domenica , 25 giugno 2017
Home >> Vita col cane >> Dieci domande su... >> Dieci domande su… la falsa gravidanza (o gravidanza isterica)

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Dieci domande su… la falsa gravidanza (o gravidanza isterica)

1) Perché molte cagne vanno incontro al fenomeno della falsa gravidanza?
Tecnicamente, per un fattore endocrino, ovvero per la permanenza del corpo luteo che mantiene i tassi ormonali allo stesso livello che raggiungerebbero durante una vera gravidanza. Ipotalamo e ipofisi producono gli ormoni deputati alla produzione di latte e quindi si ha lo sviluppo delle mammelle e la successiva montata lattea.

2) Perché il fenomeno è così frequente?
La motivazione  va ricercata nel fatto che, in natura, solo le femmine di più alto grado gerarchico sono ammesse alla riproduzione: quindi, in ogni branco di lupi, si hanno una, massimo due cucciolate l’anno (le lupe vanno in calore una volta all’anno e non due, a differenza delle cagna). Poiché la vita selvatica è ad alto rischio, però, può accadere che la neo-mamma muoia, per malattia o per incidente: in questo caso sarebbe destinata a morire anche tutta la cucciolata… se non fosse che Madre Natura, sempre previdente, ha fatto sì che dopo il periodo dei calori (in un branco naturale questi sono sempre “sincronizzati”: il fenomeno si riscontra molto spesso anche nelle femmine di cane che vivono insieme ed è frequentissimo negli allevamenti) alcune femmine manifestassero una falsa gravidanza e quindi fossero in grado di produrre latte in caso di necessità.

3) Una cagna in falsa gravidanza può allattare cuccioli non suoi?
Assolutamente sì, visto che è proprio questo lo “scopo” del fenomeno. La cagna in falsa gravidanza adotterà qualsiasi cucciolo che le venga messo di fronte, considerandolo come suo figlio: infatti, a livello ormonale, si  è “sentita incinta” per due mesi, e ora si “sente madre”.
Infatti, in assenza di veri cuccioli, solitamente la cagna “adotta” un giocattolo, un peluche o altro (una mia cagna ha adottato un calzino: ognuno si accontenta come può).

4) La gravidanza isterica, quindi, non nasce per un “desiderio di maternità”?
NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!
No, no e ancora NO!
Nessuna cagna “sogna di diventare mamma”: per loro la gravidanza è unicamente un discorso ormonale, senza alcuna connessione “culturale” e tantomeno affettiva. Molte cagne, pur avendo frequenti gravidanze isteriche, non sopportano i cuccioli altrui (alcune li attaccano proprio) e non è detto che siano buone madri neppure con i propri. Quello della cagna in gravidanza isterica è un ruolo di “balia”, non certo di “mammina mancata che vorrebbe tanto avere dei cuccioli”.
La cagna NON ha alcuna cognizione intellettiva di cosa sia la maternità, neppure quando è incinta per la prima volta: tant’è vero che quando il suo primo cucciolo viene al mondo lo guarda spesso con aria stralunata (come se si chiedesse “E questo che cavolo è?”). Io ho avuto cagne che mi davano zampate allibite e spingevano il cucciolo col naso nella mia direzione, come per dirmi: “Pensaci tu, io non so cos’è sta roba e non voglio saperne niente!”. Altre ancora, all’apparizione del neonato, si alzavano dalla sala parto e tentavano la fuga, pur avendo ancora una panciata di piccoli da sfornare.
Dopo qualche istante, ovviamente, gli ormoni “spiegano” alle neomamme quello che devono fare e anche le più perplesse/allibite/spaventate scoprono l’istinto materno e si mettono al lavoro (mangiare placente, tagliare cordoni ombelicali, pulire pancini, allattare): ma è un istinto che scoprono in quel preciso momento lì, e non un minuto prima! Pensare che la cagna abbia una gravidanza isterica “perché ha voglia di avere i cuccioli” è un colossale  fraintendimento che ha già portato alla nascita di milioni di cucciolate messe al mondo solo “per far contenta la povera cagnolina” (la quale, se avesse potuto parlare, avrebbe tirato caldissimi accidenti ai suoi proprietari per aver avuto questa pessima idea). NON BISOGNA ANTROPOMORFIZZARE IL CANE!
La cagna “non sa” cosa significhi essere madre. Non sa cosa sia una cucciolata, finché non le succede di averna una.  Non ha più pallda idea di quello che le succederà due mesi dopo l’accoppiamento (e pure tutta la faccenda dell’accoppiamento, per lei, non è AFFATTO divertente).
NON SI DEVE far accoppiare la cagna pensando di “realizzare un suo sogno”, perché questo sogno assolutamente non esiste e non è mai esistito. In più…

5) Far avere una cucciolata alla cagna mette fine al fenomeno delle gravidanze isteriche?
Di nuovo: NOOOOOOOOOOOOO! Anzi, in molti casi ha peggiorato la situazione.
L’unico modo sicuro per metter fine (per sempre) al fenomeno è la sterilizzazione.

6) La gravidanza isterica comporta qualche rischio per la salute?
In linea di massima, no: si tratta di un fenomeno fisiologico e non patologico. Alcune cagne possono manifestare vomito, diarrea o febbre durante la montata lattea, altre diventano particolarmente nervose: ma questi sono gli stessi eventi che possono manifestarsi con una vera gravidanza.
Può esserci invece qualche problema legato al comportamento della cagna: per esempio, alcune di esse si leccano o succhiano insistentemente le mammelle durante la montata lattea e questo, a lungo andare, può provocare una mastite.

7) E’ necessario intervenire con dei farmaci per fermare la gravidanza isterica?
Chiariamo subito che non ci sono “farmaci anti-gravidanza isterica”: ci sono, invece, farmaci antagonisti della prolattina. Se non vengono somministrati, il fenomeno si esaurisce da solo nel giro di poche settimane. Personalmente ho sempre scelto la soluzione di lasciar fare alla natura (e di sterilizzare la cagna subito dopo). I farmaci possono essere indicati soprattutto quando vi siano consistenti alterazione del carattere: per quanto riguarda invece leccamenti e succhiamenti, basta spalmare le mammelle con una crema dal gusto sgradevole. In ogni caso sarà il vostro veterinario a consigliarvi la soluzione più indicata al caso specifico.

8 ) E’ meglio assecondare la cagna quando “adotta” giocattoli e simili, oppure distoglierla?
Assolutamente meglio distoglierla, togliendole qualsiasi “cucciolo immaginario” e portarla spesso fuori, a fare attività fisica e sport, giocare con altri cani e così via.

9) A una cagna in gravidanza isterica non fa male il troppo moto?
Il moto non fa male neppure alle cagne “realmente” incinte: figuriamoci a quelle che non lo sono!Ovviamente, per una cagna realmente incinta, ci sono delle limitazioni: per quella che “crede” di esserlo non ce n’è assolutamente nessuna.

10) Ci sono razze più soggette di altre alla gravidanza isterica?
No, la frequenza è identica per tutte le cagne, di razza e non.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico