di LUCA – Vorrei scrivere queste poche righe, che mi sono state molto utili per dare sfogo alla tristezza dopo la morte del mio “ciccio”.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Ore 2:30 del mattino: sento un rumore sospetto in cucina, mi alzo, tutto regolare: al mio vecchietto è scappata di nuovo la pipì in casa, questa volta invece che le solite 6 ore ne sono passate solamente 3 dall’ultima uscita.
Strano – penso – domani visto che sto aspettando esiti dalla veterinaria le farò presente anche questo.
Pulisco, sistemo, disinfetto e torno a letto.
Era da una settimana che non riusciva più a trattenerla per oltre 6 ore.
Siamo sotto visite mediche ed esami, non è in forma, ma ci può stare per un boxer di dieci anni e mezzo…

Ore 2:45 sento il cane che viene a dormire in camera mia, sulla pedana di mia moglie.
Strano – penso – lo fa solo quando ci sono temporali, si starà avvicinando brutto tempo.

Ore 3:00 il cane viene dalla mia parte del letto, sento un rumore strano, mi alzo: è a terra, ha delle specie di convulsioni mi avvicino gli parlo.
Ore 3:02 è morto…

La prima cosa che penso è che è venuto da me, è venuto da me per morire al mio fianco.
Piango, piango tanto, cazzo se piango sembro un bimbo, cerco di piangere piano, non voglio svegliare i bimbi, ma sto male.

I giorni passano, mi sembra strano parlare di un dolore così con le altre persone, veramente non pensavo, non credevo che la sua morte mi facesse stare così male.

Ieri sera dopo cena mi sono accorto per la prima volta da anni che avanza della pizza, mai capitato di vedere roba da mangiare nel pattume….
Sono stato un padrone fortunato: mi ha permesso di sbagliare e non ha mai lasciato che un mio comportamento pregiudicasse l’amore che aveva nei miei confronti.

È stato un gran cane.
Ho imparato tanto da lui.

Potrei, come tutti i padroni, raccontare un sacco di aneddoti su di lui, sulla sua vita, dal cane da bar al giocatore di rugby con mio figlio. Forse un’altra volta, quando starò meno male.
Io e il mio vecchietto ci siamo sempre capiti al volo, senza troppe parole o gesti, a volte bastava un mio sguardo o un movimento con la testa e già sapeva quello che c’era da fare.

Ci conoscevamo bene, ci frequentavamo da tanto tempo, negli ultimi anni non eravamo più gli stessi di quando ci siamo visti la prima volta, né io né lui, siamo cresciuti e cambiati tanto, entrambi.
Lui nonostante gli acciacchi, i blocchi mentali o le nuove insicurezze che gli erano venute rimarrà per sempre nella mia memoria come un amico meraviglioso.

Mi chiedevo, quando lo vedevo in una delle sue crisi, se dopo di lui ci sarebbe mai stato qualche altro cane.
La risposta l’ho avuta la prima volta che ho aperto la porta di casa e nessuno mi è venuto incontro.

Articolo precedenteTi presento… Pluto (& co)
Articolo successivoI corsi per educatore/addestratore cinofilo sono un bene o un male?

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

7 Commenti

  1. Non capisco se la tua risposta è stata affermativa o negativa, la mia è stata affermativa perchè il dolore di una porta che si apre senza un culo che scodinzola era insopportabile…

    Stavo scrivendo il commento con i lacrimoni agli occhi e son venuti a parlarmi in ufficio…figuraccia 😀

  2. quanto capisco questa sorpresa di non saper a chi dare gli avanzi della pizza..io mi trovavo in mano le croste di formaggio e i barattoli dello yogurt da leccare..non so cosa hai deciso di fare tu, ma dietro la mia porta di casa, come Silvia, ora c’è un altro culetto che scodinzola

  3. Avevo 14 anni quando è morta Luna, il mio primo cane, un Boxer meraviglioso. Forse è stata particolarmente dura anche perchè non avevo mai vissuto un lutto in vita mia, non lo so.. però non ho potuto guardare un boxer in faccia per anni. Tutte le volte che ne incontravo uno mi mettevo a piangere..anche a distanza di tempo.. ora ho una bellissima bulldogghina e ogni tanto mi viene da sorridere perchè me la ricorda in certi comportamenti… sono tutti speciali ognuno nella sua unicità ed è per questo che continuiamo a prenderne altri perchè come dici tu non si può non avere un peloso che ti guarda adorante quando rientri a casa 🙂

  4. Solo chi ci passa può capire il dolore ed il vuoto che lasciano quando se ne vanno, io quel vuoto l’ho sempre riempito con un nuovo cucciolo, ed ogni volta è una nuova avventura meravigliosa che mi aiuta ad apprezzarli ancora di più, perchè ognuno ha il suo carattere e tutto riparte da li…Il mio ultimo cane mi ha lasciato nel febbraio 2014 aveva 17 anni…17 anni di vita insieme…Una settimana dopo (una settimana di lacrime e disperazione) è arrivato Noah, Labrador patatone e testone…adorabilmente testone ed è nuovamente vita degna di essere vissuta. Un abbraccio!

    • Io invece quel vuoto non l’ho mai colmato nonostante altri cani dopo, amati comunque moltissimo… Ho cercato e fatto spazio intorno, ogni cane che è arrivato dopo ha il suo, uno spazio comunque di gioia e condivisione piena, ma il vuoto scavato dalla perdita della prima è rimasto, e c’è ancora. Anche se è un vuoto “diverso”, pieno dei ricordi che terranno sempre nel mio cuore la mia cucciola poi vecchietta che ora non mi scodinzola più accanto ma è rimasta con me, dentro di me.

  5. Inutile dire che mi sono commossa! Non posso e non voglio pensare a come reagirò se dovesse succedere al mio…spero il più tardi possibile. Un abbraccio Luca 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here