Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Il cane da borsetta, l’ultima moda della demenza cinofila

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!

email:


caneborsa_apert

Il cane da borsetta, l’ultima moda della demenza cinofila

Esiste un network, presumo lo sappiate tutti, chiamato “Yahoo Answers”, nel quale chiunque può postare una domanda e il resto del mondo può rispondere. In campo cinofilo le domande sono numerosissime (quasi tutte domande elementari, da “sciuramaria”) e le risposte vanno da un estremo all’altro: c’è evidentemente un gruppetto di persone competenti in campo cinofilo che danno risposte corrette e sensate, ma in contemporanea ci sono le sciuremarie che rispondono alle altre sciuremarie inanellando una serie di perle che farebbero davvero ridere a crepapelle, se non fosse per il fatto che qualcuno magari le prende per buone.
E’ la cultura da giardinetti elevata all’ennesima potenza: un po’ la potenzialità e insieme il limite di Internet, dove tutti sono contemporaneamente maestri ed allievi e dove – purtroppo –  per il profano è difficile discernere.
Alcune domande-risposte sono talmente surreali che presumo che la stessa Sciuramaria si interroghi sulla loro validità: ma altre sono sottilmente ambigue e non dubito che qualcuno possa ritenerle validissime anche quando si tratta di cugginate paurose.
Ci si potrebbe interrogare a lungo sul motivo per cui tante persone (prevalentemente molto giovani, si direbbe, a giudicare dal linguaggio e dal numero di “k” e di punti esclamativi utilizzati…), preferiscano postare i loro quesiti in un simile calderone piuttosto che su siti, forum o anche solo pagine di FB specializzate, in cui possano presumibilmente ottenere risposte da “addetti ai lavori”: forse è solo pigrizia, forse è che molti di questi addetti ai lavori si pongono in modo talmente arrogante e presupponente che la gente “normale” preferisce parlare con gente che magari ne sa un po’ meno, ma risponde in modo più simpatico… non lo so e non voglio scrivere una palla psico-sociologica, anche perché non è il mio mestiere.
Sta di fatto che, essendo costantemente alla ricerca di spunti per i miei articoli cinofili, su yahoo answers ogni tanto ci vado. E quando non ci vado io, sono i lettori che mi segnalano le “cugginate” più clamorose.
E’ ciò che è successo in questo caso, con una email che mi rimandava alla seguente discussione:

Titolo: HELP CAGNOLINA!
Questa era la domanda:
Hey ciao avrei bisogno di 3 cosucce:
1=sto cercando una cagnolina di taglia media che da piccola sta in una borsetta e da grande in una borsa un po più grande
2=dove posso trovare delle borse per le cagnoline come quelle del film ”una bionda in carriera”
3=la cagnolina nn deve essere di razza yorkshiler o chihuahua o barboncino o cose del genere!!!!!

Mia reazione: SBONK. Nel senso che son cascata dalla sedia (anche perché lo “yorkshiler” ancora mi mancava, mannaggia, e non l’ho messo nel “Vero Standard”: e so’ cose che lasciano il segno).
Le risposte, a loro volta, non scherzano. Sono parecchie e quindi non le copincollo tutte, ma qui c’è qualche assaggio:

1 – Se proprio lo vuoi di razza lo spitz nano è perfetto e tenerissimo oppure MALTESE A PELO CORTO! Poi ci sono tanti meticcietti davvero carini ( il mio cane quando era piccolo stava in una borsetta ora è un pò più grande)
Le borse le trovi ovunque ( di dove sei? potrei dirti dove andare).

2 – Mmm…che ne pensi del cocker? E’ una taglia medio bassa, i maschi sono un pò più alti le femminucce sono più basse…se non ti piace allora ti consiglio il meticcio, la taglia è media…

2 – Allora è taglia piccola…io ti sconsiglio vivamente il chihuahua e gli yorkshire perchè sono cani molto disobbedienti, difficili da addestrare e attaccabrighe…potresti prendere un maltese che pesa al massimo 3 kg, un chin giapponese, un barboncino, uno shih tzu…queste sono razze semplici da addestrare ma se ne vuoi uno non è detto che lo trovi a un km da casa…devi essere disposto a viaggiare…cerca su internet ci sono una miriade di annunci da privati…ti sconsiglio gli allevamenti perchè queste razze puoi pagarle anche dai 2000 euro in su...le borsine le trovi in un qualsiasi negozio di animali…ma attenzione..i cani sono animali non bamboline da vestire…se vesti un cane, a meno che non sia una giacchina per tenerlo caldo quando piove, questo ne risente e con il tempo può anche ribellarsi…pensaci bene prima di trattare un cane come una barbie.

Nel mare di cugginate tragicomiche, se non altro l’ultima risposta contiene un guizzo di saggezza: “non trattare il cane come una Barbie”.
Poi, vabbe’, consiglia anche di cercare su internet un cane che costi poco (così almeno la fanciulla finirà dritta dritta tra le fauci dei finti privati che in realtà smerciano cani dell’Est) e di evitare gli allevatori seri…ma se non altro si è posta il problema del perché mai bisognerebbe tenere un cane in borsetta (anzi, in borsettE di dimensioni crescenti).
Comunque, sulle prime ho preso questo post e le relative risposte come una normale compilation di cugginate DOC (bellissimo il “maltese a pelo corto”, ma niente male anche il meticcio che sarebbe sempre e solo di taglia media!)… solo che, come è noto, io sono curiosa.
Un po’ perché son femmina (come da saggezza popolare), un po’ perché sono pure giornalista. Così ho cercato su google e mi sono usciti una vera  MAREA di articoli, post, topic e chi più ne ha più ne metta sul tema “cani da borsetta”.
Fino ad arrivare a quest’altra bella perla da Yahoo Answers:

Ciao avrei bisogno di qualche informazione sui border collie
1=cosa cambia da un border collie ad un collie
2=i border collie in media quanto sono grandi da grandi?
3=quando iniziano a diventare grandi di statura?verso che eta nn stanno più in una borsa abbastanza grande?

Motivo di questa tendenza allucinante di voler ficcare il cane in borsa a tutti i costi (ma ve lo vedete un border in borsetta)?
Il solito: le dive di turno che si fanno fotografare con i microcani (spesso “imborsettati”, appunto), scatenando così l’emulazione delle adolescenti (e magari non solo di quelle).
Le “sciuremariette”, insomma, vengon su belle convinte che il cane sia un accessorio di moda come il telefonino griffato: tendenza da combattere immediatamente e con la massima forza possibile, a partire possibilmente dalle nostre figlie, perché se non cominciamo a instaurare nei ragazzi, fin dalla più giovane età, la cultura del cane come essere vivente, pensante, raziocinante, che ha una dignità e che merita rispetto (primo fra tutti, quello di dargli la possibilità di camminare sulle proprie zampe!), questa cinofilia non solo non farà mai passi avanti, ma farà veri e propri balzi all’indietro.
Per carità: non intendo sostenere che un cane in borsa non si possa tenere per qualche minuto: se entriamo in un negozio e abbiamo il chihuahua che in borsa ci sta, infilarcelo può essere comodo e sicuramente più “cinofilo” del lasciarlo legato fuori: ma scegliere un cane IN BASE alla sua possibilità di essere infilato in borsa è demenza pura.
Facciamo un bel lavaggio del cervello alle figliole di casa, dunque…ma se capita, quando non sappiamo che fare, magari facciamo anche un salto sui vari “Yahoo Answers” e affini, cercando di infilare qua e là qualche pizzico di sale, che male non fa mai, specie quando vediamo che le risposte sono più pervase di ignoranza delle domande.
Nel frattempo… non cercate alcun mio intervento in calce alla domanda che ho postato sopra. Non ce n’è stato bisogno, perché qualcun altro, alla borsettara, aveva già risposto così:

Perché non ti ci metti te in valigia?
No dico un cane non può essere torturato e costretto nelle borsette, deve poter camminare, e soprattutto come ce lo vedi un cane di taglia media nella borsa e con il vestito?!? Povera bestia, spero tu stia scherzando…
Altrimenti la razza perfetta è il peluche della trudi!! Ce ne sono di tutte le dimensioni!

Forse un filino brusca, come risposta. Non dico di no.
Però… standing ovation!

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo



Articoli correlati



Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto e tiene diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI). Da settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) è tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO).




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize