di DAVIDE BELTRAME – E ci risiamo. Il pitbull finisce di nuovo sotto i riflettori, probabilmente nuovamente a sproposito, grazie al dilettantismo che colpisce i nostri mezzi di informazione quando si tratta di parlare di cani, soprattutto in casi di morsicatura.
Sembra che invece di migliorare, il livello delle notizie su questi episodi vada sempre più peggiorando: se una volta si trovava descritta almeno uno straccio di dinamica, ultimamente non ci si pone nemmeno più il problema, si scrive solo che il cane “ha attaccato all’improvviso” e la si risolve così; inoltre, non si ha mai la foto del cane protagonista dell’episodio, ma solamente le solite foto di repertorio… così diventa anche più difficile rendersi conto del “vero” aspetto del cane “colpevole”.

Martedì sera un cane ha morso le due bambine di casa, di 18 mesi e 12 anni. La più piccola ha subito i maggiori danni, è stata operata e fortunatamente non è in pericolo di vita.
E questo è praticamente tutto quello che viene raccontato dalla maggior parte degli articoli, dove il cane è identificato come “pitbull”.
Sembra che alcuni servizi ai TG abbiano dato qualche informazione in più, ad esempio il fatto che la bimba avesse in mano una merendina, ma non ho trovato i video in questione. A livello di articoli testuali comunque, praticamente nessuno tra una trentina di testate ha riportato dettagli.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Solo il Corriere ha pubblicato una foto non di repetorio e che quindi possiamo supporre sia del cane protagonista dell’episodio.
Questa:

Serve sottolinearlo, che NON somiglia propriamente ad un pitbull?
A conferma del fatto che possa essere il cane protagonista della vicenda, una vicina di casa della famiglia ha commentato la notizia parlando di un meticcio di bull terrier, descrizione decisamente più compatibile con la foto rispetto a “pitbull”.
Ovviamente però hanno tutti titolato “pitbull”, e come spesso accade basta questo a scatenare i commenti cinofobi che gridano al bandire la razza e similari. Ecco ad esempio alcuni commenti all’articolo di TgCom24, per la precisioen quelli “più votati”.

Purtroppo questo conferma quanto evidenziavo poche settimane fa, quando a mordere una bambina di 16 mesi fu un Labrador. In quel caso per l’italiano medio però la colpevole era sicuramente la bambina che aveva rotto le scatole al cane, mentre in questo caso il colpevole è il cane e va condannato senza se e senza ma.
Anche il Codacons ha nuovamente sfruttato la notizia per lanciare la sua invettiva contro le “razze pericolose”, praticamente riciclando il comunicato del 2017 diffuso dopo il caso di Flero e rinnovando la figura barbina.

Lo vogliamo capire che diffondere notizie in questo mondo, inventandosi la classificazione del “colpevole” senza nemmeno sforzarsi di conoscere prima la dinamica dei fatti, facendo quindi sempre passare l’accaduto come un’improvvisa follia del cane, crea solo allarmismo, malcontento verso una certa razza e cinofobia?
E la cinofobia può anche portare a gesti balordi, per cui almeno un minimo chi diffonde le notizie in questo modo dovrebbe sentirsi in colpa.

Articolo precedenteUcciso dal cane del vicino: l’ennesima tragedia evitabile?
Articolo successivoFoto da… cani! Fotografare con gli smartphone

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

20 Commenti

  1. Giustissimo ed in più aggiungerei che a noi umani non penso sia gradito il continuo ed assillante colpetti no sulla testa come dimostrazione di affetto soprattutto da parte di bimbi non educati o mal educati

  2. Io ho 2 Pitbull e sono dolci,io però di che sono 2 cani ed a prescindere dalla razza quando usciamo o se viene qualcuno sta al proprietario umani per cui in teoria edotto,evitare possibili picchi di adrenalina.
    Il pericolo è l’ uomo che uccide la moglie,nn il cane che reagisce d ‘ istinto

  3. …. Considerato che in Italia abbiamo almeno un cane per ogni famiglia, io mi meraviglio piuttosto di quanto siano rari casi come quello in questione… Sono molto piu’ frequenti i casi di omicidio tra cui genitori che dimenticano i figli in macchina a cuocere al sole…. Dunque considerati gli umani quanto sono pazienti e tolleranti i cani??

  4. Il punto non è se siano buoni o cattivi, aggettivi già di per sé inappropriati. Il punto è che hanno un grado di potenzialità offensiva maggiore di molte altre razze. Che la stessa selezione condotta dall’uomo mira a mantenere certe caratteristiche, che il mercato a volte trascende dai canoni etici. Il punto è che per stare bene con il proprio cane non è necessario che abbia un forza esplosiva e una mascella in grado di schiacciare i sassi, o una resistenza al dolore ed una tenacia eroica. Mi dite a cosa servono tali qualità nel contesto quotidiano?……. A quelli che continuano a sostenere che non dipende da loro, ma da come li crescono…. Gli regalerei un bel tigrotto, vediamo se cambiano idea.

  5. A prescindere dalla razza i fatti sono chiari… Bimba in ospedale morsicata dal cane. Quando la gente riuscirà a capire che i cani sono e restano animali anche se li trattiamo da esseri umani?? Cavolo, ma dove eravate quando a scuola ci hanno spiegato la differenza?

  6. Salve, io ho un bellissimo pitbull di 3 anni…è di una dolcezza unica , ama i bambini …quando usciamo chiunque incontri è pronto x delle coccole!!! Quindi nn facciamo di tt l erba un fascio …visto che nn solo i pitbull attaccano ” bambini” , adulti ecc ecc ma ci sn tante razze di cani di qualunque taglia che x vari motivi possono diventare” pericolosi”

  7. Salve. Io ho una Amstaff di 3 anni. È a casa nostra da quando aveva 4 mesi, vive in casa con me,mio marito, i nostri 3 figli, 3/8/9 anni,e un gatto. Per prima cosa abbiamo insegnato ai nostri figli il rispetto degli animali, ovviamente la piccola tiene ancora poco conto dei nostri insegnamenti. Amy (il nostro cane) è stata cresciuta come un qualsiasi cane, mai aizzata, mai viziata, è un cane, ed è giusto che venga cresciuta con rispetto per ciò che è. Quindi è educata con amore, ma è al contempo sottomessa a tutti i membri della famiglia. Non è gelosa del cibo,noi non dormiamo nella sua cuccia e lei non dorme nel nostro letto. È un cane paziente e dolce,che va d’accordo con tutti, la amiamo, ma stiamo sempre attenti perché siamo consapevoli che è un animale, e ha un impulso, quindi sta a noi controllare se è nervosa o spiegare alla piccola che non deve lanciarle i giochi. Io sono orgogliosa del mio Amstaff, so che è un cane buono e forte,ma lei non lo sa,la sua forza non ha avuto modo di scoprirla. So che un giorno potrebbe vivere male una situazione, allora sarà mia responsabilità capirla e indirizzarla. Ci tenevo a riportare la mia esperienza perché non esistono solo fatti di cronaca attorno ai Pitbull, ma anche soddisfazioni e gioie. E voglio dare un consiglio a tutti coloro che intendono prendere un cane con determinate capacità fisiche: informatevi,studiate, non lasciate nulla al caso, perché ogni vostro errore lo pagherà sempre il cane, e chissà qualche malcapitato.

  8. Buon giorno io amo tutte le razze di cani ma se vogliamo dire che soni tutti gli stessi diamo un opinione sbagliata. ce un tipo che mordicchia uno che morde e ci sono razze che attaccano per sbranare per uccidere e non solo i pitt. Di queste razze cosi ci vogliono delle precauzioni e veramente ci vuole la patente per gestirli molte volte il proprietari dice il mio cane e bravo. e al 30 % non e cosi. questi molte volte attaccano
    e la maggiore colpa e del proprietario. che la prende alla legera e a volte attacca anche al proprietario. Come abbiamo visto nelle cronache.

  9. Anch’io ho un Amstaff femmina i é dolcissima con i suoi simili e anche con gli umani! Dipende come é stato tirato su!!

  10. Non commento pareri scritti da ignoranti. Io ho un amstaff e non lo cambierei con nessun umano sulla terra. L italiano classificato “medio” credo sia più sul ” medio- basso” . Solite frasi fatte. Informatevi prima di dare alito.

  11. Mio padre era allevatore dei bull terrier cani dolcisimi e affettuosi. Saranno molto impegnativi, ma mai aggressivi. Ora da un anno possiedo mio amore un pitbull incrociato con dogo argentino. E un bimbo 😂😂😂non un cane. Le belve vere siamo noi umani non loro.ecco come la vedo io . chi non e capace istruire un cane di carattere forte meglio che si prenda un gatto

  12. Io ho un Pitbull,so che è un cane abbastanza impegnativo e cerco di evitare posti affollati solo ed esclusivamente perché gioca pesante!per il resto Pitbull tutta la vita,è il mio terzo Pitbull!certo non vado a liberarlo al parco dove ci sono altri cani più piccoli o grandi di lui perché tutti i cani tra maschi cercano di azzuffarsi!allora siccome quasi tutti i rapinatori di ville,negozi ecc ecc sono albanesi e romeni,ci sono anche italiani,rimandiamoli tutti a casa loro!sono discorsi del piffero,io non lascerei mai mio figlio col mio Pitbull da soli!purtroppo l’italiano medio è ignorante quindi questi episodi possono capitare,la colpa è di chi crede di esserne il padrone

  13. Ancora con questi cani pericolosi? Credo che,possono definirsi ” cani particolarmente sensibili” Amio modesto avviso possono essere considerati mordaci anche due cagnoloni di media taglia che cercano di provare il gusto della carne dei polpacci e non solo…eppure non erano pot bull i due esseri viventi che,hanno provato a moderni in una pubblica piazzetta del Comune di Cosenza…

  14. Più che dire bravo finalmente una smentita , finalmente qualcuno che spiega i fatti come sono successi .bravo bravo bravo.

  15. Siete lo schifo vero di questa società, gravemente malata, e per il vile denaro vi siete approfittato della vulnerabilità delle persone facendogli il lavaggio del cervello con il loppide. Piuttosto che darvi 5 euro come chiedete, li regali al primo nigeriano per strada. Fosse per me queste razze assassine andrebbero sterminate tutte e volentieri mi offrirei come boia.

  16. Per favore chiedo a chi non conosce questi splendidi cani pitbull di cui sono proprietaria di evitare commenti sterili. L’unico morso che ho preso nella mia vita é stato da un chiwawua. Penso che la razza più cattiva che io conosca sia l’uomo.

  17. Sono qui a Malta e ho visto diversi cani da slitta …questo dovrebbero vietare. Le alte temperature non sono confacenti a una razza del genere.

  18. Concordo pienamente quanto valutato e descritto da voi. Ci avviciniamo all’estate e sembra quasi perentorio l’inizio di una sequela di articoli senza alcun tipo di logica o dinamica descritta. la maggior parte delle persone sono ignoranti nel senso che ignorano quale mondo ci sia dietro ad un animale in questo caso specifico in un cane. Se lo prendono perché “mi ha scelto guardandomi negli occhi” e lo portano a casa umanizzandolo il più possibile senza rendersi conto dei danni a livello comportamentale che creano. Non si informano ne sul tipo di incrocio che potrebbe essere per tanto nn sanno nulla della loro genetica e del loro essere in un determinato modo o in un altro, non sanno veramente con chi hanno a che fare fino a che bam succede il casino e ovviamente è solo colpa sua perché aggressivo e via in canile a vita(se va fatta bene…) tutti e dico tutti dovrebbero prima di decidere di vivere la propria vita con un cane ,fare un corso di base di cinofilia , probabilmente non servirà a fare sì che certi incidenti succedano,ma almeno potremmo essere tutti più consapevoli delle responsabilità che abbia nei suoi confronti in ogni ambito. La cinofobia come ogni forma di fobia fomentata dall’ ignoranza non ha nessun senso di esistere . Prima informati, leggi,osserva, fai corsi, descrivi correttamente, spiega e allora forse sì ti potrai concedere di esprimere un parere su quanto accaduto senza discriminazioni specifiche di razza o genere che siano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here