giovedì 24 Settembre 2020

“Cugginate” sulla castrazione

Dello stesso autore...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.

Ti presento il… Bullmastiff

di VALERIA ROSSI - Me ne sono trovata davanti una bella coppia a "Cronache animali", e ho pensato "Oddio, possibile che non abbia mai...
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

castrocanedi VALERIA ROSSI – In questi giorni ho riproposto, su Facebook, due vecchi articoli sulla necessità o meno di accoppiarsi: uno dedicato ai maschi e uno riservato alle femmine. Contemporaneamente, per una delle strane coincidenze che spesso si verificano nella mia vita scribacchinica, mi sono arrivate due segnalazioni abbastanza choccanti: una è quella del veterinario che ha fatto la legatura dei condotti deferenti al cane anziché castrarlo perché (testuale, purtroppo) “così si sarebbe potuto divertire lo stesso, non avrebbe perso la sua virilità e (!!!) non sarebbe diventato gay“.
L’altra è quella del ragazzo che, intenzionato a prenotare un cucciolo in allevamento, ha “rassicurato” gli allevatori dicendo loro che gli avrebbe fatto fare “moltissime monte” perché così l’avrebbe protetto da prostatiti, tumori eccetera.
Entrambe sono “cugginate” mostruose, diciamolo forte e chiaro: e purtroppo la più grave è quella del veterinario, perché la legatura dei deferenti è ad altissimo rischio di complicanze.
Nel caso specifico, che è stato riportato su FB dalla clinica che ha successivamente castrato (per davvero) il cane, il povero animale aveva sviluppato un’epididimite cronica da ristagno, con importante varice delle vene testicolari. In pratica, aveva un male della madonna e questo aveva completamente stravolto il suo carattere, rendendolo irascibile e mordace: tolti i testicoli, e tolto quindi il dolore, è diventato un cane sereno e tranquillo.
La clinica veterinaria conclude con questa frase: “Se vi propongono simili cose, cambiate veterinario. Non gli importa nulla del vostro cane”.
Vero, verissimo, non fa una piega.
Peccato che per capire che questa è una proposta indecente bisognerebbe che i proprietari avessero, a loro volta, qualche nozione di veterinaria: il che, ovviamente, potrà accadere una volta su diecimila.
Se invece uno “non sa”, va sulla fiducia: e dare fiducia al veterinario sbagliato può avere conseguenze drammatiche.
Ma quali alternative abbiamo?
Chi magari si fa prendere dai dubbi, solitamente, tenta di informarsi meglio utilizzando la rete: e a questo punto cade davvero in una rete di informazioni contrastanti.
Su Internet, come è noto, si trova tutto e il contrario di tutto: anche per le cose più “normali” del mondo – per esempio le vaccinazioni del cucciolo – si trovano pacchi di teorie allarmistico/complottistiche che potrebbero gettare chi legge nel panico più totale.
Per questo, nonostante io stia scrivendo proprio su un sito Internet, sconsiglio caldamente di cercare informazioni veterinarie (o peggio ancora, pareri veterinari) con questo mezzo.
E’ ancora peggio del proverbiale “leggere l’enciclopedia medica e poi ritrovarsi con tutti i sintomi”: perché almeno sull’enciclopedia medica di “cugginate” non se ne trovano, e sul web invece se ne trovano a carrettate.
Se non siete del tutto convinti di una proposta del vostro vet,  sentitene anche un altro: ma che siano persone vere, con cui possiate avere un rapporto reale e non virtuale.
Purtroppo è indubbio che il proprietario medio, non essendo tenuto ad avere nozioni scientifiche, deve andare sulla fiducia: però, ecco… diciamo che Internet può sollevare, a volte, qualche dubbio lecito e magari spingere ad un consulto anzichè starsene del primo parere che si è sentito.
Proprio con questo scopo, vi dico che la proposta di effettuare una vasectomia anziché una orchiectomia è cosa che richiede assolutamente un secondo parere.

sterilizzazione_femLo stesso vale, in campo femminile, per la legatura delle tube ovariche e per la sola isterectomia (asportazione del solo utero, senza eliminare le ovaie).
Queste pratiche un tempo venivano utilizzate con una certa frequenza proprio perché i proprietari erano molto più restii di oggi a “privare i loro tesori del divertimento sessuale”: quindi si faceva qualcosa di tragicamente sbagliato con lo scopo di arginare il fenomeno del randagismo, nonostante il desiderio dei proprietari di lasciar accoppiare liberamente i loro cani.
Peccato che a questi cani si facesse un torto molto più grave della castrazione: tanto per dirne una, l’isterectomia favorisce la degenerazione cistica delle ovaie, mentre gli accoppiamenti ripetuti e non seguiti da una gravidanza portano ad un aumento impressionante di incidenza per quanto riguarda la piometra.
Pensavo (evidentemente sbagliando, ahimé) che queste pratiche chirurgiche antidiluviane fossero ormai sparite per sempre: visto che così non è, posso solo invitarvi – qualora vi venissero proposte – a sentire un altro veterinario.

trombacaniNon so, invece, chi abbia raccontato al protagonista della cugginata numero due che far fare millemila monte al cane lo protegge da varie malattie: spero che almeno in questo caso non si sia trattato di un veterinario. Mi suona più come “cosa letta su qualche forum o gruppo dedicato ad una razza” (ne ho frequentati alcuni, per un po’ di tempo, e ho letto cose che voi umani…): sta di fatto che è assolutamente falso.
Al di là di tutti i problemi etici relativi al far accoppiare un cane a tutto spiano (il che produce cuccioli: sembra che molti non pensino a questo piccolissimo problemino collaterale), non esiste alcuna evidenza scientifica che avvalori questa presunta prevenzione/protezione sanitaria.
Al contrario, è prassi comune in allevamento limitare e gestire con oculatezza gli accoppiamenti dei maschi perché essi sono notoriamente causa di forte stress psicofisico: in alcuni Paesi europei (come quelli nordici) esistono limiti imposti per legge sia al numero di gravidanze che a quello di accoppiamenti maschili, proprio per evitare di sfiancare troppo i riproduttori. Far fare ad un maschio millemila monte (ammesso e non concesso che si trovino i millemila proprietari di femmine interessati) ha sicuramente effetti benefici sul portafogli dell’umano, ma non certo sul cane!

Articolo precedenteSo’ soddisfazioni…
Articolo successivoNuova proposta per Sanremo

Nella stessa categoria...

8 Commenti

  1. Salve, volevo chiedere se conviene procedere alla castrazione di un cane (Shiba Inu di 18 mesi) affetto da criptorchidismo. Grazie

  2. Risolviamo “cugginatamente” il problema della castrazione.
    Entro con il mio labrador nero dal veterinario ed una vecchia signora con un barboncino sulle ginocchia stringe verso di se il cane e mi viene spontaneo dire:
    IO – tranquilla signora il mio cane è molto buono
    SIGNORA – No perchè e grande e nero quindi morde
    I – no non morde, anzi spesso è stato aggredito ed ha subito morsi da cani piccoli come il suo
    S – il mio non morde perchè è nato con una malformazione
    I – è nato senza denti?
    S – no gli manca la cistifellea.

    Quindi signori veterinari se volete risolvere il problema della aggressività dei cani non castrateli più, ma toglietegli la cistifelle

  3. Gia’ un veterinario che ti rassicura sul fatto che “il cane non diventerà gay” mi fa sorgere il dubbio che abbia ottenuto la laurea coi punti della Miralanza…

  4. Vi ringrazio per aver dato risalto al nostro caso clinico. Una vera assurdità . Davvero, da veterinario un po mi vergogno.

  5. giusto qualche giorno fa una educatrice mi ha detto di sterilizzare la cucciola solo dopo il primo calore adducendo come motivante che se lo si effettua quqndo sta andando in calore la prima volta poi si h auno squilibrio ormonale perchè restano residui di ormoni e perchè la cucciola non è ancora perfettamente formata.
    Però da quel che so io, ma non trovo una fonte scientifica accidenti, se fa il primo calore comunque il rischio successivo di malattie è comunque alto, cosa che non è se si sterilizza prima…

    • Se mastichi l’inglese ti potrai fare un giro su pubmed e leggerti quanto meno gli abstract di veri studi a riguardo, alcuni hanno anche il testo free, altri no ma in genere gia l’abstract aiuta.
      La sterilizzazione protegge verso molte patologie ma farla prima o dopo il primo calore cambia le cose. Ti semplifico molto, immagina che ci siano i tumori A e B. il cane non sterilizzato contrae meno facilmente A ma più facilmente B. Il cane sterilizzato dopo il primo calore viene protetto su B ma magari gli aumenta l’incidenza di A. La protezione su B cala quanti più calori ha fatto il cane. Si è visto che la sterilizzazione prepubere protegge in contempo da A e B.
      E’ tutto dovuto a un gioco di ormoni e recettori sensibili agli ormoni, che si attivano col primo calore.
      C’era una volta anche la paura che la cagna sterilizzata prepubere smettesse di crescere e svilupparsi. Studi scientifici (ancora li trovi su pubmed) hanno dimostrato che cio non è vero. E’ vero invece che la crescita rallenta un po’ ma continua più a lungo così che la taglia finale del cane è quella tipica della sua razza se non un po’ superiore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Arriva la III edizione del Pet Carpet Film Festival, la rassegna cinematografica internazionale dedicata al mondo animale

25 settembre Studi di Cinecittà, Sala Federico Fellini, Roma.Conduttori Enzo Salvi e Maurizio Mattioli, regia Claudio Insegno

Webinar “Etologia e psicologia canina”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 17 Settembre si è quello a tema Etologia e psicologia canina....

Settembre e ottobre ricchi di attività per il lavoro in acqua

Continuano le mie giornate di stage in acqua. In attesa delle prossime gare - ve ne parlo più avanti - Vi racconto...

Border Collie: cane per tutti o cane per nessuno?

Come molte altre persone che bazzicano il settore della cinofilia ho spesso occasione di leggere/sentire le opinioni della gente; nello specifico, da...

Perchè questa immagine NON denigra i meticci (e perchè qualcuno pensa lo faccia)

Sta avendo molte condivisioni nelle ultime ore un'immagine sul tema "allevatore vs cagnaro". Solo che quasi di pari passo con le condivisioni...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,806FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Tra...
00 Giorni
00 Ore
00 Min
00 Sec
Expired
Si terrà il webinar "L'etogramma del cane"
Scopri di più!

Condividi con un amico