di DAVIDE BELTRAME – Nel Dicembre del 2015 pubblicavo un articolo intitolato “Non rendiamo il 2016 l’anno della bufala“, dove mettevo in guardia dal fatto che dopo aver spopolato con le finte notizie a tema xenofobo, le notizie inventate di sana pianta al solo scopo di attirare click stessero iniziando a riguardare anche i cani.
Ovviamente era una speranza vana, perché purtroppo le bufale viaggiano facilmente sul web, sono un po’ le leggende metropolitane del nuovo millennio, o per rimanere in tema cinofilo sono come le “cugginate”: non si sa bene da dove partano, ma fanno presa, viaggiano di bocca in bocca (anzi, di tastiera in tastiera), trovano migliaia di persone che ci credono e diventano vox populi.
Quest’ultimo passaggio con le bufale online è più raro, ma solo perchè la quantità di bufale che circolano ogni giorno è tale che vengono dimenticate presto: l’indignazione è immediata, ma dopo 5 minuti te ne dimentichi.
Almeno finchè la bufala non torna in auge, come è successo alla bufala relativa al cane Grisù: volevo sciverne già tempo fa (a Novembre 2016 per la precsione), ma poi era un po’ scemata e per non darle nuova evidenza avevo preferito lasciar perdere.
Però, in questi giorni sta nuovamente circolando a grande ritmo, e non è nemmeno la prima volta.
Già, perchè nonostante sia già stata sbufalata da tempo (ad esempio da Bufale un tanto al chilo che se ne è occupato proprio lo scorso novembre) continua a trovare ampie condivisioni sui social quando viene riproposta…e quindi torno sull’argomento.

La storia in questione (assolutamente falsa, ribadiamo) è quella inerente il presunto cane Grisù, che sarebbe stato condannato a morte da un giudice, dopo aver difeso la sua famiglia da una banda di rapinatori. Rapinatori ovviamente nordafricani, perchè mica vorrai perderti lo sdegno di tutta quella frangia di utenti pronti ad alzare le loro tastiere contro gli extracomunitari.

A far partire la bufala ai tempi era stato apparentemente il sito “Libero Giornale”, la cui pagina Facebook conta poco meno di 9000 fan.  Il post è apparso sulla pagina Facebook il 7 novembre e all’epoca aveva registrato – solo dalla pagina – 8396 condivisioni. Lo stesso sito qualche settimana prima aveva pubblicato la bufala di Luciana Littizetto che in caso di vittoria del “no” al referendum non sarebbe più apparsa in tv: anche in quel caso più di 8000 condivisioni.
Tutte le altre notizie di questo sito viaggiano su numeri decisamente più bassi, ma ogni tanto imbroccano la “bufala buona” e fanno il botto.
In questo caso era addirittura stata lanciata una petizione su change.org per salvare il povero Grisù, ed erano state raccolte quasi 15.000 firme!
Un numero che spesso petizioni reali per fatti anche importanti non hanno mai nemmeno sfiorato.

Le bufale che fanno leva sul populismo ovviamente fanno facilmente presa e viaggiano su Facebook con numeri folli, ma sarebbe ora di porre un freno alla cosa.
So che purtroppo è impossibile confidare nel buon senso di alcuni utenti, perchè il “click compulsivo” coglie un sacco di persone e soprattutto, cosa ancor più grave, tanti condividono perchè “magari questa è una bufala, ma potrebbe succedere davvero“, tant’è che Facebook ha addirittura iniziato a programmare dei “filtri antibufala” per inventare le notizie fasulle (hanno iniziato a sperimentarli in Germania).
Sempre in Germania è stata proposta una legge per multare fino a 50 milioni di euro i social network responsabili della diffusione di notizie false che non si adoperino per la loro segnalazione e rimozione.

E’ davvero sconsolante vedere che debbano essere presi provvedimenti dagli Stati o dai social network solo perchè “l’utente medio” non fa la fatica di informarsi 30 secondi prima di condividere una notizia, quegli stessi 30 secondi che impiega a commentare con “giudice di merda”, “spero rapinino te” e similari.
Perchè per identificare la bufala spesso basta leggere il sito a cui rimanda il link, non serve nemmeno cercare se la notizia sia riportata da qualche fonte ufficiale.
Siti come “Libero giornale”, “Italia News 24”, “Il fatto quotidaino” sono ormai notoriamente siti di news fasulle, se proprio siete in dubbio vi consiglio di consultare la Black list di Bufale un tanto al chilo.

E se siete tra quelli che condividono perchè “non si sa mai”, “potrebbe succedere”, “ma tanto che male fa”…ricordate che quando poi non parlano di “animalisti fanatici”, è anche colpa di questo atteggiamento, degli auguri di malattie e morte lanciati a giudici inesistenti, del firmare petizioni per un cane che non è mai esistito, quando poi magari non le firmiamo invece per cose reali.
Così, quando magari la nostra voce servirà per appoggiare delle battaglie importanti, non potremo stupirci se verremo considerati “i pirla che condividono le bufale”.

Articolo precedenteDove prendere un cane
Articolo successivoQualcosa è andato storto: Pablito Gambadilegno

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

7 Commenti

  1. Da articolista posso dirti che sempre più blog iniziano creando bufale, per ampliare il proprio bacino d’ utenza. Alcuni dopo aver ottenuto notorietà e risultare tra le prime pagine in una ricerca Google, smettono di pubblicare bufale, altri assumono sfigati come me disperati pagando 1euro a post per guadagnare dalle visualizzazioni. In fondo il popolo degli internauti italiani a quanto pare, è composto al 90% da analfabeti funzionali.

  2. A chi dice che “TPIC” non è come prima: DEVE essere così!
    Non può e non potrà essere uguale in tutto e per tutto. Nessuno può sostituire integralmente nessuno.
    Ma siamo in grado ogni tanto di apprezzare una cosa con il suo stile personale, anziché far continuamente confronti col passato? Svegliatevi, davanti avete il futuro, non avete il passato da guardare…
    Scusatemi Davide e Fabiana, ma quanno ce vò, ce vò…

  3. Un sito serio antibufala è quello di Paolo Attivissimo. Quando leggo stranezze in giro vado sempre sul suo motore di ricerca per un controllo. Ma che vita!

  4. Secondo me ha semplicemente fatto centro tomtomme.

    Da un lato e’ vero che il 90% degli internauti ha un solo neurone che non si sente neanche tanto bene e che essendo il 90% costituisce il target di marketing piu’ appetibile al quale va offerto un prodotto adeguato alle sue capacita’. Dall’altro e’ vero che in altri contesti il passaggio dal soggetto raziocinante all’idiota vede una quantita’ di sfumature e di livelli intermedi tali per cui l’idiozia e’ tutto sommato relegata ai casi limite e invece nel mondo degli internauti la separazione e’ netta forse proprio a causa di cio’ che viene loro proposto.

    Difficile a questo punto dire se sia nato prima l’uovo o la gallina; sta di fatto che uova e galline, internauti e bufale sembrano essere proprio inscindibili.

  5. Mi spiace aver scatenato un putiferio!Non volevo offendere seguo da 5 anni Tpic non intervengo in chat non x timidezza,non le uso.seguivo Valeria ed ora leggo Fabiana e Davide con interesse e continuerò’ a farlo.Se si esprime un parere (so che le bufale riguardano i cani intendevo che mi piacerebbe avere consigli più’ tecnici,tutto qui’)non significa che si è stupidi!Inoltre penso che ti presento il cane non abbia bisogno di avvocati difensori ed è gratis se non mi piacesse non lo seguirei! Vi salutò democraticamente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here