lunedì 10 Agosto 2020

Mira el dito

Dello stesso autore...

Come tentare di far uccidere un bambino da un cane buonissimo 4 (il ritorno)

Passano gli anni, ma - purtroppo - continua a essere una costante vedere video di situazioni rischiose (a volte molto rischiose) con...

Si può valutare un cane solo tramite video?

Oggi proverò a essere breve (BUM!) nell'illustrare un dubbio che spesso mi assale e che farei rientrare nella categoria "coerenza, dove sei?".Su...

Marketing, umiltà e senso della realtà

Ho sempre trovato opinabile andare a "romper le scatole" sui contenuti sponsorizzati di Facebook: è normale che un'inserzione venga fatta per attirare...

Sequestro de “I cuccioli di Carlotta”: VIP forse non così inconsapevoli e qualche tasto dolente

di DAVIDE BELTRAME - Si legge un po' ovunque del sequestro del sito de "I cuccioli di Carlotta", e del ruolo di...
Davide Beltramehttp://www.tipresentoilcane.com
Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.

di DAVIDE BELTRAME – Se non cogliete la citazione, fate comunque finta di averla capita, almeno non mi sentirò anziano.
Ma cosa c’entra uno spot del ’97 con Ti presento il cane?
C’entra perchè mi è venuto spontaneo ripensare a questa frase (e sorvoliamo su come sia buffo il nostro cervello, in grado di ripescare una frase-tormentone ad anni e anni di distanza ma magari di dimenticare cosa abbiamo fatto 10 minuti prima) in seguito ad alcune polemiche sorte sotto il post che – piccolospaziopubblicità – promuoveva il webinar “Ingaggio e motivazione, uso del premio” in programma giovedì 16 Aprile.
La foto a corredo del post è la seguente, scelta dal classico sito di foto di libero utilizzo, e ho pensato “è carina, il cane dà l’idea dell’attenzione, non c’è il solito conduttore maschio ma una ragazza, il cane non indossa nessuno strumento quindi è anche neutra”, insomma mi sembrava abbastanza al sicuro dalle polemiche.

Invece no, non avevo considerato un aspetto: quel dito alzato.
E puntuale, infatti, in una delle inserzioni per promuovere il webinar è arrivato il commento “Quel gesto col dito non mi piace“. E siccome la curiosità è difficile da frenare, un utente ha chiesto il motivo di tale affermazione… e come spesso capita nelle discussioni su Facebook si sono aperte le danze.
A stupirmi sono stati principalmente due aspetti:
– il commento non è arrivato da una “sciuramaria” che magari non ha mai lavorato col cane e quindi aveva la consueta visione solecuoreamore, ma da una persona che comunque lavora coi cani, e anche alcuni commenti di sostegno al primo sono arrivati da persone che fanno attività con il proprio cane
– partendo da una semplicissima foto e basandosi si alcuni assolutismi ricevuti da altre persone (in alcuni dei commenti ci sono state affermazioni come “il mio educaddestratoristruttore mi ha detto di non fare mai quel gesto”) ci si è praticamente costruiti un film… perchè non so voi, ma io da quella foto NON sono in grado di capire cosa stesse comunicando la ragazza con il dito.
Insomma, non sta puntando il dito al cane sbraitandogli contro… ha solo un indice sollevato!

Senza entrare nel merito delle singole convinzioni e opinioni, perchè poi chiaramente ognuno ha la propria idea ed è fortemente convinto sia la versione giusta… il problema di fondo e che mi ha spinto anche a scrivere questo articolo è appunto che da un semplice dito alzato qualcuno ha deciso che “stava sicuramente sgridando il cane”, “indicare con il dito è un gesto di accusa” e via dicendo.
Ma… il dito alzato così può essere un gesto istintivo, può voler essere una richiesta di attenzione, si può usare per chiedere il “seduto”, poteva star chiedendo al cane il “guarda” e muovere il dito per provare a distrarlo mentre il cane doveva guardare il volto… poteva pure star calcolando la direzione del vento per lanciare il bocconcino al cane, se vogliamo buttarla sull’ironico come qualcuno ha fatto nei commenti. O ancora più banalmente, anche qui traendo spunto dai numerosi commenti, anche solo per attirare l’attenzione del cane per scattare la foto. Lo si vede anche in un sacco di foto, a volte è alzato solo il dito, a volte magari si tiene la mano aperta… ma non è propriamente qualcosa che non si vede mai, nè qualcosa che ha solo un’accezione negativa.

Capite quindi che – senza voler scomodare citazioni più colte su dita, luna e dintorni – pensare allo spot mi è venuto naturale: perchè si è fatta una questione di lana caprina che ha portato a una sessantina di commenti (certo, poi la discussione è finita sull’ironico-scherzoso e questo ha contribuito al numero di interventi)… ma sintomo di come ormai siamo a un punto per cui da una semplice foto si giudica un atteggiamento o addirittura un intero lavoro, c’è persino chi ha associato quel dito a un “metodo”!!!
Qualche anno fa, quando Valeria stava per iniziare a lavorare al Debù, ingenuamente proposi “potremmo fare i video di qualche lezione, visto che tra l’altro dallo scritto spesso estrapolano solo qualche parte e ci ricamano sopra, il video è sicuramente meno fraintendibile!”.
La sua risposta “fossi matta, non vedi che su praticamente qualsiasi video dove si faccia vedere un po’ di lavoro col cane arrivano millanta commenti di nonsifacosì, iofareimeglio, nonseicapace e via dicendo?”.
Aveva straragione, del resto se già c’era chi si scomodava a prendere qualche singola frase o paragrafo dei suoi articoli e ne stravolgeva il significato, avere a disposizione un intero video per criticare questo e quello sarebbe stata una ghiotta occasione.
Ma se l’ottimismo sul fatto che potessero esistere video cinofili che non facessero piovere commenti di iosonopiùbelloepiùbravo ormai è passato e non ho più quella beata ingenuità, ammetto che ancora oggi non mi aspettavo che un indice alzato potesse essere un problema o essere considerato un “metodo” di lavoro.
Ma se siamo al punto per cui un semplice gesto, peraltro di fronte a un cane che non sembra schiacciato, trise, preoccupato o altro, desta polemiche, perplessità e discussioni… forse stiamo sbagliando qualcosa!

Ti piacciono i nostri articoli? Sostienici!

La consultazione di “Ti presento il cane” è assolutamente gratuita, ma per noi ci sono alcune spese (il server dedicato costa!) e taaaanto lavoro.
Per questo, se qualche lettore (benemeritissimo!) pensasse di darci una mano, può effettuare una donazione (con Paypal o carta di credito).


Nella stessa categoria...

4 Commenti

  1. Proprio stamattina ho usato questo metodo dell indice aldato per dire alla mia cagnolina di 3 mesi di stare seduta. L ha fatto!! Dopo l ho premiata. Lei era entusiasta delle feste che gli ho fatto. Non era impaurita.

  2. Cari, fatevi coraggio, a me per strada con i miei due cani, una Labrador di 12 anni ed un Howawart di tre, una signora con un povero dalmata con cappellino, cappottino, etc attacca bottone e guardando l’Howawart mi dice:”bello cos’è? Un golden?” ed io :” no signora, è un Howawart” e lei :” ma è una razza? Costa molto?” Ed io:” si signora è una razza molto antica, non so cosa costi perché io lo ho avuto da un’amica allevatrice e quindi non lo ho pagato. Non mi piace comprare i cani”. Lei :” eh no sa, guardi che si vede la differenza, non a caso ci sono cani che costano 100 euro e cani che costano 1000 euro. C’è da stare attenti quando li regalano, mah!” Io:” grazie signora ne terrò conto”. Che dire? La signora sapeva, giudicava… Ah per inciso, io il dito indice lo uso da 12 anni con la Labrador per tenerla seduta ed ora anche con l’Howa. Non li ho mai visti costretti o umiliati o impauriti da questo “gioco”, ovvio dopo c’è il premio!
    Un caro saluto
    Roberto

  3. Io diffido da chi usa parole come SEMPRE e MAI a proposito di cosa fare o non fare con il cane. Il rapporto con il cane dovrebbe essere fluido e lasciare spazio all’improvvisazione. Fermarsi a un dito alzato per fare polemica è superficiale come chi dice che durante un colloquio di lavoro non devi incrociare le braccia perché indica chiusura. Sa di Manuale delle Giovani Marmotte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Ho un marito cacasotto

Quando ho letto quali baggianate ha scritto Davide martedì scorso, ho deciso di scrivere il mio contro-articolo perchè ritengo importante precisare che...

Gli allevatori hanno creato troppe aspettative?

"La mia lavatrice ha garanzia a copertura totale.""Anche il mio cane viene da un allevamento prestigiosissimo."Potrebbe sembrare un dialogo da teatro dell'assurdo,...

Affidare il cane a pensioni o dog sitter: CHE ANSIA!

di DAVIDE BELTRAME - Visto il periodo potenzialmente vacanziero, anche se quest'anno nonostante l'ottimistico oroscopo di Paolo Fox probabilmente molte famiglie resteranno...

Il mio nome è Dora

Lo sguardo appannato e assente… traballante sulle zampe… non mangia e non beve… ecco, sdràiati qui, sulla coperta vicino al fuoco, e...

Seconda giornata di lavoro in acqua con il Centro Cinofilo Dogzilla ASD

Anche la seconda giornata di lavoro in acqua organizzata dal Centro Cinofilo Dogzilla a.s.d. è andata in archivio.Diciamocelo pure… è andata oltre...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,306FansMi piace
558FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico