)tutti a gridare allo scandalo! Vorrei vedere quanti di questi “signori” hanno mai messo piede in un canile… quanti cani di razza abbandonati perchè i padroni erano impossibilitati a gestirli! Quanti cani non vengono curati dai veterinari perche il povero padrone non ha i soldi. La realtà è questa miei cari: un cane costa, due cani costano il doppio, tre, il triplo… e 100€ sono, come sottolinea Valeria, un costo di media perchè se ti capita il cane sfigato o il cane mangiatutto è un attimo far quadruplicare la stima. Magari le associazioni di difesa dei cani mettessero in guardia i futuri pardoni, sai quante povere anime non verrebbero restituite al mittente? Con questo non voglio dire che avere un cane sia un lusso ma che è impegnativo, e, se non si ha la fortuna di navigare nell’oro, bisogna essere pronti a fare delle rinunce per il bene del nostro compagno, esattamente come le faremmo per un nostro caro. Grazie e saluti a tutti!!

    • Anche decidere di avere un figlio costa e tanto eppure lo si fa, la scelta di prendere un cane deve essere sempre ponderata, valutando sia i pro che i contro(parlo di neofiti naturalmente), ma oltre questo e’ basilare amarlo il cane, non come un pelouche, o un giocattolo, ma come quello che sara’ il tuo compagno di viaggio per un pezzo della tua strada, come un amico di cui ti potrai sempre fidare cecamente, perche’ Lui al contrario dei bipedi non tradira’ mai.

      • il problema è che in uno stato di cose in cui si paventa il “redditometro” animale, fare certo conti in tasca è pericolosissimoooo 🙂

  9. “una media di 100 euro al mese: anzi, aggiungerei “cento euro al mese se non succede mai niente di serio”.” Non posso essere che d’accordo! Ovviamente con tutto l’articolo 🙂

  10. Tutto bene considerato questo discorso si potrebbe applicare anche ai figli e……….dunque prima di….darsi alla pazza gioia e procreare, bisognerebbe fare un bella botta di conti o…amore e incoscienza possono bastare ?

    • il discorso è un po’ diverso perchè per le emergenze umane abbiamo molte possibilità: ospedale “quasi” gratuito per dirne una. Il veterinario che ti cura il cucciolo gratis io devo conoscerlo ancora.
      Detto questo, secondo me si comunque, per avere un figlio deve pensare ANCHE a come lo manterrai. Io ho 24 anni, età in cui cominciare a sposarsi e/o avere un figlio diventa quasi normale…eppure io vedo i miei coetanei e me stessa per prima arrabattarsi per mantenersi fino a fine mese.

  11. In Svizzera è obbligatorio, per chi non ha mai avuto cani, frequentare un mini-corso di 4 ore teoriche in cui si illustra un po’ di tutto sulla gestione del futuro amico a 4 zampe. Uno degli argomenti è proprio questo, quanto costa un cane: la spesa iniziale (adozione in canile o cane di razza), corredo minimo, corsi obbligatori in Svizzera, costi fissi (cibo, veterinario, antiparassitari, ecc.). Siamo arrivati a calcolare che un cane costa da 120 a 180 euro al mese, non mi sembra che il giornalista sia fuori strada (in Svizzera cibo e veterinario sono più cari che in Italia).Anche noi preferiamo informare PRIMA piuttosto che trovarci poi con famiglie costrette all’abbandono perchè non sono in grado di mantenere il loro amico a 4 zampe…..

    • E` troppo giusto perche` anche preso il cane nelle condizioni esconomiche miglliori poi i casi della vita sono quelli che sono e puo` succedere nelle migliori famiglie ma chissa` perche` quando succede nele migliori famiglie una soluzione la si trova prima diportare il cane al canile. Perche` nelle famigle dove veramente si ama il cane non ci si vergogna a chiedere aiuto ad amici e conoscenti, ai parenti, spiegando la situazione. Magari si ha l`impressione di umiliarsi ma sono convinta che ne vale assolutamente la pena per poter continuare a vivre con loro. SE un amico mi chede di ospitargli per un poco il gatto fin che non si sara` ripreso lo faro` volentieri! L`amico stara` tranquillo, il cane o gatto avra` un posto dove stare, nuovi amici, pappe buone e il lettone su cui dormire e io no mi rivotero` nel letto la notte in preda ai rimorsi per quel che avrei potuto fare e non ho fatto. Chi ha bisogno cheda fin che non trova qualcuno disposto ad aiutarlo, lo trovera` sicuramente anche se ha dapiazzare in stallo un San BErnardo perche` il mondo e` brutto ma e` anche pieno di persone che amano gli animali, non bisogna mai dimenticarlo quindi prima diportarlo al canile provate chiedete, fate sapere agli amici degli amici che vui serve uno stallo per la cucciola che e` sempre vissuta con voi! Inseritela nella nuova famiglia gradualmente e appena riavrete il lavoro andate a riprendervela ,…o lasciatela se vedee che e` piu` felice con le nuove amichette di casa…insomma BADATE INNANZI TUTTO ALLA FELICITA` DEIL CANE!

      • ti invidio per aver avuto un’esperienza così positiva. Ho avuto bisogno di trovare uno stallo a un cane di taglia piccola e fidati, ero così disperata alla fine che avevo quasi pensato di attrezzargli il mio box. Gli amici erano “magicamente scomparsi” e i volontari offrivano solo stalli a pagamento (a cifre irragionevoli, visto che il padrone della bestiola aveva perso casa e lavoro..)

  12. Brava Valeria, come al solito bellissimo articolo, che mette in evidenza quanto in alcuni casi gli animalisti come me si facciano autogol da soli. Come ho sempre detto, quando affido un cane che devo fare adottare, talvolta mi trovo a far presente che un cane HA un costo di mantenimento che bisogna mettere in conto, e che, se non ne hanno le possibilità, è meglio attendere, e non c’è nulla di cui vergognarsi, cazzarola!!

    Da volontaria ed animalista, non credo affatto che ciò disincentivi le adozioni, ma anzi spero che possa far ragionare quelli che pensano che mantenere un animale sia facile e poco costoso.

    Lo sappiamo tutti (o almeno dovremmo!) che il nostro amico ha bisogno di cibo (no, gli avanzi della nostra cena non vanno bene), che vanno vaccinati (strano ma vero), che, almeno nel mio caso e delle mie adozioni vanno sterilizzati. Ecco, queste sono le spese base, per quanto mi riguarda. Poi ovvio, ci sono gli extra. E se il cane/gatto si ammala? SE ha bisogno di terapie? Che facciamo, lo facciamo sopprimere?

    Troppe volte ho visto cani portati in canile o dati in adozione perchè le sorti finanziarie del padrone sono cambiate, ed è brutto a dirsi, ma il cane è “la cosa” che viene tagliata prima dal bilancio di famiglia.

    Ecco, semmai spero, molto utopisticamente, che questo articolo faccia riflettere le sciuremarie o i sciurmari che vogliono prendere un cane/gatto senza sapere che oltre alla responsabilità morale che abbiamo verso di loro, c’è anche da calcolare che noi abbiamo anche la responsabilità del loro benessere da tenere in conto.

    Anche mettendo mano al portafoglio.

    E agli animalisti talebani che gridano allo scandalo consiglio una bella camomilla. Da volontaria. Col cuore.

    • Ho letto i commenti all’articolo sul D.It…. sono rabbrividita su quella che con molto meno ci mantiene due cani da 30kg l’uno…
      Ma neanche se li mantieni a pane secco ce la fai!!!

      • penso che solo di vaccini obbligatori e antiparassitari sfori un budget così limitato, con due cani di media taglia

        • Vaccini?? Antiparassitari?? Nononononono!!!! Io al mio ammmoooore quelle robacce non le metto!!!
          Sono tutte cose nocive che hanno inventato le case farmaceutiche…e gli allevatori kattivissimi per giustificare le malattie dei loro cani di razza caggggionevoli di salute…..

          • Rido per non piangere…..
            Mi sembrano le parole di una volontaria di un canile che ci portava il suo cane in toelettatura a fare lo shampoo antiparassitario perchè era sempre e costantemente invaso dalle pulci, ma mi raccomando non asciugatelo col phon perchè è uno strumento di tortura bruttissimo anche se fuori ci sono 0 gradi il cane non va nemmeno asciugato “poi se magari mi fa pagare meno perchè non ha dovuto asciugarlo sa…..”

  13. “Tutto bene considerato questo discorso si potrebbe applicare anche ai figli”, ma infatti! Avendo sfornato tre pargoli in 4 anni, un tempo ero assidua lettrice dei vari Insieme, Donna e mamma, ecc, più per i regali che altro, perché si ripetevano sempre gli stessi articoli: quello dei costi del bebè nelle varie fasi della crescita era ciclico eppure non si scandalizzava nessuno, non arrivavano fiumi di lettere di protesta di gente offesa, invasata o altro. Probabilmente quelle riviste non venivano comprate dagli animaloidi, categoria che personalmente mi fa davvero molta paura.

  14. Io spendo molto di più per i miei gatti (2) sfigati. Anzi sfigatti!
    Solo quest’anno hanno avuto un blocco intestinale da pelo (nonostante il mangime apposito e costosissimo) un otite e diversi punti di sutura allo scemo che è rimasto appeso alla rete del giardino e si è sbregato la pancia. Ed è solo aprile!
    Purtroppo c’è ancora gente convinta che il cane può mangiare i nostri avanzi, che le vaccinazioni non siano necessarie, che solo i cani di razza costano.
    Se si può risparmiare sugli accessori ( il mio primo cane mangiava da un vecchio piatto e aveva come guinzaglio una corda) è impensabile non prendere in considerazione cibo e salute come costi necessari!!

    • son davvero sfigatti, poveri…
      Io ho gatti da una vita e devo dire che come costo (non solo pappa, ma vet e tutto il resto) non c’è confronto con un cane… sono estremamente più economici (anche sotto l’aspetto dei vandalismi cuccioleschi)

    • sacripante… nemmeno il mio miciotto, sfigattissimo quando entrò in casa, è mai stato così cataclismico °_°
      solidarietà… in effetti Andy micio (fino ad ora, facendo i debito scongiuri) è stato MOLTO più contenuto nella richiesta economica di suo fratello cane. eppure quando lo presi dalla veterinaria mi terzogradizzarono h24 sulla sistemazione che gli avrei riservato, accennando anche ai costi… sarei stata veramente pirla se mi fossi offesa per questo, volevano solo accertarsi che il bestio andasse a fare una bella vita.
      comunque a livello di soldi l’unica cosa che i quadrupedi ancora non hanno fatto è stato chiederci le chiavi della macchina e 20 leuri per andare al cinema.

    • ….Sto morendo interiormente per il povero sfigatto rimasto appeso.
      Quanto cavolo si deve essere fatto male? Ow.

      Comunque ti capisco.
      Il mio gatto -che dev’essere una specie di creatura demoniaca uscita dagli inferi per portare il caos..- ogni tanto torna a casa letteralmente coperto di sangue. Spesso non suo.
      Io non so chi o cosa vada ad attaccare, o con cosa litighi..Ma lo fa di frequente.
      Ora è coperto di graffi e cicatrici.
      Inutile dire che le corse al veterinario non previste, si sono fatte un sacco di volte.
      Ed ora lo porteremo pure a castrare -altri soldi in più che se ne vanno-, che si avvicina pure la stagione degli amori. L’estate scorsa botte da orbi con i gatti del vicinato.

      Altro che 100 euro al mese…
      Solo il gatto di 5 chili tra un po’ mi costa più del cane di 27.
      Ma come dicevi tu, le spese mediche sono assolutamente necessarie.
      Sul resto si può anche fare un po’ di risparmio in più..Tanto sia cane che gatto mangiano comunque la loro pappa anche se non è proprio la master-premium-ultra-per-cani-che-spaccano. XD

      • Il problema è che il mio Linus ha la pelle della pancia “molle” che quando corre sbatacchia tipo marsupio ed è un niente impigliarla come un vestito troppo largo. Che poi nessuno è riuscito a spiegarmi il perchè della pancia molle dei miei gatti (entrambi). Tutti li scambiano per gatte incinte. Un vet mi ha detto che è perchè li ho fatti castrare troppo giovani (6 mesi) ma non capisco il nesso. Che poi Linus smentisce alla grande la teoria che i randagi trovati in strada siano robusti e sanissimi.
        Vomita un giorno si e l’altro anche a meno di nutrirlo con costosissimi mangimi appositi (naturalmente odia il remover costringendomi a braccarlo per casa con suo fratello che insegue me per averne un po’) ed è così svelto che è già stato investito due volte (x fortuna solo qualche botta ) ed è caduto dal tetto (adore stare a testa in giù a guardare i nidi sotto la grondaia) e non c’è verso di tenerlo in casa. Pianta certe sceneggiate!
        Crado che un alano mi costerebbe meno. sicuramente in termini di preoccupazioni!

        • Anche le mie due gatte hanno la pancia molle….però sono state sterilizzate in periodi diversi, una a 1 anno e mezzo e l’altra circa 6 mesi e mezzo…
          Anche una delle mie vomita spesso e volentieri quando mangia le crocchette ( anche quelle specifiche per problemi digestivi) ed è allergica alle marche più commerciali…però sono riuscita a trovare delle bustine che tollera a un prezzo ragionevole!

        • Capisco…Anche il mio ha la pancia un po’ molliccia e non è ancora castrato..Immagino dopo, che figo diventerà. XD
          Comunque la pancia molle potrebbe dipendeere dagli ormoni o cose del genere?
          Sai la storia dei gatti che ingrassano dopo castrati. Magari ha a che fare…
          Non so. E’ un’ipotesi.

          Comunque il vomito può essere dovuto al “perchè s’ingozzano”.
          Appunto perchè ex-randagi, i tuoi potrebbero essere abituati a contendersi il cibo. Del tipo “oggi ce n’è, domani non si sa.” quindi trangugiano come aspirapolveri tutto ciò che trovano.
          Anche il mio fa così spessissimo.
          (Arriva dalla casa di una donna che aveva la casa piena di gatti.)
          Mangia, si guarda in giro, continua a mangiare tra un po’ senza nemmeno masticare e poi vomita tutto due secondi dopo.
          Abbiamo chiesto anche al veterinario e anche lui sostiene la teoria dell’ingozzo.
          Ci ha suggerito di dargli da mangiare in una stanza completamente chiusa, in modo che non possa vedere nessuno attorno a lui.

          E comunque…Ma cacchio, che sfiga! Il classico gatto con nove vite. X’D
          (Comunque già fortunato..Il mio secondo gatto -l’unico animale che io abbia mai voluto adottare proprio di testa mia, oltretutto- è stato investito dalla macchina di quel……….Demente….del mio vicino. Purtroppo lui non è sopravvissuto..)

          • Lui e suo fratello sono stati trovati cuccioli in un garage assieme alla mamma (probabilmente abbandonata incinta perchè era molto socievole per essere randagia) e quindi non hanno mai dovuto contendersi alcunchè, erano ben nutriti anche se pieni di ogni parassita immaginabile (pulci, acari, vermi).Linus è sempre stato molto selettivo con il cibo per cui anche se castrato è sempre stato magro, per questo non mi spiego (e nessuno ha saputo spiegarmi) il fatto della pancia penzoloni.
            Ha più senso in suo fratello che è precisamente il doppio(sono identici, solo in scala 1:2)

      • Beh vedrai che dopo la castrazione il tuo litigiosissimo felino tornerà a più miti consigli.
        E ti risparmi le ansie per Felv e Fiv. Io mi son sentita in colpa per giorni per aver fatto castrare il mio micione ma ora che lo vedo inseguire allegramente uccellini mentre i gatti del vicinato si scannano per le gatte in fregola ad ogni stagione penso che ho fatto decisamente la scelta giusta.

        • Guarda, lo spero.
          Già di suo, il mio gatto è abbastanza un grande stronzo -perdona il francesismo- caratterialmente. (Per dire..In questo momento, mentre scrivo, mi sta masticando una mano contemporaneamente mentre si sta leccando il pelo. Perchè? Bho.)
          Comunque io non mi sento in colpa..ANZI!
          So che gli farò un favore nel momento in cui non dovrà più preoccuparsi di gatte in calore, territori più ampi ecc..

          E’ solo che è stato bravo per un anno e mezzo -niente litigi, casini o pisciatine in giro- per cui per un po’ abbiamo lasciato correre…Ma ora è diventato il figlio del demonio.
          Ha graffi ovunque. OVUNQUE. Anche dentro le orecchie.
          Io ho sempre il terrore che un giorno mi torni a csa senza un’occhio, grondante sangue, o moribondo..(Perchè le ultime due cose le ha già fatte, per cui me le aspetto.)
          La volta scorsa per capire se fosse sangue suo o meno, abbiamo dovuto fargli il bagno..Era conciato da buttar via…

          • Portalo a fare un esorcismo!! ;-D ;-P
            Che pazienza che devi avere…..io dopo le mie due gatte penso che non prenderò mai più un gatto, nel complesso sentendo vari racconti le mie due sono degli angeli….ma non c’è paragone con un cane!!!!

          • vabbè, io ora ho tre gatti. 1 femmina di tre anni, un maschio di 5 (il mio ciccione da 8 chili) e una femmina che va per i 18….tutti rigorosamente sterilizzati. il problema è che la vecchietta s’è rimbambita, e fa la pipì ovunque. sto vivendo col mocio in mano da sei mesi….tutto sommato so’ meglio le risse! 🙂

  15. vabbé…non c’è da aspettarsi molto di meglio da gente che precisa di avere cani “rigorosamente presi al canile”.
    di norma (non sempre, per fortuna), partono ben premuniti di fette di prosciutto a occhi e orecchie, ogni dimostrazione o spiegazione ragionevole è inutile. hanno ragione loro. sempre.

    • Io l’ho preso il cane al canile…
      1) Iscrizione al corso di educazione;
      2) Mangime ad hoc;
      3) Cuccia in legno con tetto impermeabilizzato (ci è entrato una volta e poi mai più), ciotole, panno ad hoc per asciugarlo – coll’asciugamanone ci si mettono tre ore;
      4) Antiparassitari vari;
      5) Accessori per toeletta;
      6) Collare, guinzagli, medaglietta “seria” di riconoscimento e museruola;
      7) Kennel, cuscino e fagiolo adatti alla stazza;
      8) Innalzamento rete di recinzione e sostituzione delle doghe in legno del cancello con altre in metallo;
      9) Esami del sangue ( per capire se avesse lehismaniosi e affini)
      10) Spese veterinarie extra perché hanno cercato di avvelenarlo.
      11)Giochini.

      Che un cane provenga da un canile mica vuol dire che sia autoimmune, correttamente educato a prescindere e si autoalimenti o che lo si possa mollare dove capita tipo trudino…

      • ti hanno tirato una sòla: il vero cane da canile è sempre e rigorosamente AUTOTROFO e FOTOSINTETICO… gli bastano acqua e luce, e tanto ammmmore! 😛

        • ahahah hai dimenticato che e’ anche immune a qualsiasi malattia e non ha nemmeno bisogno del collare anti pulci/zecche pappataci!

          • Eppoi, il cane del canile non la fa mai. Nè in casa nè fuori. E non mangia i cuscini del divano nemmeno con una fetta di mortadella sopra. E dal veterinario ci va da solo (coi mezzi pubblici). Inoltre ai giardinetti tutti vogliono giocare con lui perchè lui non è mica un kanekiller, si vede da lontano che è un ammoooooooreeeee!

      • …….Posso chiederti lumi sul punto 7?
        “…Cuscino e FAGIOLO adatti alla stazza.” da ignorante & sciuramaria chiedo: Cos’è il fagiolo?

        • Scusate, il “fagiolo” non è altro che la cuccia da interno in plastica, dove ci si piazza un cuscinone da svacco per il peloso. A furia di sentirla chiamare così ho preso l’abitudine anche io 🙂

          • Ohh..Okay. XD
            Io stavo già immaginando cose per cani di alto design, tipo poltrona a sacco per cani o cose simili..XD

  16. Secondo me invece e` stata un`ottima idea fare un articolo sui costi del cane anche se #costi medi” perche` un mucchio dei gente non ci pensa e poi si ritrova nei casini.
    Non so perche` non ci pensi, un cane, un gatto sono esseri viventi come non si puo` pensare al fatto che costera` mantenerli?
    Eppure molti non ci pensano. Anni fa ho avuto 2 gattine prese perche` la padrona “non ce la faceva piu`” a mantenerle, mi ha fatto piacere aiutarla perche` veramente era in una condizione difficile e le ho prese con piacere e per tutta la loro vita ho tenuta informata l`ex mamma sulle loro condizioni di salute, e` venuta a trovarle piu` volte etc… ma cavolo! Bisogna pensarci!!!
    E soprattutto se capita qualche guaio troppo grosso dal punto di vista economico bisogna almeno preoccuarsi di sitemare cani e gatti al meglio.
    In verita` c`e` ancora troppa gente che pensa di nutrire cane e gatto con gli avanzi. Oggi sono passata a trovare un cagnollino che sta sempre alla catena e gli ho portato il pollo lesso (avevo chiesto alla padrona se potevo, naturalamente, come un “bocconcino” e mi aveva detto detto di si) e ho ritirato dalla ciotola le lische di pesce che per fortuna non aveva mangiato. Ma come si fa dare le lische di pesce al cane? E` pazzesco le porcherie che gli danno da mangiare, veramente gli avanzi mescolati a un po` di croccantini.
    Ecco c`e` gente cosi`. Sarebbe meglio che non ce lo avessero un cane secondo me, sarebbe meglio che avendo letto che mantenere un cane costa 100 euro minimo al mese, spaventati dalla cifra, avessero rinunciato.

  17. io non li spendo manco in tre mesi 100 euro! Allora, diciamo che ci son spese che son necessarie ed altre che no. Es.: cuccia e cuscini? abbiamo coperte in casa? maglioni vecchi? con un po’ di creatività si possono fare, non serve necessariamente comprare il cuscinone nel petshop a 90 euro, la vasca di plastica io l’ho comprata 15 anni fa alla mia precedente cana ed ancora ce l’ho… i collari ed i guinzagli possono costare 50 euro l’uno ma anche 5 euro (i miei constano 5 euro il collare e 3 euro il guinzaglio e funzionano), Cappottino glelo faccio, se serve, a maglia— altrimenti lo compro ma spendo meno che posso (magari prendendolo in estate o badando più alla sostanza che all’apparenza), il mangime se non vogliamo svenarci o non possiamo permettercelo prendiamo un cane che mangi meno, non è obbligatorio avere un san bernardo, un cane di 10 kg ti fa compagnia lo stesso. Le spese mie sono per la pappa, per gli antiparassitari e per il veterinario… Ok son fortunata, il cane è sano, ma le spese straordinarie le conteggio a parte… Mediamente in un mese per il cane spendo dai 15 ai (massimo) 25 euro… Se necessitasse spenderei di più ma di certo non butto via i soldi in cretinate per me e non lo faccio nemmeno per il cane…

    • 15 euro di cibo al mese? Improbabile farcela con 15 euro anche preparando il cibo in casa per un cane di 10 kg. Anche per un gatto si spende mediamente di più.

      Per la mia (32 kg) con una dieta simil BARF, spendo sui 45 euro al mese, ma poi c’è tutto il resto:
      corsi, libri, viaggiare con lei costa di più (non posso usare il treno… quindi per tornare dai miei 800km posso usare solo la macchina), in vacanza (i last minute non includono la presenza del cane e in un appartamento costa mediamente 8 euro al giorno, sul traghetto si paga e ti devi adattare…), etc.
      Alla fine, conti alla mano spendo, più di 100 euro.
      Sono i costi “indiretti” a pesare molto, con questo non dico che non si possa risparmiare

      • Ambeh… lasciamo da parte il capitolo “viaggi e vacanze”…..
        A noi è costato…un camper…
        E tanti ne ho sentiti che hanno fatto questa scelta per portare il cane in vacanza senza problemi… ma avete idea degli anni in albergo che ci si fanno con il costo di un camper, anche usato??
        Se ci mettiamo anche quelli… Facciamo il botto!!

        ps. ovvio che ci deve già essere una mezza idea di fondo sull’acquisto del mezzo, ma diciamo che il cane ti dà il…colpo finale…!!

        Emmò..speriamo che non mi salti su l’animalista di turno a dirmi che il cane in camper è sacrificato poverino… Perchè stavolta li “sacrifico” io alla buona causa… quella della nostra pace interiore…:):)

        • Nooo, mi hai sfatato un mito! 🙂
          Spero che mia sorella (l’addetta alle spese del cane, perchè io glielo tengo aggratis, ma per mangime, vet, varie ed eventuali paga tutto lei) non legga il tuo commento 🙂 ero quasi riuscita a convincerla a noleggiare un camper per le vacanze col cane senza preoccuparsi se può/nonpuò, e costi aggiuntivi solo per il fatto che il cane c’è, perchè per 8 euri al giorno medi in un qualsiasi appartamento non è che sgobbino per fornirti di qualche accessorio utile o di una pulizia igienizzante particolare, quella fanno (se la fanno)

          • Col cane…camper for ever!!
            Poi dipende da che tipo di vacanze ami fare, noi che abbiamo sempre amato spostarci e visitare abbiamo preso questa decisione. Abbiamo provato ad affittare casa (noi privilegiamo l’estero per le ferie) ma non siamo stati soddisfatti. Devi sempre tornare alla base quindi gli spostamenti sono limitati. Se devi visitare qualcosa dove il cane non può entrare devi fare i turni. Con il camper la casa te la porti dietro, il cane ha spazio per muoversi ed un posto che riconosce come “tana” anche quando (raramente) capita di doverlo lasciare su; non hai il problema del sole perchè il camper ha dei ventilatori che rinfrescano l’aria, quindi anche se non trovi parcheggio all’ombra non ci sono problemi.
            Le pulizie le fai in 10 minuti….bagno compreso…
            La cucina del camper non consente pranzi di 4 portate…. quindi il tempo ai fornelli è limitato, e poi… vai di BBQ!!

      • 15 euro di cibo al mese in effetti è davvero pochino, anche prendendo i barattoli che vendono al supermercato e garantiscono una sicura diarrea.

        • beh, è facile… ho un cane di 8 kili… con tre kg di mangime ci faccio un mese prendendo un mangime medio (trainer, almo in genere) spendo sui 15/18 al mese… la cagna sta da dio e mangia pure gli avanzi di casa.

          • Ma allora tu calcoli solo il cibo. Ma se ci metti le vaccinazioni (in certe zone anche l’antirabbica),gli antiparassitari ormai quasi tutto l’anno, magari una sverminazione ( io una volta all’anno la faccio anche ai gatti) e un prodotto per lavarli (giustamente a casa se non è un cane impegnativo da quel punto di vista) te ne vengono fuori altrettanti se non di più.
            Anche se quando ero piccola la nonna lavava il simil lagotto col perlana e lo rasava tipo pecora e lo trovavo divertente ora a pensarci mi vengono i brividi!

    • Allora, cuccia e cuscini in genere non si cambiano come i calzini, per la cuccia presa nell’iper e scontata ho speso mi sembra 25 € circa 3 anni fa… e forse ne potevo anche fare a meno, perchè il 90% del tempo sta sul divano…(chiamalo scemo..). I collari e guinzagli scusa devono essere di qualità, se hai un cane tranquillo puoi anche prendere quello da 5 euro, un cane da 35 kg quando decide di partire perchè ha visto il gatto o perchè ha visto una persona che gli sembra poco affidabile un collarino da 5 euro lo usa come filo interdentale. Il mio mi ha aperto il gancio del collare con uno strattone, gancio con sezione da quasi 1mm… Nei primi 4 mesi (preso adulto in canile) mi ha spaccato 3 guinzagli perchè doveva seguirci ovunque (legato all’interno del cortile della villetta di un parente al quale avevamo fatto visita e non volevo che il cane entrasse in casa, visto che animali non ne ha…ha spaccato il guinzaglio e ce lo siamo trovati a grattare i vetri della porta…E’ riuscito a rompere anche il primo flexi (sì…mea culpa…per le uscite sanitarie uso il flexi, non voglio inzaccherarmi sempre le scarpe nei prati…)Per il secondo ho chiesto a Batman di costruirmi qualcosa……
      Il cappottino a maglia non glielo posso mettere perchè è un pastore con una moquette di sottopelo, ma l’impermeabile perchè non si infradici sotto la pioggia (per comodità mia, lui manco la sente) ho dovuto comprarlo perchè non sono capace di farlo.
      In ultimo, se a me piace il San Bernardo non mi prendo un cane da 10kg… Non stiamo parlando di scarpe, maglie o borse… Se non posso comprarmi la Luis Vitton magari la prendo tarocca dal marocchino, ma il cane? Se amo i cani grandi non prendo di sicuro un barboncino…

      • beh, se non puoi comprarti la louis vuitton, ti assicuro che non muore di fame nessuno, ne tu, ne tantomeno il sig. vuitton 🙂 Il cane uno lo prende anche in base a cosa può permettersi, la mia è 8 Kg perchè era quello che le mie finanze e il mio stile di vita, la mia casa e la mia auto mi consentivano… ma non ha nulla in meno di un cane di 30, guarda, ha 4 zampe motrici, pelo aghiforme pungente impiastra-pile, doppio tubo di scarico per liquidi e solidi di piccole dimensioni ma funzionante, dotazione difensiva di prima qualità che se volesse potrtebbe fare discreti danni sia alla casa che all’auto ma son stata fortunata trattandosi di una bestia raccattata e lei non lo fa… se lo facesse avrei probabilmente dovuto aggiungere la spesa di un kennel più grande per evitare troppi danni in mia assenza. Per il resto, guarda, collari robusti ne esistono anche da 10 euro (per il tuo un po’ più grande) io ho un semistrangolo imbottito e con la sua bella catenella metallica e l’ho pagato 5 euro, un altro lo ho pagato 20 ma me lo sono fatto fare su misura dal sellaio, un altro ancora di metallo delle ferplast l’ho pagato 7 euro, per un cane più grosso costerebbe magari il doppio ma non lo prendi tutti i mesi… Il flexy lo odio ma per lo stesso tuo motivo ne ho preso uno, pensa un po’, dai cinesi e l’ho pagato 5 euro… ce l’ho da un anno e non si è ancora rotto nonostante i tironi che la signorina mi dà… si vede che poi alla fine non serve spendere molto di più per un flexy di marca… La cosa che mi fa specie entrando in un pet shop è quanto le cose costino rispetto allo stesso oggetto per uso umano: vedi i giochini fischiabili che fanno i cinesi e pagh sugli otto euro, se prendi lo stesso giochino ad uso bimbo lo paghi 4/5 euro al massimo, idem i pupazzi e sicuramente la qualità è migliore. Cuscini… cazzarola… stoffa, imbottitura, filo per cucire… prezzo umano sarebbe?? 20 euro?? uno grande si… e trovi pure le federe di riserva… un cuscino da cane di infima qualità, misura 60 cm lo paghi??? miiinimo 40… le copertine di pile da cane costano sempre più di dieci/dodici euro… quelle da supermercato umane costano 3/5 euro… Ci rendiamo conto che ci pigliano po’ culo??? Maglioncino/impermeabile? costa di meno il cachemire da neonato che un cavolo di vestitino da chihuahua??? Massùùù…
        Diciamo che molte volte ci si fa prendere dall’euforia da shopping per i cani così come per il resto? E che a loro basterebbe molto ma molto meno? E magari sarebbero molto ma molto meno allergici/stressati/disadattati /diarroici?

        • Se voglio la Luis Vitton, perchè mi piacciono le borse marroni con le scritte dorate, non mi compro una borsa rossa…non so se rendo l’idea…
          I mobili li compro in base allo spazio che ho in casa ma l’abbonamento a Sky lo faccio per quel che voglio vedere, non è che se mi piace il calcio ma costa 70 euro allora faccio il cinema che ne costa 40…(cifre a caso eh? Manco ce l’ho sky..)
          Sarò sbagliata io, ma per me “cane” = quadrupede che mi arriva ad altezza mano, giusto giusto per essere accarezzato. Se mi devo chinare non va bene…(sto facendo ironia….) Seriamente, a me i cani piacciono un pò grandini e lupoidi. Visto che mi devo prendere un impegno che durerà un bel tot di anni, almeno per qualcosa che mi entusiasma…
          Mi dici come faccio a giocare alla lotta con un cane da 8 kg? Alla prima ginocchiata che gli tiro mi va lungo e disteso… Come faccio a sudare con il tira e molla con un canetto?
          Mi dici cosa gli fa un cane da 8 kg a sei zingari che ti guardano e fanno gli spiritosi alle 11 di sera??? Ti dico cosa fa un cane da 35… Si pianta sulle zampe e li fissa….senza emettere un suono… Si mette tra te e loro… duro come il marmo… sai cosa fanno gli zingari? Continuano a fare gli spiritosi a 6 metri di distanza…mentre se ne vanno…
          Ovviamente tutto questo è un “pour parler”, ognuno è libero (ci mancherebbe) di scegliersi il cane che vuole. E un cane grande e forte richiede “addobbi” di conseguenza.
          Il collare di prezzo accettabile l’ho comprato anch’io, (25 o 30 euro…) ma dopo un anno si è letteralmente aperto il gancio a cui attaccare il moschettone, aperto come se fosse di alluminio… abbiamo provato a piegarlo con le mani e non c’è riuscito nessuno…questo per dire la potenza del tiro e dello strattone… Ora ha il collare da 56 euro… da 2 anni ed è ancora perfetto.
          Il primo flexi è stato spaccato dopo 6 mesi… Quello che ho ora l’ho pagato di più..
          Posso risparmiare sui cuscini della cuccia (vanno bene maglioni e coperte), sui giochi (tanto la bottiglia di plastica a cui togliere il tappo è sempre il preferito), l’impermeabile è costato non so se 35 o 40 euro, un prezzo secondo me folle… gli è anche grande (comprato praticamente d’urgenza..), l’ho rappezzato alla meglio per adattarlo alla taglia, è inguardabile ma vedendo i prezzi dei nuovi si tiene quello che ha, almeno non fino a quando ne troverò uno in svendita…(che non sia giallo limone o verde menta…non me lo perdonerebbe mai…)Il suo asciugamano è un mio vecchio accappatoio da buttare “riciclato”… Quando glielo butto sul dorso si sente un re…non se lo scrolla nemmeno di dosso… va in giro che sembra quei cavalli da giostra medievale…
          Ma non posso risparmiare nè sul cibo, nè sulla salute, nè su quello che garantisce il controllo e la sicurezza del cane.
          Poi sono d’accordo con te che ci marciano sopra, ma permettimi di farlo notare….raramente vedrai un cane grande con cappottino vezzoso o il collare swarosky ….
          Diciamo che qualcuno lancia l’amo….e in molti abboccano!

    • Beh sono abbastanza d’accordo con te, però uno che ama i cani di taglia grande non credo si prenderà un chihuahua per risparmiare nel cibo, a meno che non sia una persona che dall’oggi al domani decide che vuole un cane e che la cosa più importante è che abbia 4 zampe e magari che faccia i bisogni nella lettiera….
      Io ho due cani di taglia media e tra mangime ( grain free, ok io sarò un po’ fissata, ma nn mi lamento), vaccinazioni (2 all’anno per cane), pastiglie per la filaria, antiparassitari probabilmente non arrivo a 100 euro al mese ma adesso temo di dimenticare qualcosa….
      Piu ci sono le spese che ho sostenuto all’inizio tra cucce da esterno, cuscini per casa (non sono un’abile creativa), trasportini per auto, guinzagli, collari/pettorine.
      Sterilizzazione della femmina, la femmina mangia il sasso visite su visite ( e mi sono risparmiata l’operazione, che culo!),…ortopedico per lastre anche….
      Spese per corso educazione base, più lezioni di agility e rally-o……..
      Giochini , sfido chiunque entri in un pet-shop a non comprare un giochino che il vostro amatissimo cane distruggerà in 10 secondi netti……ora che i cani sono due mi sono data una bella regolata e ora sono quasi in grado di resistere a questo tipo di tentazioni 😛

      Però credo di stare nella media, secondo me i proprietari di cani piccoli e toy spendono molto di più di quelli di taglia gigante….mi è capitato di incontrare cani con un guardaroba da far invidia a Paris Hilton……

      Alla fine ci vorrebbe un articolo diviso per tipologia di proprietario…..non sarebbe male!!

      • Eccomi presente, la paris hilton dei cani. Ho:
        n. 1 impermeabile da pioggia, con interno staccabile in pile;
        n. 2 maglie di lana (per uscire quando nella mezza stagione non piove)
        n. 3 piumini imbottiti (per uscire d’inverno, anche con pioggia)
        n. 1 felpa con interno in ecopelliccia (per quando d’inverno non piove)

        Aspetta… dimentico qualcosa…
        ah, certo n. 4 (QUATTRO) cucce/cuscinoni, che poi uso solo per la siesta pomeridiana perchè di notte dormo o sul divano o sul lettone o (d’estate, se fa caldo caldo caldo) sul pavimento, più altre due che giacciono inutilizzate nella casa a milano della mia padrona.

        A cosa serve tutto quell’abbigliamento? Non so, di solito a farmi sgridare perchè mi rotolo per strada raccogliendo schifezze (ma io sto giocando con i miei amichetti a fare la tartaruga-zampe-all’aria), oppure perchè correndo dietro al gatto bisbetico sono saltata su una pozzanghera e mi son coperta di fango. Siccome i miei umani non sembrano sapere che son autodotata di cappottino di sottopelo, sto distribuendo per tutta la casa in questi giorni una fitta moquette morta 🙂
        A cosa servono tutte quelle cucce? Mah, alla padrona le son venuti i rimorsi di coscienza perchè mi vedeva sempre dormire nella mia cuccia preferita (la PRIMA) con mezzo corpo fuori, così ha pensato che fosse troppo piccola per me, e ne ha comprate di sempre più grandi. L’ultima occupa più o meno lo spazio di un divano a due posti, e sono un bouledog francese, non un alano! Siccome continuo a dormire mezzo fuori del cuscinone, mi auguro che capisca che la questione non è la superficie di morbidezza. –Fine del Boule-pensiero—

        Per come la vedo io certe persone hanno i sensi di colpa nei confronti dei cani (pari-pari che con i figli) perchè non passano abbastanza tempo insieme, oppure amano viziarli (cosa che ai cani/figli non fa affatto schifo!) e li ricoprono di oggetti inutili e non richiesti, per cui stabilire la spesa media per un cane è difficile (quanto lo è stabilirla per un figlio), diciamo che dipende tanto dalla disponibilità economica oltre che dalla sensibilità del padrone, ho visto animali tenuti benissimo da gente che non aveva a sufficienza per sè, altri che pur potendo spendere non curavano la rogna al cane perchè è un animale e si arrangia (sì, però vive in casa tua, con tutti i suoi coinquilini parassiti!!).
        Io non sono colei che firma gli assegni per il cane, personalmente non spenderei così tanto per cose di utilità relativa (capisco la salute, ovvero vet e mangime di qualità -specie con un cane soggetto a dermatiti- e la guinzaglieria – ma basta un guinzaglio e uno max due collari/pettorine, la bulletta ha un corredino da principessa del Brunei) come cucce, abitini, per non parlare dei giochi: la palla, gioco prediletto in assoluto, ha vita media 20 secondi, non importa quanto sia indistruttibile il materiale, la bulletta c’ha un sesto senso per le valvole e ci infila i canini, per cui addio pallone da basket professionale; i pupazzetti vengono dilaniati; i giochini di gomma con sonaglietto fanno un rumore terrorizzante e dopo 5 secondi (anche meno se ha appena bevuto) si ricoprono di bava e vengono messi via; costosissimi giochi di attivazione mentale, magari ci mette un po’, ma una volta capito il trucco non li bada più di striscio.
        Alla fine gli unici giochi realmente utilizzabili sono bottigliette di plastica cui svitare il tappo e masticare la ghiera (solo quella, non tutta la bottiglia), corda intrecciata e annodata (fatta riciclando i manici di alcune shopper) e ossetti di nerbo di bue, tutte cose dal costo bassissimo se non nullo.
        Educazione/addestramento: pur trattandosi di una voce importante da annoverare tra le spese del cane, trattandosi il boule di un cane piuttosto docile per natura, è bastato usar il buon senso e con l’aiuto di libri e riviste si è fatta una educazione di base di livello accettabile; se si fosse trattato di un’altra razza o di un cane di canile, soprattutto per quest’ultimo, per creare un legame più corretto, sarebbe stato preso in considerazione più seriamente.

        Ecco, se interessa sapere quanto può spendere una sciuramaria doc per il proprio cane, in media al mese, niente escluso:
        70 euro solo di cibo di qualità, perchè soffre di dermatiti perciò o vado con il bilancino del farmacista e divento idrofoba, o lo compro nel pet-shop già pronto, bilanciatissimo, digeribilissimo,
        10-15 euro (medi, spalmati) di cure veterinarie e vaccini,
        10 euro di antiparassitari, pomate, pulizia orecchie e shampi (fatti in casa perchè non è un barboncino),
        5 euro di ossetti
        5- 10 euro di giochini vari, parimenti distrutti o dimenticati,
        5 euro di vestitini (uno nuovo ogni anno, ALMENO, ciascuno costa dai 30 ai 60 euro),
        5 euro di collari e guinzaglieria varia (l’ultima: ombrello per cani, 18 euro, rifiutato con ogni possibile segnale di calma per non farsi mettere quella roba lì sulla testa), naturalmente ogni collare ha la sua medaglietta,
        10 euro di sacchetti (di primissima qualità, si devono aprire facilmente, non rompere, e per favore non quelli trasparenti), la bestia produce molto,
        50 euro di cucce (il cane ha tre anni e già sei cucce!)
        10 euro per attività ludiche specializzate con gruppo cinofilo (circa 3 in un anno, non è certo paragonabile alle spese che si avrebbero pagando un addestratore!)
        Totale mensile: 175 euro, per cane medio piccolo, nemmeno tanto viziato, sano, senza particolari esigenze (tranne nella testa della sua padrona)

    • Infatti per me le grande spese dopo adottare un cane dal canile l’anno scorso furono per il veterinario. Purtroppo molti canili e rifugi ti danno un cane con problemi di salute, e lasciano all’adottante a scoprirgli. Pulizia denti, due tumori, colite ricorrente finalmente risolto dopo l’operazione e cambiando mangime….
      Ma adesso tutto va bene (problemi con un cane mai socializzato in 11 anni risolti da me con un po’ di buon senso; letto, guinzaglio, lunghine ecc. vecchi o fatti in casa) e direi che non spendo più di €30/mese per un cane di 20 chili.

      Comunque è meglio “spaventare” la gente sulle spese in mo’ di scoraggiare le solite persone superficiali.

      • e io torno sulla questione dei costi indiretti…
        oltre a cibo e spese veterinarie di routine

        una media di 10 euro al mese di acquisto di libri e assimilabili per cani

        4 viaggi verso casa dei miei in auto (800km) piuttosto che in treno fanno circa 300 euro in + l’anno

        circa 10 giorni in appartamento l’anno x vacanza a 8 euro al giorno da spalmare sulla media mensile

        una media di 150 euro extra dal vetrinario ogni anno, il cane è in salute ma (è stato morso da un’altro cane con 24 pt di sutura, altri pb di cui non vglio stare qui a dilungarmi…)

        Forse farò il corso di formazione a distanza dell’ENCI (2000 euro) spalmati sulla vita del cane (10 anni?) fanno 200 euro ogni anno…

        Si si può spendere meno… ma nel mio caso se considero tutto la cifra è quella.

      • quindi non sono una mosca bianca, è possibile spendere il giusto anche con 20 kg di cane! A questo punto aspettiamo altre testimonianza di gente che risparmia sulla pelle dei propri cani che pesino dai 30 ai 90 kg 🙂

    • Io ho fatto il conto e solo di crocche spendo sui 27 eur al mese, nonb dò al mio cane schifezze, ma mi sbatto parecchio sui negozi online per trovare offerte e simili, su cibi di qualità o media qualità…ci sono negozi che vendono al 50% in meno lo stesso sacco di mangime….senza contare i negozi statunitensi, i cui certi prodotti (anche veterinari) costano la metà.

      • Ho fatto un rapido conto in eccesso, ho un cane di 40 kg, e mi è venuto fuori una spesa di 44 euro al mese, contando vaccinazioni, antiparassitari e prevenzioni, più qualche leccornia….in proporzione spendo di più per il gatto che mi costa circa 40 euro ogni 4 mesi…non so come fate a spendere così tanto… 🙂

        • Dire il vero prendendo a caso uno dei miei cani che avevo ( un corso), solo il mangime mi sarebbe venuto costare 60 euro al mese se non avessi ordinato in grande quantità. E ancora niente vaccini, antiparassitari ecc 😉
          Non metto su conto la lastra per la displasia non ufficiale, perchè ho fatto solo per rendersi conto della situazione (che sarebbe giusto di fare a tutti soggetti di certe razze), e neanche dal costo della castrazione, ma neppure quello quando dovevano dare alcuni punti dopo una litigata con un altro cane, come neppure il costo dei medicinali che prendeva negli ultimi mesi di vita, come i vari controlli che dovevamo fare in quel periodo. E la fine non conto il costo dell’eutanasia…del resto i conti veramente si possono fare solo la fine.
          Per qui dire che in media un cane può avere un costo di 100 euro al mese, non mi sembra affatto così assurdo. In media vuol dire ovviamente che un cane mignon costerà senz’altro di meno, quelli grossi dipende, delle volte potrebbero costare anche di più.In ogni caso meglio sbagliare in eccesso 😉

  18. Ho deciso mi chiudo in un convento di clausura: Ah! no anche lì è arrivato internet e soprattutto facebook!

    Direi che stiamo perdendo di vista il senso della realtà. Siamo tutti esperti, tutti pronti a polemizzare, criticare, commentare su qualsiasi cosa.

    Non esiste più la via di mezzo? Ho visto il video di D e l’ho trovato un pò generico ma forse è almeno un primo passo per far capire alla gente che adottare, comprare, tenere un animale oltre alla responsabilità morale e all’impegno è anche un costo di mantenimento.

    La gente non pensa “prende” un animale perchè va di moda, non perchè voglia veramente occuparsi di un essere vivente.
    Se girate per i vari mercatini di quartiere si notano in questi giorni: signore ciccione vestite di nero perchè snellisce con al seguito il cagnolino toy rigorosamente bianco con collarino di swarosky, il maschio alfa con il cane molossoide con collare a strozzo e guinzaglio corto, il signore anziano con un cucciolo iperattivo che lo trascina, signore anziane vestite di rosa confetto con la borsa in tinta e il cagnolino mini toy in braccio (e fateli camminare sti cani!), famiglie perfettine con bambino isterico al seguito che vuole o il cane o il giocattolo, adolescenti con il fidanzatino che “uuuuuuuuu! tesoro me lo prendi, lo voglio, è così carinooooo!!”, coppiette di fidanzati universitari ricoperti di piercing che hanno sempre avuto cani e non si sa che fine hanno fatto e che in attesa di avere figli vogliono avere almeno la gioia della maternità della cagna (e dai facciamo tanti piccoli randigini ce ne sono così pochi in giro)…. quindi forse anche un articolo superficiale e riassuntivo può essere utile per dissuadere tante persone dal prendere un ANIMALE se deve essere solo un oggetto.

  19. facendo un po’ di conti a me esce fuori poco più di 80 euro al mese per un cane di taglia grande (che si pappa 6 etti di crocchette al giorno). C’è da dire che il cane me lo sono sempre lavato in casa, e che in ferie vado in campeggio dove per un cane quando chiedono 4 euro al giorno è già tantino. Probabilmente la stima si abbasserebbe di molto con un cane di piccola taglia.
    I 100 euro mi sembrano insomma una buona media per i cagnoni.

    • non tutti i cani riescono a convivere pacificamente in campeggio! questo non sempre è imputabile al padrone… vedasi cani provenienti da canili etc…
      Un dettaglio… nessuno ha parlato di spese per dog sitter e affini!!!

      • era solo una considerazione su quello che può essere un costo “obbligatorio” medio.

        E di obbligatorio c’è solo la salute quindi cibo, controlli e vaccinazioni, e salute psicologica 😀 nel senso che non lo si può mollare chiuso in casa 24 ore al giorno.

        Non considero i costi di cippatura e tutti quei costi che si sostengono una volta sola. E non considero neanche i costi extra di chi per tenere un cane ha bisogno di dog sitter, pensioni etc… sono bisogni che hanno solo alcuni, così come sono spese fuori previsione quelle di urgenza medica.
        In altre parole stavo facendo un conto a regime minimo “tranquillo e normale” 😀
        poi se si vogliono comprare cappotti, cappottini, felpe berretti, cucce con aria condizionata, prendere una persona che se lo porti fuori regolarmente (mi chiedo allora cosa l’hai preso a fare il cane)o bambole gonfiabili e tutto quanto il cocuzzaro… quelli non sono costi da calcolare per tenere un cane.

        • Umana di cagnone di taglia grande all’appello, proviamo a fare un po’ di conti:

          – cibo: il “pargolo” consuma mediamente 600-650g/die, andiamo per eccesso, sono 19,5 kg di mangime di fascia premium al mese che più meno mi viene a costare 55euro/mese, ovvero 660euro/anno. Se poi metto in contro premietti vari o ossi dobbiamo aggiungere altri 120euro/anno;
          – vaccinazioni: 55 euro all’anno comprensive di antirabbica;
          – rinnovo passaporto europeo: circa 10 euro all’anno;
          – vacanze in campeggio: circa 25 euro all’anno;
          – assicurazioni: assicurazione per la rct 100euro, assicurazione per le spese veterinarie 130euro;
          – piccole spese veterinarie (le grandi sono assicurate): 100euro/anno + approssimiamo a 50euro/anno per eventuali farmaci;
          – toelettatura: lo lavo (da sola) in media 7 volte all’anno spendendo ogni volta 15 euro tra shampoo e balsamo, tra le quali bisogna aggiungere 3 volte l’anno (autunno-inverno) il bagno in un lavaggio self-service per cani che mi costa 25euro a volta. Totale: 180euro/anno;
          – varie ed eventuali: danni in casa o giardino, suoi accessori che si deteriorano con il tempo (guinzaglio, spazzole, giochi, coperte), corsi di educazione/addestramento… non riuscendo a stimare questi costi non li metterò in conto, li escludiamo dalla somma ma ci sono.

          Totale… rullo di tamburi… circa 120euro/mese, direi che ci siamo con la stima fatta nell’articolo. Sigh, cagnaccio, ma quanto mi costi! 😉

          • Il tuo veterinario è economico….io spendo 70 euro a cane all’anno senza antirabbica…..
            Per curiosità mi potresti dare info sulle assicurazioni?
            A me hanno detto che i cani sono gia compresi nella assicurazione della casa…..

          • Arggh… caspita, non ho messo in conto gli antiparassitari e le tavolette per la prevenzione della filariosi. I costi mensili lievitano quindi!
            Scusate.

          • la stima che avevo fatto io torna quindi, visto che mi ero dimenticato l’assicurazione (ma che io pago 25 € l’anno senza copertura per spese veterinarie) e la toelettatura visto che come detto me lo lavo a casina 😀

            quello che volevo mettere in risalto io è che attorno ai 100 al mese ci si arriva con cani di grossa taglia, quindi già un cane che mangia la metà cambia di molto la media al ribasso, visto che la voce di spesa più grossa è quella. 🙂

  20. …“cento euro al mese se non succede mai niente di serio”….

    Ecco….perchè poi il tuo canuccio a un certo punto comincia a fare troppe pipì nell’arco di una giornata, ti viene il dubbio, la cosa non ti convince anche se questi sintomi si presentano solo per 3 giorni e fai fare subito le analisi delle urine per stare tranquilla!

    Poi, sempre per scrupolo, siccome dalle urine sembrerebbe che potrebbe esserci qualche piccolo problema metabolico, fai fare anche il prelievo del sangue e richiedi l’esame completo per fegato e reni oltre ai soliti esami e all’emocromo.

    Poi, visto e considerato che gli esami del sangue portano alla luce una medio-piccola disfunzione epatica, fai prescrivere la cura ad hoc e vai in farmacia a comprare le medicine!

    Morale della favola? 75 euro spesi, per il momento….perchè la terapia dobbiamo farla per un mese e poi ripetere tutti gli esami!

    Che faccio?
    Dico a Mollie che fino a fine mese non si mangia e che pregasse per il mese prossimo?
    Aspetto vostre indicazioni 😀

  21. Ciao, di solito leggo ma non commento ma stavolta non posso non intervenire!
    Ho una cagna di razza shiba inu (13 kg di cane) da 4 anni, le spese più alte le ho avute i primi due anni, quando oltre all’acquisto della cagna stessa, abbiamo dovuto comprare “il necessaire”: ciotole, cuccia in legno, cesta con cuscino,spazzole,guinzagli (allungabile di marca) collari. E sterilizzazione da giovane.
    Usiamo antiparassitari di marca, richiamo del vaccino+ antirabbica (60€) all’anno,cardoteck contro la filaria, compriamo crocchette di buona qualità (45€ in media al sacco da 15kg) perchè le super-crocchette canadesi da 80€ al sacco di altissima qualità non ce le possiamo permettere;giochini ogni tanto(non gliene prendiamo molti perchè li distrugge con una regolarità spaventosa quindi tendiamo a predergli quelli più robusti che durano di più) cuscini (con cui fa la lotta e ne prendiamo due o tre all’anno)snack di marca, shampoo.
    Eppure 100€ al mese non li spendo! Ho riletto proprio ora le spese degli ultimi 3 anni e facendo una media ammontano a 500-600€ l’anno, nel 2010 siamo arrivati a 700€ perchè si era ferita e abbiamo dovuto dare antibiotici e antinffiamatori per un bel pò di tempo.Ma se penso a quello che spendevo per lo yorkshire (4 kg di cane) solo in salute questa è davvero una cagna low-cost, perchè è molto robusta e di problemi “extra”non ne ha avuti molti.
    Se dovessi spendere 100€ al mese mi sarei già suicidata!!!
    Ed è un cane a cui vi garantisco, non manca nulla!
    E abbiamo anche un porcellino d’india di 7 anni che mangia verdura(fresca!) tutti i giorni..eppure nemmeno con le sue di spese arriviamo a 100€ al mese!
    O io abito in una zona poco “costosa” (provincia di bs, ma il negozio dove ci riforniamo è in città)o davvero la gente ha perso il senso della misura…e aggiungo: non ho figli, quindi i miei animali li vizio,anche se non li vedo come bambini pelosi sostituti dei figli che non ci sono. Ma come splendidi amici belli proprio perchè diversi da noi!
    Un saluto
    Angel
    Ah abito in provincia di Brescia.

  22. Non credo che questo thread abbia come scopo quello di scorire chi è più parsimonioso o più spendaccione. Partiamo dal presupposto che, se ci troviamo in questo forum, mediamente siamo persone che ci tengono ai propri animali. Detto ciò, penso che il disappunto di Valeria e il mio e quello di tanti altri utenti verso chi ha condannato l’articolo derivi dal fatto che molte persone sono un po’ troppo facilone quendo si parla di cani o pet in generale. Questa faciloneria è pericolosa perchè, se 100€ al mese può essere una cifra leggermente sopra (o sotto a seconda dei casi) quello che veramente spendiamo per i nostri pelosi, è anche vero che ancora troppe, troppe, troppissime persone, prendono cani o gatti o criceti pensando che siano peluches. Quindi, a mio modesto avviso, meglio stare larghi e “spaventare” il cuggino/sciuro/a mario/a di turno che aggiungere l’ennesimo innocente alla lista dei canili. La forza dell’ammore non basta o forse sì ma in quanti sono pronti a dividere la pagnotta col peloso? “mah, forse starebbe meglio con un’altra famiglia…”
    Pensateci su, ma seriamente! Un abbraccio a tutti!!

  23. Articolo valido e utile per mettere in guardia e non certo per fare terrorismo… 100 euro al mese ? Dove devo firmare ?!?! Io ho voluto un Bulldog Inglese, oltre alle cose ovvie: veterinario, pettorina H, guinzaglio ect ci sono tutti i prodotti per la toletta QUOTIDIANA salviettine con Clorexidina, acqua borica, pasta di zinco, vasellina x il tartufo …… Le crocche solo super premium ( solo quelle costano 77 euro ); la mia è stata una scelta consapevole e ponderata. Il lavoro scarseggia ? Al cane non manca niente, piuttosto lascio la moto in garage senza assicurazione !!
    Quanti mi criticano x qst scelta ma io a loro ho mai chiesto niente ?! La Sciura che mi dice che il suo cagnetto mangia di tutto …. BEATA TE, io al mio non posso dargli di tutto, ma non l’ho fatto neanche quando avevo meticci presi in canile.
    E’ doveroso far capire alla gente che ci vuole coerenza e responsabilità: ti sei preso il cane ? Devi amarlo,curarlo ed educarlo al meglio.

  24. articolo veritiero! io ho un beagle-like che mangia mangime “normale” (purina del supermercato, dentastick e qualche snack per quando deve stare solo), distrugge a morsi qualsiasi gioco abbia del “fluffy-filling” all’interno… e credo che spediamo circa 70-90 Euro al mese, mai quantificato ad essere sincera. Lo laviamo noi, non ha bisogno di piega! 😉
    e quando ha cambiato i denti un dentino da latte non e’ caduto! quindi operazione per rimuoverlo: che fai non la paghi???? lo lasci col dente sovrapposto? e gli antiparassitari? e la sterilizzazione?
    le vacanze son cambiate: non e’ solo il prezzo che cambia con il cane al seguito, ma anche tutta l’organizzazione! (non puoi entrare certo al supermercato con lui!)
    e ora che sono al 9 mese di gravidanza, sono sinceramente stufa di molte persone che mi chiedono:
    “ma adesso il cane lo date via?”
    MA COME PUO’ ANCHE SOLO VENIRVI IN MENTE????????
    certa gente non dovrebbe neppure avvicinarsi ad un cane e se un articolo come questo spaventa questo genere di persone, ben vengano altri mille articoli di questo tipo!! non si campa solo di “ammore” e gli imprevisti possono sempre capitare, oltre alle normale spese di routine!

    • Quante volte ho sentito questa frase, quante volte li ho fulminati con lo sguardo…..
      Ma peggio ancora chi l’ha dato via per davvero appena nato il bambino o per anticipare appena ha saputo di essere incinta….

      • eh, ce l’ho presente…ho un’amica che quando ha saputo di essere incinta ha dato via la sua boxerina perchè “tira al guinzaglio e ho paura di cadere”.-.- ogni commento è sprecato. a me ‘ste cose me fanno incazzà (scusate il francesismo).

        • e io che di francesismo me ne intendo (nazionalità permettendo !!) dico che il tuo era lecito e dovuto ! Ho avuto diversi problemi con la mia belvina bis (la prima è proprio da invidia, troppoooooooooo brava !)e all’inizio lo stress era tanto, le rotture di più, gli ostacoli alla grande, i rompi-marroni (altro francesismo !)in abbondanza, ma con tanto di buon senso, ammmmmmmmmmore e coerenza (mi ci sono ficato io in questo guai ), mai e poi mai l’avrei abbandonato

        • sapessi quanto strattoni mi ha dato il mio! mi ha fatto fare anche il volo dalle scale (con conseguente caduta a pelle di leone) durante il secondo mese! il bimbo non si e’ fatto nulla (e nemmeno io) e il cane si e’ preso un mega urlo! in realta’ l’ha spaventato il mio tonfo e mi guardava con il musetto di lato! da quel giorno ho definitivamente buttato il flexi da sciuramaria e abbiamo iniziato ad insegnare il “piede”: che siccome sono sciuramaria lo chiamo “passo” e il cane mi sta a destra! (ho scoperto questo sito da poco, mea culpa!). chiaramente l’errore e’ stato il mio e mai e poi mai ho pensato di darlo via! che senso ha prendersi un cane se poi sei capace di disfartene come fosse un vecchio peluche?
          comunque oltre che il sito http://www.dogshaming.com/ (che mi fa scompisciare!)
          forse dovrebbero fare uno human-shaming! anche se ci sarebbe poco da ridere purtroppo!

          • vabbè, “piede” “passo” o “vai piano cazzo”… qualsiasi sia il comando, l’importante è che il cane non ti scaraventi al suolo! che poi per andare al guinzaglio non serve un comando, basta abituare il cane, fin da cucciolo, che non deve tirare. e te lo dice una che portava a spasso un san bernardo, che a 5 mesi già pesava più di me…:)

  25. Ho 2 cani uno di taglia grande e uno media. Di mangime crocchete buone, non da supermercato spendo 120€ al mese, condroprotettori 90€ a barattolone durano un paio di mesi, educatore avrò fatto 6 o 7 ore a 40€ l’una, più varie classi di socializzazione volta per volta a 15€ per cane. Veterinario l’altro giorno due antirabbiche 2 controlli parassiti feci e un antifilaria: 250€. Più tutti gli antipulci e antizecche mensili, ora che è esatte quello contro la leishmania, le salviettine per pulirli (uso quelle per bimbi) e lo shampoo per lavarli (li lavo io). Pettorina 30€ più guinzaglio lungo altri 15 (a cane), cuscinoni 2 grandi: 60€ l’uno. Trasportino: 150€. Devo continuare?
    Poi certo al cane puoi anche dare gli avanzi di casa, falro dormire su una coperta, e non fare i richiami delle vaccinazioni…Educazione del cane, cibo e salute, non si transige, per me.
    PS: Spendo più per loro che per me, praticamente da quando li ho compro molti meno vestiti, esco di meno, ecc…

  26. ha ragione chi ha sottolineato che l’ impossibilità, o la non voglia, di affrontare spese per un cane, sono uno dei motivi più frequenti di abbandono. su cibo e accessori si può risparmiare senza scivolare nello scadente, così come piccole rinunce sono tollerabili e ripagate da tutto quello che il cane ci da in cambio, ma se arrivano problemi più seri, soprattutto fisici e comportamentali, molti sono costretti, o preferiscono, rinunciare al cane, che nella migliore delle ipotesi finisce in canile..e proprio per evitare che la storia si ripeta i canili dovrebbero accertare le reali condizioni dei cani ospitati, e farle presenti immediatamente a chi si candida alle adozioni. se poi aggiungiamo il fenomeno delle adozioni su internet, con foto di povere bestie in condizioni pietose, che tuuuti vogliono aiutare, ma glielo vogliamo spiegare quanto costa il benessere di un cane gravemente ammalato o con problemi comportamentali? invece no, meglio non parlarne, e aggredire chi ne parla, salvo poi otturare la posta altrui di foto strazianti, corredate da storia strappalacrime..e numero di postepay..allora lo sapete bene che i costi ci sono!! io sono una da “adozioni del cuore”, in casa mia da sempre c’ è almeno un “rottame” , un cane che nessuno si vuole accollare, ed ho sempre messo in conto cosa questo comportasse in termini economici , di impegno ed in termini emotivi..perchè i cani anziani e malati non solo costano e richiedono tempo ed attenzioni,ma ti lasciano anche prima, ti trovi più spesso davanti alla sofferenza e alla morte, ed i cani con caratteri particolari ti obbligano a cambiare abitudini, e a volte anche frequentazioni..ma l’ ho scelto consapevolmente,e i sacrifici che faccio non mi pesano… già a me sembra grave che chi adotta-compra un cane non pensi da solo cosa comporta, se poi si da del terrorista a chi lo fa presente, proprio non ci siamo..

  27. Sono una volontaria e animalista e ahimè mi rendo sempre più conto di quanto “alcuni” che al giorno d’oggi stanno diventando “molti” stanno affondando e infangando la “categoria” di chi cerca di proteggere e salvaguardare gli animali e soprattutto cani e gatti bisognosi in todo. Questi sedicenti animalisti (perché non ci si può forgiare di certi termini se non si ha una certa coerenza perlomeno!) sono gli stessi che quando faccio 2000 domande al pretendente futuro proprietario del cane/gatto in questione mi accusano di fare “troppe domande” (tra le quali: se il cane si ammalasse di malattie gravi sarebbe disposto a sborsare i soldi per farlo curare? e per eventuali mangimi specifici e costosi? se accusasse problemi comportamentali sarebbe disposto a chiamare – perché per alcuni è anche una questione di orgoglio personale – e pagare un educatore/rieducatore?).
    Io sono la prima ad affermare sempre e comunque che vuoi o non vuoi gli animali sono un costo e se non puoi garantirgli una vita dignitosa non si prendono!
    Scusate ma mi sentivo di scagliare questa pietra… non è giusto fare di tutta l’erba un fascio perché ci sono animalisti che davvero piuttosto che dare un cane/gatto al primo che passa ci pensano anche troppo!

    • Maria, credo che e’ proprio a questo tipo di persone che critichi anche tu quelli a cui son rivolte le critiche, non a tutti gli animalisti! il benessere dei cani/gatti/etc credo sia al primo posto per tutti qui!

    • Maria di volontari come te ce ne vorrebbero molti di più.
      Sono la faciloneria e la superficialità degli animalisti della domenica a far del male ai cani (e anche ai gatti) in cerca di adozione.

  28. Scusate un attimo… ma un chissenefrega sul quanto spende ogni singola persona, no?
    L’articolo non voleva essere un sondaggio, ma semplicemente un commento riguardo un’uniziativa lodevole ( per quanto generica ) sui costi di mantenimento di un cane.
    Chissà se gli stessi animalisti che vi si sono scagliati contro, avrebbero lo stesso atteggiamento su un ipotetico articolo riguardo al costo di mantenere un figlio.

  29. una volta un signore chiedendo in adozione un cucciolo mi chiese ” ci vuole molta manutenzione?”

    ed io gli risposi che sì ogni tanto una controllatina andava fatta per vedere se era tutto a posto 🙂

    mah…naturalmente il cucciolo non glielo abbiamo dato.

  30. @ Roby&Zoe
    Ti rispondo qui alla tua domanda sulle assicurazioni, sopra non vedo più il pulsante “rispondi”.

    Se hai già una assicurazione sulla casa, probabilmente comprende anche la responsabilità civile verso terzi dei membri della famiglia, cani inclusi. Ma dovresti controllare, anche perchè molte compagnie di assicurazioni furbette escludono dalla copertura le razze di cani cosiddette “pericolose” secondo l’ormai famigerata ordinanza Sirchia, che l’ordinanza in questione sia decaduta però a molte delle suddette compagnie non sembra interessare.
    Per quanto riguarda l’assicurazione sulle spese sanitarie, ne esistono svariate. Io ne ho scelta una (non so se posso fare nomi) che avesse un tetto massimo di rimborso pari a 3500 euro/annui e con la quale potessi recarmi presso qualsiasi veterinario, non solo quelli convenzionati.

    • Ah ok con un border collie e un collie dovrei essere salva dalle liste, meglio che controllo si sa mai…per quella delle spese mi devo proprio informare.
      Grazie!

      • Off topic
        OMG……ho cercato la lista sono sconvolta…..
        C’era dentro anche il Border collie, scusate la mia ignoranza in merito mi sono avvicinata a questo mondo alla fine del 2008, sapevo a grandi linee di questa lista…..ma credevo che per lo più ci fossero altre tipologie di cane…
        Per quanto mi riguarda la pericolosità del mio border è di rimanere senza cena, è talmente una morta di fame che cerca di rubare qualsiasi cosa possa sembrare commestibile….
        Il mio collie al cancello fa il duro, solo li…..

        Beh io la rifarei e ci aggiungerei barboncini, shihtzu, maltesi,ecc…. che in due anni lavoro di toelettatura mi hanno morso regolarmente alla faccia dei cani kattivi….

  31. Mamma mia quanti commenti! non ce la farei a leggerli tutti! Comunque persino io che sono spesso ipercritica per carattere e tendo sempre a fare l’avvocato del diavolo questa volta non posso dire altro che: NON POTEVI SCRIVERE UNA RISPOSTA MIGLIORE! Leggevo dei costi di gestione e pensavo (e l’educatore?) Pronto anche quello, giustissimo. In ogni caso se uno non è disposto a spendere per il cane vuol dire che il cane non gli interessa, anche perché non stiamo parlando di cifre folli. Certo, chi è disoccupato o fa fatica ad arrivare a fine mese ha problemi, ma chi ancora ha una vita acettabile quella spesa (quella media) se la può permettere. E se considera il cane una priorità (altrimenti non se lo deve prendere!) la farà volentieri. Provare per credere. Ho cominciato con la spesa minima di cibo e vaccinazioni per una cagnetta adottata in canile, poi ho comprato il secondo cane, poi son venuti gli educatori cinofili, ho deciso di fare anche le expo (a quelle non ci obbliga nessuno), le spese sono lievitate, ma con mia gran gioia. Sto imparando sempre di più sui miei cani, vedo come si comportano, come reagiscono, come imparano, come cambia la relazione. Mi pesano solo le incombenze mediche, ma non per i soldi: perché quando un mio cane sta male mi preoccupo e mi sento malissimo. E i soldi non c’entrano proprio niente!

  32. Beh c’è poco da stupirsi, se chiedi ad una persona “normale” la marca di crocche che usa ti senti rispondere al 99%….boh quella che costa meno al super…

  33. Sono stata ad un passo dal rispondere proprio al commento del “borsellino” che hai citato pure tu, ma ho lasciato perdere… ma mi fa piacere sapere di non essere l’unica ad essere rimasta allibita dal tono dei commenti.

  34. ai 100 euro al mese forse non arriviamo neanche noi… ma onestamente non ci allontaniamo poi così tanto!
    27 kg di boxer mangiano un sacco da 15 kg circa al mese, della royal adult eccetera… almeno 50 euro al mese solamente di mangiare partono!
    filaria, antipulci, collari ok tutto…
    io però farei un pensierino anche sul costo delle lavatrici in più, sulla benzina per portarla a lavare/correre/veterinario/ecc…, un pensierino anche sul rammendo dei maglioni che buca coi suoi dentini mentre facciamo la lotta!
    ci sono spese a 360 gradi, e non si possono non mettere in preventivo!

    poi ci sono anche le persone che dicono che anche i figli quando arrivano arrivano… certo, mica li soffochiamo! però logica prevede che uno fa un figlio quando se lo può permettere, e perché col cane non si può fare lo stesso ragionamento?

    • dimentichi le spese per lavare l’auto. Quando ho comprato l’auto nuova… e dopo mezz’ora è salita la pelosotta (30 e + kg) volevo piangere…

      • mi auguro che la tua abbia il pelo lungo! avendo la mia il pelo raso, per la macchina dovrei togliere pelo per pelo con la pinzetta per sopracciglia!
        e se salviettine per scrostare il fango dalla pancia quando corre che piove?

        dimentichiamo poi il costo dell’analista di cui avremmo spesso bisogno! ahahahah

  35. E’ VERO !!!!
    Con l’ Husky, sì perdeva tanto pelo, ma bastava aspirare e via ….. Con il bullo è un incubo: non basta aspirare, non basta la spazzola e neanche il rotolo scotch. S’ incastrano tra le trame dei tessuti e devi toglierli uno ad uno …… sigh !

  36. Se può interessare han da poco messo un altro articolo: “Wikidog: la scelta dell’allevamento di provenienza”.
    Tralasciando il filmato, che stando a lavoro ed essendo bloccato dal server non posso vedere, c’ è da gustarsi i nuovi commenti messi, il migliore rimane “l’ unico allevamento buono è l’ allevamento morto” >_>.

    • Mi son limitata ad una visione parziale di uno dei filmini…. ho letto solo pochi commenti…. e mi son cascate le braccia…. 🙁

  37. maria, ho letto solo roa il tuo commento, e che dire, ti comprendo in pieno.

    Ho la fortuna di avere un lavoro stabile, e che mi permete di mantenere, oltre ai pelosi di casa, anche stalli di randagi vari inc erca di famiglia, e mi trovo spesso nelle situazioni da te descritte.
    Anche io stresso moltissimo per essere sicuro del loro futuro e mi sento dare quasi del matto per non affidarli ai primi che rispondono agli annunci, a volte (ed e´questo l´assurdo) addirittura dagli addetti di canili, volontari o quant´altro.
    Ritornando al discorso filmati, che finalmente son riuscito a vedere, li trovo obiettivamente un pö sbrigativi e lacunosi, parlando da “persona del settore” (mi autofregio di questo titolo in maniera assolutamente immeritata per far comprendere l´esempio:P), ma penso che questi articoli siano piü improntati come dei vadevecum per mettere il tarlo a persone che vanno su repubblica e cliccano come occasionali.
    E anche li, l´assurdo e´che tutti i commentatori da un´insulto e via non capiscono la pubblicitä negativa che fanno.

    Comunque abbiamo un nuovo vincitore per il commento piü geniale, quello che dice che per mantenere il cane basta tanto amore, perö aggiunge un secondo me >_>.

    • Certo che ci vuole tanto amore…. ma se devo portarlo dal veterinario con cosa pago le cure? Con l’amore? Ahahah!! Se è una veterinaria sono nei guai!! Sdrammatizziamo un po’, dai!!!

    • Ok, era una bella battuta però… il mio veterinario è uomo, piuttosto belloccio, ma sentimentalmente impegnatissimo….. sob! Mi sa che dovrò proprio pagare in soldi fruscianti…..

  38. ahh.. io dico solo che fra marzo e aprile alla mia famiglia sono partiti 330 euro per la micia (Molly) che è stata investita, e 285 per il micio (Trip) che si è preso la peritonite infettiva felina, il prossimo mese 90 euro di castrazione e se mi fa fare un’altra lastra altri 60 euro..

    ci vorrebbe una cassa malati anche per loro!

    (Valeria visto che non scrivo mai, ma che ti leggo sempre.. ti faccio i complimenti per il sito e per gli articoli! sono strepitosi.. mi stai facendo tornare la passione per i cani!)

    • signori, esiste una forma di assicurazione sanitaria che copre tutti questi incidenti di percorso, informatevi sul web, con 100 euro l’anno siete coperti!!!

  39. quando leggo che qualcuno cita l’animalista fanatico come sua controparte penso automaticamente alla malafede, perché si bolla l’interlocutore per loiquidare facilmente e senza impegno le sue argomentazioni
    “Se stiamo scherzando me lo chiedo anch’io, sinceramente.
    Ma cos’avrebbero dovuto fare, ‘sti poveri giornalisti? Invitare tutti a prendersi un cane senza preoccuparsi dei costi, perché ci pensa la Divina Provvidenza?” Citazione dell’indignato redattore.
    Evidentemente si pensa che al contrario di quei “Poveri giornalisti” che ci hanno sapientemente aperto gli occhietti, tutti quei FAnatici che pensano di prendersi un cane siano dei deficienti che non pensano prima alle possibili implicazioni; gente che si sveglia e dice ” bah, non ho un lavoro, non ho un centesimo, sai che faccio, mi compro un cane.
    Smettetela, siete degli estremisti animalisti e non dovreste criticare noi che vi insegniamo nientepocodimenoche a vivere, smettetela di pensare che questi “poveri giornalisti” abbiano partorito il solito articoletto perché in quel giorno non avevano niente di meglio di cui parlare ed a quel punto va bene tutto, anche un messaggio velatamente dannoso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.