giovedì 1 Ottobre 2020

Barboni in technicolor

Dello stesso autore...

Webinar “Etologia e psicologia canina”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 17 Settembre si è quello a tema Etologia e psicologia canina....

Webinar “Socializzazione: cos’è, come si fa, come NON si fa”, disponibile il replay

Giovedì 9 Luglio si è svolto il decimo appuntamento dei webinar 2020, tema la socializzazione. La socializzazione è una fase importantissima della...

Webinar “Migliorare autostima e sicurezza del cane”, disponibile il replay

Giovedì 14 Maggio si è svolto il sesto appuntamento dei webinar 2020, tema Migliorare autostima e sicurezza del cane. Molti cani manifestano...

Webinar “Comprendere il linguaggio del cane”, disponibile il replay

Giovedì 30 Aprile si è svolto il quinto appuntamento dei webinar 2020, tema Comprendere il linguaggio del cane. Argomento importante, ma spesso...

Nella pagina di presentazione del Barbone abbiamo citato lo Standard FCI, che non riconosce i barboni bicolore: la Presidente dell’AIAB ci ha però segnalato che questa varietà è ammessa dalla VOE, un Ente cinofilo belga che comprende diversi Stati, tra cui la Francia con il CCBPF, l’Olanda, il Belgio con il BCMP  e  l’Italia con l’AIABB.

Il VOE è a sua volta affiliato alla UCI, che è un Ente internazionale e che comprende altri enti cinofili, che riconoscono appunto i  Bicolore.
In Germania e negli USA il bicolore invece partecipa alle expo FCI, ma viene giudicato in ring separati.
Tutti i barboni bicolore hanno quindi un pedigree riconosciuto dalla UCI e possono partecipare alle esposizioni organizzate da Enti affiliati all’UCI (quindi non alle expo ENCI-FCI).
Il bicolore in realtà è il padre di tutti i barboni, visto che in origine era proprio bianco e nero: solo in un secondo tempo fu selezionato il colore solido.
Per maggiori informazioni: www.aiabb.it


www.canichesbicolores.org  (da cui sono tratte le foto che corredano questo articolo)

Alcune nostre considerazioni:

E’ indubbiamente vero che il barbone nasce bicolore, perché bicolore (almeno nella maggior parte dei casi) era il Barbet, che è il suo diretto progenitore. Non è certo il primo né l’unico caso in cui il colore originario viene non solo abbandonato, ma addirittura considerato “da squalifica”: un altro esempio famoso è quello del boxer bianco. Normalmente, però, c’è una motivazione sanitaria alla base della scelta di escludere uno o più colori: è il caso del dobermann blu (carattere legato all’alopecia), e lo stesso boxer bianco, ai tempi in cui fu redatto lo Standard, era ritenuto albino e quindi geneticamente tarato (in realtà non era vero nulla, ma questo fu scoperto solo dopo molti anni).
Il barbone bicolore non ha alcun problema genetico correlato: la scelta è stata esclusivamente estetica e per questo riteniamo che si potrebbe tranquillamente modificare (come è avvenuto recentemente per il colore rosso, che fino a poco tempo fa era escluso dallo Standard). Anche perché, diciamolo, esteticamente è davvero attraente.
Al momento, però, bisogna ricordare che i barboni bicolori NON possono partecipare alle esposizioni ENCI, mentre possono partecipare a quelle UCI. In altri Paesi questo non sarebbe un problema, perché esistono diverse associazioni cinofile, tutte con la stessa dignità e gli stessi riconoscimenti ufficiali: in Italia, al contrario, l’unico Ente riconosciuto a livello ministeriale è l’ENCI e per questo motivo ogni altra associazione cinofila viene un po’ “tagliata fuori” dalla possibilità di organizzare manifestazioni di un certo livello (peraltro l’ENCI in passato si è premurato anche di minacciare sospensioni nei confronti dei Soci che partecipano a manifestazioni non riconosciute da loro: non sappiamo se accada ancora, ma sappiamo che se l’ENCI avesse la stessa cura nel selezionare i suoi Soci escludendo i cagnari, la cinofilia nel nostro Paese sarebbe molto più sana).
Chi desiderasse un barbone bicolore sappia comunque che, se intende fare esposizioni, almeno per il momento dovrà rivolgersi maggiormente all’estero: ma non SOLO all’estero, perché l’AIABB è un’associazione molto attiva che ha già organizzato un raduno nazionale a Voghera, commentato positivamente anche dai francesi, e ne organizzeranno un altro il 25 settembre presso l’ippodromo di Novi Ligure.

Nella stessa categoria...

1 commento

  1. Grazie infinite!!!! Finalmente si comincia a parlare anche di questo magnifico colore!!!
    Vi aspettiamo numerosi ai nostri raduni, tutti possono partecipare, anche i colori solidi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

I gruppi sanguini del cane e le donazioni di sangue

Il "gruppo sanguigno" è determinato dalla presenza o assenza di molecole sulla membrana esterna dei globuli rossi (o eritrociti), definite come "antigeni...

Allevare il Mastino Napoletano

di VERONICA ZITO Quando nascono non lo dici a nessuno, che la gente ti porta tigna. Anzi non...

Puppy class: le grandi fraintese

Uno dei maggiori fraintendimenti che riguardano le puppy class, per quella che è la mia esperienza, è causato dalla sua traduzione italiana:...

Arriva la III edizione del Pet Carpet Film Festival, la rassegna cinematografica internazionale dedicata al mondo animale

25 settembre Studi di Cinecittà, Sala Federico Fellini, Roma.Conduttori Enzo Salvi e Maurizio Mattioli, regia Claudio Insegno

Webinar “Etologia e psicologia canina”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 17 Settembre si è quello a tema Etologia e psicologia canina....

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,822FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Tra...
00 Giorni
00 Ore
00 Min
00 Sec
Expired
Si terrà il webinar "L'etogramma del cane"
Scopri di più!

Condividi con un amico