jacobson1di VALERIA ROSSI – Questo “perché” cinofilo nasce dal seguente messaggio su FB:

Ho cercato tra i tuoi articoli ma non ho trovato nulla riguardo ai cani che leccano le urine degli altri cani, che siano urine di cani maschi o femmine.
Il mio meticcio di 6 anni lo fa e cavolo… ogni metro ne trova una da leccare… lo fa talmente spesso che poi si irrita il muso. E gli si fa rosso e tende a strusciarsi e grattarsi su cuscini coperte o qualsiasi cosa che gli capiti vicino.
Non so se dipende dal fatto che è un trovatello preso in stallo a 30 giorni. E poi ho notato che questa cosa si è fatta più frequente, sarà perchè mi sono trasferita dove ci sono più cani. Mi avevano consigliato di castrarlo, ero anche convinta ma ora non lo sono più, anche perchè se è un vizio non credo che smetterà tagliandogli le…


jacobsonLa descrizione continua poi in modo parecchio “drammatico”, che sembrerebbe quasi indicare un comportamento ossessivo-compulsivo. Devo dire che non mi è mai capitato di incontrarne uno simile: ma potrebbe trattarsi di un comportamento normale “preso molto male” dal proprietario del cane.
In ogni caso, vediamo innanzitutto il motivo per cui i cani leccano l’urina e sbavano (a volte battendo anche i denti). Quello che cercano di fare è trasmettere le particelle olfattive attraverso l’organo di Jacobson, che è costituito da “fossette” deputate a ricevere soprattutto i feromoni: esse comunicano con un canale che mette in comunicazione naso e bocca, permettendo al cane di sentire sia l’odore che il gusto contemporaneamente (il fenomeno è detto flehmen). La collocazione dell’organo (che è detto anche organo vomero-nasale) l’ho segnata nella foto a fianco: chiedo scusa per l’immagine da kanekiller, ma se il cane non ha la bocca molto aperta non si capisce nulla (per fortuna di tratta di un dalmata, quindi spero che Pongo non faccia paura a nessuno).

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

squamati_jacobsonNon posso fare paragoni umani, perché noi l’organo di Jacobson non ce l’abbiamo.
Quelli che l’hanno più sviluppato in assoluto sono i serpenti (ecco perché muovono continuamente la lingua avanti e indietro), mentre molti mammiferi se lo sono perso nel corso dell’evoluazione: ce l’hanno ancora, però, cani e gatti. E siccome ce l’hanno, giustamente lo usano.
A volte al cane basta fiutare a bocca aperta per “assaporare” l’urina, ricchissima di feromoni e quindi di informazioni: ma se vuole “saperne di più”, la lecca. E per quanto schifo possa farci, questo comportamento fa parte del normalissimo etogramma canino, anzi ne è una parte fondamentale perché riguarda la comunicazione. Quindi “tocca rassegnarsi”, così come tocca rassegnarsi di fronte ad altri comportamenti che si fanno storcere il naso (mangiare cacche, rotolarsi sulle carogne eccetera), ma che per il cane sono normalissimi.

jacobson3Aggiungo ancora che di solito il comportamento di leccamento/salivazione si verifica nei cani maschi nei confronti dell’urina delle femmine: in pratica, quello che gli interessa sapere è se sono disponibili ad accoppiarsi. Però non è sempre e solo così, perché a volte leccano l’urina anche le femmine, e a volte il maschio lecca l’urina degli altri maschi. Lo scopo è sempre quello di “raccogliere informazioni”: si potrebbe presumere che nei casi di vera e propria “ossessione” ci si trovi di fronte a un cane insicuro, che vuole saperne il più possibile sui suoi simili che vivono nella sua zona per capire cosa può aspettarsi da loro (questo spiega sicuramente il fatto che, nel cane in oggetto, il comportamento sia peggiorato dopo il cambio di residenza): ma potrebbe essere anche semplice curiosità, spinta magari non dal timore, ma dalla voglia di fare nuove conoscenze.
Il fatto che il muso del cane si arrossi dopo queste esperienze è un altro fatto che non ho mai rilevato prima: probabilmente il problema è del singolo soggetto ed è sicuramente il caso di scoprire, attraverso un’accurata visita veterinaria, il motivo di questa irritazione. Però, di solito, non succede nulla di simile.
Non credo ci siano neppure paralleli con l’adozione precoce (se non, forse, per il fatto che il cane desidera “saperne di più” sui suoi simili, non essendoci vissuto insieme abbastanza a lungo: ma a sei anni direi che ormai un’idea dovrebbe essersela fatta…).
Ritengo, infine, che la castrazione non possa essere risolutiva in questo specifico caso, visto che il cane è interessato a urine di qualsiasi tipo e che ormai l’abitudine si è “fissata” da molto tempo: potrebbe risolvere invece i casi in cui il cane manifesti il comportamento solo di fronte ad urine femminili… ma non mi sembra proprio il caso di castrare un cane solo perché si comporta da normalissimo cane, anche se non ci piace tutto ciò che l'”essere cane” comporta.

Articolo precedenteSalvateci dai salvatori
Articolo successivoL’italiano medio odia i cani?

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

22 Commenti

  1. Valeria, a proposito degli umani: i feti e neonati ce l’hanno (l’organo vomero-nasale) e, a pensarci bene, è abbastanza logico che l’abbiano. Ci sono molti dubbi invece sull’adulto. Alcuni sembra che l’abbiano e altri no. In linea di massima sembra che rimanga anche nell’adulto solo che è molto piccolo se paragonato a quello di un cane. In pratica sembrerebbe che rimanga delle stesse dimensioni del neonato, per cui le sue capacità nell’adulto sono decisamente limitate. I famosi “Nasi”, gli esperti che formulano i profumi, ne sono sicuramente dotati. Anatomicamente nell’uomo non è in una cavità separata come nel cane ma si trova nella cavità nasale. Non dobbiamo leccare, insomma!
    Comunque non mi risulta che sia mai stato fatto uno studio sistematico diretto a verificare la presenza o meno, e la qualità, dell’organo di Jacobson negli umani. Quelli che conosco sono studi “paralleli”.

  2. Anch’io ero contraria alla castrazione dei maschi (e anche delle femmine) per risolvere problemi comportamentali o fastidi prettamente umani. Nell’ultimo anno mi sono dovuta ricredere.
    1° caso abbastanza pertinente riguarda uno yorkie iper attivo, montatore cronico, pipì in casa, leccatore di tutto. Castrato a 6 anni, hanno risolto 3/4 dei problemi e il cane e relativi umani sono molto più sereni.
    2° caso molto meno pertinente: figlio della mia Labrador con eccellenti linee di sangue da entrambi genitori. Una coppia di ragazzi (trentenni con la testa di tredicenni) lo prendono e un comportamentalista consiglia di castrarlo per avere cane più calmo. Chiedono a me e dico loro che è un peccato vista la linea di sangue, che loro conoscevano la razza e sapevano che era vivace, che comunque era ancora un cucciolone e si sarebbe calmato ecc. ecc. ecc. A farla breve, adesso lo hanno prostutito. Continuano a “darlo” a un noto cagnaro che voleva già una femmina da me e non gliel’avevo data visto la fine che avrebbe fatto. Insomma, anche se uno è padrone di un maschio, dovrebbe sentirsi responsabile di come va a finire la sua prole e non semplicemente volere che “trombi”! Anche perché, dal poco che ho visto, l’eccellente linea che ho ottenuto io, sta andando giù per le fognature, rovinando tutto il lavoro, oltre al fatto che il cagnaro in questione vende anche parte delle cucciolate senza pedigree (e qualcuno dovrebbe spiegarmi il perché, se comunque va al gruppo cinofilo a chiederlo per l’altra parte!) Per cui, evviva la castrazione. Almeno non si aumenta la “bastardagine” canina e umana…

  3. Anche Bobby si comporta ossessivamente così, non ne salta una tanto che in famiglia lo chiamiamo l’analista delle urine…. spesso ci immerge proprio il muso!!! Sinceramente non glielo permettiamo in continuazione, sennò l’uscita sarebbe un “tira come un dannato”, annusa, lecca e analizza per circa un minuto/due, pisciatina sopra (non sempre) e dopo due metri si ricomincia…. in effetti è un cane problematico all’esterno, è sempre sul chi va là, non si perde un’auto o un portone che si apre per vedere se ne esce un cane, abbaia a quasi tutti i cani che incontriamo. Tre canili e cinque anni di tira e molla tra ex proprietaria e canile appunto credo l’abbiano reso così…

  4. E’ qualche mese che ho scoperto il tuo sito e da allora non mi perdo nessun articolo.Ti apprezzo e stimo molto,i tuoi articoli sono sempre estremamente chiari ,ironici,schietti.Veniamo all’articolo di oggi :ho un dobermann maschio di 4 anni che da sempre lecca solo ed esclusivamente la sua urina anche in presenza di femmine in calore…non riesco a darmi una spiegazione!!!In 50 anni di vita con cani di ogni tipo ,maschi e femmine,e’ il primo cane che si comporta in questo modo…(sono cresciuta San Bernardo,Mastino Napoletano a stretto contatto con addestratori e cani di ogni razza )Ti sarei grata se mi vorrai dare una spiegazione.Grazie ancora per il tuo impegno nel diffondere la cultura cinofila.Buona giornata

  5. grazie x l’articolo…anche il mio rotw ha questo problema….mi avevano consigliato di castrarlo xkè si sarebbe tranquillizato….( nn lo avrei mai fatto )….sapendo che è normale …ha un anno e due mesi , x cui deve conoscere….mi sono rassegnata a passeggiate infinite….:)….

  6. Il maschio annusa, sbava, grugnisce, lecca e poi con precisione millimetrica provvede a “ricoprire”, dopodichè si allontana di un buon metro e giù di raspata…
    La femmina, lei aspetta che abbia finito lui e poi interviene…. ri-annusa, si ri-accerta e ri-millimetricamente ri-ricopre (con tanto di zampa alzata naturalmente) poi raspa direttamente sulla produzione in modo da mandarla ben ben in giro con tanto di ringhiotto di soddisfazione (e quando un clc ringhiotta…. ti giri a vedere se c’è un leone in giro… poi ti ricordi .. ah già è il cane…)
    Normalmente lo interpretiamo come un : “è abbastanza chiaro che il pianeta è NOSTRO???? ” 🙂 🙂

  7. La nostra Biras non lo ha mai fatto perché da cucciola l ho abituata a non avvicinarsi a cacche e pipi. So che è normale che un cane faccia la pipi sopra l altra pipi di un altro cane , ma lo fanno x il territorio.ma che la lecchi non va bene

  8. Il mio Maki ama assaggiare le pipì delle femmine. Ovviamente appena finito cerca di darmi una bella slinguazzata in faccia!!! Chissà, magari vuole condividere le informazioni!!!

  9. Nella mia personale esperienza ho notato che tutti i cani che lo fanno sono interi … vedo e vivo una grande quantità di cani, e se dovessi fare una personale statistica (alla luce dei cani con cui ho avuto a che fare) direi che lo fanno in prevalenza maschi non castrati… non riguarda la taglia (lo fanno tanto quelli piccoli che grandi) ma sempre interi.. io almeno ho potuto notare questo!

  10. Salve, il mio ho fatto caso lo fa sia con femmine che maschi, oggi lo ha fatto mentre lo accarezzavo, ha preso la mia mano in bocca ed ha avuto la stessa reazione, gocciolava e quasi batteva i denti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.