Ancora una volta, Yahoo Answers ci dà lo spunto per parlare di una “cugginata” della quale, sinceramente, non sospettavo neppure l’esistenza.
Ma una nostra lettrice ha visto la domanda (e soprattutto le risposte!) e me l’ha segnalata.
Domanda postata su YA: “i cani di razza hanno lo sperone (o 5° dito) sulle zampe posteriori? O è segno di incroci non puri?”
Già viene da sorridere al pensiero che ci si possa porre un quesito come questo… ma le risposte sono un vero campionario umoristico, e soprattutto… chiariscono da matti le idee a chi se l’era posto!
Vediamone, infatti, alcune:

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

– Tanto per la cronaca (proprio per la serie: sia chiaro che non capisci un tubo, pirla! NdRil rottweiler è provvisto di speroni che vengono tagliati in tenera età perchè considerati difetto nello standard di razza (tutti gli altri, non si sa e non ci interessa, NdR).

Rovescio della medaglia:

GUARDA I NOSTRI WEBINAR

–  Che io sappia i cani con sperone sono di razza e quelli senza sono meticci. Per quanto mi riguarda il mio Chihuaua con pedigree ha lo sperone e l’altro, un meticcio, non ce l’ha. Questi i fatti.

Mah. Partendo dal presupposto che questi signori, normalmente caratterizzati anche dalla giovane età, vadano o siano almeno andati a scuola e abbiano frequentato almeno le lezioni di scienze di scuola media, viene davvero da chiedersi come possano non avere la più pallida idea di cosa siano una prova scientifica, un campione significativo, un dato statistico.
Personalmente ho tratto molte considerazioni sull’etologia canina dall’osservazione dei miei cani, che erano una quindicina di adulti più i cuccioli, e spesso mi sono chiesta se/quanto rapresentassero un campione sufficientemente attendibile, andando a ricercare conferme su altre popolazioni e altri soggetti prima di trarre una qualsiasi conclusione che comunque ho sempre definito come  “risultato di esperienze personali”, e non certo come verità assoluta o prova scientifica.
Invece qui troviamo persone che dall’osservazione dei DUE cani di casa traggono il Verbo, la Verità incontrastata e incontestabile: alla faccia nostra.
“Questi i fatti”: e camminare. Peccato che “i fatti” non sembrino uguali per tutti, visto che più sotto troviamo un’ulteriore risposta che rovescia nuovamente la situazione… scritta tutta in maiuscolo, quindi assolutamente perentoria:

– LO SPERONE è L’IDENTIFICATIVO DEL CANE NON DI RAZZA. I CANI DI RAZZA NON CE L’HANNO.

E questo il commentatore dovrebbe andarlo a spiegare agli allevatori di Beauceron, il cui Standard prevede addirittura il DOPPIO sperone posteriore!

Comunque, per chi si fosse posto questo problema: lo sperone – o quinto dito – fa parte dell’eredità atavica del cane, i cui progenitori più lontani (Miacis) erano plantigradi. Nel corso delle varie mutazioni che si sono susseguite in natura, prima ancora dell’avvento della selezione umana, lo sperone posteriore è andato gradualmente sparendo (non in tutti i cani, ma in molti), mentre il quinto dito anteriore è rimasto pressoché sempre presente.
Nessuna delle due dita  (che equivalgono al pollice e all’alluce umani) ha evidentemente più motivo di esistere, visto che il cane poggia sulle altre quattro dita e che le quinte sono semplicemente delle  appendici “appese lì”: in realtà, però, il quinto dito posteriore può avere ancora una ragione di esistere quando il cane si muove su terreni particolarmente accidentati, perché funge da “rampino” che può impedirgli di scivolare e/o può consentirgli di “aggrapparsi” in qualche modo al terreno per migliorare la presa (per esempio durante una salita ripida)…ed è questo il motivo per cui in alcune razze da pastore (come appunto il pastore della Beauce) è desiderato e richiesto dallo Standard, addirittura in versione “doppia”.

D’altro canto, lo stesso sperone però può infastidire il cane durante il gioco o la stessa corsa, andando a graffiare le altre zampe (o quelle di altri cani): può anche strapparsi se rimane impigliato, causando dolore e zoppia nel cane. Forse per questo la selezione naturale ha cominciato a convincersi che…il gioco non valesse la candela.
Nel frattempo è iniziata anche la selezione umana, che nella stragrande maggioranza delle razze ha preferito eliminare lo sperone un po’ per motivi estetici e un po’ perché, effettivamente, lo sperone può dar fastidio…agli umani, come ben sa chiunque abbia un cane speronato che gli sia saltato in braccio con veemenza almeno una volta.
Sta di fatto che lo sperone è un “accessorio” che, dal punto di vista di Madre Natura, è in fase di regressione (anche diversi lupi nascono sprovvisti), mentre dal punto di vista umano, dipende: in acune razze non è desiderato dallo Standard e quindi, se presente, viene asportato alla nascita con un colpetto di forbice (nella stessa cucciolata, di qualsiasi razza e non razza,  possono essere presenti cani con e senza sperone. Ah…ovviamente lo sperone NON cade da solo con la crescita – altro quesito trovato su un altro sito di domande e risposte. Se non è desiderato, va tagliato). In altre razze è desiderato e quindi si accoppiano solo i cani che ne hanno uno o due, a seconda dei dettami dello Standard, conservando così la caratteristica attraverso la selezione cinotecnica.
Ovviamente tutto questo non ha assolutamente nulla a che vedere con la purezza o meno del cane.

Articolo precedenteABC…inofilo – parte 3
Articolo successivo“Senso puppy” (Bio sensor) – parte prima: che cos’è e come funziona

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

30 Commenti

  1. Ma.. Cosí alla leggera? Non é desiderato dallo standard quindi un colpetto do forboce e via? Non farà male come orecchie e coda ma immagino che un cincinino sentano male.. O forse malissimo

    • No, nè male nè malissimo: direi proprio che non sentono niente. Io ho dovuto toglierli solo due volte ai miei cuccioli (tutte le linee di husky americane sono assai raramente speronate), ma non hanno fatto neanche CAIN (anzi, UIN UIN, perché si fa appena nati, quando cain non sanno neppure ancora farlo!).

  2. qui giampi posso fare una affermazione su molterrime cucciolate. un colpetto di forbice, un mini Cain – a volte neppure quello – e tutto finito. quando sono appena nati.

  3. mah… dicono che si può impigliare… e quindi è meglio toglierlo. a volte viene asportato anche in età adulta se era “scappato” da cuccioli. poi dipende come è fatto, se ha l’osso dentro o meno e se è attaccato alla zampa o meno, se ha il dito o solo l’unghia, mi è capitato un cucciolo con solo l’unghia e quindi è stata rimossa perchè crescendo tende a infilarsi nella carne.il mio maschio li ha e hanno una bella unghia grossa e l’articolazione attaccata alla zampa e nonostante siamo andati ovunque… e non fosse un cane apatico ma anzi molto attivo non ho mai avuto problemi. ovviamente ogni tanto taglio l’unghia perhcè non poggiando terra non si consuma ma la tagleirò due volte l’anno…non cresce così in fretta. a me personalmente piace, e conosco cani che cel’hanno o sono nati con e glieli hanno tolti… ad esempio il padre della mia pastorina li protava la mamam no per cui alcuni cuccioli sono nati con altri come lei senza e l’allevatrice con una pinzatta per pulire le pellicine delle unghie li ha levati appena nati. comunque… come le macchie nere sulla lingua di cui è provvista anche l’altra mia lupetta, e che NON E di razza, come il lupone con gli speroni… NON SONO INDICE CHE IL CANE E DI RAZZA! come il palato nero o altre cazz… che si sentono in giro. è solo una casualità genetica…anche perchè alla fine l’unica differenza fra razza e meticcio è un pedigree. perchè i meticci son mischioni di cani di razze che possono o meno avere lo sperone e quindi passarli ai figli (è un tratto dominante…) e anceh le razze sono state create selezionando con un po’ di consanguineità dei “cani” che non erano di razza o non avevano documenti o insomma erano di altre razze ecc… insomma create dall’uomo. esiste il cane e ciò che nel dna può essere o meno presente nella specie “cane” a prescindere che appartenga ad una razza o meno… basta che sia cane e certi tratti possono esserci come no.mi meraviglio coem la gente ancora oggi pensi ste cose. beata ingoranza.

  4. I miei, di pura razza bastarda, hanno entrambi gli speroni posteriori. Uno li ha attaccati quasi solo con la pelle, le unghie non crescono quasi, molle molle, sembra debbano staccarsi da un momento all’altro. L’altro invece li ha ben formati, attaccati con l’osso, l’unghia devo tagliargliela 2/3 volte l’anno. Mai avuto problemi agli speroni fin’ora… spero non portarmi sfiga da solo :S

    Ma l’amputazione avviene proprio con la forbice?! Zac e via? Senza anestesia ne nulla?

    • si, EC. un zac e via. appena nati è poco + grande di un granellino di polvere tant’è che certe volte se nn fai attenzione e passi + che x bene il dito sulla zampina nn lo senti. poi lo vedi quando il cagnolino ha 2 mesi 😉

    • EC, nel neonato lo sperone è una cosina grossa come una punta di spillo. Sì’, zac e via perché non sentono veramente niente (almeno, i miei non hanno minimamente reagito): io le cose sgradevoli le faccio sempre durante la pappa, quando i cani vanno in “one track mind” e sono talmente concentrati sul cibo che non fanno caso a nient’altro: in questo modo faccio iniezioni, medicazioni e quant’altro senza che il cane manco si volti indietro. Stessa cosa per il taglio degli speroni: fatto mentre poppavano, hanno continuato imperterriti come se neanche li avessi sfiorati.

      • A Gea mentre mangia potresti fargli anche un trapianto di zampe… altro che speroni (che non ha in quanto vennero asportati a suo tempo)

      • ciononostante (che non fa male toglierli) a me non dispiacciono e quindi potendo li lascerei. certo se ti devono penalizzare in expo allora li togli… ma altrimenti se ben fatti, con articolazione e tutto, non vedo perchè toglierli. diverso come dicevo se c’è solo l’unghia o se sono “carne morta” e quindi rischiano di più di impigliarsi in giro e strappare via tutto. ma anche quelli davanti a volte si impigliano, o ti graffiano quando per dire i cani ti salgono addosso per le coccole… e una volta un mio cane giocando sel’è impigliato (sempre quello davanti) nel collare e ho dovuto correre a sbrigliarlo prima che succedesse un casino mentre cercava di liberarsi chiaramente tirando. qualcuno leva anche quelli anteriori di fatti però ribadisco non ne vedo il motivo più di tot se non compiacere un giudice, cosa che non sempre a tutti interessa…se la cucciola che mi sono tenuta avesse avuto gli speroni come il padre non mi sarebbe dispiaciuto. poi è chiaro… ho preferito lei all’altra sorella che invece li aveva ereditati per tanti altri motivi in cui la preferivo, e di fatti parlando con “qualcuno” si diceva appunto che impuntarsi su dettagli come questi magari tralasciandone altri più iportanti quando si “seleizona” non è il massimo, in razze che devono averlo e che magari nascono senza… ad ogni modo… di certo averlo o meno non è sinonimo di essere di razza o meno come dicevo appunto per macchie sulla lingua in certe razze o il palato nero ecc ecc…

  5. la mia vecchietta meticissima lo detesta il suo sperone, e spesso se lo strappicchia.. non sembra che senta assolutamente nulla.. non so però se vale la pena farglielo togliere o no ormai!!!!! non so perché il vet non l’ha tolto prima…

  6. 1) a me farebbe tantissima pena tagliare lo sperone ai cuccioli che mi nascono, ma a parte le mie idee iper-protettive posso confermare che a quell’età le dita dei cuccioli è quasi come se non ci fossero: un mio piccolino è stato graffiato a tre giorni di vita a una zampina e -purtroppo- un paio di giorni dopo il dito è caduto. Questo mi ha fatto intuire che le dita non sono quasi per nulla innervate alla nascita, se è bastato un graffietto per far morire tutto il dito.
    2) io tengo i rottweiler, e su un forum della razza un ragazzo aveva pubblicato una foto del suo, preso al canile, con gli speroni: gli avevo scritto che certamente era un cane fantastico, ma puro per niente, primo perchè privo di pedigree, e secondo perchè aveva gli speroni. Costui mi aveva presa per matta dicendo di avere un altro cane, col pedigree, che aveva lo sperone e che aveva anche fatto expo, e che quindi lo sperone era simbolo di purezza….. in effetti sono un’infinità quelle persone che fanno o bianco o nero: o sperone o no, o di razza o no. Un po’ come la faccenda del palato nero… Il mio meticcio millerazze ha il palato nero: infatti è di pura razza bastarda.

    • Ho omesso due cose: primo, l’altro cane del ragazzo, quello con lo sperone e il pedigree, era appartenente a una razza diversa (non ricordo quale, ma da compagnia); secondo, riguardo a quella simpatica risposta proprio riguardante i rott proveniente da YA, non è vero che nei rott lo sperone si amputa: se si è onesti, si esclude il cane dalla riproduzione e non lo si porta in esposizione, perchè non deve proprio averlo.

    • ciao Fabiana, ti rispondo in veste di giudice enci specialista rottw e allevatore da quasi 25 anni: nel rottw il taglio dello sperone al piede posteriore è non solo consentito, ma specificato dall’ADRK; come lo era una volta (sino al 2000) per la coda.
      i rottw che dovessero essere presentati in expo con lo sperone vanno penalizzati.
      lo sperone può essere ablato chirurgicamente anche in età adulta.

  7. A me risulta che in Danimarca qualsiasi menomazione degli animali a fini estetici è proibita, anche l’amputazione degli speroni. L’ho scoperto per caso quando ho importato due cani fondatori da lassù. Non so se altri Paesi condividano questa posizione. Nella razza che allevo, il cocker americano, alcuni allevatori preferisco o amputare lo sperone anteriore in quanto è facile che con la crescita del pelo diventi invisibile e che possa essere dimenticato durante la toelettatura con conseguenti problemi legati alla crescita dell’unghia. Io preferisco lasciarlo. Mi sono anche capitati due cuccioli con sperone posteriore: fratellini di una cucciolata di sette… Onestamente me ne sono accorta quando erano già cresciutelli, per fortuna nel cocker americano non sono un problema anche perché il pelo li protegge 😀

  8. Noi abbiam sempre avuto sia meticci che cani di razza con speroni “al naturale”, e non ce ne siamo preoccupati finchè per una pessima dimenticanza uno dei cani di famiglia si è fatto male proprio a causa dell’unghia dello sperone troppo lunga incastrata in un tessuto duro.
    Dopo quell’episodio abbiamo imparato bene a tagliare le unghie da noi in casa e ce ne occupiamo regolarmente.

    Eventualmente si possono anche far tagliare ai cani adulti, ma si tratta di un’operazione che richiede anestesia che noi non abbiamo intenzione di fare a meno che non sia resa necessaria.

  9. La mia Vicky, meticcia lupoide, addirittura ha una zampa posteriore con un solo sperone e l’altra col doppio… nessuna fisima, stiamo solo attenti che non si allunghino troppo con la possibilità che si infilzi…

  10. Perdonate se mi aggiungo; attualmente sto dando stallo ad una cagnolina di un due mesi e mezzo (meticcia pinscher nano), ed ha lo sperone in entrambe le zampe dietro;
    Piü che per estetica, expo o simila il mio timore e´il discorso che il veterinario ha fatto riguardo al rischio che lo sperone possa incastrarsi od altro durante la normale giornata (passeggio, gioco ecc), mediamente voi quante volte avete sentito di casi del genere?
    Non che sia un problema di denaro o di dolore (in caso l´operazione per asportarli la si farebbe in contemporanea con la sterilizzazione),m piü che altro se il rischio e´in realtä un “non rischio” o rischio minimo preferirei evitare una ulteriore fonte di stress o di rischio infezioni od altro.

    Grazie anticipate delle risposte.

    • Credo che dipenda da dove vive il cane…se vive (o va molto spesso) in campagna, probabilmente corre qualche rischio: se vive in città le probabilità che si incastri da qualche parte sono davvero minime.

  11. Vi riassumo brevemente la leggenda della nascita del Bauceron.

    Era l’anno 1606 e nella campagna del centro della Francia,
    un contadino tornava a casa x una strada fangosa,
    coperto da un pesante mantello che arrivava fino a terra.
    Era piovuto tutta l’estate ed il raccolto era andato perso,
    così pensava che non avrebbe avuto niente quell’inverno
    da dare da mangiare alla sua famiglia e alle sue mucche.

    Arrivato ad un bivio vide,senza ombra di dubbio,il diavolo.
    -ho una proposta da farti,Pascal- disse il diavolo.
    -io ti riempio i granai così che tu e la tua famiglia possiate sopravvivere e tu in cambio mi dai l’anima del figlio che sta x nascere e che morirà sicuramente senza niente da mangiare,hai 3 giorni x darmi una risposta-

    Pascal tornò a casa,pensò a lungo in quelle notti sul da farsi e dopo 3 giorni ritornò dal diavolo,sempre con il suo lungo mantello.
    -va bene accetto,non ho scelta-
    -allora ci vediamo qui tra un anno- gli rispose il diavolo.
    -ma x essere sicuro che tornerai ti lascio i miei segni-
    e detto questo gli lanciò contro tuoni e fulmini.

    tornato a casa trovò il fienile e i granai pieni e passò un confortevole inverno,
    il bimbo naque e tutto andò bene.

    Dopo un anno tornò al bivio e vi trovò il diavolo.
    -allora Pascal,mi hai portato tuo figlio??- tuonò il diavolo.
    -no signore,non si può scambiare un figlio con il grano-
    -che tu sia maledetto,mi hai ingannato!!ma tu porti su di te i miei segni e questo ti condannerà x sempre-
    -ti sbagli,i tuoi segni li hai dati al mio cane,c’era lui sotto il mantello-
    Detto questo fischiò e un grande cane nero con i segni del fuoco,
    apparve al suo fianco.
    -vedi?era solo un brutto cane grigio pauroso ed adesso è grande,fiero,
    coraggioso e bellissimo-

    Il diavolo lo maledì e scagliò altri fulmini, ma i due si dileguarono
    velocemente.Solo che una saetta colpì di rimbalzo il cane alle zampe posteriori e da allora gli apparvero i doppi speroni.

    Così,la sera,davanti al camino,
    tutti i contadini narravano di questo grande cane nero focato
    così bello e coraggioso e gli portarono tutte le loro + belle cagne xchè lui le coprisse.
    Naque così il pastore della Beauce.

    Bella eh,la leggenda!!!
    Io ho una femmina di Bauceron,una volta dal vet un signora la guarda e mi fa:
    -oh,poverina,l’ha portata ad operarsi ai piedi???-
    poco male,c’è voluto un anno xchè qualcuno lo riconoscesse come un Bauceron,io ne sono contentissimo,
    è una vera signora di campagna.

  12. Salve, vorrei conoscere vostro parere sul fatto dello sperone articolato, è segno di “atavismo” bisogna togliere il cane dalla riproduzione in quanto è una malformazione?

    • atavismo “di cosa”? nel senso… che è una rimanescenza… ma di cosa?
      lo sperone è un tratto genetico che può esserci o meno… ma non vedo il problema, tanti cani geneticamente lo portano e gli viene rimosso, cani provenienti da allevamenti altisonanti, accoppiati con cagne senza sperone danno cuccioli con sperone, è successo anche a me.questi significa che il cane è nato “con” e poi l’hanno rimosso… e nesusno lo vede, una volta rimosso. si rimuove entro 3 gg dalla nascita senza intervento chirurgico, se si attende troppo poi diventa indispensabile un vero e proprio intervento
      sinceramente solo un allevatore pirla “butterebbe alle ortiche” un buon cane solo per il fatto che nella zampe posteriori ha 5 dita invece di 4…penso che i cani da “scartare” siano ben altri…

  13. Personalmente non sarei proprio capace e non nè avrei comunque coraggio di recidere lo speroncino. Però non mi piace, non solo esteticamente, quanto perché sembra talmente così poco ancorato e soggetto a traumi che potrebbe produrre lesioni ben più gravi in caso di incidente che non se fosse stato tolto dalla nascita.

  14. Buongiorno signora Valeria, vorrei ricevere un suo parere: ho acquistato un cucciolo di chihuahua di 4 mesi da un importante allevamento di Bedizzole. Il cucciolo mi è stato dato con gli speroni e il veterinario mi ha consigliato di toglierli perchè possono impigliarsi etc.

    Nel caso decidessi di toglierli dopo posso far fare le expo Enci al mio cane? Ci terrei molto a farlo gareggiare ma ho paura che se gli tolgo gli speroni poi non posso piu partecipare. Ho letto sul regolamento enci che se il giudice si accorge di operazioni sul cane può essere considerato non giudicabile. E’ valido anche per gli speroni?

  15. Mi sono recato in un allevamento di chihuahua in provincia di Brescia chiedendo un cane da expo. Ho scelto un cane che mi piaceva e mi è stato detto che aveva gli speroni ma che questo non avrebbe costituito un problema nelle expo in quanto accettato quindi ho pensato un po e poi ho deciso per quello. Invece ora scopro che lo sperone per l’enci non è desiderabile. Questo cane mi è stato venduto come promettente da expo a 1500 euro. Vorrei un suo sincero parere su questa vicenda perchè io ci sono rimasto davvero male e ora ho un cane che non potrà andare alle expo perchè non verrà accettato o comunque verrà fortemente penalizato quindi? Cosa devo fare? Mi avevano proposto di riportare il cucciolo indietro come se fosse un oggetto…ma stiamo scherzando, nessuno con un cuore lo farebbe mai! E non credo siano proprio disposte a venirmi incontro economicamente……

    • Vergognati e basta. Il cane non è un oggetto, è un essere intelligente e senziente, il tuo atteggiamento nel trattarlo da “cosa” fa schifo.

  16. «Invece qui troviamo persone che dall’osservazione dei DUE cani di casa
    traggono il Verbo, la Verità incontrastata e incontestabile: alla faccia
    nostra.»
    E ti stupisci? Mia zia è assolutamente convinta che i cani di taglia piccola siano nettamente più intelligenti di quelli di taglia grande basandosi sull’osservazione del proprio defunto Husky e confrontandolo con l’attuale West Highland white terrier, che fa benissimo il seduto e quindi è chiaramente un genio.

  17. Beh la mia Chicca ha gli speroni dietro e ha i colori del pt la faccia da chihuahua strano credevo fosse una meticcia…uao ho un cane di razza e l’ho scoperto solo ora…😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

Potrebbero interessarti anche...