mercoledì 5 Agosto 2020

Cinque semplici regole per evitare che un cane libero ci morda (o morda i nostri bambini)

Dello stesso autore...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.

Ti presento il… Bullmastiff

di VALERIA ROSSI - Me ne sono trovata davanti una bella coppia a "Cronache animali", e ho pensato "Oddio, possibile che non abbia mai...
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

canbimbo3di VALERIA ROSSI –  Il recente episodio di cronaca, protagonista un rottweiler che ha morso un bambino preso in braccio dal padre, mi spinge a scrivere queste righe, che chiedo gentilmente a tutti di diffondere il più possibile: certo, non saremo la RAI né Mediaset e neppure il Corriere della Sera… ma se anche un solo episodio di morsicatura potesse essere evitato con la diffusione di queste regolette, sarebbe già un grande successo. Perché per comportarsi in modo corretto davanti a un cane non serve aver “studiato trenta libri di etologia”, come qualcuno ha scritto commentando l’articolo sul rottweiler mordace: basta proprio sapere poche, semplicissime cose che, da sole, basterebbero ad evitare una percentuale immensa di episodi di cronaca nera.
Quindi, iniziamo:

1) Anche se si ha paura dei cani (anzi, soprattutto se si ha paura dei cani) NON si deve scappare, non si deve correre, non si deve urlare. Per nessun motivo al mondo.
Spiegazione: il cane è un predatore (più precisamente, è un misto tra predatore e opportunista: ma discende in linea diretta da un predatore puro e ha ancora nel suo DNA tutti i meccanismi della predazione). E cos’è che stimola l’impulso predatorio presente in tutti i cani del mondo, dal bassotto al rottweiler? Il comportamento della preda.
Tutti sanno benissimo che i gatti che vengono uccisi dai cani sono quelli che scappano: quelli che hanno imparato a rimanere immobili la fanno quasi sempre franca. Bene, impariamo dai gatti e rimaniamo immobili: anche se il cuore ci arriva in gola.
Cosa ancor più importante: spieghiamo ai bambini che devono rimanere immobili (vedi anche il punto 4).

2) Non si deve MAI guardare fisso negli occhi un cane sconosciuto.
Spiegazione: nel linguaggio canino, questo è un gesto di sfida. E qualche cane potrebbe raccoglierla, rispondendo di conseguenza.
Lo sguardo va distolto (anche se abbiamo paura) per indicare al cane che non intendiamo litigare con lui. Se proprio vogliamo tenerlo d’occhio, facciamolo socchiudendo gli occhi o ammiccando ripetutamente: questi, in linguaggio canino, sono segni di pacificazione e di invito alla calma.

3) Non aggrediamo il cane!
Ovvero: non urliamogli “SCIO’! VIA! VATTENE!” e non colpiamolo in nessun modo.
Spiegazione: moltissimi casi di morsicatura sono, in realtà, casi di “legittima difesa” da parte del cane che si è avvicinato magari per semplice curiosità e /o con intenzioni amichevoli, ma è stato accolto a urlacci, borsettate o addirittura bastonate da persone che, avendone paura, hanno pensato che “la miglior difesa fosse l’attacco”. Questo, purtroppo, non sempre funziona.
Può funzionare col meticcetto di sei-sette chili, ma non funzionerà mai con cani selezionati per avere forte combattività, tempra e reattività. E’ giusto e corretto che questi cani, se vengono aggrediti, reagiscano (e cerchiamo di non pensare che razze dal temperamento così forte “non dovrebbero esistere”… perché queste stesse doti caratteriali ci fanno poi molto comodo quando il cane deve difenderci da un malintenzionato, o fare la guardia a casa nostra, ma anche cercare fino allo sfinimento persone disperse in un bosco o sotto le macerie. I cani da lavoro devono avere un carattere forte, altrimenti la loro utilità andrebbe a farsi friggere… ma non si possono avere botti piene e mogli ubriache: quindi, semplicemente, evitiamo di aggredirli se non vogliamo che ci rispondano per le rime).

LA COSA GIUSTA DA FARE se un cane sconosciuto e libero viene verso di noi, dunque, è innanzitutto quella di rimanere immobili, distogliere lo sguardo (oppure socchiudere più volte gli occhi), far finta che il cane non esista proprio. Novantanove volte su cento, lui farà lo stesso con noi.

4) Non prendiamo MAI in braccio bambini o cagnolini
Spiegazione: anche questo stimola l’impulso predatorio: e in questo caso siamo “noi” a costringere l’esserino di cui siamo responsabili a comportarsi come una preda, tirandolo via da sotto il naso del cane e sollevandolo improvvisamente. Ma non c’è solo l’impulso predatorio: c’è anche il semplice desiderio di giocare, che a volte può causare disgrazie.
Come si fa, infatti, ad insegnare ad un cucciolo a giocare? Si prende uno straccetto, o un salamotto, glielo si fa muovere velocemente davanti e poi glielo si sottrae di colpo: questo invoglia il cane ad afferrarlo… ma non succede soltanto ai cani!
Cosa fate, voi, se qualcuno vi mostra una cosa qualsiasi che tiene in mano e poi la tira via di colpo? Le vostre mani non partono forse in automatico per cercare di afferrarla?
Ecco, al cane scatta lo stesso identico impulso… solo che lui le mani non le ha: ha soltanto la bocca, ed usa quella.

4 bis) Se un cane ha morso un bambino o un cane che tenete in braccio, NON cercate di strattonarlo via
Purtroppo è istintivo cercare di sottrarre la vittima tirandola via dalla bocca del cane… ma la maggior parte delle ferite gravi causate dal morso del cane non sono dovute al morso stesso, ma all’azione degli astanti che:
a) tirando, strappano loro stessi la carne della vittima;
b) stimolano la possessività del cane, che vedendo qualcuno che entra in competizione con lui per togliergli la sua “preda” tende a stringere più forte, oppure a migliorare la presa assestando morsi successivi.

LA COSA GIUSTA DA FARE, se temiamo per la sicurezza di un bambino o di un animaletto, è interporre la nostra persona (immobile e statuaria) tra lui e il cane sconosciuto.
E nel caso in cui avessimo già commesso l’errore di sollevare il bambino o il cagnolino, qualora fosse stato morso, dovremo riabbassarlo lentamente, senza competere in alcun modo col cane. Se è andato “in presa” dovremo tentare di aprirgli la bocca utilizzando una leva (sono in vendita dei cunei di legno o plastica fatti apposta per far aprire la bocca ai cani senza dover rischiare le proprie mani). Chiunque abbia un cane da presa dovrebbe tenerne sempre uno in tasca: sia per salvare il proprio cagnolino, sia per intervenire sul proprio eventuale cagnolone aggressivo senza far danni alla vittima (a parte il fatto che i cagnoloni aggressivi andrebbero sempre tenuti con guinzaglio e museruola: ma a volte succedono gli incidenti anche nelle aree cani, dove è lecito avere i cani liberi…e un cuneo può risultare prezioso).

5) Ricordiamo che la legge VIETA ai proprietari di lasciare i cani liberi in ambiente urbano e nelle aree aperte al pubblico.
E’ obbligatorio tenerli al guinzaglio e, se hanno un carattere non del tutto affidabile, devono essere anche provvisti di museruola.

LA COSA GIUSTA DA FARE è ricordarsi che la legge non va soltanto rispettata, ma va anche fatta rispettare. Se è vero che molti Comuni (specie i più piccoli) non dispongono di aree adeguate per liberare i cani, non è corretto ignorare la legge sentendosi comunque dalla parte della ragione: invece bisogna insistere, premere, fare petizioni, rompere le scatole affinché le aree destinate ai cani vengano costruite (nessun Comune andrà mai in rovina per questo).
E se vediamo persone che hanno l’abitudine di lasciare sciolti i propri cani – magari cani che hanno già dimostrato di non avere un buon carattere, ma anche semplicemente cani grandi e grossi che possono intimorire i passanti – DENUNCIAMO la cosa alle Forze dell’Ordine locali. E se queste non intervengono (come purtroppo accade) vanno denunciate anche loro ai propri superiori… perché i diritti non cadono dal cielo: bisogna anche lottare per conquistarseli. E il senso civico non può risvegliarsi solo “quando succede qualcosa”: bisognerebbe tenerlo acceso sempre, cercando – come in ogni altro campo della vita – di prevenire anziché curare e di muoversi prima che le disgrazie accadono. 

Ci sono altre cose da sapere, ovviamente, e più se ne sanno, meglio è: ci sono anche regole su come avvicinare (o meno) un cane correttamente tenuto al guinzaglio… ma di queste, magari, parleremo un’altra volta.
Per adesso cominciate a diffondere queste, se potete: sembrano solo quattro cosette da niente, ma lo ripeto: basterebbe seguire soltanto queste regolette per evitare la stragrande maggioranza degli episodi che poi finiscono sui giornali.

UOMINI  E CANI SONO AMICI DA  ALMENO 15.000 ANNI: ma le amicizie bisogna anche saperle coltivare e mantenere.

 

mordere_ape
Foto Monica Lousararian (Byron)

Ti piacciono i nostri articoli? Sostienici!

La consultazione di “Ti presento il cane” è assolutamente gratuita, ma per noi ci sono alcune spese (il server dedicato costa!) e taaaanto lavoro.
Per questo, se qualche lettore (benemeritissimo!) pensasse di darci una mano, può effettuare una donazione (con Paypal o carta di credito).


Nella stessa categoria...

122 Commenti

  1. Nella nostra zona c’è un tizio poco raccomandabile che gira con Dobermann sciolto. il cane ha già ucciso un bassotto e mandato in ospedale la proprietaria, ma al padrone di questo cane non è stato fatto NIENTE (in questa zona ci sono parecchi “personaggi”, non saprei come altro chiamarli, e fanno un po’ il cavolo che gli pare). A pochi mesi dall’accaduto il tipo va di nuovo in giro con il cane sciolto. Oggi per poco non svengo dalla paura perchè me lo sono ritrovato davanti, che mi puntava e ringhiava (io ero con il mio cagnolino), ma per fortuna è tornato al richiamo del padrone (che era parecchio distante). ho dovuto aspettare minuti che lui andasse via per tornare a casa perchè gli sarei dovuta andare incontro in pratica. Possibile non ci sia niente per far togliere il cane a questo pazzo furioso, visto che uccidere un altro cane e mandare in ospedale una signora di 80 anni non è servito a un beneamato tubo??

  2. Ciao a tutti,
    chiedo consulenza e conforto per quello che mi è successo ieri sera e mi ha turbata profondamente. So che ci sono motivi di turbamento più seri, ma io non amo il conflitto.
    Passeggiata lunga col mio cane attraverso il quartiere e poi verso il centro, passo per una grande area verde molto centrale e da lontano sento urlare “NO! NOOOO!”.
    Mi giro e vedo un grosso Pittbull che corre verso di noi. Ho circa 3 secondi per ragionare.
    Il mio cane è un ex randagio di lungo corso e gestisce molto bene la sua socialità, se l’altro manifesta la minima aggressività lui non si lascia intimorire ma se ne va, lo ignora.

    Di sicuro mi sono spaventata di più io. Da giovane avevo qualche amico un po’ bullo che per moda si era preso il cane forzuto, ovviamente questi conoscenti non erano minimamente in grado di gestire il loro animale con esiti seriamente drammatici. Ho assistito a risse crudissime, sono state scene per me traumatiche.

    Ho pensato subito “magari vuole solo giocare”, e confesso di aver vagliato la possibilità che se la sbrigassero da soli. Poi ho pensato che le incognite fossero davvero troppe.
    Non vedevo il padrone, o meglio avevo capito che era nel gruppetto di “imprenditori della strada” poco lontano, non conoscevo il cane, mai visto prima, non sapevo se si sarebbe fermato dando al mio il tempo di spiegarsi.

    Ha prevalso l’istinto di tutelarlo e ho fatto ogni cosa che non si dovrebbe fare: ho sollevato di peso il mio cane (20 kg), ho fatto scudo e mi sono mostrata sicura di poter affrontare un eventuale attacco. Lui/lei (ma ho avuto la sensazione fosse una femmina) si è bloccata di colpo, poi continuava a puntarci, al che l’ho sgridata a gran voce (“vai via! guarda che ti prendo a calci!”). è ovvio che non l’avrei mai colpita gratuitamente, ma confesso di essermi spaventata e di aver tirato fuori il peggio, verbalmente.
    è arrivato il padrone molto arrabbiato perché ho osato dire che avrei preso a calci il suo cane.
    Non ho cercato alcuno scontro verbale, gli ho solo detto “è grossa, tienila no?” e me ne sono andata. Nessuna scusa, nessuna spiegazione da parte sua.

    Penso di aver fatto bene a non fidarmi perché, col senno di poi, un “capobranco” così forse non è molto affidabile, ma se lo incontrerò gli chiederò spiegazioni e di parlarmi del suo cane, ed eventualmente ci diremo semplicemente che la Pittbull è una giocherellona e io ho preso legittimamente paura.

    Questo nel mio mondo immaginario fatto di farfalline e pallini colorati, perché poco dopo i suoi amici, tornando a casa e incrociandomi per strada, mi affiancavano in bici abbaiando.

  3. Bello è anche quando con i cani al guinzaglio incontri quello che ha il cane libero, i tuoi gli abbiano contro (perché chiunque abbia un cane dovrebbe sapere che fra maschi può succedere che se sono dominanti non si stiano proprio simpatici) e quando fai notare al proprietario che il cane dovrebbe stare al guinzaglio ti risponde che il suo “è educato e queste cose non le fa”. Poi restano male quando anche il loro educatissimo cane ne incontra uno che non gli è simpatico e abbaia per primo (perché succede). E se il cane aggredito è piccolo e il proprietario lo prende in braccio d’istinto, cosa succede?

    Uno dei miei cani ha morso un cucciolone di labrador di 7-8 mesi su un orecchio qualche anno fa. Stavamo chiacchierando con il proprietario da mezz’ora e stavano beatamente insieme al guinzaglio, se non che il cucciolo si è fatto troppo invadente e, dopo avergli ringhiato tre volte per farlo stare al suo posto, alla fine, il mio gli ha dato un morso “di avvertimento”, facendogli uscire un po’ di sangue. Ci siamo guardati con il proprietario, io morta perché già mi aspettavo chissà quale scenata, lui invece mi ha semplicemente detto “gli sta bene, così impara a stare al suo posto” e così è stato. Abbiamo continuato a parlare e i cani sono stati tranquilli. Il cucciolo è andato a scocciare l’altro mio cane, più paziente, e non c’è stato più nessun problema. Se fosse stato un bambino certamente gli avrebbe potuto fare seriamente male, trattandosi di un setter di 30 kg, ma la colpa a quel punto di chi sarebbe stata? Il cane ha avvertito per ben tre volte che non gradiva tutte quelle attenzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Gli allevatori hanno creato troppe aspettative?

"La mia lavatrice ha garanzia a copertura totale.""Anche il mio cane viene da un allevamento prestigiosissimo."Potrebbe sembrare un dialogo da teatro dell'assurdo,...

Affidare il cane a pensioni o dog sitter: CHE ANSIA!

di DAVIDE BELTRAME - Visto il periodo potenzialmente vacanziero, anche se quest'anno nonostante l'ottimistico oroscopo di Paolo Fox probabilmente molte famiglie resteranno...

Il mio nome è Dora

Lo sguardo appannato e assente… traballante sulle zampe… non mangia e non beve… ecco, sdràiati qui, sulla coperta vicino al fuoco, e...

Seconda giornata di lavoro in acqua con il Centro Cinofilo Dogzilla ASD

Anche la seconda giornata di lavoro in acqua organizzata dal Centro Cinofilo Dogzilla a.s.d. è andata in archivio.Diciamocelo pure… è andata oltre...

Il commissario di ring

Il mondo delle esposizioni canine (come del resto tutto ciò che riguarda i cani) ha sempre avuto un certo fascino e suscitato...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,263FansMi piace
558FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico