PREMESSA:  ho già detto più volte – ma lo ripeto e  sottolineo – che NON sono un medico veterinario.
Ho studiato veterinaria, ho dato 48 esami, ho preparato una tesi, ma non mi sono laureata, per una serie di motivi che non sto a raccontare perché tanto non interessano a nessuno.
Sta di fatto che  NON mi sento qualificata a dare consigli sulla salute dei cani (approfitto anche per chiedere ai lettori di non scrivermi email in merito… un po’ perché, appunto, non mi sento in grado di darveli, e un po’ perché anche se fossi laureata mi rifiuterei nel modo più assoluto di curare cani via email!) e, normalmente, neppure a scrivere articoli sulla salute del cane. Infatti, di solito, chiedo di farlo ai veterinari “veri”.
Questo, però, l’ho scritto io.
Visto che, dopotutto, non ho studiato filosofia e neppure giardinaggio, e visto anche che ho allevato cani per trent’anni… almeno quando  si tratta di “cugginate” galattiche, ho la presunzione di poterne parlare anche senza  laurea. Se però non vi fidate, potete evitare di leggere (oppure leggere e poi chiedere conferma a un “vero” vet).

1) AHHHH!!! HA VOMITATO, STA SICURAMENTE MALISSIMO!
Non è detto. La reazione del vomito nel cane è talmente frequente (e normale) che non è il caso di farsi prendere dal panico.
Il cane può vomitare subito dopo il pasto perché si è semplicemente “abbuffato troppo” (in realtà in questo caso si dovrebbe parlare più di rigurgito che di vomito); può vomitare perché ha mangiato schifezze (e in questo caso il vomito è addittura curativo), o perché ha mangiato erba (in realtà la mangia proprio per causare il successivo svuotamento dello stomaco con una funzione di “pulizia”!), perché è iper-eccitato o perché  ha mangiato troppo poco (i cani alimentati con un pasto al giorno spesso accumulano succhi gastrici nello stomaco che vengono poi emessi con il cosiddetto “vomito gastrico”, la classica “schiumetta” giallastra o marroncina senza contenuto alimentare).
In generale, il vomito saltuario NON deve allarmare, a meno che non siano presenti sangue, materiali biliari (marrone o verde scuro) o – sintomo davvero preoccupante – che il vomito non odori di urina (sintomo di insufficienza renale).
Se il cane vomita in continuazione, allora la cosa è diversa ed è bene rivolgersi al veterinario.

2) HA AVUTO SFORZI DI VOMITO, MA NON E’ USCITO NIENTE: ALLORA NON E’ NIENTE
Invece, in questo caso, dev’essere allarme rosso.
Magari non è niente, ma siccome questo è il sintomo più classico della dilatazione/torsione di stomaco (letale, se non ti interviene in tempi brevissimi), una visita dal veterinario (e pure di corsa) è assolutamente consigliata.

3) HA LA FEBBRE A 39°! SARA’ GRAVE?
Non solo non è grave: non ha nemmeno “la febbre” intesa in senso patologico. La normale termperatura rettale del cane è di circa 38,5°, che possono salire a 39 e anche 39,5° se solo il cane è un po’ eccitato, se ha abbaiato a lungo, se ha fatto sport e così via.

4) STARNUTISCE IN CONTINUAZIONE: HA IL RAFFREDDORE, POVERINO!
No, non ce l’ha.
E ve lo dico con assoluta certezza, senza bisogno di essere veterinario e perfino senza aver visto il cane… per il semplice motivo che il virus del raffreddore NON colpisce i cani. Se il cane starnutisce i motivi possono essere diversi, ma il più comune è quello del corpo estraneo nelle cavità nasali (per esempio i famigerati “forasacchi”, semi di graminacee che, inalati, non solo provocano accessi di starnuti, ma possono anche arrivare ai polmoni e causare gravi polmoniti). Visita dal vet caldamente consigliata.

5) BEVE MOLTISSIMO: FORSE DEVO CAMBIARGLI L’ALIMENTAZIONE CON UN MANGIME MENO SALATO
O magari è diabetico, o nefropatico, o cardiopatico.
I mangimi per cani (esclusi forse quelli “da tanto al mucchio”, che però non considero sperando che nessuno dei miei lettori ne faccia uso) non possono essere “salati” al punto da indurre una sete intensa nel cane. Quindi, prima di pensare a cambiare alimentazione, visita veterinaria (ed analisi cliniche).Se poi risultasse tutto a posto, si può pensare a modificare l’alimentazione (ma anche il tipo di attività, o il grado di stress a cui è sottoposto il cane).

6) NELLE FECI C’ERANO DEI CHICCHI DI RISO, MA IO NON GLIENE HO DATO. L’AVRA’ TROVATO IN GIRO…
Oppure non erano affatto chicchi di riso, ma proglottidi di tenia (che hanno precisamente quell’aspetto lì). Prendere cacca e portare ad analizzare dal vet prima possibile.

7) UFFA, LA MIA CAGNA HA FINITO IL CALORE SOLO DUE MESI FA E ADESSO PERDE DI NUOVO SANGUE… MA QUANTI CALORI FA?
Non è detto che sia in calore: le perdite lontane dall’estro possono essere sintomo di un’endometrite, quindi meglio farla controllare dal vet al più presto.

8 ) IL MIO CANE SI E’ FERITO UNA ZAMPA: NON FACCIO NIENTE, TANTO SI LECCA E LA SUA SALIVA E’ CURATIVA…
La saliva del cane è un beato ricettacolo di batteri, come tutte le salive del mondo, e non ha alcuna proprietà “curativa”.
Le ferite del cane vanno curate e disinfettate con prodotti adeguati, non certo con la saliva…che anzi, ha spesso l’unica proprietà di impedire la cicatrizzazione perché mantiene la ferita sempre umida (non per niente esistono le fasciature…e i collari Elisabetta, da utilizzare proprio per impedire che il cane si lecchi).

9) IL MIO CANE STA BENE PERCHE’ HA LE GENGIVE BELLE ROSSE!
Come, “rosse”? Le gengive devono essere “rosa”, non rosse. Non devono essere rosa troppo chiaro, quasi bianco (sintomo di anemia, o di emorragia interna, o comunque di serio stato patologico), ma neppure “rosse”. Se sono davvero rosse, e non rosa, è probabile che il cane abbia un’infiammazione in bocca.

10) AHHHH!!! IL MIO CANE HA UNA MALATTIA AGLI OCCHI: C’E’ UN COSO BIANCO CHE GLI VIENE SU DALLA PARTE INFERIORE…
Calma! E’ probabile, in realtà, che il cane non stia bene: ma il problema non è il “coso bianco”. Quella è solo la terza palpebra, o membrana nictitante, sempre presente in tutti i cani del mondo, anche se in condizioni normali non è visibile (se però premiamo leggermente sulla parte inferiore dell’occhio, oplà! La vedremo apparire).
L’uomo non ha la terza palpebra, ma molti animali sì: è semplicemente una membrana protettiva. A volte la possiamo effettivamente vedere a causa di un’infiammazione della congiuntiva (basta anche il classico “bruscolino nell’occhio” per farla apparire, anzi è proprio a questo che serve!), ma diventa visibile anche se il cane non sta bene per altri motivi, o se è molto stanco: infatti, in caso di debilitazione, l’organismo utilizza tutto il grasso disponibile per ottenere più energia. Uno dei primi depositi a cui attinge è proprio quello del grasso retrobulbare, ragion per cui il bulbo si affossa e la terza palpebra diventa visibile.
In alcuni casi la terza palpebra può prolassare, e questa sì che è una patologia dell’occhio: ma in questi casi sarà gonfia e di colore rosso vivo.


 

Articolo precedenteTi presento il…Sealyham Terrier
Articolo successivoTi presento…l’American Pit bull terrier

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

21 Commenti

  1. Con la prima frase del capitoletto sul vomito mi hai ricordato il mio prof di patologia che, per spiegare che nel cane è un evento frequente e non sempre patologico, usava dire: “il cane è un animale che come lo guardi vomita” eheh

  2. La mia pastorina di 5 mesi l’altro giorno ha vomitato. Le stavo per dare un bocconcino(wurstel) ma lei come al suo solito mi è saltata addosso per averlo,ed effettivamente è riuscita a fregarmelo…dopodichè ha riguargitato i pezzettini di wurstel che le avevo dato poco prima x aver eseguito degli esercizi(erano tutti interi) insieme a qualche crocchetta…Mi devo preoccupare o è una cosa normale visto che ha ingoiato quel pezzetto mentre saltava?
    Sì lo so lo so…hai scritto sopra che non vuoi dare osservazioni in questo campo,ma magari se puoi solo dirmi se è qualcosa cui vale la pena chiamare il vet oppure no…

  3. scusa ti riporto qualcosa trovata sul web:Lo ha dimostrato scientificamente un gruppo di ricercatori olandesi che hanno individuato nella saliva una proteina, l’ istatina, dotata appunto di proprietò cicatrizzanti. Mah!

    • Sì, ho letto anch’io la storia dell’istatina: però “cicatrizzante” non significa “sterile”. La saliva è zeppa di batteri, e se intanto che metti sulla ferita un cicatrizzante ci piazzi anche una quantità di germi, non è che sia proprio la cura ideale! In natura i lupi fanno un po’ come possono (e infatti quelli feriti seriamente ci lasciano le penne): ma noi abbiamo a disposizione qualcosa di meglio della saliva per curarli, quindi è una “cugginata” il fatto che si debba “lasciar fare a loro, perché si leccano e sistemano tutto”, idea purtroppo molto diffusa.

  4. A una delle mie cagne sarà capitato due o tre volte che ha avuto lo stimolo del vomito senza vomitare… Però dopo qualche ora ha vomitato sul serio! Ha rischiato la torsione?

  5. C’è anche:
    -ficcagli due dita in gola per farlo vomitare
    -E’ vero che ora che la mia cagna d’ora in poi farà sempre cani meticci perché si è accoppiata con uno non della sua razza?
    -a sterilizzarle vengono problemi alle ovaie
    -la cioccolata E’ MORTE! dagli due tagliatelle al ragù se vuoi, o un piatto di tortellini alla panna, ma non un grammo di cioccolata!
    -il cucciolo non può assolutamente uscire prima del terzo vaccino (questo lo dicono anche i veterinari)
    -porello ha un mese, dagli latte e riso
    -tartufo bagnato = sta bene; secco = sta male

    Ce ne sarebbero..

  6. Aggiungo due cugginate sentite ieri (ho incontrato una sconosciuta cuggina che ha ritenuto doveroso erudirmi dopo avermi visto dare un biscottino -per cani- al cane che era stato bravo e seduto un tempo sufficiente da meritarsi un premio).
    1. Non bisogna dare biscotti perché gli fanno malissimo: infatti i cani sono tutti diabetici. TUTTI.
    2. Non bisogna dare mai e mai la carne ai cani perché gli fa male. Devono mangiare solo crocchette (Royal Canin o Orijen) ma mai e poi mai carne.
    I lupi sono carnivori, ma i cani assolutamente no.

  7. a me è stato riferito da una cognata che il suo veterinario le ha consigliato di non vaccinare i cani perchè vivendo in campagna sarebbero un pericolo per gli altri cani non vaccinati.
    La cosa mi puzza di strano (insomma, è nell’interesse di un vet consigliare le vaccinazioni…al di là dell’amore per gli animali lui ci guadagna!).

    Tu sai “spiegarmi” il perchè dell’affermazione e la sua “veridicità”?

    e soprattutto, essendo i miei cani vaccinati e provvisti di antiparassitari, metto a richio la vita dei cani di mia cognata ogni volta che la vado a trovare???

    • Ez… scusa, ma non ci credo proprio! O tua cognata ha capito male, o quel vet ha una strana concezione di come funzioni un vaccino…ma non riesco davvero a credere che abbia detto una cosa simile!!!

      • Di sicuro mia cognata avrà capito male (spero…), fatto sta che le sue tre cagne non sono vaccinate con il benestare del veterinario!

        Io onestamente non so come funzioni un vaccino e sono davvero rimasta incuriosita da questo fatto.
        Comunque non sarebbe la prima volta che un veterinario spara cretinate (e sembra che la loro preferita sia “ma no, non sterilizzarla…prima falle fare una cucciolata che le fa bene!”), ma per quanto riguarda i vaccini è l’unica che ho sentito!

        Mah…visto che credo molti, come me, non abbiano la benchè minima idea di come funzionino i vaccini… un articoletto 😉 (magari che tranquillizzi la sciuramaria sottoscritta riguardo alla frequentazione cani vaccinati e cani non vaccinati…e che convinca la cognata a vaccinare le sue bestiole???)

        • Ma…non credo che serva un intero articolo! La vaccinazione funziona molto semplicemente così: si inocula un virus attenuato (o morto: ultimamente però si usa di più l’attenuazione), in modo che l’organismo metta in atto le difese immunitarie (anticorpi) contro quel particolare virus e quindi, se dovesse poi venire a contatto col virus vivo e attivo, saprebbe già come difendersi perché avrebbe già i relativi anticorpi.
          Virus “attenuato” significa proprio “reso incapace di riprodursi” (e quindi di diffondersi: per questo è assurdo dire che un cane vaccinato potrebbe rappresentare un pericolo per chi non lo è!) con sistemi chimici che sinceramente non conosco…ma che non siamo neppure tenuti a conoscere, visto che i vaccini non li facciamo noi 🙂
          Certo che..non so dove tu viva, ma permettimi di dire che avete dei veterinari strani: anche ‘sta cosa del “falle fare una cucciolata che le fa bene” credo faccia venire i capelli dritti a qualsiasi veterinario “normale”, visto che scientificamente è una clamorosa panzana!

          • Beh, visto economicamente dal suo punto di vista invece è ORO COLATO… insomma, monitorare la gravidanza, ecografie, assistenza al parto (che di sicuro io richiederei visto che non ho mai avuto alcuna esperienza di parto con nessuna bestia e non mi sentirei sicura da sola con la mia cagnetta)… e poi ovviamente visite, vaccini e microchip per tutti i cuccioli e una bella sterilizzazione per finire!

            Credo che il tutto si quantifichi tranquillamente in un migliaio di euro (coi prezzi che fanno ai privati), e che di solito, sul “proprietariodicanemedio”, sia un discorso tremendamente allettante visto che comporta il complimento intrinseco “hai un cane talmente bello che è un peccato fermare la sua linea”.

            Non mi piacciono molto questi consigli e non li trovo professionali, ma non è la prima che sento, e nonostante ciò cura bene e finora ha sempre dato ottimi consigli per prevenire qualsiasi problema.
            Onestamente credo che anche i veterinari siano, in fin dei conti, dei liberi professionisti che devono vendere il loro prodotto.
            Proporre l’accoppiamento a clienti come me è un affare (hai presente quelli che pagano subito ed in contante, che portano il cane regolarmente e che pur non avendo una gran cultura cercano di fare del loro meglio pagando educatore, addestramento, pappa extra qualità…ed ovviamente veterinario! ecco, insomma, siamo i polli facili da spennare)

            Grazie del chiarimento sui vaccini!

  8. Credo di averlo scritto da qualche altra parte ma la metto anche qui perchè è troppo bizzarra per restare sotto silenzio.
    Una mia collega è assolutamente convinta che la vaccinazione antirabbica non vada fatta perchè “Sennò i cani diventano cattivi”

    :-O

  9. Io avrei una curiosità invece. Ho notato che il mio cane adora leccare e mangiare la mia saliva. Perchè? Mi dicono che sia perchè la nostra saliva è piena di enzimi, e quindi? è per questo piu buona? E poi quale significato nasconde questo gesto, a patto che ci sia?
    Grazie per la risposta
    Laura

  10. se digito su google cane raffreddore saltano fuori tanti siti e leggo:
    I sintomi più evidenti sono simili a quelli umani, solitamente è il proprietario stesso a essere il veicolo di contagio, favorendo starnuti, scolo nasale, tosse, dolore muscolare
    parlo del raffreddore
    ???

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.