Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Cugginate >> Il mio cane o gatto (maschio) è “in calore”: me l’ha detto miocuggino
gatto_arrapato

Il mio cane o gatto (maschio) è “in calore”: me l’ha detto miocuggino

di VALERIA ROSSI – Mi è venuto da ridere già scrivendo il titolo, perché questa “cugginata” è veramente clamorosa: eppure la si sente ripetere ad ogni pie’ sospinto. Più spesso per i gatti, in verità: ma proprio pochi giorni fa un’amica su FB mi faceva notare di aver sentito l’ennesima Sciuramaria che la applicava al suo cane.
Inutile ribadire, almeno spero, che i maschi “In calore” non ci vanno: il calore – anzi, tecnicamente l'”estro” – è un evento controllato dagli ormoni femminili che rendono la cagna o la gatta disponibile ad accoppiarsi: al contrario, il maschio è sempre “pronto all’uso, chiavi in mano”, perché gli ormoni che servono a lui per essere sessualmente attivo (testosterone) sono prodotti a ciclo continuo dai testicoli (e non solo).
Quindi: il maschio è sempre pronto ad accoppiarsi, in qualsiasi ora, giorno, mese. Se di “calore” si potesse parlare (ma non si può), gli durerebbe 365 giorni all’anno.
Il fatto che le Sciuremarie parlino di “maschi in calore”, però, può avere due diverse valenze: a volte intendono semplicemente dire che il loro cane o gatto è particolarmente arrapato in un preciso momento o in una precisa stagione, ben sapendo, però, che la cosa dipende dalla presenza di femmine in calore (loro sì!) nelle vicinanze. In questo caso, l’espressione è sbagliata ma il concetto è chiaro, quindi poco male.
La cosa diventa più seria quando la Sciura pensa che il suo cane sia “in calore”, per esempio, quando le monta una gamba: e lungi anche solo dal supporre che si tratti di monta da dominanza, e che quindi ci sia qualcosa da rivedere nel loro rapporto, si limita ad “aspettare che finisca il calore”, ritenendolo un evento periodico e magari ciclico.
In questi casi, ovviamente…aspetta e spera! Il calore del maschio non può finire, visto che non esiste: in compenso, se lo si lascia fare, può diventare un vero vizio quello di trombarsi impunemente le gambe di chicchessia, con grande imbarazzo dei proprietari e con scarso entusiasmo da parte delle “vittime” di questo presunto arrapamento sessuale che invece, nove volte su dieci, significa solo: “Ehilà, bello: sappi che qui comando io”. Solo in rarissimi casi il cane è veramente interessato sessualmente alla sua umana (ne abbiamo parlato in questo articolo), ma anche qui non si tratta certo di “un periodo”, ma di un problema molto grave che va affrontato e risolto al più presto.
Diamo, quindi, a Cesare quel che è di Cesare (anzi, in questo caso, meglio dare a Cleopatra quel che è di Cleopatra) ed evitiamo di usare locuzioni così inesatte, perché possono ingenerare confusioni pericolose.

Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo



Articoli correlati



Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto e tiene diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI). Da settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) è tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO).