domenica 17 Ottobre 2021

“Ma il mio è buono!” “E il mio NO!”

Dello stesso autore...

Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

di VALERIA ROSSI – “Non si preoccupiiiii!!! Il mio è buonissimooooo!”
Frase tipica pronunciata dalla Sciuramaria di turno: pronunciata a volume altissimo, perché la sciura sta ad almeno duecento metri dal suo cucciolone che si fionda  liberissimo e festoso verso un altro cane tenuto al guinzaglio.
Il proprietario del secondo cane cerca di trattenerlo, ben sapendo che il suo invece NON è buonissimo con gli altri cani, ma il cucciolone arriva a trecento all’ora, gli mette le zampe addosso… e si prende un bel morso.
Cosa pensate che succeda, a questo punto?
Ma è ovvio! La Sciuramaria copre di insulti il proprietario del cane al guinzaglio, accusandolo di portare a spasso una  pericolosissima tigre del Bengala che dovrebbe andare in giro SOLO con tre collari, quattro guinzagli (anzi, facciamo quattro catene) e almeno un paio di museruole.
E ci vogliamo mettere anche una camicina di forza? Massì.
La stessa identica scena si può verificare anche nella versione “cane piccolo libero… e stronzo”: che arriva e non cerca affatto di giocare, ma aggredisce direttamente il cane legato: abbai, ringhi e magari morsi. Dopodiché il cane legato reagisce, e se è di grande taglia le conseguenze possono essere anche drammatiche; ma neppure in questo caso alla Sciuramaria passa per l’anticamera del cervello l’idea di essere dalla parte del torto.
L’unica differenza sta nell’esclamazione: “MA IL MIO E’ PICCOLO!”, anziché “MA IL MIO E’ BUONO!”.

senzagui4Ora, sarebbe il caso di ricordare che:
a) i cani non hanno, se non in piccola parte, alcuna cognizione di taglie e misure (se ce l’avessero, i microcani forse starebbero un po’ più abbottonati). Credo di aver già raccontato di quando il mio bassotto Blitz, dopo aver litigato con un suo grande amico (“grande” in tutti i sensi, visto che era un alano) tornò da noi umane/proprietarie appeso al labbro del cagnolone, che cercava di liberarsene scuotendo disperatamente la testa. Ecco, fortunatamente quell’alano era un santo (era anche un cucciolone, diciamolo): perché, una volta liberato da quella scomoda e dolorosa appendice, ci mise una pietra sopra e ricominciò a giocare. Ma se avesse deciso invece di rendere pan per focaccia, e avesse fatto un solo ed unico “SNAP”, di Blitz sarebbe rimasta (forse) solo la coda.
Il fatto è che i cani piccoli un po’ credono già da soli di essere – loro sì – delle tigri della Bengala, e un po’ vengono confermati in questa convinzione dalle Sciuremarie che li tengono costantemente in braccio, che li proteggono dall’intero mondo creato (specialmente dagli altri cani) e soprattutto che non li socializzano a sufficienza (perché “il brutto cagnolone cattivo ti mangia!”), rendendoli così aggressivi e dispotici e moltiplicando le possibilità che qualche cagnolone, alla fine, li mangi davvero. Ma NON perché è cattivo, bensì perché è stato aggredito dal microcane ed ha messo in atto una sacrosantissima legittima difesa;

senzagui3b) la legge dice che “i cani” vanno tenuti al guinzaglio. Non “i cani sopra tot chili”, non “i cani di grande taglia”, non “i brutti cagnoloni cattivi”.
I CANI, punto. Grandi e piccoli, buoni e meno buoni, alti bassi lunghi corti grassi magri.
Chiunque lasci il cane libero in ambienti pubblici sta contravvenendo alla legge, punto.
E se il fatto di essere in Italia, dove le leggi sono un optional, può suggerire a qualcuno di infischiarsene di ciò che dicono… quantomeno dovrebbe trattenerci il pensiero che se il nostro cane è piccolo, o se il nostro cane è buono, non sta scritto da nessuna parte che debbano esserlo anche tutti gli altri. E se lo mordono, feriscono o addirittura uccidono, se l’abbiamo lasciato senza guinzaglio, è colpa nostra e non dell’altro cane, né del proprietario dell’altro cane che lo teneva al guinzaglio;

senzagui5c) specie quando si parla di Davide vs Golia, ovvero di cagnolini vs giganti, non è neppure detto che la museruola sia la panacea. L’amstaff di una mia amica, aggredito da un piccoletto libero mentre lui aveva guinzaglio e museruola, ha atterrato l’aggressore con le zampe e ha cominciato ad usare il muso museruolato come martello, dandogli colpi che non hanno ucciso, d’accordo, ma hanno comunque acciaccato l’avversario.
Per il canetto non dev’essere stata un’esperienza piacevole, e la colpa è stata esclusivamente del suo proprietario. La mia amica, più che usare guinzaglio e museruola, che poteva fare?
Qualcuno risponderà: “Un cane così aggressivo non lo si porta in giro, in nessun modo!”
Ma vi informo che questo cane NON è affatto aggressivo: anzi, è un patatone che tende a giocare con tutti. Se viene “museruolato” è proprio perché, come ogni essere vivente di questa terra, se viene attaccato si difende… e il fatto è che viene spessissimo attaccato da topocani liberi: quindi gli tocca andare in giro stile Hannibal Lecter per prevenire i problemi causati dai proprietari dei topocani.
E’ giusto, tutto questo? Certo che no.
Ma ogni santa volta che un cane grosso reagisce alle provocazioni di un piccoletto, le colpe vengono attribuite a lui:  addirittura viene segnalato come morsicatore, cosa che ad un umano non succederebbe mai perché la legittima difesa è considerata lecita dal nostro ordinamento. Per i cani, invece, pare che non lo sia. I cani dovrebbero star lì a buscarle, zitti e buoni, mentre il canetto se li spolpa vivi. Assurdo è dir poco;

senzagui6d) il “cane buono” che viene morso dal “cane cattivo” molto probabilmente diventerà a sua volta un cane “cattivissimo”. Perché l’esperienza insegna, purtroppo… e segna.
Ho usato a bella posta termini che in realtà non hanno alcun significato per i cani, visto che loro non hanno un senso morale: però questi termini li capisce anche la più Sciuramaria delle Sciuremarie.
Quindi: volete che il vostro cane buonissimo diventi una carogna grazie a qualche brutta esperienza precedente? Lasciatelo libero di fiondarsi in bocca agli altri cani. E se domani verrete accusati VOI di avere la tigre del Bengala, perché l’ex-“buonissimo” sarà diventato un piranha… potrete ringraziare solo la vostra superficialità e inciviltà;

senzagui7e) last but not least… l’ho già ripetuto fino alla nausea, ma non mi stanco e insisto: che i cani (specialmente maschi adulti) possano NON essere amichevoli con i loro simili è del tutto na-tu-ra-le!
I cani NON sono disegnati da Walt Disney: i cani discendono dal lupo, sono ancora molto “lupini” nei loro rapporti sociali (alcuni più di altri)… e i lupi maschi adulti se ne vanno dal branco di origine e se ne fanno uno loro, perché due maschi adulti insieme nun ce possono sta’!
Quindi è del tutto normale che qualche soggetto (socializzato o meno che sia) ce l’abbia con gli altri cani e sia aggressivo verso gli altri cani.
Certo, è vero che l’uomo può fare qualcosa per evitare/limitare tutto questo… ma quando lo fa, in realtà, sta snaturando il suo cane.
E’ sbagliato? No, certo. Perché avere davvero cani aggressivi e litigiosi al guinzaglio non è molto compatibile col vivere civile.
Però un cane che litiga con i suoi simili dello stesso sesso non è un mostro e neanche una tigre del Bengala: è un cane. E coprire di insulti il suo proprietario perché permette al suo cane di fare il cane, qualora prenda tutti i provvedimenti necessari – tipo guinzaglio e/o museruola – per evitare qualsiasi danno che ne derivi… è semplicemente stupido.
Se proprio abbiamo voglia di insultare qualcuno, facciamolo con chi lascia i cani liberi: grandi o piccoli, “buoni” o “cattivi” che siano. Perché questi, anche volendo ignorare ciò che dicono le leggi, sono dei grandissimi irresponsabili e dei veri incivili.

Nella stessa categoria...

144 Commenti

  1. Trovo questo “articolo” molto molto superficiale. Cani ben “educati” alla socializzazione sanno regolarsi perfettamente nei rapporti con i simili e si ritirano immediatamente se non graditi. Oggettivamente, con una certa esperienza alle spalle, mi sembra che alcuni (tanti…troppi…) decidano di adottare un cane senza capire che è un lavoraccio… e che l’eccesso di guinzaglio genera un cane ansioso e quindi potenzialmente aggressivo. Al di là della norma di legge, che va seguita sempre è comunque perché tale, il cane senza guinzaglio è rischioso solo perché il conduttore è un “minch*#ne. Parere personale

  2. Io ho un beagle di 11 mesi ed ovviamente essendo un beagle è pieno di vita e al guinzaglio tira come un forsennato.. Le sciuremarie che incontriamo in giro mi guardano rabbrividite quando lo vedono.. Manco fosse un mastino pronto all’attacco.. ???

  3. d’altra parte mi sembra assolutamente improbabile far socializzare i cani tenendoli a guinzaglio, situazione in cui avito nel modo più assoluto incontri ravvicinati con grandi o piccini che siano; certo in un area cano sarebbe richiesta dai proprietrai degli stessi un minimo di conoscenza comportamentale evitando di dare cibo, premietti, giochini, o cani in braccio o su panchine.

    G

  4. 7 minuti fa
    ho scritto quanto segueforse erroneamente nella chat di fianco me ne scuso con gli altri partecipanti.
    ho dato una lettura più o meno attenta a tutte le citazioni relativa cane guinzaglio si guinzaglio no, resto sempre un pò interdetto dall’integralismo dall’assolutismo delle affernmazioni, dato per scontato che il cane in luoghi pubblici e frequentati va condotto al guinzaglio, vedi passeggiate a mare o che altro, mi sembra altrettanto normale e scontato che in un parchetto cani, qui lo chiamiamo così, o comunque in un area recintata adibita esclusivamente ai cani gli stessi vengano lasciati liberi ovviamente con piena consapevolezza dei proprietari che possono decidere di venirci o no

  5. Io ho un pinscher che solo quando vado al parco lascio senza guinzaglio perché lei non si avvicina a nessuno e quando si avvicinano è lei ad andarsene! Se così non fosse la terrei stretta stretta al guinzaglio, visto che ha un bel caratterino e legata diventa aggressiva con gli altri cani! Bisogna valutare caso e caso!

  6. Per la mia mia esperienza dalle mie parti è l’esatto opposto, vengono lasciati liberi i cani grandi. Tre settimane fa il mio beagle al guinzaglio è stato morso da un rottweiler libero.

  7. Adesso mi mangiate ma.. Anche io ho (spesso) lasciato libera la cagnetta. Il cane che porto a spasso è infatti un cane che sto cercando di adottare ed è tutto il giorno in gabbia. Era di un cacciatore che adesso è troppo anziano e non ha voglia di curarsene né di amarla… Io la vedevo dal mio posto di lavoro e l’ho adottata.. purtroppo l’anziano ha anche problemi di senilità e non mi permette di adottarla perché a suo dire la porterebbe ancora fuori (falso).
    Comunque, quando la porto fuori, nel parco cittadino, la lascio libera proprio perché tutto il giorno è in gabbia e non ha altro modo per correre. Quando ho tempo la libero in montagna in zone che conosco come adatte a lei.
    Onestamente non avevo pensato bene alle conseguenze delle mie azioni, lo ammetto. Cercherò di limitare a luoghi conosciuti e recintati le occasioni di corsa della bretoncina che accudisco. Grazie Valeria per le informazioni, sono davvero importanti e nulla va dato per scontato.

  8. Per fortuna da me sono sempre legati i cani, perché già c’è intolleranza in generale, se fossero anche sciolti sarebbe la fine. Il problema non sono i cani sciolti però, ma, come sempre i loro padroni…se il cane è sotto controllo io non ho problemi, pur avendo un maschio di grossa taglia incazzoso al guinzaglio. Mi inizio ad incazzare quando non hanno il minimo controllo sul cane e questo viene verso il mio senza minimamente curarsi dei richiami. Ma ci sono anche in giro cani che hanno una relazione così bella con i loro padroni che sarebbe un peccatolimitare la loro libertà con un guinzaglio anche in città. Il mio stesso senza vivrebbe molto meglio (è insicuro, quindi al guinzaglio tende a fare il matto con gli altri cani e ad andare in ansia facilmente e ringhiettare in situazioni varie per impossibilità alla fuga), ma evito per non sentirmi le persone e per apprensione mia per via del traffico. Senza guinzaglio si sente molto più sicuro e tranquillo ed è sotto controllo perfettamente. È vero che ci sono tante leggi che non ci piacciono, ma se non paghi le tasse usufruisci comunque dei servizi e quindi danneggi gli altri cittadini. Insomma la propria libertà finisce dove inizia quella degli altri: se vuoi lasciare libero il tuo cane educato libero di farlo, per me, ma se educato non è lì bisogna incazzarsi. “è buono” ma deve mantenersi distante da quelli al guinzaglio e rispondere subito agli ordini. Io lo libero in campagna e nei boschi, secondo la legge dovrei tenerli legato anche lì, ma ci rendiamo conto? Dovrebbe passare la vita al guinzaglio? La cosa che mi fa più innervosire sono quelli che mi capita di incontrare in questi luoghi, palesemente lì per caso (tipo a passeggio dopo il pranzo al ristorante) o comunque non escursionisti veri e propri, che ti tuonano di mettere il guinzaglio al cane. Cioè tu sei in un bosco con i cinghiali perché se andato a pranzo nell’agriturismo e rompi le palle ad uno con il cane? Penso proprio che la tolleranza stia venendo a mancare e quello che ricerchiamo sia il vivere con gli altri con la pretesa di esser soli (pensate anche ai condomini). Il mio cane non avvicina gli estranei e quando mi accorgo che passerebbe a poca distanza (ad esempio se siamo tutti su una strada sterrata lo metto al piede o al guinzaglio). Ciononostante non va bene. E a quel punto sai che c’è? Sticazzi la legge! Se è per questo non dovrebbero neanche esserci cani randagi ovunque nelle campagne e boschi, ma ci sono. E la gente vuole subito polemizzare perché tu lo hai libero. E magari ci sono lupi, cinghiali, serpeenti, randagi. Il grave problema è che tentano di limitarci con le leggi perché noi italiani ne abbiamo bisogno perché appena c’è uno spiraglio o anche senza diamo sfogo alla nostra maleducazione e mancanza di rispetto per il prossimo. Se fossimo tutti persone educate ognuno potrebbe decidere in base alla sua relazione se slegarlo o meno.

  9. tutto verissimo….a me capita spesso di incontrare padroni con maremmani che mi dicono di allontanarmi col mio cane da dove stanno passando loro….ma scusa ma se il tuo maremmano non è socializzato…allontanati te!!!!

    • Perché hanno lo stesso cuore e lo stesso cervello di tutti i cani? Perché sono più piccoli e quindi forse più gestibili da alcuni punti di vista?

  10. Io abito in una zona dove nel raggio di 50 km non c’è nessuna area cane. l’unica possibilità di far fare “il cane” al mio cane è di lasciargli qualche mezz’ora di libertà lungo sentieri di campagna/montagna non percorsi da auto, moto e bici. Lo stesso problema, e la medesima soluzione, l’hanno tutti i proprietari di cani della zona. E, come avete ben spiegato più volte, non sempre e non da tutti i soggetti viene ottenuta una ottima risposta al comando di richiamo o di fermo. In tal caso come fare a gestire la situazione e a non essere in torto marcio ogni volta? Grazie.

    • secondo me un modo per non essere in torto marcio se il tuo cane libero non torna al richiamo e spaventa un escursionista o morde un altro cane non c’è….puoi solo incrociare le dita e sperare che non succeda mai. E andare in orari e giorni in cui i sentieri non sono frequentati (io uscivo sempre quando il clima era disastroso, pioggia e freddo, così sapevo che non avrei incontrato anima viva). Altrimenti resta solo l’opzione mettere il cane in macchina e farsi quei 50 km (o approfittare del giardino recintato di qualche amico…io il mio lo metto a disposizione di amici cane-muniti che vivono in città)

    • non vorrei peccare di demagogia, ma forse una buona soluzione potrebbe essere riunirsi tra tutti i proprietari di cani che sentono la stessa esigenza e “stimolare” le istituzioni locali a creare nella zona un’area dedicata.

      • i vicini di casa dei miei genitori lo hanno fatto con una raccolta firme (a cui per solidarietà hanno aderito anche molti che un cane non ce l’hanno, tra cui i miei) e il comune (Firenze) ne ha realizzata subito una molto bella.

        • ecco, vedi…grazie al cielo si possono ottenere buoni risultati anche stando all’interno della legalità. Anzi, usando proprio quegli strumenti che la legge riserva. …amen..:)

  11. Vorrei capire dove dovrei portare il mio cane a farsi una bella corsa senza guinzaglio. Su Marte???
    Penso che i cani debbano imparare a socializzare liberi fin da piccoli e fare dei corsi specifici di obbedienza insieme ad altri cuccioli già a 3/4 mesi (puppy pre-school). Se per strada incontriamo solo gente terrorizzata alla vista di un altro cane e che si tiene stretto il suo cane al guinzaglio come pensiamo di crescere dei cani sereni?
    Non sono per niente d’accordo con l’autrice dell’articolo.

    • E neppure con la legge italiana, presumo…
      Io i miei cani li porto al campo cinofilo a correre, a giocare con gli altri cani e a stare liberi. Se capita, anche in prati e boschi sicuri (ma le mie NON sono aggressive con nessuno: se lo fossero, le libererei solo in luoghi recintati). Nessuno di questi luoghi si trova su Marte: ovviamente non sono neppure proprio sotto casa… ma si prende la macchina e si va!
      Non libererò mai i miei cani (neppure se buonissimi) in ambienti frequentati da persone che potrebbero averne paura. Saranno persone di serie B, ma vanno rispettate!
      E poi i cani sono sereni quando hanno un bel rapporto con noi, non quando vengono mollati allo sbaraglio!

    • A Milano esiste il Parco Nord, un parco molto vasto con un bacino d’utenza che abbraccia Milano, Sesto, Bresso, Cusano, Cinisello che ha moltissime aree cani MOOOLTO ampie e senza alcuna recinzione.
      Sono aree indicate SOLO da un cartello in cui il cane può stare senza guinzaglio, e anche senza museruola in quanto NON richiesta, aree, meglio, porzioni di parco, in cui cani ed umani convivono senza grossi problemi…
      Al Parco di Monza si contano su una mano quanti vanno in giro con il cane al guinzaglio, soprattutto in alcuni prati (vedi quello davanti alle stalle…). E con “poca” buona volontà si riesce a convivere anche qui….

  12. Se mi sbaglio chiedo scusa, ma non mi pare che i cani nel bosco o altro si possano lasciare liberi…io lo faccio e so che non si può. sono d’accordo sul fatto che lasciare libero il proprio cane di fare quel che vuole in “città” è molto diverso che in luoghi isolati….ma se si dice di rispettare la legge e che tutti la devono rispettare (e sarebbe giusto così) non si possono fare distinzioni di luogo….
    io due “aggressioni” senza conseguenze tragiche mi sono capitate proprio nel bosco…quindi, secondo me (da un punto di vista logico) anche liberare il cane (soltanto) nel bosco espone i cani altrui a pericoli (se non lo si educa a dovere. ma che importa, se si dovrebbe usare il guinzaglio?). certi sentieri, per assurdo, sono più frequentati del centro città di certi posti in certi orari!
    quindi, secondo questo ragionamento, cani liberi solo in area cani e nei centri cinofili e a casa propria!

      • Grazie per la precisazione! nelle riserve non ci capitereri per errore nemmeno da sola (non si sai mai che qualcuno sbagli mira..oltre ad orribili scene a cui si potrebbe assistere) =)

  13. Da come scrivi fai sentire in colpa persino chi li lascia liberi nei parchi a loro dedicati!
    Comunque io condivido, ma solo per chi non li osserva, io alla mia sto appicicata! XD

  14. Il punto è solo uno: cane grande, medio, piccolo o nano che sia, se lo porti sciolto in luoghi dove non è permesso e/o te ne freghi e lo lasci scorrazzare a rompere le scatole a tutti gli altri cani che trova, allora sei un cretino fatto e finito, per non dire di peggio!
    Vi lascio solo immaginare la varietà di reazioni che ricevo da cani e padroni quando vado a passeggio col mio cucciolo (in foto).

  15. Il mio topocane è abituato a praticamente tutti i tipi di suoi simili, piccoli e non; gli è rimasta la fobia dei PT, dopo che, da cucciolo, un rappresentante di quella razza ha tentato di mangiarselo (e c’era un ragazzino attaccato, al guinzaglio di ‘sto bestione…ma dove vai..?) però se li vede li ignora e passa largo. In genere, se la tira. Petto in fuori e scondinzolamento – prudente se è un cane che non conosce, a mille all’ora tipo elicottero se è un suo amico. Quando incrociamo un cane grosso, tanti entrano in panico: oddio, è piccolo, quindi isterico!! Lo tenga!! Comunque, guinzaglio per strada, e libero al parco (ma se incontro un cane legato, il guinzo glielo rimetto, par condicio) Quest’estate le ha prese da un Jack Russell maschio, libero e selvaggio, che gli si è fiondato addosso..e il proprietario a 100 metri a gridargli “Noo, vieni quiii!!”…e se la sono filata entrambi.

  16. Interessante, sia l’articolo che i commenti. Col mio primo cane (maschio taglia media misto caccia da canile buonissimo con persone, femmine e cuccioli ma litigiosissimo con altri maschi) ho provato moltissime volte quella spiacevole sensazione di disagio misto terrore quando, con lui al guinzaglio, incontravo altri cani sciolti… Quanti spaventi!!! Capisco chi s’indigna e invoca il guinzaglio sempre e comunque. Ora però ho una chihuahua (non pantegana per forza isterica) che sfiora la perfezione: ha una capacità incredibile di valutare l’altro, quindi capita che tiri dritto ignorando se c’è spazio per farlo, che mi “chieda” di scendere dal marciapiede per passare alla larga in caso di incontro frontale considerato a rischio, che si conceda e conceda all’altro annusatina breve e ciao o che si innamori perdutamente ovviamente ricambiata. Questo indipendentemente dal fatto che sia libera o al guinzaglio. Non so come faccia e di sicuro non è merito mio. Ecco, a lei concedo ogni tanto un po’ di libertà.

      • ma nooo…è che sfiorando la perfezione stava provando a levitare..eh eh. non te la prendere, è solo una battuta ed il tuo cagnolino è veramente carino anche a testa in giù

          • Ti pare facile!!! Stai parlando con una tecnolesa digitalgiurassica!!! Però, dopo attenti e approfonditi studi, credo di aver capito perché non riesco a modificare il commento: ho commentato come ospite! Ora mi sono registrata (credo… concedimi il beneficio del dubbio!), vediamo se al prossimo pasticcio potrò porre rimedio. Grazie comunque per il suggerimento, ho fatto un passo avanti! E chiedo scusa a tutti per la parentesi che non c’entra nulla con l’articolo…

      • Non ho la minima idea di come si faccia!!! Mo’ provo a chiedere al webfiglio… ma questo spazio commenti non è gestito direttamente da noi, quindi nin zo! Però è carino anche rovesciato :-)))

  17. Grazie Valeria ! Purtroppo a noi è capitato quest’anno in un sentiero di montagna di incontrare un border collie incivilmente libero con tanto di sciuramaria, sciurmario e sciuramariolina che , alla vista della nostra cagnolina di nove anni regolarmente al guinzaglio han subito detto la fatidica frase ” non si preoccupi, il mio è buono! “. Peccato che il “buon cane” abbia attaccato la nostra a morsi…incivili del genere non li educhi in nessun modo.

    • il guinzaglio quando si avvicina un altro cane! o, se sei certo che il tuo se ne sta ubbidiente al tuo fianco, puoi rischiare e lasciarlo libero, ma dire “tranqui, il mio cane è buono” è inutile e stupido (oltre che rischioso), perchè imporre a uno che gira per i cavoli suoi col cane al guinzaglio, la presenza del tuo cane (oltre che la tua?) mi spiace per la vostra brutta avventura!

  18. AHAHAHHHHHHHHHHH GRAZIEEEEEEEEE!!!!!!!!
    HO DUE TERRANOVA CHE TENGO SEMPRE AL GUINZAGLIO IL CHE SIGNIFICA:”GROSSI, NERI E CATTIVI!!!!” MOLTIPLICATO PER DUE!
    QUELLO CHE SCRIVI PER ME E’ UNA COSTANTE!GRAZIEEEEEEEE

  19. putroppo non paga chi ha torto ma chi ha ricevuto il danno.
    Io con il mio cane devo discutere con tanta gente che tiene sempre i suoi topi che vanno spesso a cercare rissa con il mio ( mix grigione- lupo cecoslovacco) che si altera abbastanza.

  20. Faccio un mea culpa: io tengo il mio labrador di 2 anni senza guinzaglio, ma sta perfettamente “al piede”. SEMPRE. Lo faccio, sembrerà strano (non a tutti), per sicurezza: in questo modo non si allontana, neanche quando vede altri cani (maschi, femmine in calore, micro-cani, ecc) e ignora totalmente gli esseri umani, anche quando sollecitato. Non l’ho snaturato: in caso di altri cani mi guarda e mi chiede il permesso di andare a dargli l’annusata. Se gli metto il guinzaglio e incontra un altro cane, si mette sulla difensiva, evidentemente perché non vede vie di fuga con il guinzaglio allacciato.. è capitato che lo aggredissero 2 topo-cani (a morsi, non a parole) ed è scappato a gambe levate… Se lo avessi tenuto a guinzaglio, si sarebbe fatto morsicare. credo.

  21. Io sono sempre al guinzaglio della mia samo, buonissima, tranquillissima e cercatrice compulsiva di coccole da chiunque, quindi, siccome so che mica tutti gradiscono che un cane bianco, magari in piena muta come in questo periodo gli si strusci addosso, appena mi trovo ad incrociare qualcuno addirittura accorcio le distanze e passo direttamente alla maniglia che è attaccata al moschettone, così che lei è costretta a starmi proprio appiccicata. Poi con gli altri cani, pur essendo estremamente amichevole con tutti, ora ha imparato il giusto approccio: si mette seduta e aspetta un segnale dall’altra parte, se il segnale è amichevole allora si avvicina, ma sempre rigorosamente al guinzaglio. Devo dire comunque che da me quelli che lasciano i propri cani liberi di scorrazzare in giro sono veramente pochissimi e si tratta per lo più di cani molto anziani, tranquilli che gli altri cani non li vedono nemmeno. Un altro discorso è quello sui padroni che “non vedono” i ricordini lasciati dai loro pelosi……. e qui………

  22. Mi aggiungo alla lista degli impopolari. Ma possibile che nessuno si renda conto che se ha un cane aggressivo e intollerante nei confronti degli altri cani, significa che ha sbagliato qualcosa nella sua educazione e socializzazione? Qualcosa… o tanto. No, chi ha cani stronzi che tiene perennemente al guinzaglio è santo e chi ha cani del tutto innocui che magari lascia liberi di scorazzare per cinque minuti in un luogo sicuro (e parlo anche di aree cani) è un mostro incivile. Mah! Io ho 4 cani, una meticcia da canile, un rescue e due cani di razze diverse presi da allevamento. Nessuno dei 4 è aggressivo con i propri simili. Ho culo? No, non credo, ho insegnato loro che l’aggressività è cosa brutta che porta brutte cose, tutto qui. Non li lascio liberi in città, anche perché ho la fortuna di non frequentare le città se non quando esco la sera e in questo caso ci vado senza cani. Ho un giardino grande dove possono correre e li porto spesso a spasso in campagna… liberi. Se incontro qualcuno da lontano, con o senza cane, li richiamo e li tengo o li lego momentaneamente, almeno finché non ho chiesto se lui ha paura dei cani o, quando canemunito, se il suo ha problemi con i propri simili. Nel caso dichiari di avere un cane problematico, tengo i miei e aspetto si allontani… e nel frattempo compatisco, lui ma soprattutto il suo povero cane che si ritrova un padrone incapace di insegnarli una serena convivenza con i propri simili.

    • Ma possibile che nessuno si renda conto che un cane aggressivo ed intollerante nei confronti degli altri cani è, solitamente, un cane?

      Evidentemente non hai letto l’articolo (ne molti altri in cui Valeria Rossi dice la stessa cosa): un cane maschio che non tollera gli altri cani, è un cane maschio normale.

      Parentesi chiusa, perchè a me cosa fai con i tuoi cani non interessa, finchè non li butti sul mio al grido di “tanto il mio è buono!”, cosa che non fai… e che era poi l’argomento dell’articolo (che non hai letto)
      (anche il mio corre libero nei boschi e anche io, come te, lo chiamo se vedo qualcuno in lontanza, con o senza cane, e lo lascio solo se 1. il bipede non ha paura 2. l’eventuale altro cane è femmina/cucciolo e intenzionato a giocare col mio)

    • E io compatisco te che arrivi a giudicare la gente senza conoscere la sua storia nè quella del cane. Ogni cane ha il suo carattere, come le persone. Ho una femmina, presa cucciola da un canile, taglia media (cazz nè grossa nè microcane… e mò??) è un mix di chissà quanti cani (fisicamente assomiglia po’ al pt e al dobermann, il pelo è un po’ da pt e un po’ da labrador, qualcuno ci ha visto una somiglianza coi dalmata…) e la sua particolarità è che è diffidente verso gli altri cani ma non è scema: in condizioni normali li ignora tutti, ma se qualche cane va a romperle i cabasisi reagisce, eccome! Vorrei vedere te, che te ne vai in giro tranquillamente per i fatti tuoi e improvvisamente uno sconosciuto viene a darti fastidio: non lo mandi a quel paese?? Se il carattere è quello che fai? La vuoi “riprogrammare”?? Anche no, grazie. “Diffidente” non è “aggressivo”.
      Piuttosto parliamo di quelli che vivono sulle nuvole e credono che il loro cane, quando si irrigidisce e alza il pelo, sta cercando di fare amicizia… sì come no! O peggio quelli che conoscono benissimo questi segnali e che fanno? Li aizzano contro i cani altrui! Un imbecille appartenente a quest’ultima categoria aveva un boxer e grazie a sto soggettone la mia odia tutti i boxer e i cani fisicamente simili.

  23. mi ero presentato, considerato che per molti la libertà è solo relativa, poiché vincolata da aggressività repressa, mi scuso e tolgo il disturbo, purtroppo condividere non è cosa da tutti, né da molti… anzi, per pochi, e chi non si conosce si considera nemico. quando le menti saranno serene si capirà perché il male accade o non accade.
    scusate ancora se ho turbato qualcuno

  24. ma sono l’unica che porta la bassottina a guinzaglio e le vengono a rompere le scatole i cani grossi senza guinzaglio cche detta dei padroni dementi, sono buonissimi?

  25. Una delle mie vicine aveva il brutto vizio di lasciare il suo rognosissimo pincher libero davanti a casa. Ha morso praticamente chiunque nell’arco di un chilometro (nel mio caso mi è piombato nel garage senza che me ne potessi accorgere ed ha addentato un anfibio con convinzione), ma il guinzaglio non è comparso dopo l’ennesimo attacco a qualcuno…no…è comparso dopo che ha tentato di mordere il mio gatto e lui ha reagito alla Rambo (il gatto è uscito illeso, il cane ha avuto bisogno di qualche punto sulla schiena e diverse cure).
    Ovviamente la padrona è venuta a suonarmi a casa il giorno dopo, dicendo che il mio aggressivissimo gatto andava chiuso in gabbia o soppresso.

  26. Non mi piacciono le esagerazioni, qui vedo che alcuni…mah, sembra che abbiano l’aureola! Accidenti ragazzi! Tutti così ligi a rispettare rigorosamente la legge?? complimenti! non parlo solo di cani ehhh? Non è una presa per i fondelli, se non sgarrate mai, siete dei santi, io non rientro in questa categoria! Allora, di sicuro siamo tutti d’accordo: il cane va tenuto al guinzaglio, giusto, di norma lo faccio anch’io, dove occorre la museruola, (io solo dal veterinario), in giro non la metto (anche se la porto sempre con me, per me e non per lui), dove vado, la maggior parte dei cani è libera, non è un area di sgambamento (non ci vado quasi mai), ma sono parchi e siccome il mio cane è stato attaccato più volte quando era al guinzaglio, lo lascio libero anch’io, almeno può difendersi. MA…c’è un ma, ok, non è più un cucciolo, quindi più gestibile, lui dà sempre l’avvertimento all’altro cane, sia che sia libero o al guinzaglio, se però si avvicina e continua a rompere gli zebedei malgrado gli avvertimenti, sono io che devo intervenire dicendo ad esempio:” Stai a destra e vai!” Lui va avanti ubbidiente stando a destra. Sono consapevole che sono fortunata (o magari brava nell’averlo educato o tutte e due le cose, consapevole che in alcuni casi non rispetto la legge perchè magari lo lascio libero, bè, non me ne frega una cippa, ok? Io quando POSSO, libero il mio cane e mi rilasso e gioco con lui Lui fa il cane, ma non si avvicina ai cani al guinzaglio, MAI, è sufficiente un no, se mai sono gli altri col cane al guinzaglio lungo chilometri che rompono i maroni!! Per quanto riguarda le pantegane, ne conosco diverse con le quali il cane ci gioca e/o le tollera, ma ve ne sono alcune che sono delle eterne rompi…che abbaiano per un nonnulla, santa paperina, a quelle gli metterei pure il silenziatore!!!

    • sarebbe come dire che io quando POSSO vado a 100 all’ora in centro abitato e mi diverto con la mia macchina. La mia auto fa l’auto, essendo un fuoristrada bello alto, poi, sono anche sicura di farmi poco male se qualche pantegana si mette sulla mia strada.. Scusa ma non funziona così, poter o non poter fare una cosa in una società organizzata non è completamente a discrezione del nostro personale libero arbitrio. Se in un parco c’è scritto che il cane va al guinzaglio io lo porto al guinzaglio, perchè se capita qualcosa poi ne vado di mezzo io che non ho rispettato la regola ( e ben mi sta), ma ne vanno di mezzo pure tutti quelli che le regole le rispettano. Da noi a Trieste hanno appena aperto il nostro Giardin Pubblico, unico giardino nel centro città, all’accesso ai cani. Chiaramente qualche “POSSIBILISTA” ha subito approfittato per farsi gli affari suoi come se fosse nel suo giardino privato, ed ora, a distanza di un paio di mesi c’è già chi dice che il permesso a condurre cani deve venir ritirato. Abbiamo vinto qualcosa??

      • 🙂 Certo! Verissimo, anzi, ti dirò che chi in centro abitato va anche “solo” ai 70 se potessi gli sparerei Per modo di dire nèèè), mi sono espressa male: in centro abitato il cane lo porto al guinzaglio, c’è chi non lo fa, ok, ma se poi succede qualche cosa al cane o a qualche persona, poi voglio vedere! Nei parchi dove c’è tanto di cartello, dove posso lo libero, cioè ad esempio, sono lungo un sentiero col cane al guinzaglio si apre più avanti un bel prato, lo libero, lo lascio correre e saltare senza mettermi a leggere un libro o guardare il cellulare (non sono di certo a casa mia), nei parchi dove non ci sono divieti, e su 50 cani 49 sono liberi, lo lascio libero anch’io, sono consapevole che il perco è frequentato da umani e non solo da cani e sono consapevole che i più pericolosi sono gli umani. Io sono tranquilla, il cane non disturba nessuno, solo se c’è una femmina in calore gli metto il guinzaglio perchè va in palla! Ubbidisce ma…ci mette un po’ e io non voglio storie. Permettimi però di dire che ha ragione anche uno che in un commento ha detto che ci sono molti che tengono il cane al guinzaglio, ma non puliscono quando la fanno, e ancora, cani che rompono i maroni tutta la notte a chi invece deve dormire (anche questa è maleducazione, cafoneria o chiamala come vuoi), alla fine credo che come sempre, come in ogni cosa, ci vuole la giusta misura, un po’ di tolleranza e buon senso, peccato che siano ingredienti poco utilizzati. Anche per quanto riguarda lo sporcare…andrà a finire che dovremo mettergli anche le mutande, altrimenti non puoi più andare da nessuna parte.

        • certo, condivido questo tuo e pure quella parte del suo di commento – si tratta di Ikesse che ha dato la stura a questa apoteosi 🙂 – Mi vengono due cose da dire: la prima è che i nostri commenti arrivano da ogni parte d’Italia ed ognuno di noi si riferisce a quella che è la realtà che vive ogni giorno. Io ho vissuto per anni a Bologna con il mio primo cane e là, oltre che parchi attrezzati ci sono i colli con ampi spazi. E’ ovvio che se uno molla il cane nei colli bolognesi si trova davanti situazioni diverse da me che magari porto la mia nel circuito sull’altopiano dove tra chi corre chi porta carrozzine e chi passeggia pare di stare in centro. Faccio però un’altra considerazione: a rileggere i commenti di chi rivendica il diritto di lasciare libero il cane emerge la presunzione di chi, avendo la sicurezza di aver addestrato/educato bene il proprio cane, può permettersi comportamenti che ad altri sono preclusi. Per questo motivo ho usato il paragone dell’automobile: io posso anche essere pilota di rally (che non è) e QUINDI rivendicare il diritto di poter usare l’auto come SO di saperla usare. Ciò non toglie che chi mi vede tenere un comportamento non adeguato si può spaventare o alterare. Personalmente mi ribello a questa presunzione, che non ha nulla a che fare con il cane e la sua natura, riguarda solo ed esclusivamente la boria del proprietario che si crede l’addestratore più figo del mondo, ooh là..! e naturalmente rispondo a te ma non mi riferisco a te, poichè hai specificato il tuo pensiero sul POSSO 🙂

  27. Io ho un cane piccolo, l’ho sempre portato senza guinzaglio e non ho mai avuto problemi, non perché sia buono ma perché è addestrato a tornare da me al primo richiamo che ci siano altri cani , gatti o conigli ecc e non lo faccio avvicinare a cani guinzagliati che non conosco. Il mio unico problema sono padroni di cani isterici (i padroni non i cani) che come mi vedono da lontano si sentono liberi di urlarmi contro per la mia grave infrazione alla legge (anche parcheggiare nella corsia opposta o caricare un autostoppista è contro la legge se proprio vogliamo fare i pignoli). Dico questo perché stavolta non sono d’accordo con l’articolo ed anzi credo che se molti padroni di cani lavorassero un po di più sul loro rapporto col cane senza l’aiutino del guinzaglio ci sarebbero molti più cani sereni in giro. Aggiungo anche che non sono d’accordo nemmeno sul fatto che il cane al guinzaglio sia più al sicuro del cane libero, il cane al guinzaglio infatti non ha possibilità di fuga se aggredito da cani più grossi e ancora più importante non ha la possibilità di mettere in pratica quei comportamenti distensivi che il 99% delle volte evitano che si arrivi alle liti.

    • Io sono una di quei padroni di cani isterici e mi sentirei più che libera di urlarle contro che sta infrangendo la legge. Non raccolgo autostoppisti e non faccio inversione per parcheggiare nella corsia opposta, sa com’è…per coerenza. Ho uno splendido rapporto coi miei (4) cani, sono educati e addestrati e il guinzaglio glielo metto solo ed esclusivamente perchè la legge me lo chiede e per RISPETTO delle esigenze e fobie altrui. Perchè di persone maleducate come lei ce ne sono fin troppe, che si permettono di definire isterici quelli che seguono le regole. Guardi che di isole deserte al mondo ce ne sono ancora molte, forse sarebbero un habitat più idoneo di quello urbano per uno spirito libero come lei…

    • Provi ad andare in giro con un cartello luminoso (stile autostrada per essere visibile anche da lontano) che reciti:
      “il mio cane è addestrato al ritorno immediato e non va ad approcciarsi agli altri cani, neanche se questi incrociandolo dovessero abbaiargli contro oppure attirare la sua attenzione. Ovviamente il mio cane NON attirerà l’attenzione del vostro. Nel malaugurato caso così non fosse ed il mio cane fosse ferito o anche ucciso dal vostro cane tenuto al guinzaglio, mi assumerò TOTALMENTE la responsabilità dell’accaduto, disponibile anche a pagare eventuali spese veterinarie dovessero rendersi necessarie all’altro cane.”
      “p.s il mio cane non attraversa la strada e non rivolge attenzioni ad altri umani”
      Poi, francamente (e qui me la tiro…. e faccio consapevolmente l’incivile…) io ho 65 kg suddivisi quasi equamente su due cani…. secondo lei, nel caso, il problema potrebbe mai lontanamente essere mio?
      Ma a lei (e quelli come lei) ha mai attraversato il cervello il pensiero che a volte siamo isterici per salvaguardare i vostri tesorucci?

      • Io sono “isterica” SOLO per salvaguardare il microcane. Il signore potrà anche avere il cane più educato del mondo, ma deve capire che è l’ECCEZIONE e non la regola. E purtroppo lo sconosciuto che non la conosce preferisce andare sul sicuro, invece di richiare di avere sulla coscienza un cane piccolo mezzo morto…perchè a nessun padrone di cane sensato può far piacere l’idea di poter mettere in pericolo un altro cane, anche se non suo.

    • Vede Eugenio, il problema del mio cane non è che va in giro a cercare rissa con gli altri cani, anzi, degli altri cani se ne frega altamente. Per non parlare degli umani, che ignora in massa. Persino di quei cani e quegli umani i che vengono in visita nel suo feudo.. Il suo problema è che è nato per correre dietro a qualcosa – Qualcosa tipo, ad esempio, il suo cagnolino che corresse libero a 100 metri da lui. E dubito che lei farebbe in tempo ad evitare al suo cagnolino guai molto seri. O addirittura definitivi.
      Sempre che non ci fosse una strada di mezzo, in quel caso qualcosa di definitivo potrebbe succedere al mio cane, e/o ad uno sventurato conducente di passaggio.
      Il mio rapporto con il mio cane è talmente buono che io lo lascio correre quando è possibile e consentito farlo, ma quando sono in giro me lo tengo serenamente al guinzaglio, senza rompere i cabbasisi a nessuno, senza sfidare la buona sorte e senza farmi eccessive paranoie sul cane snaturato.

    • Partendo dal presupposto che suppongo esatto, dato che questo sito lo frequento da un pò, che i lettori di TPC siano persone che coi loro cani “il mazzo così” per un ottimo rapporto col loro peloso se lo fanno e neppure poco ( vedi la sottoscritta: è esattamente dal 26 gennaio 2014 che ogni santo giorno -oltre tutto il resto . dalle 17,30/18 alle 20.00 in un modo o nell’altro “lavoro” con Caos, che si tratti di portarlo in passeggiata, al campo oppure anche solo giocare in casa… con tanti saluti alla mia vita sociale…ciò nonostante….fuori sempre e solo col guinzaglio. ) siamo tutti consapevoli che il cane libero sarebbe più sereno e felice ed in grado di difendersi … Ma….

      Dalle mie parti, per esempio, passano spessissimo camion in grado di ridurre un PAC, un corso ,un alano, un mastino napoletano, un bue… in poltigletta raccattabile solo con una spugnetta.

      I cani, come gli esseri umani, hanno le loro “giornate”. E come ho scritto più su, nessuno possiede la palla di cristallo per sapere che tutto andrà sempre e solo bene. Mai visto cani col un richiamo impeccabile perdere la sarabanda? Io sì. Sarò sfigata. Mai visto cani obbendientissimi spaventarsi a morte e partire per la tangente? In mezzo ai camion di cui sopra? Io sì. Sarò ri-sfigata. Mai visto un terrier tranquillo tranquillo ( piccolo, senza guinzaglio… ERA il “buonissimo” cane di una vicina ) partire a razzo dietro un ratto comparso per strada e non tornare più indietro? Per non parlare di certi cani quando si apre loro il naso e si chiude la vena, il cervello e soprattutto le orecchie??

      Quindi per me il guinzaglio ( oltre essere un obbligo di legge: e se manchi ad un obbligo di legge le ASSICURAZIONI NON PAGANO!) è il male minore. Per il cane. Certo, poi in situazioni SICURE, lontano dai pericoli, da altri cani e/o persone sconosciute che magari possono averne paura, slegarlo con occhi ed orecchie aperte e moschettone pronto alla bisogna non è peccato mortale….
      Ma non è di questo che si sta parlando.
      In ambito URBANO, non sicuro, tenere il cane al guinzaglio è solo dimostrarsi rispettosi della legge, delle altre persone, degli altri cani… ed “attaccati” al proprio con ben altro che lo stesso guinzaglio.

  28. Quest’estate ho incrociato una Sciura con una dozzina di chiwi che zompavano liberi su e giù da una carrozzina x neonati.Io ho 2 Galghe rescue di cui una ancora piuttosto problematica per cui se posso girare al largo dagli altri cani lo faccio volentieri. Ho provato ad avvisare da lontano la signora ma risposta:”sono buonissimiiiii”
    In men che non si dica ci siamo ritrovati circondati da un ‘orda di nani abbaianti. Frida terrorizzata. X fortuna lei si fida molto di me e quando ho accorciato il guinzaglio e le ho guidate a passo svelto oltre l’ostacolo mi hanno seguita senza fiatare.I chiwi ci hanno inseguito x 50 metri buoni.
    Non nego che al momento li avrei rimbalzato a calci verso la padrona psicopatica.

  29. Questo andrebbe stampato e appiccicato ovunque!
    Da proprietaria di 2 cagnoni, che alla fine sono più grossi della maggior parte dei cani che incontriamo, non sono d’accordo, di più! Tra l’altro avendo dei cani diversamente socievoli, cioè che tendenzialmente sono delle paste, ma in certe situazioni possono diventare poco amichevoli, ne ho veramente le scatole piene. Intendiamoci, non sono mordaci, fanno semplicemente baccano, però può partire la rissa, e se parte loro le prendono senza mai renderle; per fortuna sono grossini e con un quintale di pelo e i morsi manco li sentono. Tra l’altro con i cani piccoli non sono MAI aggressivi, però ci siamo trovati diverse volte chihuahua attaccati al naso e jack russel appesi al labbro, mentre facevamo i sacrosanti cavoli nostri. Però la “paura” che alla fine uno dei nostri reagisca rimane, e se reagisce con un piccoletto, fa “chomp” e quello sparisce.
    E non è giusto che io, che rispetto le regole e sto facendo del mio meglio per rieducare dei cani adottati adulti, vada in giro col timore per colpa degli altri che le regole non le rispettano.
    E siamo arrivati a questo risultato con loro, che comunque non è ancora ottimale, perchè ci abbiamo lavorato taaanto, quindi la situazione è comunque delicata.
    In pratica in ogni passeggiata in luoghi frequentati bisogna stare attenti e guardarsi intorno perchè regolarmente ci si trova circondati da un numero variabile di cani liberi e totalmente fuori controllo.
    E se non chiedi esplicitamente di legarli, nessuno lo fa, ammesso che tu faccia in tempo a chiederlo prima che il cane libero si fiondi sul tuo. Se chiedi gentilmente al proprietario di guinzagliare il pupillo ti guardano come se tu fossi un pluriomicida e se tutto va bene lo legano borbottando stizziti. Santa pazienza….

  30. Questa scena succede praticamente ogni mese col mio Shiba, che non è neanche cattivissimo di suo, ma non è neanche un santo…e solitamente non prende bene che un altro maschio corra sparato verso di lui libero mentre lui è al guinzaglio…
    E il bello è che per sfiga ci rimette SEMPRE lui. E’ già la seconda volta che si fa male, e oltre al danno la beffa: insulti a mia sorella (che è esile e pare una ragazzina anche se è già laureata) per il cane cattivissimo , quando il mio ha fatto solo…il cane!

    • Ecco, poi quelli che se ne approfittano perchè all’altro capo del guinzaglio c’è una ragazza li prenderei a calci in culo da qui all’Antartide. Dica alla sorella di non farsi intimidire da nessuno e, se necessario, chiamare i vigili (o fare finta;-) ) Se il cane altrui era libero e il vostro legato, questo dovrebbe essere sufficiente a fargli cambiare aria, perchè in genere queste persone sono anche parecchio vigliacche…

      • Grazie deni!
        I danni peggiori sono stati fatti da gente che è entrata nel modo più sbagliato possibile in area cani, ma sì, anche se i cani sono fuori in strada la solfa è sempre la stessa: vedono mia sorella che pare una ragazzina e si scagliano contro di lei, nonostante lei sia sempre estremamente chiara nel dire che il nostro è un cane molto selettivo. Con me già ci provano di meno, ma ogni volta sudo freddo: conosco il mio Shiba, è un cane forte e resistente e so che davvero dovesse sentirsi in pericolo vero, il microcane va al creatore…tocca cambiare strada e fare giri lunghissimi per evitare altre corse dal veterinario.

  31. Riflettendo e rileggendo e pensando…in risposta a quella famosa frase che non riesco neanche a scrivere……. posso dire: “Mi dispiace per lei, il mio cane invece è normale…” ?? 🙂 🙂

  32. Il mio cane è un fortunato nobilcane di campagna, che abitualmente vive nel suo feudo serenamente. Socializza con un limitato numero di nobilcani selezionatissimi di suo gradimento in occasioni formidabili tipo lunghe passeggiate a cavallo. In quelle occasioni potrebbe imbattersi in tutti i 101 inkazzosi e manco li vedrebbe, ma soprattutto dubito che i 101 riuscirebbero a raggiungerlo per attaccare briga!!! Le rare volte in cui giriamo in ambito urbano è sempre munito di corto guinzaglio- nel nostro caso assolutamente imprescindibile, e in tutti i casi obbligatorio per legge..
    Mai sono successi incidenti spiacevoli. Capita qualche volta che qualche esagitato microcane o inkazzosissimo maxi-cane facciano delle chiassate mostruose ma la faccia schifata di Ras ed un pronto allontanarsi della padrona di solito fanno terminare lì la contesa.
    L’unica concessione plebea è che talvolta pure il nobilcane si gode risse verbali lungo il confine con il cane del vicino. Forse a causa dell’estate molto calda, hanno un po’ smorzato i toni, comunque li abbiamo sempre lasciati fare, e grazie ad una robusta rete non si è mai fatto male nessuno. Anzi, credo che sia per loro una attività abbastanza appagante e dubito persino che si morderebbero sul serio.

  33. Ma c’è anche la via di mezzo tra tenere un cane sempre legato o sempre libero (la legge è legge ed è sbagliato…non sto dicendo che ho ragione)….io non me la sento di far vivere alla mia bassotta una vita da prigioniera…prima di arrivare ad avere un ottimo richiamo mi sono fatta un mazzo così….per boschi e prati la slego, ma a certe condizioni: piena visibilità e appena sopraggiunge qualcuno la lego subito, soprattutto se ha il cane al guinzaglio. cerco di prevenire le situazioni rischiose e la sua è una “libertà controllata”.
    Se c’è una curva nel sentiero subito al guinzaglio, anche se al massimo mi precede di pochi metri.
    Ad esempio un giorno la mia bassotta era slegata…ho visto un Setter che correva slegato al piede col proprietario. Io ho legato il mio cane a prescindere….Infatti un attimo dopo la mia bassotta ha iniziato a scodinzolare (gli piaceva!). Il proprietario non ha fatto nulla: semplicemente ha continuato a correre col cane al piede, completamente concentrato sul suo umano..ecco, in questi casi credo che il guinzaglio non avrebbe cambiato molto la situazione…

    • sono d’accordo, ma la legge è legge….(ancora per poco…mah!) e visto che nessuno ha la sfera di cristallo le situazioni come quella da te descritta possono evolversi in modi imprevedibili…comunque anch’io mi comporto come te, ma credo che qui il concetto sia “cani che NON vengono legati neanche all’arrivo di altri cani”…

      • è vero…infatti me ne assumo tutte le responsabilità…certo, non ho un cane mordace, ma non va d’accordo con tutti…
        certo, rileggendo si puntava sull’ignoranza totale delle interazioni tra cani! 🙂

    • p.s. faccio un esempio: ero in montagna, tanti mesi fa, e una signora con un cucciolone di Boxer (giocoso, per la carità) legato al guinzaglio è caduta per terra perchè il Boxer ha tirato più del dovuto…non è sempre una garanzia..se devo scegliere preferisco un cane educato libero che risponde al richiamo immediatamente piuttosto che uno legato che tira per terra chi lo conduce….vanificando l’uso del guinzaglio stesso…io credo che in città sia fondamentale avere il cane legato, ma sotto controllo comunque…
      a me una volta è caduto di mano il guinzaglio per disattenzione….c’erano due cani legati poco più in là….la mia bassotta quando cade il guinzaglio si ferma subito (posso anche metterlo per terra in tante occasioni)….ecco, senza il cane sotto controllo sarebbe magari andata dai due legati..

  34. Per mia fortuna abito in campagna e nelle passeggiate col mio setter non incontro praticamente mai cani e sopratutto umani. Se posso, e so di essere in un posto sicuro il mio cane gira libero .. anche se è come se avesse il guinzaglio visto che è sempre tra i piedi. Quando frequento luoghi dove posso incontrare altre persone lo tengo al guinzaglio. Qualche tempo fa ho incontrato una signora con un bassotto libero mentre il mio era legato. La signora allarmata ha subito tirato su il suo cane e si è nascosta nel bosco vicino per evitare che il suo cane, un po’ nervosetto, vedesse il mio. Avrei voluto fotografare la faccia del mio setter che mi ha guardato come per dire “MAPECCHè?”. Noi abbiamo tirato dritto ma abbiamo sentito il bassotto abbaiare per un quarto d’ora. E anche io mi domando ma perchè? Portati un guinzaglio, smetti di agitarti e se il tuo cane abbaia ad un altro pace .. se nessuno si fa male che problema c’è. Secondo me con il suo comportamento la signora ha innescato la miccia.
    Certo per me è facile ho a disposizione due ettari di terreno recintato tutti per me e per il mio cane, non devo condividere aree cani con nessuno e lui può scorrazzare liberamente per molto tempo.. quindi certe dinamiche che si creano in spazi ristretti non le vivo, sono però convinta che il comportamento del padrone certe volte sia la causa scatenante delle reazioni del cane, sia positive che negative.

  35. Grazie per l’articolo….e dei geniacci che lasciano la cagnetta libera,magari in calore? E si lamentano quando il tuo,legato,seduto tranquillo di fianco a te,quando la cagnolina in pratica le si offre su un piatto d’argento,tentano di “corteggiarla”. Per fortuna mi sono accorta in tempo dell’arrivo della cagnolina e il mio non è riuscito nel suo intento,ma la mia porzione di insulti l’ho presa….concordo su tutto quello che c’è scritto!!

    • Ma scusa, in che modo era colpa tua? O_o
      Se il tuo era legato e tranquillo, mentre la femmina in calore era in giro sciolta, la colpa era dei proprietari della cagnetta.
      Cosa vogliono da te? Son loro che l’han lasciata in giro sciolta ed in calore..Se fai due più due, puoi immaginre cosa può accaderle.

      • A saperlo!!!! Il genio (perchè era proprio un genio del male o.O) ha anche avuto il coraggio di dire “ma i cani si devono castrare!!!!” . Quando incrocio gente del genere mi chiedo perchè non esistono corsi obbligatori per gli aspiranti padroni,di qualsiasi cane,non solo quelli di taglia importante.

        • Dovevi rispondergli che allora anche le femmine si dovrebbero far sterilizzare. (Io poi sono particolarmente fissata con queta cosa. Sia cani che gatti, se non si ha intenzione di farli riprodurre, andrebbero secondo me sterilizzati/castrati. Specie le femmine, alle quali si risparmia pure un sacco di stress. E specialmente i gatti. Quelli vanno in fregola ogni cinque secondi.)
          Che cafone..

          • la mamma degli idioti è sempre incinta…non ho altro da aggiungere. Spero solo di non ri-incrociare quella psicotica!

  36. a me è quasi sempre successo il contrario.. ovvero ho un cane buonissimo di piccola taglia che viene attaccata da altri cani senza guinzaglio aggressivi! 9 volte su 10 femmine di jack russel

  37. Un applauso ai proprietari del Bovaro del Bernese che (pur non rispondendo al richiamo) è stato lasciato libero e con la museruola. Ovviamente questo è andato a prendersi una pinzata dal mio, che ha sua volta 40 kg, ed aveva guinzaglio di un metro e mezzo e collare a strozzo. Almeno non hanno avuto nulla da ridire.. senno li pinzavo anch’io!

  38. Questi articoli dovrebbero leggerli più persone e soprattutto quegli irresponsabili maledetti che detengono in modo assolutamente idiota.
    Ho 3 cani tutti presi da adulti in canile, il primo arrivato da un brutto brutto sequestro con dei molossi è sttao il mio colpo di fulmine che sono riuscita a portarmi a casa dopo quasi un anno dopo varie vicissitudini..adorabile con le persone ma una gran testa di cavolo e molto aggressivo con i cani maschi. Lo chiamavo “il buon selvaggio”perchè non conosceva nulla solo botte, risse canine e praicamente una vita randagia. Inizialmente è stato un disastro, portarlo in giro era impossibile ma con tanta costanza, pazienza e socializzazione(e la salvifica castrazione che comuqnue non ha scalfito la sua indole)è migliorato tantissimo tant’è che ormai vive con un altro maschio di taglia inferiore e con i piccoletti in generale non ha problemi.
    Inutile dire che in luoghi pubblici lo tengo SEMPRE al guinzaglio ma a quanto pare sono l’unica deficiente che lo fa.
    Abbiamo beccato un sacco di morsi: passavamo sul marciapiede e una cagna è uscita con la testa dal cancello prendendolo al volo, successivamente un’altra femmina libera in luogo pubblico con un sacco di bambini intorno lo ha aggredito senza che lui nemmeno la guardasse. Ovviamente neanche questa aveva nemmeno un collare e nello stesso giorno aveva aggredito altri 3 cani. Per padroni va bene così tant’è che continuano iperterriti con lo stesso atteggiamento.
    Vicino a casa altri cani lasciati a loro stessi hanno cercato di aggredirmi ma per fortuna ero con i miei ..inutile dire che sono diventati delle furie, la scena si è ripetuta più volte, ho minacciato i padroni, ho mandato i vigili..nulla è cambiato.
    Il piccolo che oltretutto è davvero un santo con i cani, arrivato da un sequestro di un allevamento lager è stato aggredito più volte, ovviamente la colpa era la nostra che passavamo di lì…Io ho sinceramente paura di muovermi con i cani perchè devo continuamente sventare possibili risse e far diventare tutto uno stress sentendomi ovviamente dire che la colpa è sempre dei miei nonostante li tenga al guinzaglio a debita distanza mi fa anche incazzare

  39. A me è capitato più di una volta… E più di una volta il mio cane ha reagito… Diciamo non bene.
    Più di una volta mi si è presentato in area cani il padrone con il golden retriever e più di una volta si sono avvicinati senza rispettare i corretti approcci tra cani (si perché se vedi che sono da solo con un cane in un area apposta per loro per lo meno cacci un urlo e chiedi “posso?” Prima di far fiondare il tuo patatone peloso a giocare con il mio!) Dico golden retriever perché so che il mio cane proprio li odia i golden!
    L’unica volta in cui mi sono sentito davvero “sicuro” mentre ero in giro con il mio cane è stata quando un ragazzo con un levriero spagnolo maschio si è avvicinato, e nonostante io gli abbia detto: guarda che il mio va molto a simpatie… Ed è un lupone… Se ti sgagna il levriero gli fa male! Bhe in tutta risposta mi ha detto: non preoccuparti, mi prendo le mie responsabilità, se succede qualcosa è per colpa mia… Bhe è stato uno dei momenti di gioco più belli che il mio cane abbia mai vissuto!
    Quello che mi chiedo a questo punto però è: se lo sguinzagliare il proprio amico a 4 zampe è sbagliato, se il farli interagire con il guinzaglio è un abominio (a parlare un attimo con gli “espertoni” inorridiscono a sentire la parola guinzaglio!) Allora come posso capire come, quando e con chi far giocare il mio cane?
    È una domanda innocente dovuta al fatto che è il mio primo cane, e che è con me da meno di un anno! Diciamo che sono inesperto e delle volte tendo ad ascoltare troppa gente!

    • bella domanda, e rilancio:
      ho due cagnolotte tendenzialmente buone (ma restano cani,qundi la mano sul fuoco su come reagiranno a una situazione non ce la metterei, per quanto mi fidi di loro,e una purtroppo approccia i cani “di muso” seppur invitando al gioco,quindi capita che l’altro cane fraintenda),se lasciarle libere in aree non dedicate è da incivili irresponsabili, oltre che illegale, e l’unica area cani raggiungibile è tabù perchè frequentata da sciuremarie a pacchi (e mi spiace ma non vado dove i miei cani rischiano d’esser presi a calci o vadano nei guai se inseguono o magari graffiano un bambino lasciato correre per l’area con un bastone in mano, abbiamo già dato), precisando che dall’educatore ci andiamo sia per un percorso base che per la socializzazione, ma una o due ore a settimana di “libertà”(e se stiamo lavorando non è che siano poi così libere) non sono certamente sufficienti; come faccio a farle sfogare e muoversi quotidianamente come è corretto che facciano?
      Seppur con mille scrupoli nei campi e nei boschi le libero, certo controllo l’area per quanto possibile, il richiamo lo hanno (ma non sono certissima della sua affidabilità ad esempio davanti a un cavallo che appare dalla boscaglia, o un altro cane libero che arriva a 100 all’ora),e sono consapevole che dei rischi li corriamo(anche se li reputo inferiori da quelli dati dai proprietari incivili in area cani, perlomeno per via della frequenza degli incontri), ma non saprei come altro fare per non renderle schiave del guinzaglio (che in ogni caso usiamo SEMPRE nei centri abitati, in punti dove io non ho visibilità e in zone che non conosco).

      • Beh però penso che il discorso sia un po’ diverso. Anche io credo che per un cane sia fondamentale poter stare libero, e ci sono molti casi in cui non è possibile usufruire dell’area cani. Noi per esempio in area cani non entriamo quasi mai e comunque liberarli lì non è la stessa cosa che lasciarli liberi nel bosco o nei ruscelli. Sono così felici quando possono correre insieme nell’erba o giocare nell’acqua che non potrei neanche immaginare di togliere loro tutto questo.
        Però noi li liberiamo solo in luoghi deserti e conosciuti, in cui se arriva qualcuno possiamo vederlo da lontano e in tal caso li leghiamo subito, prediligendo magari le giornate di pioggia o gli orari in cui è più difficile trovare persone in giro.
        Non penso che qui si discuta questo, quello che si critica più che altro è l’atteggiamento di molti proprietari, che lasciano allegramente il cane libero perchè è piccolo/è buono, come se fosse la cosa più normale del mondo, senza preoccuparsi minimamente delle altre persone con o senza cane, quelli che solitamente hanno il cane 50 metri avanti, che lo richiamano 40 volte senza che il cane li caghi di striscio. E se poi capita qualcosa di spiacevole la colpa magari è tua che avevi il cane al guinzaglio. Questo se permetti è assurdo e come al solito chi ci rimette sono le persone oneste. Secondo me questo è il punto, non lasciare liberi nel bosco deserto cani con un richiamo impeccabile. Almeno questa è la mia opinione eh.

  40. La legge è legge per cui in luoghi con persone o cani il guinzaglio non si discute. Ammetto di delinquere nei luoghi isolati, ma la sua felicità libero di correre… Non mi danno fastidio i cani liberi che mostrano assoluta indifferenza nei confronti di altri cani e persone…ma quanti sono? Sicuramente meno di quanti credano i loro padroni. Un ottimo richiamo a volte non basta

    • Il mio cane ha “un richiamo” che fa assolutissimamente hahare . Non ne vado fiera ma è così. Non lo libero assolutamente mai in giro, ma è comunque del tutto indifferente a cani e persone. SE li riconosce come cani e come persone. Ma un qualsiasi oggetto/essere piccolo che si muove in lontananza, è un’altra faccenda. Non garantirei per un microcane che corre in lontananza. Certamente non si tratterebbe tecnicamente di rissa canina, ma sarebbe comunque una brutta cosa. Ed evito.
      Le minilepri del frutteto ed i gatti di campagna si arrangiano benissimo con le loro forze e non è mai andato neppure vicino ad acchiapparne uno. Quando i gatti salgono sugli alberi li supera come se non li vedesse.

    • ecco in aree isolate delinquo anche io,non saprei davvero come altro fare per permettere alle mie due di correre un po’ (area cani fuori discussione),
      purtroppo le mie sono tutt’altro che indifferenti ad altri cani e persone, cerco di evitare il più possibile gli incontri (per ora ha funzionato), il richiamo è buono ma non sono sicura che sarebbe sufficiente in certi casi (se arrivano delle persone, funziona, ma se ci trovassimo a breve distanza un cane o un cavallo non son mica sicura), noh ho davvero trovato altre soluzioni (il campo cinofilo non basta)

      • Io invece sono certa che il richiamo non funziona in certe situazioni per cui mentre lui è naso a terra (e potrebbe passargli un elefante di fianco che lui non alza il naso) o mentre corre come un matto (e potrebbe andare a sbatterci contro l’elefante sempre senza accorgersene) noi controlliamo l’orizzonte richiamandolo e legandolo “ore” prima dell’incontro con la “distrazione”

      • Se posso, ho un problema come i tuo, anzi, il mio non è indifferente neanche alle persone, quindi provo a dirti la mia esperienza.; quando , in condizioni ottimali ovviamente, è libero cerca da me molte più conferme di quando è al guinzaglio. Ho sfruttato una sua naturale tendenza a guardarmi o a manifestare una certa titubanza di fronte ad una curva cieca per dargli il fermo e precederlo, se non vedo nessuno all’orizzonte lo richiamo. Ho imparato a “leggere bene” il cane, se vedo che muove le orecchie in un certo modo lo fermo di nuovo, probabilmente arriva qualcuno. Magari ha solo sentito una foglia muoversi, ma nelle mie intenzioni voglio trasmettere al cane : 1 – se non vedi dove vai stai fermo che io controllo e poi decido come si prosegue . 2-qualunque cosa ci sia, tu avvisami e io valuto la situazione. Finora funziona. Se vedo gente rimetto il guinzaglio e poi dopo averli incrociati lo tolgo di nuovo.
        Certo diventa una passeggiata un pochino più vigile da parte mia, ma almeno i cani hanno la possibilità di essere un pò liberi.
        Vedo anche che gli altri che come me portano il cane a far due sgambatine in bosco fanno lo stesso.

    • Io credo che se hai un cane da caccia nel periodo di caccia e nel periodo di prova che inizia intorno a metà agosto puoi tenere il cane libero ad esclusione delle zone di ripopolamento o riserve private.

      • Anche se assomiglia ad un cane da caccia non lo è e comunque non penso basti avere il cane da caccia per poter godere dei privilegi dei cacciatori

      • da me avere un cane da caccia è una limitazione, perchè nelle riserve non puoi tenerli sciolti che ti fanno la multa la forestale cosa che non avviene ai padroni di razze destinate ad altri impieghi. Vale anche per incroci con cani da caccia.

  41. Impopolare a rapporto! pur condividendo il pensiero di fondo, ossia che i cani sono irrazionali ed istintivi, e come tali vanno rispettati ed accuditi, senza ora stare a smentire quelle frasi che considero faziose tipo: dobbiamo capire che i cani sono così… però vanno trattati secondo una legge che loro non conoscono e non condividono! vorrei porre l’attenzione sul fatto che esistono aree riservate (per quanto spesso di infime dimensioni) alla libertà dei cani, ed anche lì possono succedere situazioni spiacevoli anche tra 2 dico 2 cani di straordinaria bontà e socialità (forse una socialità un po’ “umanizzata”?) e che alla fine del discorso la cosa fondamentale dal mio punto di vista rimane l’educazione del padrone e conseguentemente del pelosone, ci vorrebbe UN PATENTINO!!
    Se ancora non avete nulla da ridire sul mio parere io uso il guinzaglio solo davanti casa (e raramente) in quegli orari in cui so che posso trovare una famiglia di miei vicini che hanno gravi problemi di socializzazione (umana), faccio chilometri in bici col cane libero lungo gli argini dei fiumi e spendo (o spreco) il mio tempo a discutere, elargendo sorrisi e toni pacati, dei diritti canini e dei vincoli legali imposti dalla razza umana alla natura tutta (come adesso). Ciò che ho fatto da parte mia è stata porre grandissima attenzione ad ogni singolo evento che riguardasse il vissuto del mio cane nei primi 4 anni di vita e ancora in questi altri 2, cercare di avere (o fargli credere di avere) sempre il controllo della situazione e di doversi fidare dei miei comandi, specialmente attraverso toni di voce “selezionati” per lo scopo e non impulsivi. Il mio cane non è buono, è semplicemente disinteressato a socializzare con qualsivoglia cane sconosciuto, se a distanza annusa una pulzella è più probabile che passi a meno di 3 metri e che addirittura si fermi per qualche secondo per scodinzolare e per un’annusata da vicino ;), se annusa un maschio non l’ho mai visto a meno di 5 metri (se c’è la coppia ci è potuto scappare un approccio misto di scodinzolo e poi ringhio quando il suo lui ne prende le difese per ritornare alle giuste distanze “in sicurezza”).
    DEDIZIONE, PAZIENZA, RISPETTO DELLA SUA NATURA… non delle regole che abbiamo deciso per loro
    Grazie della pazienza a chi ha letto

    • Mi dispiace, ma ha torto al 100%. I cani liberi al parco, peggio che mai con il loro umano in bicicletta, possono essere educati o disinteressati alla socializzazione quanto vuole, ma mettono in difficoltà padroni e cani altrui. Non mi interessa il suo pensiero circa l’oppressione legislativa dei diritti nostri e dei nostri animali, per me è molto più snervante avere a che fare ogni giorno con persone che la pensano come lei, piuttosto che tenere il mio cane al guinzaglio e liberarlo solo in spazi appositi. La sua libertà (di azione e pensiero) finisce dove inizia la mia.

      • aggiungo una cosa personale solo per ampliare la casistica: il mio cane, a cui per proprietà associativa Ikesse e Zio Jake dovrebbero lo stesso rispetto che al loro, è molto malato dalla nascita, e come il mio ce ne saranno mille altri che vivono lo stress di una grave malattia che le limita la vita. Questi cani non possono mettere “in campo” le stesse forze di un cane sano e se questo cane sano non è al guinzaglio l’incontro può risultare ulteriormente stressante. Chi pontifica sul rispetto che si deve al cane in quanto tale deve ricordare che il cane che incontra sulla sua strada può essere anche più fragile (la mia per esempio è rintronata dall’assunzione da 12 anni oramai di fenobarbitale e bromuro di potassio per una grave forma di epilessia, ma potrebbe essere anche cardiopatica, il discorso non cambia). Se non si capisce questo, mi dispiace, ma si parla solo del rispetto (eventuale) del PROPRIO cane e a ben guardare si tenta molto egoisticamente di difendere solo le PROPRIE ABITUDINI.

        • Esattamente. La libertà (menefreghismo lo chiamo io) dev’essere solo la loro, questa è la verità. Ognuno ha le proprie esigenze, tu hai una cagnona che deve essere rispettata e lasciata in pace, libera di fare la sua passeggiata senza stressarsi, io ho una cagna femmina stronza con le altre femmine, la mia amica ha due cagnolini e un bimbo piccolo e va in giro coi due cagnetti al guinzaglio e il bimbo nel passeggino e ha paura dei cani che non conosce perchè teme di non saper gestire la situazione e ci sono centinaia di altri esempi….

    • Educazione del padrone dici. Bellissimo. Ma come concigli l’educazione del padrone con il mancato rispetto delle leggi da parte del medesimo? Ci sono un sacco di leggi che non mi piacciono, dal imu Tasi e tante altre amenità che qui non elenco… ma la civiltà ne prevede il rispetto. Finora è andato tutto bene. Ma se voglia dio non accada mai qualcosa dovesse andare storto il primo a pagarla sarebbe il tuo peloso. Comunque invidio te ed Ikesse .. così perfettamente convinti di avere sempre tutto sotto controllo. Sarà che in vita mia sono sbattuta più volte di muso contro imprevisti ed imprevedibilissimi muri… ma una tale sicurezza mi manca.

      • davvero….com’è che a chi vive nell’anarchia va sempre tutto bene?! Beata incoscienza.. (o, più probabilmente, quando gli va male stanno ben attenti a non farlo sapere in giro…)

  42. Santissime parole… giusto l’alro giorno, passeggiavo con la pinscher, esce da un portone un Weimaraner giovane e festoso e, ovviamente, libero che si fionda sulla Dri per fare amicizia…. inutile dire che ho agguantato il Weimaraner appena in tempo per salvarlo dalle fauci di una incattatissima zwerg… il tutto con la signora che a quel punto inorridita urlava “ma il mio è bravissimo”…. la mia risposta ovviamente è stata “la mia no!”. Ho tiratu su la Dri come un pacchetto postale ringhiante e riconsegnato il Weimaraner alla padrona che mi guardava pensando “ah, sti padroni di cani piccoli hanno sempre paura….il mio è un santo!”… già, ma grazie al mio intervento un santo senza un piercing al labbro….

    E mi sono chiesta…. e se fossi passata con il malinois?? allora sì che si rideva….o forse si piangeva….

    I cani vanno tenuti al guinzaglio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  43. Sempre l’articolo fatto ad hoc per quanto mi e’ successo (l’ultima di una lunga serie in ordine cronologico) sabato scorso durante una passeggiata in un sentiero di “montagna” (dichiaratamente aperto ai cani con esplicita raccomandazione di guinzaglio e museruola al seguito)…
    Cane che si avvicina dritto per dritto verso il mio (legato come sempre se non in zona “recintata” o libera da estranei) e signora che da lontano dice… “accidenti un altro cane… tranquillooo e’ buona!”… e poi lo chiama (per altro il cane erano due.. uno medio ed uno micro.. ma il micro era attardato di qualche metro)…
    “Santa pazienza (dico educatamente indicando il mio guinzaglio) basta tenerli legati, non e’ difficile … oltre che obbligatorio!”
    E lei “si ma il mio e’ buono” (e lo era x carita).
    “Signora, pero e’ una femmina e lo e’ anche la mia.. e al guinzaglio non sempre e’ Ghandi… se poi litigano la colpa finisce che e’ mia perche il mio cane e’ nero e grande, …”
    Per fortuna nulla e’ successo.. i cani si sono annusati e poi ignorati (fortuna che ho allentato tutto il guinzaglio ed ho fatto lo sciolto nonostante l’incaz..volatura, per cui siamo passati oltre )

    La legge e l’educazione ci suggeriscono di tenere i cani legati cosa che, per me, sia di sicurezza per i nostri amici pelosi (io non giurerei che anche il migior cane da IPO3 sia infallibile se va in predatorio o in sfida, quando e’ fuori dello schema “campo”… magari mi sbaglio) che per rispetto di chi ha il diritto di non amare la troppa vicinanza dei cani…

    Deplorevole impedire ai cani di circolare ovunque se sono adeguatamente sotto controllo (il che vuol dire al guinzaglio!), ma lo e’ altrettanto infischiarsi della liberta degli altri (al di la dell’oggettiva possibilita di incidenti) di non avere addosso il cane di qualcun altro…

    Bell’articolo.. ora me lo condivido subbbbito su “faccialibro”! 🙂

  44. Se fosse possibile ti eriggerei una statua, perché la gente non capisce che se lascia il propio cane libero di scorrazzare a giro può creare disagi al resto del mondo e in particolar modo ai propietari di cani litigiosi verso il propio uola non possono fare altro, non posso e non voglio rinchiudere il mio cane in casa per della gente del genere che il senso civico non sa neanche dove sta di casa. Spero che questo articolo abbia messo un po’ di sale in zucca a questa gente.
    Poi va da se, se sei riuscito ad educare il cane in modo che ti segua in tutto e per tutto e quando ti trovi fuori senza guinzaglio sai al cento per cento che non si avvicenera agli altri cani senza permesso a me sta bene, l’importante è essere consapevoli dei propri limiti e di quelli del nostro cane, buono non è sinonimo di cane addestrato che da retta e non viene a sconzolare felice dal mio che non gradisce e tra le altre cose è al guinzaglio, per cui se il mio gli attacca un morso il morso se lo tiene.

  45. Tutto giustissimo,tranne il generalismo sull’inciviltá,io lascio sempre libera la mia lupa perché conosco e so come ho educato il mio cane e so che se dico ferma sta ferma,se la richiamo ritorna all’istante qualsiasi cosa stia facendo,compreso giocare….il problema è l’ignoranza ed il fatto che chiunque possa avere un cane di qualsiasi razza senza avere la minima idea di cosa debba fare.obbligo di corsi specifici per poter possedere certe razze e certe taglie,non rompere il cazzo a chi sa cosa sta facendo e si prodiga per non snaturare completamente un animale sbattendosi nell avere rispetto per gli altri..tant’é che noi siamo sempre stati morsi e non viceversa e non per esserci fiondati verso cani legati….irresponsabile ed incivile non mi ci sento,quelli sono quelli che non raccolgono la merda x strada e fanno giustamente pensare agli altri che i padroni di cani siano incivili!

    • scusa ma dissento, senza polemiche nè toni aggressivi. Se ci incontriamo al parchetto TU conosci la tua lupa, io no. Io non conosco neanche te e quindi non so se e come hai educato il tuo cane. Credo che la miglior presentazione sia al guinzaglio, se la legge lo richiede ci sarà un motivo, no? Poi, se vediamo che i nostri cani vanno d’accordo possiamo anche mollarli e farli giocare assieme. Non è generalismo sull’inciviltà ma attenzione per chi incontri e non conosci/non ti conosce.

    • Nei luoghi pubblici c’è una legge molto chiara che dice che i cani devono stare al guinzaglio, se una persona contravviene a una legge è incivile. Non esistono sfumature nel leggi.

    • Con tutto il rispetto, ma sbagli! Tu conosci il tuo cane, mica gli altri e soprattutto anche se è brava e addestrata può sempre capitare qualcosa che la agiti o impaurisca facendola reagire male. La legge è legge, non interpretazione, non il mio cane è addestrato quindi non vale… Metti il guinzaglio, altrimenti oltre che irresponsabile sei anche illegale.

    • condivido le altre risposte, quando si esce, il cane va tenuto al guinzaglio! per lasciarli liberi ci sono le aree di sgambamento, dove comunque, se già occupate, bisogna assicurarsi che i cani vadano d’accordo, prima di liberarli. Anche la mia meticcia taglia medio/grande è buonissima e quando i topicane l’avvicinano con brutte intenzioni, lei si fa capire, ma non ha mai morsicato nessuno. però ci sono persone che hanno paura, quindi è sempre al guinzaglio, come prevede la legge e, soprattutto, il mio buonsenso!

    • I cani, vanno tenuti al guinzaglio. Punto. Per legge. La tua lupa sarà meravigliosa e sicuramente educata ma questo non significa che debba ricevere un trattamento diverso. Anche perché, vista e considerata la tua vasta conoscenza, sai benissimo che due cani, di cui uno al guinzaglio e uno libero, possono avere reazioni diverse e imprevedibili. Il tuo è soltanto egoismo. E saccenza.

    • mi vien da ridere leggendo questo commento, poi rileggo alcuni termini e mi vien da piangere.
      non ha fondamenta ciò che scrive.
      se non vuole “snaturare “il suo cane ( lo ha forse addomesticato ???) eviti qualsiasi forma di costrizione, non lo nutra bensi’ lasci che cacci il proprio cibo, non lo curi bensi’ lasci che la natura selezioni i più forti ecc ecc.
      vivo in montagna pertanto godo del lusso di non avere a che far con parchi, giardini ecc, se non nelle occasioni in cui ci spostiamo per lavorare,ma mai mi sognerei di fare la “fighettina”con il malin libero e neanche la piccola zwerpinscher ( anche lui PER ME è molto buono) perchè “IO so ciò che faccio”.
      l “‘IO” non esiste , esiste una normativa vigente
      il mio ego lo dimostro altrove solitamente ed ho ben presente che la signora anziana, la mamma con bimbo e via dicendo, hanno il SACROSANTO diritto di avere timore dei cani , siano essi neri, piccoli, brutti , belli, addestrati, scapestrati o altro.
      qualora lo dimenticassi, dubito fortemente possa accadere, la legge me lo ricorderà.
      inoltre, non lascerei mai che il mio cane prenda qualche bel calcione da qualche umano infuriato….particolare che non va trascurato.
      io, il mio cane, lo difenderei con i denti.

  46. …sarò sfortunata io però….
    Da proprietaria di micro-cagnetta (3Kg) siamo stati aggrediti 2 volte in pochi mesi da due cani di taglia medio-grande mentre passeggiavamo tranquille per la strada al guinzaglio…….! …per la cronaca la piccoletta è davvero buona come il pane…..l’unico “grrr” lo fa alla sua pallina 🙂
    Nelle due aggressioni si è sottomessa immediatamente e per fortuna siamo riusciti a levarle di dosso i due cani senza conseguenze gravi …(grande paura, quello sì!)

    • Ti capisco…da noi i piccoletti sono sempre legati (quasi tutti…non sempre, okay, però quelli “rognosi” sono sempre al guinzaglio).
      Qui invece tanti cani grandi con proprietari imbecilli se ne infischiano se al guinzaglio trovano un piccoletto…tanto, cosa vuoi che succeda al loro cane.
      Io ho rischiato di perderla per una situazione così (e il veterinario è sbiancato prima di essere sicuro che, dopo un’aggressione da parte di un pastore tedesco, gli organi interni fossero salvi).
      Insomma, a parità di legge e di senso di responsabilità chi ha il cane piccolo rischia di portare a casa un cadavere…in caso di lite o aggressione di cani liberi senza controllo…
      prima pensavo:”meglio che il cane morsicato sia il proprio, che il contrario”. Ora non ne sono così tanto sicura…che schifo….
      Oltre alle aggressioni perchè si deve imporre un altro cane al proprio senza sapere nulla di quel cane e senza che il proprietario del cane legato sappia nulla di quello libero? davvero….se poi dici che il tuo cane non va d’accordo con tutti ti guardano schifati (come se essere tonti fosse un pregio…).
      Ma pensiamo ad un cane piccolo legato che provoca un cagnone tranquillo slegato..il cagnone reagisce e ciao cane piccolo…

      • p.s. io ho lavorato tanto sul richiamo…slego anche io in posti “adatti” la mia cagnolina…e immancabilmente mi ritrovo spesso con due cani al posto di uno….(Vieniii…..e arrivano due cani al posto di uno…)

      • Purtroppo alcuni proprietari sono maleducati inside.
        Dalle mie parti in compenso, ho il problema opposto al tuo.
        Ho la fortuna di abitare in un luogo, dove il 90% dei proprietari di cani di taglia media e grande, li tengono al guinzaglio. (A meno che non ti conoscano. In quel caso, magari cinque minuti i gioco e corsa sguinzagliati in luogo appartato, glieli si fanno fare.)
        Ovviamente ci sono le eccezzioni (Ho beccato uno con due pastori del ciarplanina sempre sciolti ed un tizio pastore tedesco munito, che non ha esitato ad aggredire malamente il mio cane a guinzaglio.)
        Purtroppo non posso dire lo stesso dei proprietari di cani di taglia piccola.
        Canini quasi sempre slegati, spesso attaccabrighe e con proprietari/e che se ne fregano se il loro cane aggredisce il tuo, legato.

        Giusto l’ltro ieri, stavo tornando a casa (cane a guinzaglio) e alle spalle mi arriva in corsa sto cagnino. Meticcetto peloso-coi-baffi, poco più grande di un bassotto, che inizia a ringhiare e a tentare di mordere le gambe del mio.
        Morale: Proprietario di cagnino che con caaalma arriva e sghignazza cercando di riprendersi il suo cane (che non riusciva ad acchiappare) ed il mio cane stra-incaxxato che per fortuna era legato, che dovevo tener calmo, mentre l’altro cercava ancora di morsicarlo..

        • ti capisco tempo fa mi è successo la stessa cosa dentro un area cani, ho fermato il mio 4-5 volte alla sesta volta ci ha pensato il mio , afferrando il “topo” per poi bloccarlo a terra! ovviamente sono intervenuto senza allarmismi.
          Alla fine il topo cane si è dato una bella calmata, ma è stato molto ma molto fortunato a trovare il mio cane che se trovava un cane leggermente più eccitoso poteva finire molto male.
          Premetto che ilcane afferrato dal mio ha solo avuto una abbondante doccia di bava senza alcun graffio o peggio.

          • Bhe, bravo il tuo cane. Molto composto ed incisivo, direi.
            Il mio purtroppo, da che quel pastore tedesco che ho citato nel mio altro commento lo ha aggredito, ha cominciato a reagire piuttosto malamente a sfide e ringhi vari.
            Personalmente non ho mai verificato cosa potesse accadere…Cioè..Nessuno è mai stato morso dal mio o altro…Però quando capita che qualcuno lo sfidi o altro, si mette ad impennarsi e a far scieneggiate assurde…Ringhi, denti di fuori..
            Liti fra maschi. E’ normale, lo so..
            Comunque quando fa così, preferisco cercare tenerlo calmo, piuttosto che lasciarlo fare. Specie con i cagnini, che poi va a finire che la colpa è sempre del grosso.
            Ho il terrore che la gente si spaventi e si metta a chiamare vigili, carabiniri o altro..

          • Grazie mille Valeria!davvero non se ne può più!! L altro giorno porto il mio patatone – un bulldog inglese- al parco pubblico (non area cani dove possono stare slegati) ..noi ovviamente col guinzaglio, ci vediamo correre incontro un maltesi no rognosissimo e abbiante libero. Ora chi conosce il bulldog sa che è uno dei cani più calmi e pacioccosi della terra …ma e’ pur sempre un cane – molosso per di più -dotato di grande forza fisica e se si mette a tirare si fa fatica a tenerlo!Il maltesi no comincia a saltar gli addosso abbiando e ovviamente dopo un po il mio reagisce..x fortuna non è successo nulla ma sentire anche quel deficiente di padrone gridare “vieni qui Rolly che ti sbrana quel bestione!” Mi ha fatto davvero una gran rabbia!!le passeggiate col cane devono essere un momento gradevole e di svago per cane e padrone..non e’ giusto che x colpa di q.che scemo dobbiamo tornare a casa io arrabbiata e il mio cane agitato/spaventato!!

  47. Amore amore amore! Qualcuno che lo dice, paro paro com’è, questo discorso di sacrosanta verità! Non è che perchè un cane è piccolo può essere lasciato stare anche se è un rompiscatole PAZZESCO e un cane grande, anche se è un patatone dolce, dev’essere chiuso e non fatto uscire mai più!

      • Traduzione dal mio “italiano pseudo-esaltato” a “Italiano corrente”:

        “Ecco finalmente qualcuno che espone, parola per parola, questo discorso composto di sacrosante verità! Non è giusto che un cane di piccola taglia sia lasciato camminare ovunque senza guinzaglio, anche se disturba molto le persone, mentre un cane grande, anche se molto buono e tranquillo, si ritiene esemplare da chiudere dietro un cancello per non farlo uscire mai più di casa!”.

        Ora è comprensibile? XD

  48. Valeria ti lovvo!!! Non ne posso piu’ di sti canetti rompiglioni che pero’ agli occhi delle loro mamme snaturate “vieni qua che quello ti mangia con un boccone”!!! Il mio labrador e’ stato morso due volte da due cagnetti della malora e tutte le volte si e’ limitato a lamentarsi e non certo a reagire per “vendicarsi”.
    Io cerco di disabituare il mio cane a una eccessiva attenzione verso gli altri esemplari con dei biscottini (se ringhi e cerchi di lanciarti verso il cane che sta dall’altra parte della strada divento una bestia a mia volta) pero’ mi sarei stufato di star dietro a ste matte che vogliono a tutti i costi che i loro cani MALATI debbano per forza far la conoscenza col mio e stringere amicizia! Ma non rompete le palle! Non sta scritto da nessuna parte, nemmeno tra gli umani, che si debba per forza essere amici figuriamoci tra cani maschi!

  49. OOOOHHHHH !!!!! Grazie, grazie, grazie, grazie Valeria !!
    Lo possiamo scrivere in cielo stile Fantozzi per favore??
    Ma sapeste quante ne ho piene le scatole di quelle frasi!!
    Ed ho anche l’aggravante di avere il cane nero…!! Sigh

    • Aspè…Intendi che esiste davvero la storia secondo cui “se è nero fa più paura”? O_o
      Credevo fosse una leggenda.
      (Gli animali neri sono i più belli in assoluto, secondo me..XD)

      • Ehi! ma dove vivi? Non te l’hanno mai letta Cappuccetto Rosso? Eccertochessì che il cane/lupo nero è più cattivo !
        Ma guarda che domande…
        Comunque seriamente parlando confermo in toto, l’approccio col cane nero è totalmente diverso che col cane bianco, li ho tutti e due, uno è quello accanto al nik e l’altra è quella sotto. Quando c’era solo il nero quando passavamo la gente al limite guardava e basta (anche perchè di mestiere fa il MIO bodyguard e lo fa con straordinario impegno e dedizione…), da quando c’è anche la clc ci fermano spesso (anche perchè insieme sono anche belli da vedere…. )e chiedono di toccare il cane bianco.. mai quello nero. Qualcuno più per educazione che altro si informa anche su di lui, ma devi trovare l’estimatore …. diciamo che il nero è un cane di…nicchia… 🙂

        • Prima di attirarmi le ire funeste degli animalisti per il cane legato all’albero…… qua eravamo in un campeggio in Austria e le corde sono lunghe dai 5 ai 7 metri…

          • Nelle favole, io facevo sempre il tifo per il lupo. XD
            Ti dico solo che il cane dei miei sogni è il pastore belga Groenendael. Nero e luposo. XD

            Razzisti pure con i cani.
            La gente dovrebbe tantissimo provare a pacioccare qualcosa come un bel Maremmano.
            Tutto bianco e peluscioso..Poi vedi cosa rimane delle mani. XD

          • Alloraaaa, facciamo razzismo alla rovescia?? Scherzi a parte, dipende, il mio maremmano si fa pacioccare. Con la faccia schifata e risentita, ma sopporta stoicamente. Ma solo i più temerari pacioccano, la maggior parte della gente fa il giro largo, perchè la cattiva fama della razza vince sul pelo bianco.

            Comunque concordo con te, gli animali neri sono i più belli!(disse quella con due cani bianchi….ma loro per me sono i più belli a prescindere!)

          • ehmmmmm…….. dissento, i cani sono belli a prescindere, ma quelli bianchi sono di un’altra categoria (disse l’umana di una candida samoieda!!!)

          • I samoiedo sono stupendi..Sorridono sempre, poi. XD
            MA!
            Io resto sempre per i cani neri.
            Sono i miei preferiti.

          • Allora ritiro tutto. XD
            Ho sempre saputo che i Maremmani non sono propriamente amichevoli con gli estranei.
            Poi non so. Io non tocco cani altrui a prescindere. (A meno che non siano proprio i cani a venire a farmi le feste..).

            I cani mi piacciono praticamente tutti. Come i gatti.
            MA!
            Gli animali neri, secondo me sono stupendi..

            (Spezzo una lancia in favore del tuo cane, poi..Anche il mio -non maremmano- fa le faccie di schifo, quando la gente lo tocca.
            Fa proprio la faccia tipo “EW”. XD)

          • Sì sì è verissimo, sono moolto diffidenti verso gli estranei e di certo non sono razza da farsi pacioccare da sconosciuti. Però il nostro, che tecnicamente è un meticcio perchè viene dal canile, pur rimanendo mooolto guardiano, territoriale, diffidente ecc, è abbastanza tranquillo (fuori da casa sua eh, dentro il suo territorio si trasforma) con gli umani. Per cui alla fine si fa accarezzare anche dagli sconosciuti, pur rimanendo palesemente scandalizzato da cotanta maleducazione, mantenendo sempre l’atteggiamento da fiero guardiano delle montagne e continuando a fissare l’umano col fumetto “ti tengo d’occhio sai?!”. Però dipende dal soggetto, tanti pma non li tocchi manco per sogno se ci tieni alle manine. XD

            Sul nero ti dico solo che il cavallo dei miei sogni è il frisone…:)

          • Appunto.
            Il sangue Maremmano non mente. XD

            E…Premesso che non sapevo che anche tra i cavalli ci fossero i frisoni (ero convinta che frisone fossero solo le vacche..Le classiche vacchie bianche e nere. XD)…Che figo che è.
            Lucente ed elegante..E nero.
            Bellissimo.

          • nun proprio… l’altro giorno ho sentito parlare proprio di maremmani che sono tutti da coccole esattamente come i golden… mi sono venuti i brividi e ovviamente nella discussione ho perso clamorosamente quando ho cercato di spiegare che carattere hanno…

          • No certo, si stava scherzando.
            So come sono i maremmani e sono d’accordissimo con te, è triste il fatto che si pensi e si voglia che tutti i cani debbano essere paciocconi da parchetto e non si apprezzi le qualità di ogni razza per quello che sono, il golden per le sue, il pma per le sue.
            Scherzavo solo sul mio che, come dicevo a Lola, è piuttosto pappamoscia in questo senso, il che da una parte è comodo perchè possiamo portarlo (anche se cerchiamo di evitare) in mezzo alla gente senza temere che si porti a casa un arto di qualcuno. Dall’altra parte il pma che non accetta coccole da sconosciuti non è un kanekattivo o squilibrato, è normalissimo.
            Poi vabbè anche Aragon tollera la carezza dallo sconosciuto, ma non ti allargare perchè sennò te lo fa capire, e comunque noi stiamo sempre attenti a tranquillizzarlo, a spiegare alla gente come deve approcciarsi (non gli piace per niente se lo fissi negli occhi o se ti abbassi in avanti), se ha l’impressione che tu voglia fare del male a Giuditta, la femmina, diotisalvi, per non parlare di come diventa quando è nel suo territorio.
            Però via è abbastanza tranquillo per essere un pma, e comunque preciso, come ho detto a Lola, che viene dal canile quindi tecnicamente non è un pma, anche se di questa razza ci sono più in giro cani senza pedigree che con, anzi forse quelli “veri” che fanno il loro mestiere il pedigree manco sanno cosa sia.

    • sono una delle poche persone che ha un cane nero e che fermano in tanti per giocarci…preferirei essere ignorata a volte!! E concordo con Lola,i cani neri sono bellissimi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

136,683FansMi piace
549FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Ti presento il cane
Condividi con un amico