martedì , 21 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Senza categoria >> I bastoni sono pericolosi: meglio non usarli come giocattoli

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I bastoni sono pericolosi: meglio non usarli come giocattoli

di VALERIA ROSSI – Confesso che ho peccato: Samba va letteralmente fuori di testa per i bastoni, e a volte io glieli tiro, se non ho altri giocattoli a disposizione.
In realtà, però, è una pratica pericolosa.
Un articolo apparso su “Quotidiano.net” riporta l’invito dei veterinari inglesi a non lanciare bastoni ai cani, perché “ogni anni migliaia di animali finiscono impalati o contraggono pericolose infezioni mordendo il legno“. I vet sostengono che “in media un cane al mese viene curato per una ferita procurata da un pezzo di legno in tutti i 5.000 ambulatori veterinari del Regno Unito“.
Purtroppo ho avuto modo anch’io di vedere i drammatici risultati di un bastone che si era conficcato nella gola di un cane: da allora mi sono sempre preoccupata di scegliere bastoncini il più possibile corti e spessi. In questo modo è più difficile (direi quasi impossibile) che si piantino nel terreno mentre il cane corre, infilzandolo.

bastonePerò confesso di non aver mai pensato alla seconda eventualità, e cioè che il cane potesse ferirsi anche solo rosicchiando il legno (cosa che la mia, per esempio, fa con vero entusiasmo, una volta che abbiamo smesso di giocare a lanciarlo): i vet inglesi ci dicono che frammenti di legno possono infilarsi in bocca o in gola causando infezioni anche gravi e potenzialmente mortali, soprattutto perché non sono immediatamente evidenti.
Questo allarme lanciato dalla British Veterinary Association (BVA) è da tenere in seria considerazione, anche perché non basta pensare “ho sempre lanciato bastoni a tutti i miei cani e non è mai successo niente”: anche il caso su un milione diventa assai rilevante, quando il cane è il tuo.
Personalmente non ho mai lanciato pietre e non ho mai permesso ai miei cani di giocare con le pietre (che possono rovinare i denti, ma anche essere ingerite involontariamente con conseguenze serissime): sui bastoni sono sempre stata più permissiva, ma la storia delle possibili schegge in bocca/gola mi ha fatto riflettere.
Credo che d’ora in poi non uscirò più di casa senza palline o fresbee… per quanto anche le palline possano causare problemi seri, se il cane le inghiotte inavvertitamente. L’animale può anche morire soffocato… ma basta utilizzare palle di misura adeguata (ovvero, abbastanza grandi), e soprattutto con la corda, per evitare questo rischio.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico