di DAVIDE BELTRAME – Le Catene di Sant’Antonio e similari spesso fanno più danni della grandine, e spesso sul web quanto un contenuto prende il “giro giusto” di condivisioni rischia di andare avanti per mesi (se non anni) anche quando la situazione è già stata risolta.
Questo è anche il grosso limite e problema dei social, non potendo risalire alla “fonte originale” di una notizia magari se ne perdono gli aggiornamenti e si continua a condividere in maniera ossessiva-compulsiva, soprattutto se si usa il “copia e incolla” invece della condivisione (spesso espliticamente richiesto, soprattutto quando si tratta di bufale, proprio per rendere più difficile risalire a chi ha fatto circolare per primo la notizia).

In tema cinofilo in particolare in questi mesi continua a imperversare la storia di Willy, un labrador a cui sarebbe morta la proprietaria e che rischiava di finire in canile.
Detto che in alcuni casi gli appelli che girano in questo modo sono totalmente inventati (evidentemente a qualcuno piace divertirsi con poco o trolleggiando), in questo caso forse non era una bufala… ma come detto ad esempio da Bufale.net il cane sembrerebbe aver già trovato casa, e anche in altri è infatti possibile trovare riferimenti al fatto che da circa metà Settembre la situazione di Willy abbia avuto un lieto epilogo.

Nonostante ciò l’appello continua a girare vorticosamente (un post sulla vicenda, su Facebook, ha avuto quasi 3000 condvisioni…), peraltro curiosamente anche con numeri di telefono diversi a cui rivolgersi, ad esempio su Facebook e su Whatsapp ci sono capitati sott’occhio questi due appelli:

 

Comunque, dando anche per buono che davvero Willy fosse nei guai (e ci permettiamo comunque il beneficio del dubbio visti i precedenti di notizie simili prive di fondamento), non è comunque più un’emergenza. Smettiamola quindi di condividere il suo appello e dedichiamo i nostri click e condivisioni a cani che invece abbiano davvero ancora bisogno!

Articolo precedente“Tanto ha tutto il giardino a disposizione!”
Articolo successivoCoccinelle nel palato: una “bufala stagionale” di cui non curarsi

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.