di VALERIA ROSSI – Mi segnalano il sito (molto bello, tra l’altro) di un prodotto a base di Fiori di Bach: si chiama Floripet (bello anche il nome) e promette di risolvere ogni problema comportamentale dei cani.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

floripet
Tutti, ma proprio tutti i problemi: aggressività, timidezza, ansia da separazione,  abbaio eccessivo… e perfino il “troppo entusiasmo”, una cosa che mi fa uscire dalla graziadiddio.
L’entusiasmo di un cane sarebbe un problema?
Ma venite qua, che vi prendo entusiasticamente per il coppino… e poi provate a darmi i fiori di Bach e vediamo se mi passa l’impulso omicida!
Vero che poi, nel testo, si spiega che stanno parlando dell’urinazione da sottomissione (anzi, “da entusiasmo”, a quanto pare)… ma siccome i testi scritti in piccolo li leggono in quattro gatti, io mi vedo già la Sciuramaria col cucciolone che fa le feste in modo esuberante, che pensa subito “ecco! Lo dicevo io che era un problema!”… e si precipita a cercare rimedio: ma ovviamente NON nell’educazione, bensì in qualcosa che si possa somministrare in pastigliette o gocce.

bachOra, chiariamo: io non ho niente contro i fiori di Bach.
Li ho pure provati, e il fatto che con i miei cani non abbiano funzionato non significa nulla: non sono una di quelle persone che pensano che il suo cane da solo faccia statistica.
Siccome li ho provati soltanto su due soggetti (vabbe’, tre… ma uno era mia madre e non conta: anche perché con lei non funzionavano manco gli psicofarmaci pesi,  e figuriamoci i fiorellini),  non dico assolutamente che siano da scartare a priori.
Conosco anche persone che ne sono entusias… ah, no, un momento: l’entusiasmo è un problema. Diciamo che ne sono rimaste soddisfattissime.
Ciò non toglie che questa, a casa mia, si chiami pubblicità ingannevole.
Attraente finché si vuole, ma ingannevole lo stesso: perché non esiste al mondo nessunissimo prodotto che possa “risolvere tutti i problemi”.
Non se ne parla proprio.
Potrà risolvere qualche volta, con qualche cane; potrà magari coadiuvare, in altri casi e con altri cani. Ma “risolvere ogni problema comportamentale”, proprio no.
Mi dispiace.
Risolvere significa eliminare il problema, significa farlo sparire, significa cancellarlo: questo non è assolutamente possibile che avvenga con tutti i problemi di tutti i cani…  tant’è che perfino le testimonianze che loro stessi pubblicano, anche ammettendo che siano assolutamente reali, non parlano di problemi “risolti”, ma solo di miglioramenti.
L’umana di Poldo “ha visto i primi risultati”, la setter Patty “sembra più serena” e “ringhia molto meno”… insomma, Floripet li ha aiutati, ma questo non significa che ha “risolto”.
Come diceva qualcuno: le parole sono importanti!
Quindi inviterei caldamente Floripet a modificare quella frase, dando qualche illusione in meno… dopodiché, chi vuol provare i  Fiori di Bach è liberissimo di provarli, perché di persone soddisfatte ce ne sono davvero e perché comunque, a differenza degli psicofarmaci, “male non fanno”.
Però non ci si deve aspettare la bacchetta magica, perché quella ancora non ce l’ha nessuno: né noi educatori/addestratori, né i rimedi in pillole/gocce, naturali o non naturali che siano.
Facciamocene una ragione.

Articolo precedenteVietato l’ingresso ai bambini
Articolo successivoPerchè ho scelt… no, “prenotato” proprio un Border collie

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

13 Commenti

  1. Sarò anche eccessivo, ma si potrebbe segnalarlo a Altroconsumo o a Federconsumatori. Se è pubblicità ingannevole devono provvedere. Le parole fanno moltissimi danni.

  2. Ho provato i fiori di Bach per “calmare” un poco Caos che secondo la sua prima educatrice era troppo “entusiasta e nevrile”, ed hanno parzialmente funzionato, anche se poi ho capito che chi aveva bisogno di essere calmato era qualcun altro ( l’educatrice, che aveva frainteso più di un suo comportamento e la sottoscritta stressata dallo stress della medesima… ho finito per cambiare campo) e quello che funziona davvero coi cani è tanto tanto impegnativo lavoro. I fiori aiutano, ma soli soletti sono gocce in un deserto. Evaporano senza apportare cambiamenti.
    Mi duole, ma come spesso accade, senza rimboccarsi le maniche non si ottiene alcunché.
    Abbracadabra , bibidibobidibu funzionano solo nelle favole.

  3. Ha davvero senso parlare di pubblicità ingannevole per i fiori di Bach?
    Sarebbe come parlare di pubblicità ingannevole per l’oroscopo perchè non ha previsto correttamente il futuro.

    E comunque sono decisamente più efficaci “i cardi di Mino Reitano” (cit.).

  4. Non credo di aver mai visto una pubblicità non ingannevole o esagerata.
    Detto questo, ne ordino un’autobotte per la mia terremotina, ma spero che non funzioni troppo bene perché se ne sarò entusiasta dovrò ordinarne anche per me. È un circolo vizioso :/

  5. Con il mio EddieVedder i Fiori di Bach hanno avuto la stessa riuscita di un bel bicchiere di acqua fresca quando il mal di testa ti sta facendo impazzire. Quello che ha funzionato (sta funzionando) è stato il percorso educativo prima e l’agility ora.

  6. Io ho usato una specie di farmaco a base di erbe, ma il veterinario era CHIARO tempo al tempo!
    Sinceramente…aiuta moltissimo… ma non per l’ambientazione.
    Ho usato anche il collare!

  7. bassotto+pollaio+fiori di bach e poi vediamo il risultato.
    si può fare anche l’esperimento in doppio cieco bendando sia il cane che le galline e poi valutiamo i risultati.

  8. Utente Facebook: La mia gatta ha distanza di tempo da quando lo adottata non si fida scappa graffia crede possa andar bene??

    Floripet – rimedi naturali per cani e gatti: Certo xxxxxx. In questo caso andremo a personalizzare la soluzione proprio per la paura e mancanza di fiducia

    Direi che questo dice già tutto.

  9. A prescindere che anche la cicuta è naturale ma uccide, quindi il non far male perché sono naturali non esiste…….volevo invece far presente che avendo dissentito ovvero esprimendo un semplice mio parere, sono stata bloccata su facebook. ECCO NUOVAMENTE DIMOSTRATA LA LORO NATURALE ED EFFICACISSIMA CAPACITA?

  10. Pensavo che poteva migliorare tanto il problema che avevo con il mio cane un abbaiare continuo contro tutti quelli che incontra passeggiando dopo un mese di goccie ho rinunciato assolutamente nulla i mie hanno sempre detto che gli davo acqua oggi mi convinci che avevano ragione quindi non lo consiglio

  11. Purtroppo ho fatto l’errore di fidarmi dei commenti su Facebook e ho acquistato il prodotto. Sul mio cane ha provocato enormi effetti collaterali dopo 10 gg di somministrazione. Grossa quantità di muco nelle feci, giorni di diarrea, ansia, nervosismo e paura. Ho scritto in privato per chiedere se ci potesse essere relazione tra il farmaco e gli effetti sul cane e non solo non mi hanno risposto ma mi hanno bloccata su tutto. Quindi ho subito una truffa. Ho segnalato la pagina ma non credo sia sufficiente

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.