giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Ignorare… ma senza esagerare!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Ignorare… ma senza esagerare!

di VALERIA ROSSI – Due casi che mi sono stati posti nel “supporto cinofilo”  credo meritino due righe di spiegazione: uno riguarda il “classico” (purtroppo) cane che ha paura dei temporali, l’altro una cucciola arrivata nella sua nuova famiglia soltanto il giorno prima, che frigna in continuazione. Piange quando la nuova proprietaria la fa giocare, piange quando la porta fuori, piange e basta.
Entrambe le proprietarie mi spiegano: “Io la ignoro quando comincia ad ansimare e tremare, ma…” (la prima); “Io la ignoro per non farle pensare che frignando ottiene attenzioni, ma…” (la seconda).
Non mi stupisce che il primo cane non migliori, né che la seconda cucciola continui a piagnucolare: perché in entrambi i casi il fatto di “ignorare” può essere fortemente negativo.

cane-tremaPer i cani che hanno paura di temporali/botti/rumori vari l’ho già detto in altre occasioni, ma lo ripeto: quando si consiglia di “ignorarli”, si intende dire che non bisogna stracoccolarli, compatirli, fare la vocine (come in “Poveriiiinoooo?!? Hai pauuuuraaa? Ma no, dai che non succede nieeenteeee!“) eccetera.
Insomma, non bisogna rinforzare la paura mostrandoci a nostra volta ansiosi e preoccupati (perché è questo che il cane recepisce quando ci mettiamo a fare le sceneggiate di cui sopra): ma non è assolutamente vietato far sentire al cane che siamo lì con lui e che vicino a noi può sentirsi al sicuro.
Una carezzina, una coccola, perfino un bocconcino (purché esenti da scene pietose correlate) non sono rinforzi alla paura: anzi, fanno sentire il cane protetto ed amato, quindi più tranquillo.
Non è detto che bastino, ma aiutano sicuramente di più del fare improvvisamente finta di non avere più un cane, proprio nel momento in cui lui ha più bisogno di noi.

cuccioloSecondo caso: un cucciolo appena arrivato nella sua nuova casa è destabilizzato, non ha punti di riferimento, non sa cosa potrà succedergli.
Che piagnucoli è assolutamente normale… ma ignorarlo non fa che peggiorare la sua ansia.
In questo caso sono perfino meglio le vocine, piuttosto che l’indifferenza.
Il cucciolo deve capire (perché ancora non lo sa: neppure ci conosce!) che qualcuno si curerà di lui, che lo proteggerà, che penserà ai suoi bisogni. E come potrebbe pensarlo, se fosse circondato da persone che non se lo filano di pezza?
Insomma, in due parole: “non rinforzare” un comportamento non significa diventare degli insensibili e gelidi manichini.
Un cane impaurito, e ancora di più un cucciolo, hanno bisogno di sentirsi al sicuro ed è questo che dobbiamo offrire loro: tranquillità, toni sereni e rilassati, ma anche una presenza a cui potersi affidare.
Sono gli atteggiamenti indesiderati, che dobbiamo ignorare: non il cane!
Ignorare il cane, in certe situazioni, non è segno di grande cultura cinofila: è una cattiveria bella e buona. E per di più… non funziona!

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico