Timbu Acqua 3di ANDREA SCHIAVON –  La paura più grande di un proprietario di cane, normalmente, è l’insorgere di malattie, o di patologie ereditarie… insomma, giustamente ci si preoccupa per lo stato di salute: e  come accade per gli uomini, vaccini, visite preventive, esami diagnostici ci permettono solitamente di dare una vita serena ai nostri compagni a quattro zampe.
Io ho avuto la fortuna (sì, perchè sicuramente di fortuna si è trattato) di aver sempre avuto cani estremamente sani.
I miei cani hanno sempre “visto” molto poco il veterinario, se non per visite di routine e vaccini vari.
Lo scorso anno, a settembre, nella mia vita e nella mia famiglia a due e quattro zampe entra Timbu, un maschio di American Staffordshire Terrier che si va ad aggiungere a Fay, la grigiona di quasi 8 anni, e a Weiss, l’altro Amstaff di 4 anni.
Timbu è un bel cane (ma ovviamente ogni “scarraffone e bello a’mamma sua”…), ma soprattutto ha un bel profilo caratteriale e per lui si prospetta una carriera da cane bagnino (io mi occupo di salvataggio nautico), oltre ovviamente (ed in primis) ad essere uno dei miei cani.
Purtroppo non avevo fatto i conti con l’oste…

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Timbu Acqua 2Dicembre del 2013: ero a casa, e quindi tra le altre cose sono stato fortunato nel poter assistere ad un fatto che avrebbe cambiato la mia vita, quella dei miei cani e quella ovviamente della mia famiglia.
Timbu stava dormendo sulla sua brandina, e come spesso accade si voltava e girava:  io non ci facevo caso, essendo una cosa alquanto normale. Spesso lui dormiva a pancia in su, voltandosi e girandosi… e chi ha molossi di questo tipo sa benissimo di cosa sto parlando.
Dopo un po’  si addormenta… e dopo poco, girandosi, cade dalla brandina.
Io lo guardo e gli dico: “bravo pirla,  così impari a rigirarti e rivoltarti”.
Timbu si gira verso di me, l’occhio “impallato” e perso… ed improvvisamente si irrigidisce e si curva, disteso a terra… gli arti anteriori sembrano due pezzi di legno, mentre i posteriori iniziano a “pedalare” in modo inconsulto.
La testa inizia a sbattere, la bocca si “chiude” in una smorfia di dolore e inizia a schiumare.
Questi momenti, che mi sono sembrati  eterni, sono durati pochi secondi.
Lui inizia con queste convulsioni e dopo 20/30 secondi, durante i quali urina involontariamente, inizia a rallentare il ritmo… poi si ferma e in stato confusionale mi cerca.
Cerca il mio “sostegno”.
Io non sono un veterinario, ma da quanto accaduto capisco che Timbu ha avuto una crisi epilettica.
Lascio che il cane si tranquillizzi e intanto chiamo la mia veterinaria, la Dott.ssa Sabrina  Borella, che mi aspetta in ambulatorio per visitare Timbu.
Scendo da casa, porto il cane nel prato, lui urina, lo chiamo e gli dico di andare… lui inizia a camminare, fa tre passi, si ferma immobile… lo sguardo impallato come poc’anzi. Cade a terra in preda alle convulsioni, come prima.
Lo prendo, lo carico in macchina e corro dal veterinario.

Timbu Acqua 1La dott.ssa Borella, che oltre ad essere la nostra veterinaria di fiducia è una cara amica, oltre ad essere stata una nostra allieva con il suo golden Phortos (con noi ha anche partecipato a delle sessioni di AAA in alcune scuole elementari), mi spiega per bene cos’e l’epilessia.
E’ una malattia che può colpire i cani oltre ad altre specie animali  (casualmente la dott.ssa Borella ha redatto la sua tesi di laurea sull’epilessia dei puledri ) e potrebbe essere piuttosto difficile da individuare da parte del proprietario, se non assiste a una crisi.
L’epilessia può essere di due tipi:
– primaria, o congenita: non necessariamente ereditaria (solo in alcune razze – Pastore Tedesco, Beagle, Pastore Belga Tervuren, Setter irlandese, Springer Spaniel, Golden e Labrador Retriever, Siberian Husky – è stata accertata l’ereditarietà) non è favorita da condizioni particolari extracraniche o intracraniche e, generalmente, si manifesta entro i primi tre anni di vita dell’animale;
– secondaria: è causata da patologie intracraniche (quali neoplasie, encefaliti, tumori, malformazioni) o extracraniche (quali alterazioni della funzionalità epatica o renale, intossicazioni, ipoglicemia).
Si tratta di una malattia che si manifesta in modo molto soggettivo da cane a cane ed è causata da uno squilibrio della corteccia cerebrale; può avere una fase, detta aura, nella quale l’animale è particolarmente agitato, oppure presentarsi improvvisamente con un’intensità differente.
Nel momento della crisi epilettica l’animale:
– ha difficoltà a mantenere l’equilibrio o addirittura a stare sulle quattro zampe;
– può avere un’alterazione dello stato di coscienza;
– manifesta un irrigidimento degli arti e delle fauci;
– perde bava dalla bocca e, in alcuni casi, urina e feci;
– gli attacchi possono durare da pochi secondi a qualche minuto.

Timbu Acqua 4A questo punto, consultandosi anche con un collega specializzato in neurologia, la dottoressa mi consiglia il protocollo “standard” di cura che prevede l’assunzione di fenobarbiturici: evito di scrivere i nomi dei farmaci, ma quelli comunemente più usati (tra l’altro pure “vecchi”) hanno nomi che molte persone hanno sicuramente sentito.
Iniziamo da subito la terapia, che deve essere somministrata ad orari scadenzati senza sgarrare: questo perchè i farmaci “coprono” per circa 8 ore, poi non fanno più effetto e il cane risulta senza copertura di fenobarbiturici, quindi  potrebbe incorrere in una crisi.
Passa una settimana e una notte tra venerdì e sabato il mio maschio più vecchio di Amstaff, Weiss,  verso le 4.30 del mattino salta sul letto e mi inizia a leccare…
Io mi sveglio di colpo in quanto questo non accade mai quando sono a letto e dormo, a meno che non ci sia bisogno di uscire o per altre cose.
Mi alzo e trovo nella cuccia Timbu in piena crisi epilettica.
Corro in cucina, prendo la “peretta” di Valium per cercare di sedare il cane (perchè durante una crisi solo quello si può fare): faccio una, due, tre perette ma il cane alterna crisi  di circa 1 minuto con fasi di rilassamento parziale, per poi riprendere nuovamente la crisi.
Chiamo la veterinaria che prontamente mi apre lo studio e mi comunica che bisognerà sedare e intumbare Timbu per farlo dormire, in quanto le crisi ripetute (si chiamano “a grappolo”) si possono fermare solo con la sedazione per evitare danni neurologici permanenti.
Insomma, bisogna far dormire il cervello di Timbu per far smettere le scariche elettriche.
Vi accorcio il racconto e dico solo che Timbu è risultato essere refrattario ai fenobarbiturici tradizionali e che abbiamo dovuto riprogrammare il protocollo inserendo anche fenobarbiturici di nuova generazione a rilascio programmato, oltre al bromuro di potassio.
Provvediamo subito a fare a Timbu analisi del sangue e successivamente accertamenti diagnostici come la risonanza magnetica  e il prelievo del liquido che avvolge il cervello per escludere lesioni cerebrali, neoplasie, infiammazioni o malformazioni.

Timbu Acqua 6Difficilmente l’epilessia potrà scomparire, ma potrà essere tenuta sotto controllo con un trattamento farmacologico adeguato e soprattutto somministrato con regolarità e nella giusta dose per tutta la vita: l’obiettivo della terapia è infatti quello di ridurre sia l’intensità, sia la frequenza delle crisi e nello stesso tempo garantire una buona qualità della vita del cane.
Non sempre è possibile trovare una causa dell’epilessia, anzi nella stragrande maggioranza dei casi (circa 60-70%),l’epilessia è senza causa nota (epilessia cosiddetta primaria, idiopatica o criptogenetica).
Ovvero: sappiamo che c’è, ma non sappiamo perchè!
Timbu sembra aver trovato un’equilibrio… quando un sabato, al campo di addestramento ha una crisi molto forte che non si ferma neanche con la sedazione… e da crisi passiamo a STATUS.
Timbu viene sedato e decidiamo di portarlo a Parma, alla Clinica Veterinaria dell’Università dal Professor Maurizio Dondi, che dopo aver fatto un’ulteriore accertamento diagnostico (ovvero un elettroencefalogramma) decide di iniziare un protocollo con l’assunzione di un mix di farmaci di “vecchia” e “nuova” generazione e un vasodilatatore affinche i farmaci “arrivino” prima a destinazione.
Timbu sembra nuovamente indirizzarsi verso una stabilizzazione, ha avuto ancora delle piccole crisi, ma anche noi abbiamo imparato a conoscerle e gestirle.
Senza indugi sediamo il cane e lo facciamo dormire: al risveglio lui sarà leggermente atassico a causa del sedativo, ma la crisi non avrà lasciato problemi di altro tipo. All’uscita della crisi avrà molta fame oltre ad essere “provato fisicamente” in quanto la manifestazione epilettica è impegnativa, per i rischi di trauma ma anche per l’impegno respiratorio e cardiovascolare prodotti dalle contrazioni massive della muscolatura.
Dobbiamo riuscire a convivere con il “grande male” (così vengono  chiamate le crisi epilettiche generalizzate classiche di un soggetto affetto da epilessia ideopatica primaria), cercando di trovare la giusta somministrazione di farmaci.
Ovviamente nelle notti insonni passate con la paura dell’insorgere di crisi ci siamo documentati e abbiamo “scoperto” che moltissimi grandi uomini della storia erano afflitti dal “mal caduco” (“piccolo male” o “grande male”): cito a caso (e in ordine alfabetico Abraham Lincoln, Agatha Christie, Alessandro Magno, Alfred Nobel, Annibale, Aristotele, Blaise Pascal, il Cardinale Richelieu, Dante, Edgar Allan Poe, Fyodor Dostoyesky, George Frederick Handel, Gerschwin, Giovanna D’Arco, Giulio Cesare, Isaac Newton, Lenin,  Leonardo da Vinci, Ludwig van Beethoven, Maometto, Michelangelo, Napoleone Bonaparte, Nicolò Paganini, Peter Iiyich Tchaikovsky, Pio IX, Pitagora, Vincent Van Gogh… questo a riprova del fatto che
l’epilessia non lede assolutamente le capacità intellettive, né il rendimento nella vita pratica: e generalmente non porta nessuna menomazione nell’ambito della vita quotidiana e del successo personale e professionale.
Quindi anche il mio Timbu, con le accortezze dovute alla sua patologia, sotto lo stretto e attento controllo del suo veterinario… con il nostro amore e le nostre attenzioni, potrà fare la sua vita “normale”. Magari non diventerà un “cane bagnino”, ma gli faremo fare qualcosa di sicuramente bello e gratificante. In fin dei conti ci sono molti nomi noti a due zampe, con la sua stessa patologia, che hanno scritto pagine di storia!
Convivendo con il Grande Male, e con il nostro grande cane speciale, non ci siamo fermati e vogliamo dare ogni possibilità a Timbu. Per questo stiamo entrando in un protocollo sperimentale per la cura dell’epilessia, con una dieta chetogenica.
La dieta chetogenica fu ideata come terapia antiepilettica fin dagli anni ’20, in quanto si dimostrò che durante i periodi di digiuno le crisi diminuivano. Si creò quindi un regime alimentare che “imbrogliasse” l’organismo facendogli credere di essere a digiuno sebbene l’alimentazione fosse regolare.
Il “trucco” consisteva nell’eliminare totalmente i carboidrati e le fonti di glucosio, con l’assunzione principalmente di proteine, in modo che l’organismo attivasse dei processi alternativi per procurarsi glucosio…”prendendolo” appunto dalle proteine e dai lipidi.
In questo nuovo protocollo, ovviamente, sono stati inseriti degli integratori.
Non si toglie al momento il supporto farmacologico… ma è un tentativo in più che vogliamo percorrere per permettere a Timbu di essere sereno e di avere una vita il più possibile “normale”.
Ho voluto scrivere questa storia affinchè chi si trova nella nostra medesima “barca” si possa fare forza, inizi a lottare e non si faccia prendere dalla depressione che nasce dall’impotenza di non poter fare più di tanto. Ci vuole uno stimolo forte per Lottare contro questa parola, “idiopatica”,  che non mette pace alla tua voglia di far star bene il tuo cane…
Bisogna capire che c’è un problema, che  deve essere affrontato…e che bisogna far quadrato tutti, uomini e cani, per far star bene un componente del branco.

Ringrazio le veterinarie Sabrina Borella e Carola Schimdt per la pazienza che hanno sempre dimostrato nei nostri confronti, aiutandoci a superare le paturnie e le paure, e per essersi sempre dimostrate estremamente disponibili e professionali.
Ringrazio il professor Maurizio Dondi per averci instillato la voglia di “provare” e “riprovare”, di non darsi per vinti mai e di cercare se possibile la causa per curare l’effetto. Lo ringraziamo anche per la pazienza, la professionalità e la disponibilità dimostrata.
Ringraziamo tutto il personale medico e tirocinante della Clinica Veterinaria dell’Università di Parma, per la professionalità e per la gentilezza durante la degenza di Timbu.
Ringrazio la mia compagna, Nicoletta Ferrulli: lei è stata la mia forza quando io, abituato a cani sani e senza problemi, ero seriamente depresso. Lei mi ha “svegliato” e mi ha indirizzato nella strada giusta: mi ha supportato e sopportato. Grazie di essermi sempre stata vicina.
Ringrazio mio figlio Schiavon Tommaso per essere diventato ancora di più un aiuto e un supporto nella gestione non semplice di un cane afflitto da una patologia grave come Timbu. Tommaso ha sempre avuto paura delle malattie… mentre ora affronta le crisi di Timbu con prontezza e sangue freddo… e ha imparato a capirle.
E poi ringrazio i miei cani, Fay e Weiss, perchè anche in questo frangente mi hanno dimostrato che meravigliosi esseri sono… anche loro hanno fatto “quadrato” con me e anche loro hanno “assistito” (e continuano a farlo) il loro compagno più giovane. Infine… grazie, grazie a Timbu per avermi fatto vivere un’esperienza che magari non avrei voluto vivere… ma che mi ha fatto crescere e capire che enorme fortuna ho nel vivere e lavorare con i cani, che ogni giorno ti insegnano qualcosa.

Articolo precedenteIngaggio e motivazione vs pallinodipendenza – parte seconda
Articolo successivoUna letterina da Pingo

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

49 Commenti

  1. So bene cosa vuol dire…soprattutto quando non risponde alla terapia. Dopo 4 anni il cuore inizia a cedere a causa delle medicine e a 10anni muore per le complicazioni. 6anni di crisi convulsive…sofferenza, paura dipendenza e amore. Ma siamo stati insieme sempre! Fino alla fine!

  2. Ciao Andrea, ti sono vicina. Io ci son passata col gatto. Adottato gia adulto, reduce da un investimento risalente a 2 anni prima ma probabilmente causa di tutto quello che è seguito (epilessia ad origine traumatica… ci scherzavamo dicendo che aveva l’epifisi che gli batteva sull’ipofisi).
    Prima notte a casa con noi e subito prima crisi epilettica, alla quale eravamo totalmente impreparati.
    Da li è iniziato il susseguirsi di visite neurologiche e terapie.
    All’inizio è stata dura, poi pian piano ci si abitua, si passa da “ODDIO UNA CRISI” a “toh un’altra crisi”, si impara a intervenire con sangue freddo, a capire quando è “solo” una crisi e quando invece chiamare rinforzi e si impara anche a capire quando una crisi è nell’aria.
    Dici bene, convivere con l’epilessia è possibile, certo non facile, ma la malattia non preclude all’animale una buona vita. Purchè abbia la fortuna di trovare padroni intelligenti come voi e un buono staff medico.
    Un bacio sul nasone di Timbu e buona epi-vita 🙂

  3. anche il mio cane amschio è epilettico , assistere ad una crisi epilettica almeno la prima volta è un trauma. ammetto comunque di essere molto fortunato perchè nel mio caso oltre a bastare il medicinale vecchio stile le crisi sono anche state più “blande” nel senso che non erano a grappolo e di intensità a durata più breve.

  4. lo so .. per fortuna il mio jack dopo 6 anni di crisi convulsive riesce a vivere “normalmente” .. certo continua con la cura, con i controlli, ma per ora è ancora la mia gioia più grande 🙂

  5. Conosco questo male la mia rott lo ha manifestato all’età di 12 anni…. É stata dura abbiamo reagito e l’abbiamo consolata e curata. L’amore aiuta tanto come la pazienza e la dolcezza, ricordo che quando le venivano le crisi io mi sdraiavo vicino a lei e le parlavo dolcemente nell’orecchio e l’accarezzavo. Con il veterinario che l’ha seguita abbiamo visto che facendo così le sue crisi erano meno violente e più brevi. Oggi la mia amata Dolce Nancy non c’è più ma riposa sotto una pianta di rose in giardino. E a Natale una o due rose ci sono sempre!

  6. Beh buona fino a che le cartilagini non hanno iniziato a consumarsi! Faceva fatica a camminare! Ma era sereno! Durante le crisi gli mettevo la mano sulla schiena! Poi lo lasciavo vagare per casa! Non voleva essere fermato! Quando si calmava lo pulivo e tutto tornava a posto. Purtroppo le crisi facevano come volevano! Siamo arrivati ad affrontarne 13 in una notte. Per fortuna erano brevi! È passato quasi un anno da quando non c’è più! Ancora mi trovo a preoccuparmi del se ho dato le medicine a Mignolo!

  7. esperienza straziante le crisi epilettiche, io ho avuto un gattino che ne soffriva e che è morto a un anno dopo aver avuto una crisi di parecchi minuti che sembrava interminabile. Spero proprio che non succeda mai al mio cane…

  8. Ancora sto male stamattina io….ieri sera il mio tesoro …un Cocker di 4 anni ne ha avute 2 a distanza di 10 minuti…la cosa più strana è che stavolta dopo la prima ha vomitato..sono momenti di panico…

  9. So benissimo di cosa parli , soffro di piccolo male ormai da tantissimi anni.
    Ora va molto meglio (grazie ai medicinali ) ma non ti nascondo che io e la mia famiglia abbiamo passato brutti momenti!
    Non la faccio molto lunga ti dico solo che ora trascorro una vita abbastanza normale…….mi sono fatto una famiglia, lavoro….ecco. ., e da un anno circa è entrata nella mia vita anche Vilu , una piccola jack Russell .
    In primi ti ringrazio x le tue informazioni interessanti e poi faccio un grosso in bocca al lupo a Timbu

  10. Soffro da 24 anni di epilessia quella chiamata “grande male” , per fortuna con i medicinali sono riuscita ad avere una vita normale e felice. Vedrai che una volta stabilizzato Timbu avrà una vita normale. .. buona fortuna

  11. Carlitos,il mio cane che ora non c’è più purtroppo,ha avuto la prima crisi epilettica a solo 9 anni, cane sanissimo vivace mai avuto problemi, fatti tutti gli accertamenti la diagnosi fu infausta, tumore al cervello, bombardato di medicine era diventato irrequieto era una pena, dopo 20 giorni di sofferenze abbiamo deciso di lasciarlo andare…….

  12. Mi sembra di rivivere cio che ho passato due mesi fa col mio bouledogue francese di nome Pete.. 🙁 Sembra l’abbia scritta io!!! 🙁
    L’unica differenza è che il mio Pete non c’e piu perche l’epilessia era generata da un tumore di 4 cm all’interno del cervello che si propagó per tutta la colonna vertebrale 🙁 punturina e ora Pete mi guarda da lassù <3

  13. Conosco bene questo male, e le parole lette mi fanno tornare alle crisi della mia cagnaccia… X ora lei è regolare. Una volta al mese ci siamo dentro. È una brutta bestia come malattia…ma loro sopratutto in quei momenti hanno bisogno assoluto di noi.

  14. Andrea il tuo Timbu non ti lascerà.

    La mia non aveva il Grande Male ma un brutto male (MEG) che ho già accennato in questo blog. LCP, terapie, prelievi, esami, farmaci, protocolli non sono stati sufficienti. Si quanto non se ne comprende l’origine (virale, micotica, batterica, protozoaria, ecc..) è idiopatica…
    Non rientrava neanche tra quelle razze riconosciute soggette. Forse la gravidanza da me pianificata o forse anche il richiamo del vaccino annuale avvenuto un mese prima della manifestazione clinica hanno attivato in lei il male.

  15. Grande andrea ! io gli animali , li amo e il mio cane , aveva quel problema ! Adesso il mio bobi , non ce piu’ ma io x lui o fatto tutto ! adesso mi sono , presa un coniglietto ! E’ un amore anche lui ! Si chiama macchia , a 3 anni e un amore , come tutti gli animali . PERCHE GLI ANIMALI , SONO MEGLIO DI NOI , ESSERI UMANI ! .

  16. GRANDE Andrea……..e bella la Tua storia, Tu sei un umano non solo con il cuore, ma anche con la testa.
    Tantissimi Auguri per il Tuo Timbue pure a Te.

  17. Azz….primo giorno di lavoro, piango e un mio collega dice:” Mamma mia, non sapevo che tornare al lavoro ti facesse stare così male”, Andrea, grazie, ma grazie dal più profondo del cuore perchè queste, che sono anche lezioni di vita, possono aiutare anche chi per sfortuna, si dovesse trovare all’improvviso in questa situazione. in bocca al lupo e ….NO, in bocca a (bè è un politico, non so se posso dire il suo nome quindi…) e un grosso abbraccio.

  18. Ciao, io sono Daniela, l’umana della situazione, e scrivo per conto di Ginger, cane femmina di 11 anni. Ginger ha l’epilessia, quella tosta, quella che ti fa sospendere la vita per due giorni e due notti ogni mese e mezzo/due al massimo. Ce l’ha da quando aveva 8 mesi. Refrattaria ai farmaci tradizionali e con crisi a grappolo che non finivano mai, notti insonni (ed assenze dal lavoro perchè non può mica stare sola quando sta così) abbiamo provato, grazie alle nostre due veterinarie Cecilia e Peonia, ad aggiungere il bromuro di potassio. E’ successo un miracolo, il tempo che intercorre tra una crisi e l’altra si è talmente allungato che ora sono passati più di due anni. Pare quasi di essere sani e di poter vivere una bella vita. E in effetti è questo quello che Ginger vuole che io condivida con chi non ci conosce: la sua (e la mia) vita è bella comunque, niente vacanze, niente viaggi, niente programmi a lungo termine perchè la crisi quando arriva arriva, e non sai quando arriva, ma Ginger è un cane sereno, dolcissimo e FELICE DI ESSERE VIVO! Ed io felice di essere con lei. Forza a Timbu ed a tutti voi!

  19. sto vivendo questo dramma in questo momento…da 9 mesi. per un po il mio boxer sembrava stare bene ma ultimamente le crisi sono troppo frequenti e spesso a grappolo!!! spero anche io di poter far stare meglio il mio adorato amico a 4 zampe…e forza Timbu e tutti gli amici pelosi che ne soffrono… 🙂

  20. Ciao Andrea
    stò cercando di contattarti ma non so in che modo, se leggi questo annuncio chiamami al 335-5612330 in perché anch’io da poco tempo sto riscontrando nel mio cane “Luna magnifico esemplare di Riesen Schnauzer femmina di 4 anni” comportamenti attinenti a quelli da te descritti nel documento che ho letto e chiedevo informazioni al riguardo, per evitare che il problema si estenda in maniera grave. Ho interpellato il mio veterinario ma non ha saputo darmi risposte per le quali potessi porre rimedi, ecco perché mi rivolgo a Te, per avere qualche riferimento per rivolgermi alla Università di Parma. Ringrazio anticipatamente e spero di sentirti presto Ciao ed auguri per il tuo cane Timbù

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here