sabato , 18 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Salute >> Come riconoscere un buon veterinario

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Come riconoscere un buon veterinario

di FRANCESCA M. BRUNELLO – Giacché qualcuno ha definito il mio ultimo articolo “qualunquista” e “contro tutti e a favore di tutti”, ora mettiamo la mia posizione in chiaro (per chi ha trovato difficile capirlo, che a me pareva abbastanza palese):
Sono assolutamente pro veterinari e contro i complottisti.
Se il cane sta male si va dal veterinario, punto.
Niente diagnosi su facebook.
Niente “secondo voi cosa può essere?”
Nessun “ma tu cosa gli daresti?”

Una buona regola, per non intasare gli ambulatori ad ogni popò un po’ molle, è quella di chiamare in ambulatorio e chiedere se è il caso di fare una visita eventualmente fissando un appuntamento.

Ci vuole anche un po’ di organizzazione:
Innanzitutto è bene trovare un buon veterinario ambulatoriale, quello che ci segue per le questioni di routine come castrazione e vaccini (e fateli sti vaccini!).
Dato che non tutti i veterinari fanno anche le urgenze, bisogna sapere qual è la clinica 24h più vicina, di modo da far fronte a corse contro il tempo come intossicazione, avvelenamento e torsione gastrica.
Nel caso in cui nelle vostre zone non ci siano cliniche, che oramai dovrebbero essere dappertutto, bisogna saper contattare il veterinario reperibile tramite i numeri ASL, eventualmente –se proprio siete nel panico- facendo il 118 e facendo reindirizzare la chiamata.
Infine bisognerebbe sapere anche quali sono i centri specialistici in zona, ma a quelli di solito si va quando è già in corso una patologia difficile da trattare, ma non urgente, che necessita di un luminare in materia.

Una volta trovati i nomi di veterinari papabili si va a tentativi finché non si trova la persona giusta.
Detta così sembra semplice, ma come si fa a trovare l’anima gemella?

Innanzitutto andiamoci piano con quello che ci dicono gli amici del parco.
Le opinioni di altri proprietari di cani non sono sempre affidabili al 100%: l’esperienza della visita veterinaria viene spesso vissuta più come una visita pediatrica che come una visita medica, e si sa, la pediatria non sarebbe così male se tutti i bambini fossero orfani.
Se un amico del parco vi parla male del vostro veterinario, prendete la sua opinione con le pinze. Guardatevi sopratutto da quelli che dicono cose come ‘i veterinari sono tutti venduti e sono incompetenti, li odio tutti! Io so cosa è meglio per il mio cane!’
Va benissimo andare dal vet con un certo spirito critico, ma ricordate che lui ne sa sicuramente molto più di voi. Se non capite qualcosa, non abbiate paura di chiedere.
Certo, il tono supponente non aiuta, sconsiglio anche di cominciare una frase con ‘ho letto su internet che…’ o ‘ ma a me mio cuggino ha detto che…’
Fatevi spiegare le cose per l’amor di Dio. Un buon veterinario è anche quello che perde cinque minuti a spiegarvi il perché bisogna dare l’antibiotico al cane in quella data circostanza.

Un buon vet ha lo studio sempre pulito. Per quanto qualche ciuffo di peli possa talvolta svolazzare qua e là in sala d’attesa (colpa dei cani come la mia, che dove passano lasciano sempre un po’ di sottopelo come firma) in un ambulatorio c’è sempre quell’odore di disinfettante, che a me personalmente fa sentire a casa.

Purtroppo o per fortuna non c’è una vera e propria regola per trovare quello giusto, e molto spesso si deve andare a tentoni. Dipende essenzialmente da cosa avete bisogno voi (si voi, non il vostro animale). Io ad esempio ho bisogno di uno che si metta il cuore in pace che ogni volta vado lì c’ho il block notes in una mano, guinzaglio e penna nell’altra, e che abbia la pazienza di rispondere (e rispondere dettagliatamente) a tuuuuutte le mie domande. C’è chi ad esempio ha bisogno invece di una figura un po’ più rassicurante, chi altri invece necessità di una persona più autorevole. Di sicuro uno sicuro di sè al primo impatto guadagna punti.
Poi, sarà una cosa mia che ogni tanto frequento qualche neo chirurgo o chirurgo wannabe, ma a me infastidisce parecchio chiunque minimizzi un eventuale operazione chirurgica. Per quanto semplice e di routine, rimane un cosa diversa da un taglio di capelli (o di una toeletta in questo caso).

Di certo a nessun veterinario facilitate il lavoro se gli portate il cane in condizioni già critiche. Se poi fallisce e il cane non ve lo salva, potrebbe non essere colpa sua, ma colpa vostra. Però poi tanto voi dormite tranquilli, che tanto l’avevate scritto sul gruppo facebook che il vostro povero peloso stava male, ‘chissà cos’ha’.

Spesso e volentieri si fa l’errore di non tornare dal veterinario se la situazione non migliora.
‘Mi ha detto di fare così, di dargli questo, boh vedremo’. E intanto il cane fa crisi epilettiche ogni 2 ore.
Patologie che prevedono l’uso costante di farmaci spesso hanno bisogno di ‘tarare’ la dose del farmaco, e il vet non può sapere se qualcosa non va se voi non glielo dite. Quindi se la posologia del bromuro non è sufficiente o vi sembra eccessiva che c’avete il cane in stato comatoso, non serve a nulla etichettare il veterinario come incompetente, o peggio ancora giocare con il numero di pillole in base a ‘a me sembra meglio cosi’. Si torna lì e si insiste nel voler trovare la soluzione più adatta.

In sostanza, per trovare il veterinario giusto, non ci deve pesare il sedere.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico