di JURI BERTOLDERO – Solo recentemente inizio a capire, o meglio percepire, l’intelligenza e la sua correlazione con l’addomesticabilità degli animali.
Gli individui intelligenti – di qualsiasi specie siano – necessitano di maggior libertà di scelta e di azione; questo gli umani – specie svezzata al potere ed alla sottomissione – non lo apprezzano.
Questa loro intelligenza non li fa percepire come addomesticabili. Se un animale non obbedisce, inconsciamente pensi: è stupido, non mi ascolta. Stupido, cane stupido, pecora stupida, maiale stupido.
Certe specie sono però particolarmente opportuniste, pertanto sotto ricatto di un bocconcino lasceranno i sapiens a bocca aperta.
“Ti presento il cane” mi chiese il secondo articolo su Molly, “the bull-sheep”: sinceramente spiegai che l’intelligenza degli ovini va ben oltre la nostra innocente interpretazione.
Non essendoci studi a riguardo, e non avendo realmente capito quest’incredibile e sottovalutata specie, non posso assolutamente condividere una percezione con l’intento di spacciarla per verità: mi unirei alle infinite piaghe della mente quali disinformazione, pressapochismo e soprattutto individuali interpretazioni antropocentriche su una specie a dir poco sconosciuta.
La pecora è seriamente un’opportunista di merda: spesso non fa quel che chiedi, esegue ragionamenti ben più complessi di quello che la nostra mente riesce superficialmente a vedere, ma non fa quel che chiedi se non le conviene.
Ma non è forse la ribellione alla schiavitù sinonimo d’intelligenza?
Non è forse il riuscire a farmi fesso ogni volta sinonimo d’intelligenza?
Mi limito a dire: “C’è molto più, ma non posso scrivere oltre”.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Articolo precedenteIl Vero Standard del… Volontario di Merda – parte seconda
Articolo successivoCaro Diario… (19)

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

3 Commenti

  1. Che cavolo vuoi dire? Guarda che se sai qualcosa di nuovo (per noi del volgo) sulľ intelligenza di chicchessia,sopratutto se riguarda animali “da pasto” sarebbe meglio diffondere. Forse potrebbe contribuire a divorarne di meno!

  2. Completamente d’accordo. Un animale intelligente ha maggior fiducia nelle proprie capacità e valutazioni, ed è meno incline a seguire le soluzioni pre.confezionate da agenti esterni.
    Le pecore sono intelligenti quanto un cane intelligente, e sono molto più fantasiose, opportuniste e all’occasione ladre. Sono animali geneticamente gregari, ma non significa affatto che siano privi di una spiccata personalità individuale: significa solo che, per un fattore evolutivo, sono in grado di “sospendere” senza traumi psichici la loro capacità di autodeterminazione personale, in favore di una “determinazione di gruppo” evoluzionisticamente più vantaggiosa. Questa capacità nell’uomo è raggiungibile solo raramente con fatica ed istruzione, spesso con conflitti interiori, mentre per le pecore ed altri mammiferi è innata

  3. Concordo, non vogliono ascoltare o non siamo buoni di insegnargli. Penso ad esempio che i gatti siano mediamente molto più intelligenti dei cani, ma non avendo la smania di assecondare l’umano gli si riesce a insegnare di meno. I cani poi sono abbastanza stupidi eh, con tutto quello che sappiamo su di loro, con tutti gli accorgimenti che adottiamo.. Sono stupidotti, si selezionasse in base all’intelligenza sarebbe forse un altra storia, intelligenza che non è saper riconoscere 400 pupazzetti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here