La storia che segue, tra fiaba e realtà, è stata scritta da Oana per festeggiare il sesto compleanno di Soft. Mi ha chiesto di poterla condividere con voi, e la accontento pià che volentieri perché sono certa che una storia d’amore come questa non possa che commuovere tutti i nostri amici.

soft1di OANA BEJENARU – Accendete tutti il fuoco nel camino della vostra anima, sedetevi  vicini ed il filo della storia può cominciare.
C’era una volta una bimba che nelle buie notti d’inverno  sentiva le storie del nonno. Sentiva quelle storie di guerra, e di partigiani, di boschi e di eroi. E spesso si sentiva la sua vocina che diceva. “Nonno, dài, ti prego, un’altra volta la storia di Spic!”.
Spic era un cane eroe che aveva fatto la guerra insieme al suo umano e quando poi, come spesso succedeva, l’umano era stato colpito il cane lo aveva vegliato per un inverno intero ed in primavera aveva fatto trovare il corpo.
Ma erano storie di un cane fantastico che nell’immaginario della bimba era un cane fiabesco, un angelo, e non aveva mai pensato a quanto poteva essere vero.
Gli anni passano e per i capricci della vita, per le strane congiunture, la bimba oramai cresciuta si trova a scegliere un cane per se stessa… mi trovo a scegliere un cane per me stessa.
Solo che la mia scelta era a tavolino. Lo voglio lungo cosiii, alto cosiii, di quel colore, dimenticando che dietro alla mia scelta c’era un anima. E che anima!
Mi sono portata a casa il principe azzurro, il cucciolo del principe azzurro!
E lui, Soft, non era solo azzurro… ma due volte azzurro! Sempre stato magico, un po’ fiabesco anche lui.
Atteggiamenti da grande re, sempre lo sguardo languido, sempre il fumetto sulla testa che diceva “Sì, ti è permesso di accarezzarmi!”
Non si degnava mai di darti un bacio, ti faceva le feste ma eri tu quello che dovevi “abbassarti” e baciarlo!
Un cane sopra le nuvole.

soft3Poi gli stessi capricci della vita mi hanno portato in un punto di non ritorno, la mia vita era crollata come un castello di carte ed io guardavo la sabbia che scivolava tra le mie dita insieme ai miei ricordi, i miei affetti, il mio tutto.
Ho tenuto duro, ho lottato, ho urlato contro il destino ma il mio fisico spinto al massimo ad un certo punto… mi ha lasciato …
Ho aperto gli occhi in una stanza di ospedale ed avevo questo dottore che insisteva: “Signora, sa che giorno è? Come si chiama?” Ed io pensavo: “Ma che vuole? Cos’ è successo?”
Vista la mia faccia contrariata mi raccontò i dettagli medico/tecnici dell’accaduto che mi entravano da un orecchio e mi uscivano da tutti due.
Poi mi disse: “Signora, è rimasta svenuta per quasi 12 ore e se non era il cane a scaldarla non so cosa sarebbe successo! Il medico dell’ambulanza dice che ha trovato il cane accucciato accanto a lei. Non era nemmeno venuto alla porta insieme agli altri quando sono entrati!”
Adesso aveva tutta la mia attenzione… i cani, devo tornare dai cani….
Stavo lì a fissare quel monitor ed il suo bip bip e ho capito che la storia di Spic non era una storia… dovevo tornare a casa!
Avrò fatto la cosa più incosciente, ma ho firmato e sono uscita!
Tornata a casa Soft mi guardò come se fossi un fantasma, ma al mio richiamo la sua gioia è stata immensa! Ero tornata dal mio angelo! Adesso toccava a me prendermene cura!
Non mi rimane che dire TANTI AUGURI SOFT!
Tanti auguri al mio principe azzurro azzurro!
E se mi chiedete cos’ è questo cane per me… c’è solo una risposta… lui è quella linea sul monitor dell’ ospedale, è la linea della mia vita.
Ed adesso auguro buona notte a tutti voi, mentre io è Soft faremo una passeggiata verso la Luna: prenderemo il sentiero della stella e l’alba ci ritroverà abbracciati.
Buona notte!

Articolo precedenteImpulso predatorio: è normale, ma bisogna controllarlo
Articolo successivoSalvateci dai salvatori

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

19 Commenti

  1. Grazie Valeria ! Grazie di cuore da parte mia e di Soft 🙂 So che magari i miei sentimenti sono un po zuccherosi ma Soft ha avuto un ruolo importante nella mia vita ed e sempre stato la mia spalla !
    Sono in debito con te Valeria Grazie!!!!! Grazie mille !!!

    • Complimenti!
      Anch’io ho avuto il mio angelo, ma non saprei raccontare così bene la nostra storia..
      Auguri a Soft! Tanti tanti di questi giorni a tutti e due.

  2. solo chi condivide la vita quotidiana con un peloso può commuoversi leggendo questa storia d’amore e di vita, perchè loro non parlano ma agiscono, amano con i fatti, con i muscoli come dovremmo fare anche noi umani
    Grazieeeeeee

  3. Bè…intanto grazie a Valeria, poi vorrei dire a Oana che mi ha fatto piangere coi singhiozzi…ma forse ne avevo bisogno. Vedi Oana, per certi versi mi sono rispecchiata col mio cane, nella tua storia, quello che lui ha fatto e sta facendo per me e mio marito non saprei nemmeno descriverlo, posso dire, senza temere di esagerare, chi ci ha aiutato a superare un dolore profondissimo, ci ha ridato il sorriso, come dici tu: chi, se non un angelo può fare questo? Ti abbraccio e mando un grosso bacione sul nasone al tuo pelosone e tanti auguri.
    PS Valeria, scusa se te lo chiedo qui, ma hai ricevuto la mia email? Sei riuscita a leggerla? Grazie e scusami

    • Mi dispiace tanto x aver fatto piangere quasi tutti !! Non era la mia intenzione ! ! Volevo condividere con voi una storia di speranza ! La dove io non vedevo più una strada nella vita ed….la dove ‘ era troppo difficile , Soft aveva trovato la forza di non mollare e di non mollarmi ! Lui c’era …ho capito che l’ amore è essere ! In qualche modil cane mi ha insegnato la filosofia della vita ! Il rialzzarmi il, il ritornare a vivere , il condividere con tutto il cuore !

      Se siamo abbastanza umili abbiamo molto da imparare anche da un cane 🙂
      L’ultima cosa mi: io adesso ci credo fortemente che Dio abbia distribuito code quando ha finito le ali 🙂

      • Ma di cosa devi dispiacerti? Hai visto quante persone sensibili ci sono? Quante amano i cani? Tu scrivi benissimo e la tua storia è commovente si, ma da anche tanta forza e speranza, come hai giustamente detto e questo è bellissimo! Grazie

      • ….o ha distribuito le ali quando ha finito le code…?? 🙂
        Perchè devi dispiacerti di aver fatto piangere? Hai procurato lacrime di commozione e di gioia perchè il tuo racconto trasuda amore, l’amore che tu hai per il tuo Soft e quello che lui ha per te… hai raccontato un episodio brutto da cui però hai tratto forza anche grazie a Soft… da quando piangere per cose belle è un peccato?
        Grazie per avermi inumidito gli occhi con queste belle emozioni.
        Ti auguro dal più profondo del cuore un mondo di bene.

        ps.
        Anche a Lella ovviamente, di cui non conosco la storia ma alla quale credo che un paio di manciate di auguri non facciano male…

  4. 436….wow …siete tantissimi 🙂
    Voglio dirvi che Soft è il cane più normale su questa terra ! Fa le cose che fanno tutti i cani ! Sono le situazioni della vita che ci trasformano ! Quando davanti hai una montagna e non c’è strada di ritorno ….devi spostare la montagna 🙂 Io non sono stata ne coraggiosa , ne intelligente ….io non avevo scelta cosi Soft ! Soft è cane che avete tutti a casa ! Quando la mattina vi svegliate con le zampate in faccia o due metri di lingua sul viso sappiate che è il ” ti voglio bene ” più sincero della vostra vita !
    Guardate negli occhi i vostri cani ! Sono tutti degli eroi pronti a seguirvi in capo al mondo ed oltre !
    Auguro a tutti voi di non scoprire mai di quanto amore sono capaci i vostri cani …..almeno non come l’ ho scoperto io !
    Grazie di nuovo !
    P.S. Se x ogni “mi piace ” Soft aveva un biscotto adesso era un San Bernardo ! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here