di BRUNA STOPELLI – Leggendo gli articoli di TPIC mi sono decisamente riconosciuta nella figura della Sciuramaria, anzi nel sottotipo “Sciuramaria che ha sbagliato cane”.

Pensate ad una signora di mezza età mai stata atletica che si ritrova con un border collie…infatti quando con mio marito siamo giunti al grande passo di prendere un cane, il destino ci ha posto in rotta di collisione con una cuccioletta indesiderata che stava rischiando di fare una brutta fine. Da un allevamento di bovini (abbiamo impiegato settimane per attenuare la puzza di vacca!), la piccoletta è stata trasferita a casa nostra ad un’età che – abbiamo scoperto a posteriori- si aggirava probabilmente intorno alle sei settimane.

Eravamo del tutto ignari di ciò che ci aspettava, per fortuna una cara amica ha preso l’altra sorellina a rischio, così ci siamo almeno ritrovate in due a condividere l’esperienza. Le due cagnette sono meravigliose, ma entrambe ci mettono in difficoltà per ragioni diverse. Poi quest’anno a giugno la grande idea: volevamo fare qualcosa con i cani, ma invece di fare un corso di qualche attività specifica, abbiamo deciso di provare la full immersion.

Ci armiamo di coraggio e ci iscriviamo alle “Vacanze al Debù”.
14Trolley per le due umane, valigione per le due cagnette (con tanto di contenitori di cibo surgelato) e via….si parte!
Si arriva al campo e si comincia. Primo shock: lasciate i cani in auto…Aagh! Oddio, in auto senza di noi, fa caldo, si sentiranno sole…peggio del primo giorno di scuola materna dei figli!
Iniziano le lezioni, i seminari…come farò a ricordarmi tutto quanto…prendere furiosamente appunti, scrivere in stampatello le parole magiche INGAGGIO, AROUSAL, LURING, LEARNING HELPLESSNESS…

Poi con tutto questo che ti gira per il cervello si passa alla pratica, vai a prendere il cane, cerchi di applicare quello che ti stanno mostrando. Orrore! Zoe tiene le orecchie indietro, coda bassa, guarda le mosche, non fa nulla: non è lei, mi hanno cambiato il cane! Partecipo al seminario sull’aggressività e mi sento idiota a spiegare che ho problemi visto che Zoe sembra timida e spaurita.
Finché…. lezione di Disc-dog ed ecco che finalmente Zoe si accende! Corre, salta, prende il disco al volo!
Ora sì la riconosco! E quando Cristiana le insegna a fare il giro intorno a lei, impara immediatamente.
Poi cerco di ripetere io l’esercizio ed ecco che Zoe mi guarda con un fumetto sulla testa con scritto “Ma cosa credi di fare?” e si precipita da Cristiana, con lei sì che si gioca in modo divertente!

Esperienza di mantrailing con Pasquale: Zoe non sembra nemmeno avvicinare il naso al sacchettino ma poi parte come un missile, accidenti non ho mai corso così velocemente, i metri della lunghina si esauriscono in un attimo, mannaggia quanto è alta l’erba, speriamo di non inciampare, pensa che figura finire lunga distesa…sollievo! per questa volta il Fato è stato benevolo e sono riuscita a restare in piedi! Paonazza, con il fiatone, prossima alla sincope ma sono sopravvissuta! Fino alla prossima…

La giornata è pienissima, alle 9 puntuali siamo al campo per le attività che si susseguono fino a sera, ogni tanto si deve scegliere tra due proposte: dubbio amletico! Cosa scelgo? Vorrei fare entrambe! Per fortuna c’è l’intervallo pranzo. Al Totem Pub siamo rifocillati con ottimo cibo, tanta gentilezza e disponibilità, ma soprattutto con le mitiche patatine di Lucetta, così buone da indurre dipendenza sin dal primo assaggio!
La sera siamo così stravolte che noi umane ceniamo con un gelato o poco più, le cagnette mangiano la loro pappa (poca! ci hanno detto che sono grassocce!) e poi crolliamo tutte a nanna.
Dopo i primi giorni si prende il ritmo, ci si appassiona alle attività, si fa conoscenza con allievi e istruttori…si raccontano le storie dei propri cani e si comincia ad imparare, ci si incoraggia a vicenda.

Poi…la settimana è già finita! Che peccato!
Gare finali, premi per tutti, pizzata di gruppo, saluti…e si torna a casa con fermo proposito di mettere in pratica ciò che abbiamo imparato.

Bella esperienza, la Sciuramaria si è divertita e forse sarà una padrona migliore per la propria cagnetta…ma una cosa è certa: per un bel po’ non voglio più vedere un wurstel!

Articolo precedenteLo shaping nell’apprendimento per approssimazione
Articolo successivoCinofobia opportunistica post-terremoto

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

15 Commenti

  1. evviva la sciuramaria in debuvacanza!!..mi confermi l’idea che adesso che ho il cane vecchietto devo approfittare per fare un po’ di…palestra!! :-))

  2. Che beeeellloo!!! Mo’ piango, volevo venirci e non ci sono riuscita mannaggia!
    L’anno prossimo ci devo assolutamente riuscire a venire alle vacanze al DEBUUUU!!

  3. ciao, hai scelto un bel modo per fare invidia a molti. Una settimana di lavoro full immersion col proprio amico peloso che permetta di spaziare su diverse discipline cinofile deve sicuramente essere una ottima occasione per riuscire a capire le attitudini del proprio cane e anche delle proprie, per poi scegliere a quali dedicarsi con maggiore attenzione.
    Quanto alla fatica… beh, anch’io pensavo fosse più a carico del cane, ma poi ho scoperto che anche sul piano dello sforzo fisico si crea un binomio: usciamo dal campo stanchi entrambi.

  4. Da testimone oculare posso dire che Bruna è modesta. Dopo una, e ripeto una, lezione di disc dog è riuscita a farsi girare intorno il cane, e alla fine della seconda lezione lo faceva pure con una certa eleganza. Sono state brave pure nel percorso di Rally O.
    Diciamo che all’inizio tutti i cani erano un po’ straniti: ambiente nuovo, orari diversi, un sacco di gente, cani e attività mai viste prima…
    Il mio levrierino è rimasto stranito fino all’ultimo giorno, ma lui è piuttosto sensibilotto e paurosetto, comunque si è divertito pure lui ed io ho imparato davvero tanto.
    A lui manca molto Marco con il suo nosework ed il suo atteggaimento pacato, dolce accogliente e rassicurante… a me invece mancano fiato e gambe per riuscire a corrergli “davanti” ad indicargli la direzione nel percorso di agility… stavo pensando ad un paio di pattini…
    Purtroppo siamo dovuti partire il sabato pomeriggio e ci siamo persi gare e premiazione della domenica. Qualcuno mi fa sapere come sono andate le gare?!? Grazie!!!

    • con il levrierino solo pattini?? ti ci vuole un husky con careto a baliniera e ti sora, te digo mi :-))) Comunque spero che la vacanza vi sia piaciuta e vi siate divertiti, dove avete dormito? Io avevo trovato un bell’agriturismo che accettava anche cani, cascina gai

      • Noi abbiamo dormito a Vinovo in un B&B bellissimo appena ristrutturato. Altri so che hanno dormito in zona la Loggia. Ci siamo divertiti tanto ed è stato molto utile. Un grazie particolare a Davide, lo staffe i collaboratori del Debú e agli ospiti di eccezione, che per noi si sono fatti un mazzo tanto dalle 9 alle 21 pgni giorno

      • Agriturismo Villa Albina a LaLoggia . Eravamo ospiti in tre allievi e due istruttori, complessivi 5 cani. Signora Lucia gentilissima.

    • Ciao mamma di Maki è un piacere ritrovarci! Mi metti in imbarazzo con i complimenti. Suppongo che tu abbia visto su facebook del debù le foto della giornata finale: è stato davvero divertente. Hanno organizzato le “gare” con alcune regole come è giusto che sia, con tempi e punteggi e in due categorie in base alla taglia per agility e mantrailing. Zoe è risultata prima in disc-dog e mantrailing (in agility è stata squalificata perchè si è rifiutata… Davide l’ha definita una vera carognetta!), Emily e Mimì nelle due categorie in agility, Dante in rally o.
      Phoebe ha fatto man bassa di ottimi piazzamenti in tutte le gare. Ci sei mancata, peccato. A risentirci

    • Coraggio organizzati per l’anno prossimo, vedo un border nella foto, sicuramente si divertirebbe moltissimo. Io sono ancora dispiaciuta di non essere riuscita a fare alcune attività, mi è rimasto il rimpianto per la dog dance che non sono riuscita a provare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here